1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Gundam75

    Gundam75 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Salve,

    il mio caso è un po critico: Ad Aprile 2016 ho firmato un preliminare per l'acquisto di un immobile in provincia di VR versando una caparra di 20.000 euro, nel frattempo dalla verifica tecnica riscontrata dal mio tecnico, dal rilievo topografico e dagli elementi documentali in possesso appariva una situazione di non completa conformità e piena rappresentazione catastale del bene in oggetto dove addirittura circa 300 mt2 una porzione di terreno all'interno della recinzione risultavano di proprietà comunale; si trattava pertanto di un bene non conformemente rappresentato in catasto, difettoso nella consistenza e il venditore non aveva la piena proprietà dichiarata nel preliminare dove non c'era nessuna menzione di ciò, la data stabilita per il rogito era massimo 30 Giugno 2016. I primi di Maggio avverto l'agenzia della difformità e questa si limita a trasmettere la mia relazione tecnica al venditore che non fornisce nessuna documentazione soddisfacente ne' si dimostra intenzionato a regolarizzare la difformità, nel frattempo sollecito l'agenzia ma questa insiste che sia tutto a posto. Nel frattempo mi reco dal notaio con il mio Geometra ma lo stesso notaio mi anticipa che il rogito non si può fare. Arriva il 30 Giugno, ci troviamo dal notaio e io mi presento con avvocato e geometra, presenzia anche agente immobiliare ed ovviamente il venditore. ll notaio con un verbale stabilisce che il rogito non si può fare. Allora concedo altre 2 settimane al venditore per sistemare il tutto e lui promette di farlo. il 20 Luglio ci ritroviamo dallo stesso notaio, il venditore dice che è impossibilitato a regolarizzare entro tempi brevi perchè essendo coinvolto il comune i tempi sono un incognita e non è sua competenza perchè lui ha acquistato l'immobile allo stato attuale, allora io concedo come data ultima ed essenziale l'11 Agosto. L'11 Agosto ci ritroviamo tutti ma la parte venditrice si presenta con un avvocato il quale mi accusa a sua volta di essere inadempiente. Ora dopo aver concesso altre 2 possibilità tra cui una data ultima essenziale, dopo avergli chiesto la restituzione della caparra e la risoluzione non mi rimane (a mio malgrado) di intraprendere una causa (questa volta per il doppio della caparra). La cosa assurda è che l'agenzia immobiliare nel frattempo mi ha mandato una lettera tramite avvocato dove esige il pagamento della sua provvigione (circa 8.000 Euro). Trovo che dopo tutta questa vicenda che puzza di truffa sia intollerabile la richiesta dell'agenzia e senza essere un esperto di legge sono sicuro di avere tutti gli strumenti non solo per una difesa ma anche per un risarcimento. Nel frattempo oltre aver perso i 20.000 Euro ho dovuto pagare 1.400 Euro di avvocato 1.100 Euro di Tecnico e 1.500 Euro di notaio. Il mio avvocato sostiene che bisogna assolutamente pagare l'agenzia perchè la giurisprudenza sancisce che il loro unico obbligo sia mettere in contatto le parti ma io sono sicuro che l'obbligo dell'agenzia sia quello di verificare i dati forniti dalla parte venditrice prima di iniziare qualsiasi operazione commerciale dell'immobile e la difformità in questo caso era facilmente rilevabile.
     
  2. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Se la cosa è andata come dici, penso che tu abbia ragione.
     
    A Irene1 piace questo elemento.
  3. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    Sono anni che sostengo che, prima di firmare un contratto e soprattutto versare soldi, bisogna fare un minimo di controllo.... purtroppo la politica di molte agenzie è differente....

    Smoker
     
    A ita.user e Tobia piace questo messaggio.
  4. Gundam75

    Gundam75 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Tra l'altro nel preliminare era sottoposto alla clausola sospensiva ottenimento mutuo e come stabilisce l'art. 1757 Codice Civile il diritto alla provvigione sorge nel momento in cui si verifica la condizione.
     
    A Seya piace questo elemento.
  5. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    E' pure sospeso?
    E che vogliono allora?
     
  6. Gundam75

    Gundam75 Membro Junior

    Privato Cittadino
    In realtà non ci siamo arrivati alla sospensione perché appena mi sono accorto delle difformità ho interrotto ogni richiesta di mutuo. Tuttavia interpreto che il diritto di provvigione sorga solo al verificarsi della condizione definita.
     
  7. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Qui ti sbagli, perchè il diritto alla provvigione decorre dal momento in cui c'è l'accettazione della proposta.
     
  8. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    entro quale data doveva avvenire l'avveramento?
     
  9. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    hai comunicato alla parte venditrice e all'agenzia che a causa della difformità la pratica bancaria si era interrotta?
     
  10. Gundam75

    Gundam75 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Si tramite lettera dell'avvocato. Come data non era indicato nulla tranne quella del rogito entro e non oltre il 30 Giugno.
     
  11. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    te credo che non si può rogitare... non hai i soldi.... concedi pure tutti i rinvii che vuoi, però la banca all' atto non sarà presente perchè non è stata "avvisata"....

    Smoker
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  12. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    questo è uno dei problemi. Non era indicata una data della sospensiva, la quale non poteva coincidere con il rogito.
    Comunque mi sembra tu ti stia muovendo bene.
     
    A Tobia piace questo elemento.
  13. Gundam75

    Gundam75 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Io mi sono presentato all'atto per dimostrare che le difformità erano tali da rendere impossibile il rogito.
     
  14. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    Avevi la sospensiva mutuo... non capisco perché scomodare geometra, avvocato, notaio... con 300 euro di perizia i tuoi problemi erano risolti....

    Smoker

    PS il venditore ha incassato l assegno?
     
    A PyerSilvio e CheCasa! piace questo messaggio.
  15. Gundam75

    Gundam75 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Si aveva la clausola sospensiva ma a seguito delle difformità mi sono fermato prima.​
     
  16. Gundam75

    Gundam75 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Si Smoker lo ha incassato!
     
  17. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Non c'era alcuna clausola sospensiva, giusto ?
     
  18. Gundam75

    Gundam75 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Il preliminare riporta: "La validità e l'efficacia del presente contratto è subordinata all'erogazione del mutuo a tassi correnti di mercato da parte dell'istituto di credito scelto dalla parte acquirente"
     
  19. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    E allora il proprietario non doveva incassare l'assegno.

    Ma come mai avete fatto un preliminare nonostante la sospensiva ?
     
  20. Seya

    Seya Membro Attivo

    Altro Professionista
    infatti se c'era la sospensiva.
    a) l'agente non avrebbe dovuto dare l'assegno al proprietario
    b) il proprietario non poteva incassarlo
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina