1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. nesh2305

    nesh2305 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Ciao
    vorrei portarmi avanti sulla questione vendita acquisto anche se a oggi ancora non ho venduto.

    chiedo a voi come muovermi.
    Alla vendita della mia casa, gli acquirenti faranno una proposta d'acquisto sicuramente vincolante al mutuo e nel momento di delibera si fisserà una data al rogito. direi 6 mesi di tempo per me per cercare un nuova casa.
    nel momento in cui io avrò trovato casa nuova farò la stessa cosa fissando nel compromesso una data di rogito che sarà prima o dopo della vendita della mia?

    altri suggerimenti logistici?

    poi spese economiche.

    Vendita: io devo pagare l'agenzia per la vendita, più devo estinguere il mutuo e le pratiche di chiusura. altro?
    Acquisto: devo pagare l'agenzia per l'acquisto, più il notaio, il famoso 3% di imposta lo dovrei recuperare giusto? vuol dire che non lo pago oppure lo pago e lo andrò a detrarre nel 730 dell'anno successivo?

    altre spese?

    grazie a tutti
    ciao
     
  2. Abakab

    Abakab Ospite

    Sicuramente dopo .. altrimenti non potrai comprare con agevolazioni.
    Prendi in considerazione l'andare in l'affitto per ridurre i tempi della vendita.
    Dipende, se le 2 operazioni sono soggette a imposta di registro, la stessa ti verrà scalata contestualmente al rogito sino a concorrenza delle tasse pagate per il primo acquisto .. in caso contrario saranno detratte nella dichiarazione.
     
  3. nesh2305

    nesh2305 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    In che senso. Ogni casa ha l imposta di registro o sbaglio?
     
  4. Abakab

    Abakab Ospite

    Se acquisti da impresa la tassazione è IVA (4% prima casa) L'Imposta di registro, catastale e ipotecaria vengono pagate in misura fissa.
     
  5. nesh2305

    nesh2305 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    No io compro usato e ho comprato usato. Quindi io ho comprato a 100 mila euro la mia attuale casa, la vendo a 100 e ricompro un altra casa a 100. Quando il notaio mi fa i conti il 3% non dovrei più pagarlo. Ho capito bene? Neanche anticiparlo?
     
  6. Abakab

    Abakab Ospite

    L'imposta di registro nell'acquisto da privato viene calcolata sul valore catastale e non commerciale. Il notaio conteggerà l'imposta che dovresti versare detraendo quella versata con la prima casa. Si, potresti non pagare nulla!
     
  7. nesh2305

    nesh2305 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Si è vero. Infatti facendo mi i conti sul valore di acquisto i conti non tornavano ;). Riepilogando, altro da pagare non c'è quindi:
    Agenzia vendita
    Agenzia acquisto,
    Spesa apertura mutuo
    Notaio
    Ed eventualmente la differenza Dell imposta di registro.

    Non mi viene in mente nient altro.
     
  8. Abakab

    Abakab Ospite

    ... me per la consulenza! :^^: dai scherzo .. no direi che è tutto!
     
    A Bagudi e ccc1956 piace questo messaggio.
  9. nesh2305

    nesh2305 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    No dai già sono tanti soldi ;)... O magari fammi uno sconto..
    Grazie per le delucidazioni
     
  10. Abakab

    Abakab Ospite

    :D Ciao .. prego!
     
    A ccc1956 piace questo elemento.
  11. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    se l'acquirente deve chiedere mutuo, non dare anticipi per il tuo nuovo acquisto prima del rogito, le banche a volte rifiutano di erogare il mutuo a ridosso dell'atto.
    torna utile in questo senso il consiglio di stare in affitto per darsi tempo di cercare la nuova casa (ma non troppo, i valori sono in calo e tra un anno otterrai meno di oggi)
     
  12. nesh2305

    nesh2305 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    non ho capito una cosa.
    se la piantina catastalmente ha una disposizione mentre nella realtà dei fatti la disposizione delle camere, cucina etc è diversa (rispettando naturlmante le metrature minime), l'acquirente può rivalersi dopo aver fatto il preliminare, lasciando la caparra cosi facendo io sono costretto a dare il doppio della caparra.
    cioè io sull'atto posso mettere una sorta di "visto e piaciuto"?
    grazie
     
  13. ccc1956

    ccc1956 Membro Senior

    Altro Professionista
    lo stato di fatto deve essere identico alla piantina.
    altrimenti il notaio non rogita.
    e tu saresti inadempiente.:shock:
    metti a posto prima del rogito se sei venditore.
     
  14. nesh2305

    nesh2305 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Io ho rogitato in queste condizioni. e anche quello prima di me.
    due atti con la disposizione diversa dalla piantina...
     
  15. ccc1956

    ccc1956 Membro Senior

    Altro Professionista
    non fatico a crederci ma tutto e' cambiato dal 2010.
    leggi:

    PER I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI A DECORRERE AD 1° LUGLIO 2010 E' OBBLIGATORIA LA REDAZIONE TECNICA DI CONFORMITA' CATASTALE (ART.19.C14)
    A decorrere dal 1° luglio 2010, gli atti pubblici e le scritture private autenticate tra vivi aventi ad oggetto il trasferimento, la costituzione o lo scioglimento di comunione di diritti reali su fabbricati già esistenti, ad esclusione dei diritti reali di garanzia, devono contenere, per le unità immobiliari urbane, a pena di nullità:

    a) l'identificazione catastale;
    b) il riferimento alle planimetrie depositate in Catasto;
    c) la dichiarazione, resa in atti dagli intestatari, della conformità allo stato di fatto dei dati catastali e delle planimetrie. La predetta dichiarazione può essere sostituita da un’attestazione di conformità rilasciata da un tecnico abilitato alla presentazione degli atti di aggiornamento catastale.

    Inoltre, è prescritto che, prima della stipula, il notaio debba individuare gli intestatari catastali e debba verificare la loro conformità con le risultanze dei registri immobiliari.

    Si tratta di requisiti prescritti a pena di nullità dell'atto, pertanto, qualora mancasse anche soltanto uno di essi, l'atto sarebbe incapace di produrre qualsivoglia effetto nell'ordinamento giuridico.
     
    A Bagudi e Abakab piace questo messaggio.
  16. Abakab

    Abakab Ospite

    Si oltretutto, ancora prima del notaio, la regolarità è al vaglio dal perito nominato dalla banca erogatrice .. ove fosse previsto mutuo.
     
    A ccc1956 piace questo elemento.
  17. nesh2305

    nesh2305 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    io il rogito l'ho fatto nel 2010!!!!!!!!!!
     
  18. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    diciamo che ci vogliono entrambe:occhi_al_cielo:
     
  19. nesh2305

    nesh2305 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    ho capito e sono d'accordo con quanto dite.
    ma io nel 2010 ho fatto una perizia, un atto notarile e tutto quanto con queste difformità.
    possibile che nessuno se ne sia accorto e abbia bloccato il tutto?
     
  20. Abakab

    Abakab Ospite

    . .ce lo domandiamo anche noi!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina