• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

SimoMilano

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buonasera, ringraziandovi anticipatamente della disponibilità, espongo il problema.

Sostanzialmente, la banca che doveva erogare il mutuo (già deliberato) per l'acquisto di un immobile ha fermato tutto in quanto da perizia, vi è appunto un bagno al posto di quello che dovrebbe essere un ripostiglio. senza farla tanto lunga, su abusi edilizi e robe varie, la soluzione di comune accordo tra acquirente e venditore (c'è anche un sig. Agente Immobiliare non proprio sveglissimo..) è quella di smontar via questo bagno e renderlo lavanderia/ripostiglio, con eventuale variazione catastale nel caso della lavanderia. Unica soluzione praticabile in quanto quel bagno rappresenta un abuso edilizio bello e proprio come sappiamo. La banca ha fatto sapere all'aquirente che l'unica condizione di improcedibilità è questo bagno e una volta sistemata la questione, con l'ok della conseguente seconda perizia, erogherebbe il mutuo e si rogita. La domanda a cui non trovo risposta è: secondo il regolamento comunale di Milano, quando si può parlare di lavanderia e quando di Bagno? Premesso che in casa c'è un bagno regolare al primo piano con doccia e wc e lavabo e bidet. L'obiettivo è ovviamente quello di distruggere il meno possibile da questo bagno in quanto l'acquirente vorrebbe(...) ripristinare la situazione una volta effettuato l'acquisto. La nostra speranza è che solo togliendo il WC (non c'è bidet) e mantendendo lavatrice lavabo e doccia si possa già parlare di lavanderia e accatastarlo come tale. vorrei appunto da voi conferme e smentite da questo punto di vista in modo che non residuano dubbi in capo al perito che quello spazio sia una lavanderia e non un bagno. Spero di essere stato il più chiaro e sintetico possibile, e in attesa di riscontro porgo i più cordiali saluti.
 

Giuseppe Di Massa

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Buonasera, ringraziandovi anticipatamente della disponibilità, espongo il problema.

Sostanzialmente, la banca che doveva erogare il mutuo (già deliberato) per l'acquisto di un immobile ha fermato tutto in quanto da perizia, vi è appunto un bagno al posto di quello che dovrebbe essere un ripostiglio. senza farla tanto lunga, su abusi edilizi e robe varie, la soluzione di comune accordo tra acquirente e venditore (c'è anche un sig. Agente Immobiliare non proprio sveglissimo..) è quella di smontar via questo bagno e renderlo lavanderia/ripostiglio, con eventuale variazione catastale nel caso della lavanderia. Unica soluzione praticabile in quanto quel bagno rappresenta un abuso edilizio bello e proprio come sappiamo. La banca ha fatto sapere all'aquirente che l'unica condizione di improcedibilità è questo bagno e una volta sistemata la questione, con l'ok della conseguente seconda perizia, erogherebbe il mutuo e si rogita. La domanda a cui non trovo risposta è: secondo il regolamento comunale di Milano, quando si può parlare di lavanderia e quando di Bagno? Premesso che in casa c'è un bagno regolare al primo piano con doccia e wc e lavabo e bidet. L'obiettivo è ovviamente quello di distruggere il meno possibile da questo bagno in quanto l'acquirente vorrebbe(...) ripristinare la situazione una volta effettuato l'acquisto. La nostra speranza è che solo togliendo il WC (non c'è bidet) e mantendendo lavatrice lavabo e doccia si possa già parlare di lavanderia e accatastarlo come tale. vorrei appunto da voi conferme e smentite da questo punto di vista in modo che non residuano dubbi in capo al perito che quello spazio sia una lavanderia e non un bagno. Spero di essere stato il più chiaro e sintetico possibile, e in attesa di riscontro porgo i più cordiali saluti.
Non sono un tecnico ma credo se ci sono solo "acque bianche" ovvero non c'è water, è lavanderia. In bocca al lupo
 

SimoMilano

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
La cosa mi rincuora, grazie anche se non é del mestiere. Vorrei tuttavia avere un ulteriore parere più "autorevole" o dei rimandi normativi per essere sicuri di fare le giuste modifiche. In quanto non avremmo tempo e soldi ulteriori per una terza perizia. Grazie
 

elisabettam

Membro Senior
Agente Immobiliare
La cosa mi rincuora, grazie anche se non é del mestiere. Vorrei tuttavia avere un ulteriore parere più "autorevole" o dei rimandi normativi per essere sicuri di fare le giuste modifiche. In quanto non avremmo tempo e soldi ulteriori per una terza perizia. Grazie
Sto trattando un immobile simile: deve vedere se il ripostiglio può essere sanato come lavanderia. Nel mio caso non è possibile perché l'altezza del locale non è sufficiente e si dovrà smontare tutto.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve a tutti vorrei farvi una domanda , è stata fissata una data entro il quale ipoteticamente dovrebbe pervenire la delibera del mutuo . Ma se entro questa data mm c'è delibera cosa succede alla caparra data?
Buongiorno.. Devo fittare un appartamento a un parente che viene dal Brasile per circa tre/quattro mesi. Cosa bisogna fare , naturalmente un contratto di fitto , ma di che tipo ? . Come documenti per la registrazione cose ci serve ? Bisogna anche comunicare alla Questura il contratto oltre all'agenzia dell'entrate. Grazie
Alto