1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. jessy

    jessy Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buon giorno, sono nuova di questo forum e vorrei avere dei pareri professionali riguardo a ciò che mi sta succedendo ultimamente.
    Mio padre è morto lo scorso maggio quindi dopo la successione io e mia mamma siamo le uniche eredi di vari terreni ad uso agricolo (che lui stesso lavorava da più di 40 anni) e di due case, una che è stata intestata a me come prima casa e l'altra a mia mamma, prima casa anche per lei.
    Mio padre che ha sempre fatto l'agricoltore era entrato in possesso di questi beni tramite un'atto di compravedita fatto nel 1995 tra lui e mio nonno, deceduto nel 2003.
    Solo ora la sorella di mio papà ha detto che le spettava una quota di eredità legittima dai miei nonni. E' possibile che lei si possa rivalere dopo 16 anni da quell'atto? Sono anche a precisare che l'importo di vendita di quell'atto era 150.000.000 milioni di vecchie lire e che la metà di essi sono stati corrisposti a mia zia come una sorta di indennizzo.
    Grazie mille
     
  2. ccc1956

    ccc1956 Membro Senior

    Altro Professionista
    allora tuo nonno e' morto nel 2003 quindi ci sono 10 anni di tempo per chiedere un'azione di riduzione.............quindi tua zia ha tempo fino al 2013.
    L'azione di riduzione si prescrive nel termine ordinario di dieci anni, decorrente dall'apertura della successione senza che possa aver rilievo, a tal fine, l'individuazione del momento in cui il legittimario ha scoperto la lesione della propria quota di riserva.
    ma se c'e' un atto di compravendita (rogito) fatto fra tuo padre e tuo nonno quello vale.
    se poi tuo nonno ha davvero dato la meta' dei soldi a tua zia................ci saranno i passaggi di denaro relativi che valgono come prova.
     
  3. jessy

    jessy Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    se all'apertura della successione nel 2003 questi beni non erano più intestati a mio nonno in quanto già ceduti a mio padre nel 1995, lei cosa potrebbe chiedere?
     
  4. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Anche secondo me vale questo atto del 1995.
    Sempre che si parli di compravendita e non di donazione.
     
  5. jessy

    jessy Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Non penso si tratti di una donazione "camuffata" in quanto l'importo è stato interamente pagato metà a mio nonno e metà a mia zia. Ma nel caso si trattasse di una donazione è ancora in tempo per intervenire dopo 16 anni?
     
  6. ccc1956

    ccc1956 Membro Senior

    Altro Professionista
    nulla se si tratta di compravendita.
    come suggerisce, antonello, sperando non si tratti di donazione.

    si', perche' devi partire dalla data del decesso di tuo nonno. 2003-2013
    non capisco, pero', se si tratta veramente di compravendita perche' tuo nonno doveva dare la meta' a tua zia.
     
  7. jessy

    jessy Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ma io penso che l'avesse fatto per una sorta di uguaglianza tra fratelli... però non so perchè all'epoca ero piccola.... Evenutalmente il discorso usucapione potrebbe entrate in gioco?
     
  8. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Quello che vale è la compravendita.
    I danari dati a tua zia hanno una tracciabilità o sono stati consegnati in contanti?
     
  9. ccc1956

    ccc1956 Membro Senior

    Altro Professionista
    allora se tuo padre ha pagato tuo nonno per le case che ha acquistato da lui, tuo nonno non aveva nessun motivo per dare la meta' a tua zia perche' in questo modo agevolava piu' tua zia che tuo padre.
    scusa tuo nonno fa pagare tuo padre le case e poi regala la meta' di questi soldi a tua zia???
    Se fosse vero doveva essere tuo padre e quindi tu come erede a pretendere la legittima lesa.
    mi sa che le cose siano un po' diverse da come te le hanno raccontate.
    cosa centra l'usocapione adesso???
    Ci vogliono 20 anni per l'usacapione.....................e comunque no.
     
  10. jessy

    jessy Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Assegni...

    Aggiunto dopo 2 minuti...

    Sfortunatamente non ho più nessuno a cui chiedere spigazioni...
     
  11. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Quello che interessa è che il padre di Jessy ha pagato l'immobile.
    Se poi il nonno ha voluto regalare quattrini a chiunque, poteva benissimo farlo.
    La zia per pretendere qualcosa deve dimostrare che l'atto di compravendita è falso.
     
  12. jessy

    jessy Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ho capito...
     
  13. ccc1956

    ccc1956 Membro Senior

    Altro Professionista
    certo................ma se io dimostro che mio padre ha regalato soldi a mia sorella
    e a me no..................donazione indiretta.
     
  14. jessy

    jessy Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Spero solo che si arrivi presto al 2013 così da poter chiudere definitivamente con quella... sperando che nel frattempo non intenti qualcosa.... nel qual caso mi difenderò...
     
  15. ccc1956

    ccc1956 Membro Senior

    Altro Professionista
    Ti dico una cosa per farti vivere piu' tranquilla.
    se tua zia non l'ha fatto fino ad oggi....................io non credo che lo faccia piu'.
    ci vogliono un sacco di soldi per l'avvocato, la causa, bisogna avere le prove....................
    e poi se tu hai a casa il rogito della compravendita fra tuo padre e tuo nonno...............che problemi hai???
    Se invece a casa hai l'atto di una donazione..............si', c'e' un rischio ma sono gia' trascorsi molti anni dal decesso di tuo nonno.......................queste cose si fanno subito o vuol dire che e' tutto fumo e poco arrosto.
    ciao
     
  16. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    sono d'accordo. La parte lesa non è la zia ma Jessy. Semprechè si possa provare il reale pagamento da parte del padre di Jessy e la successiva donazione alla zia. Non dovrebbe essere difficile.
    Qualora invece non risultasse il pagamento da parte del padre di Jessy le cose si complicherebbero.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina