aquistoimmobile

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno, avrei bisogno di qlc parere su come muovermi in merito all'acquisto di un immobile che si e' bloccato ormai da 2 settimane, perche' venuto fuori un debito del venditore con equitalia. Io rappresento l'acquirente, mio papa'.

Il 30 ottobre e' stata firmata proposta d'acquisto con assegno di 5.000 Eu che e' stata accettata e assegno riscosso. La proposta registratta con versamento di F24. L'11 nov e' stata pagata agenzia immobiliare 6.500+IVA e ci stavamo proiettando verso il compromesso. L'11 nov sera l'agente immobiliare comunica a mio papa' che il venditore, che stava facendo proprio in quei gg atto di successione, dato che l'immobile era di proprieta della madre defunta, ha un debito con equitalia che non vuole quantificare, e propone a mio papa' di andare presto dal notaio saltando compromesso e spostando residenza e risultando prima casa non avrebbe avuto problemi con equitalia. Il ns notaio ci fa notare che il percorso non e' cosi lineare come ci e' stato raccontato e poi succede che la trattativa si blocca.

Come affrontare tempestivamente la situazione?????

Grazie
 

sgaravagli

Membro Assiduo
@acquistoimmobiliare

capite da cosa deriva l'ipoteca e soprattutto quantificatela..... poi decidete il da farsi le strade che si possono intraprendere sono tante...... gli agenti immobiliari bravi li riconoscete quando risolvono i problemi.....parlatene con l'agente e con un notaio.... quando saprai qualcosa in più riportalo qui sul forum e vedrai che otterrai buoni consigli... attendiamo nuove
 

aquistoimmobile

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
@acquistoimmobiliare

capite da cosa deriva l'ipoteca e soprattutto quantificatela..... poi decidete il da farsi le strade che si possono intraprendere sono tante...... gli agenti immobiliari bravi li riconoscete quando risolvono i problemi.....parlatene con l'agente e con un notaio.... quando saprai qualcosa in più riportalo qui sul forum e vedrai che otterrai buoni consigli... attendiamo nuove

Grazie della risposta. L'ipoteca non c'e' ancora. E' stato segnalato dall'agente la presenza di un debito con Equitalia per una attivita' chiusa dal venditore che lo stesso NON VUOLE quantificare. Dopo diverse richieste dirette tramite agenzia ancora non riusciamo ad quantificare questo debito e questo atteggiamento ci lascia molto perplessi. In piu' il miglior percorso propostoci dal notaio non ci convince perche prevede, senza la collaborazione del venditore, la possibilita' di Equitalia, di bloccare la vendita. Mi chiedo se e' possibile tornare indietro e recuperare ci che e' stato speso.
 

sgaravagli

Membro Assiduo
Grazie della risposta. L'ipoteca non c'e' ancora. E' stato segnalato dall'agente la presenza di un debito con Equitalia per una attivita' chiusa dal venditore che lo stesso NON VUOLE quantificare. Dopo diverse richieste dirette tramite agenzia ancora non riusciamo ad quantificare questo debito e questo atteggiamento ci lascia molto perplessi. In piu' il miglior percorso propostoci dal notaio non ci convince perche prevede, senza la collaborazione del venditore, la possibilita' di Equitalia, di bloccare la vendita. Mi chiedo se e' possibile tornare indietro e recuperare ci che e' stato speso.
cercate di stipulare il rogito notarile prima possibile... se non hanno ancora iscritto ipoteca siete abbastanza tranquilli, per sicurezza comunque chiedi al notaio, fate fare una perizia giurata sul bene, questo vi mette al sicuro da una eventuale revocatoria fallimentare.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Grazie della risposta. L'ipoteca non c'e' ancora. E' stato segnalato dall'agente la presenza di un debito con Equitalia per una attivita' chiusa dal venditore che lo stesso NON VUOLE quantificare. Dopo diverse richieste dirette tramite agenzia ancora non riusciamo ad quantificare questo debito e questo atteggiamento ci lascia molto perplessi. In piu' il miglior percorso propostoci dal notaio non ci convince perche prevede, senza la collaborazione del venditore, la possibilita' di Equitalia, di bloccare la vendita. Mi chiedo se e' possibile tornare indietro e recuperare ci che e' stato speso.

Meglio attendere a proseguire.

Trascrivendo la proposta.
Come suggeriva Pasquale.

Il titolo prenotativo ti consentira' di tenere saldo il venditore.

Se vogliono fare in fretta e vendere senza risponderne di nulla che ti facciano un buono sconto.

Diversamente non procederai.

La circostanza, che hai versato e fatto incassare una caparra, non e' affatto un elemento scriminante.

Anzi.
Ti avvantaggia in maniera significativa.

Con il preliminare e il rogito da stipulare ogni accordo puo' essere rediscusso.

Se hanno fretta abbattano il prezzo.

Diversamente dovranno quantificare l'onere e defalcarlo dal saldo prezzo.

Piu i mesi passano, senza procedere al rogito, piu quell'onere diventera' grande.

Mentre tu, con in mano uno strumento di acquisto trascritto, puoi attendere piu di dieci anni.
 

aquistoimmobile

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Tutto chiaro. Bene.

La proposta d'acquisto e' stata gia' registrata all'agenzia delle Entrate, ma il debitore
ci tiene in stallo perche non vuole finora quantificare il debito e il suo comportamento ci scoraggia su continuare l'operazione.

Mio padre ha chiesto all'agenzia una proposta per fare un passo indietro.

Domattina io andro' personalmente da Equitalia.

Vorrei capire come mettere alle strette il venditore dato che non si sta comportando in modo corretto.

Al di la dei soldi investiti tot 12.930,00 Eu + spese registrazione proposta, che spero di non perdere, entro febbario devo trovare una casa ai miei genitori anziani che hanno venduto e vogliono venire a vivere vicino a me.

Se avete altri consigli vi ringrazio!!!!!
 

Gratis per sempre!

  • > Crea Discussioni e poni quesiti
  • > Trova Consigli e Suggerimenti
  • > Elimina la Pubblicità!
  • > Informarti sulle ultime Novità

Le Ultime Discussioni

Alto