1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. carlo1969

    carlo1969 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve,sto vendendo un immobile in comproprietà al 50% con mio fratello.Abbiamo firmato la proposta d'acquisto dell'agenzia ed è' stato stabilito che l'intero ricavato della vendita viene assegnato a me (io cedo a suo favore le mie quote di un altra casa) e quindi al preliminare incasserò io la caparra confirmatoria.
    Nel caso al rogito mio fratello cambiasse idea e non fosse più disposto a vendere sarei costretto io a restituire il doppio della caparra all'acquirente in quanto mio fratello ha firmato ma non ha percepito nulla, oppure anche lui in quanto con la firma si è impegnato?
    Grazie in anticipo delle risposte che vorrete darmi.
     
  2. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Prima del preliminare dovete fare la cessione delle quote con atto notarile. Il preliminare non è un atto traslativo.
     
  3. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Quindi questo preliminare non stabilisce solo la vendita ma pure lo scambio di quote. Ma vi segue un agente immobiliare? Io parlerei prima di sottoscrivere ulteriori scritture con il notaio. Il primo atto é l'acquisto della quota di tuo fratello solo dopo TU ti impegni a vendere. Diversamente vendete insieme e con i soldini poi fate quello che volete. Tuo fratello potrebbe acquistare la tua quota dell'altra casa.
     
  4. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Se vuoi stare piu' tranquillo, aprite un conto corrente cointestato e versate le somme a ciascuno intestate, a titolo di caparra, su quel conto.
    (Se necessita, lo si potrebbe pure disporre con firma congiunta sugli assegni e su ogni movimento).

    Proposta firmata pagamento intestato, incassato, e tracciato in capo ad entrambi.

    Cinque giorni dopo preleva il grano e versalo sul tuo conto "tradizionale".

    Contestualmente al rogito, vi saranno emessi gli assegni circolari che vi spettano, divisi al 50%.

    La tua quota la verserai direttamente sul tuo conto tradizionale.

    Mentre quella di tuo fratello andra' su quello appena aperto cointestato.

    Ci sei quasi.

    Ora basta "travasare" il residuo sul tuo conto corrente personale.

    A te la scelta se farlo direttamente tu, con assegno, bonifico o circolare, oppure in maniera congiunta, salvo buon fine e contestualuta' di ogni accordo.

    Se tu hai dubbi sul fatto che tuo fratello possa cambiare idea sulla vendita, immagino che pure tuo fratello, vorra' darti con la mano sinistra i quattrini e prendersi con la destra le quote dell'altra casa.

    Quindi ci si dovra' organizzare di conseguenza.

    Il corrispettivo ricavato della quota di tuo fratello, dovra' essere utilizzato per acquistare quella quota di altro bene da cedergli
     
    Ultima modifica: 11 Gennaio 2016
  5. carlo1969

    carlo1969 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    intanto grazie della cortese risposta.Ti preciso che sono io che cedo le quote a mio fratello e lui mi consente la vendita.
    Si, abbiamo affidato l'incarico di vendere casa ad un agenzia immobiliare.Ambo le parti abbiamo firmato la proposta dell'acquirente ed ora andiamo verso il preliminare.L'accordo è quello di fare in fase di rogito dell'immobile che vendiamo la cessione delle quote dell'altra casa.Mio fratello non mi firma la vendita (la cui somma va interamente a me) se io non gli cedo le mie quote.Praticamente si fà tutto lo stesso giorno davanti allo stesso notaio...
    Sono però preoccupato in quanto siamo in fase di lite e vorrei sapere se lui comunque ha una responsabilità per la caparra in quanto proprietario anche se non la percepisce.
    Se lui non è obbligato a restituire il doppio della caparra potrebbe farmi un dispetto e siccome la caparra è di 40000 euro dovrei restituirne il doppio..

    Grazie anche a pyersilvio, ma vorrei specificare che siamo in lite e non è percorribile seguire la strada del conto cointestato.Poi solo l'appartamento il cui ricavato va a me è oggetto di vendita, la quota che io cedo a lui è di un altra casa in cui lui vive e che io gli libero in tal modo sarà tutta sua.
    Andremo al preliminare dopo aver firmato un accordo predisposto dagli a vvocati e firmato da entrambi in cui si stabilisce che lui mi fa vendere e non prende nulla a fronte della cessione dei miei diritti sull'altra casa e che le caparre vanno interamente a me che ne necessito per ricomprare.
    Adesso si tratta di capire se in caso lui non firmi al rogito lui deve restituire la caparra in quanto il venditore potrebbe (dovrebbe..) dire tu hai firmato..poi se i soldi li hai dati all'altro comproprietario affar tuo...
    E' questo che mi interessa sapere.Lui è comunque responsabile??
     
    Ultima modifica di un moderatore: 11 Gennaio 2016
  6. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Si' ho capito.

    Infatti tu cedi le quote della casa che a lui interessa, a fronte di un pagamento.

    Ovvero incassi tutto quanto dalla vendita appena effettuata.

    Contestualmente cederai i tuoi diritti su quell'altra casa.

    Trattasi di una doppia vendita quindi.

    Se avete messo in mezzo gli avvocati, si procedera' per come si deve.

    Ovvero ciascun proprietario incassera' i propri titoli secondo le proprie quote di diritto.

    Senza lasciare al caso ogni eventualita', per cui uno possa sottrarsi alle proprie responsabilita'.

    Posso chiederti quanto ti costa l'assistenza legale..?
     
  7. carlo1969

    carlo1969 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Si, ma immagino che se lui nonostante la scrittura che si farà non rispetta le regole io dovrò fargli causa, mentre i guai con l'acquirente che pretende il doppio della caparra li passerò solo io..
    Era solo di riuscire a capire se il venditore ha diritto a pretendere anche da lui la caparra raddoppiata avendo firmato il preliminare.
     
  8. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    La proposta l'avete sottoscritta entrambi.
    Anche il preliminare lo sara'.
    Giocoforza pure l'atto definitivo.

    All' acquirente, ovviamente, dei vostri contenziosi familiari poco importa.

    Le somme che vengono emesse lo saranno in forza dei titoli di proprieta'.

    Di cio' che accade tra voi venditori, successivamente e o contestualmente, degli scambi di danaro, di quote, di diritti etc.. che avvengano o non avvengano non e' un problema che gli riguarda.

    Due proprietari diversi due intestazioni rispettive.

    A ciascuno la propria responsabilita'.

    Dubito che uno che anticipa 40k euro rischi di non coinvolgere nell'intestazione uno dei proprietari.

    Per cui il problema non si pone.
     
  9. carlo1969

    carlo1969 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ti ringrazio molto dei tuoi interventi.Penso anche io che l'acquirente coinvolga comunque mio fratello in quanto come me proprietario e firmatario del preliminare, il problema è che lui possa esimersi di pagare la penale (il doppio della caparra) potendo dimostrare di non averla percepita.
    Scusami tanto se insisto su questo particolare punto ma visto che stiamo arrivando a questa vendita non consensualmente ma attraverso l'intimidazione di una divisione giudiziale da parte mia..
     
  10. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Allora lasciate gli assegni in deposito intestati per la vostra quota al notaio a garanzia dei successivi atti. Avvocato e notaio troveranno la formula tale da portarvi entrambi a rimanere sull'impegno preso onde evitare penali e inadempienze.
     
  11. Manzoni Maurizio

    Manzoni Maurizio Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Perchè complicarsi la vita? Al preliminare ognuno incassa la sua parte di caparra, così come all'atto notarile.
    Poi si procede per la seconda compravendita di quote.
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  12. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    In questo caso c'è una sorta di ricatto io vendo se tu mi vendi. Vogliono scambiarsi le rispettive quote a cui hanno dato il medesimo valore.
     
  13. carlo1969

    carlo1969 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ringrazio tutti delle cortesi risposte, ma la mia domanda è:una persona che firma un preliminare con caparra confirmatoria se rinuncia (attraverso accordo scritto con l'altro comproprietario) a prendere la sua parte, in caso di inadempimento al rogito è obbligata alla restituzione del doppio della caparra non avendola percepita??
    Mi interessa sapere solo questo.
    Altre soluzioni non sono percorribili in quanto io ho necessità dell'intero importo della caparra subito perchè entro 2 mesi la casa che abito viene venduta e devo disporre di tutti i soldi per fermare l'acquisto della nuova e pagare spese arretrate.
    grazie.
     
  14. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    No ma proprio per questo nell'accordo che firmate a latere dove lui decide di non incassare io lo rinforzerei in previsione di cambio idea. Una penale di pari importo nel caso non si presentasse al rogito.
     
  15. carlo1969

    carlo1969 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Si ma gli accordi scritti tra noi sono vincolanti solo se sono rispettati...Ovvero se lui non si presenta al rogito io in base a quel pezzo di carta devo affrontare una causa e nel contempo mi ritroverei a rispondere al compratore per un importo di circa 80.000 euro...
    Situazione poco simpatica...il vero problema è che non si riesce a capire se il venditore può pretenderli da entrambi...:disappunto:
     
  16. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Con la sottoscrizione del preliminare vi obbligate entrambi a vendere.
    Se non vi presentare al rogito siete inadempienti e pertanto siete chiamati a pagare il doppio della caparra. All'acquirente non interessano i vostri accordi. Li chiede ad entrambi.
    Poi ci sono i rapporti regolamentati tra di voi. Per questo io farei inserire una penale nel caso lui decidesse di non presentarsi perché lui deve sapere che i capricci costano cari soprattutto quando ci sono terze persone.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina