1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Giuseppe81

    Giuseppe81 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti,

    Nonostante numerose ricerche in rete, non sono ancora riuscito a trovare una risposta soddisfacente a un problema che ho in questo periodo riguardo una vendita ed è per questo che, con molta fiducia, pongo il quesito a voi.

    Mio padre ha ereditato una casa in campagna e vorrebbe venderla. La casa è stata accatastata (dopo il ’67) ma mai condonata. Ho letto che in questi casi la procedura da seguire è quella di contattare un tecnico per chiedere un permesso a costruire in sanatoria. Al che la pratica verrebbe accolta solo se il piano regolatore prevede la possibilità di edificare nella zona in cui ricade il mio terreno. In caso contrario (e sarebbe il mio caso, dal momento che la casa sorge a parecchi chilometri fuori dal centro abitato e dall’area inclusa nel piano regolatore) l’unica opportunità che ci si presenta è attendere il prossimo condono. :-S

    Vi chiedo: Le cose stanno effettivamente così? Come posso mettere in regola una casa abusiva locata in un terreno che si trova al di fuori dal piano regolatore? Possibile che debba aspettare chissà quanto tempo per mettermi in regola e venderla?

    Vi ringrazio in anticipo per il tempo e l’attenzione che vorrete dedicare ai miei quesiti?

    Giuseppe
     
  2. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Le cose stanno proprio così! Se la casa risulta abusiva non c'è nulla da fare, puoi solo aspettare il prossimo condono (se e quando ci sarà). :occhi_al_cielo:
    Ti consiglierei comunque di contattare un tecnico del luogo per verificare se puoi "salvare" un po' di cubatura in relazione all'estensione del terreno, o magari considerandola come magazzino per gli attrezzi! :confuso:
     
  3. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ti consigliamo comunque di rivolgerti ad un tecnico del luogo, perchè ogni comune ha le sue regole e il suo Piano regolatore...
    e solo chi opera con il tuo comune sa quali sono le norma da adottare.
     
  4. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Sei sicuro che non sia mai stata presentata una richiesta di sanatoria ( anno 1985 ) ?
    Conosco casi che in cui la richiesta di sanatoria c'era e gli eredi non lo sapevano.
    Dopo ricerche accurate, è venuta fuori.
    Penso questo per l'irrazionaltà di accatastare un immobile abusivo.
    All'epoca si sarebbe magari potuto dichiarare che era una costruzione ante 1967.
    Forse lo era veramente anti 1967.
     
    A nuove prospettive piace questo elemento.
  5. Giuseppe81

    Giuseppe81 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Innanzitutto, grazie mille a tutti per le celeri risposte!

    Ahimè, devo confermarvi che una richiesta di sanatoria non è mai stata effettuata e anche farla passare per magazzino per attrezzi non sarà possibile dal momento che è stata accatastata come abitazione.

    Non mi rimane che affidarmi a un tecnico e sperare che col nostro comune vi siano dei margini di "manovra". Certo che se ogni volta c'è da attendere un nuovo condono per mettersi in regola... stiamo freschi! :)
     
  6. nuove prospettive

    nuove prospettive Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    ..esatto puo' essere .Il fatto che sia stata accatastata puo' essere un elemento di prova o comunque un motivo valido per tenterae. Giuseppe81- Non capisco quando dici che la casa è "fuori dal piano regolatore". Il piano regolatore "regola" tutto il territorio comunale e comprende senz'altro anche la tua casa. Ora dovrebbe essere sostitutio o verrà sostituito presto da un'altro strumento urbanistico che è il PGT. Se non'è ancora stato fatto o è in corso parla con l'ufficio tecnico del comune per inserrlo in questo piano. Non contare su un condono. Se la casa è stata realizzata su tereno agricolo non ci conterei. i condoni poi si rivolgono a sanare porzioni o parti di immobili enon la totalità. Se cioè lo strumento urbanistico , Piano regolatore o Piano di governo del territorio (PGT) non prevede l'edificabilità dei suoili ad esempio le opere non sono condonabili
     
    A H&F piace questo elemento.
  7. nuove prospettive

    nuove prospettive Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Io verificherei questa cosa. Dici che l'immobile è stato accatastato dopo il 67, Ma nessuno ci dice che non possa essere stato realizzato prima di quella data. Cio' significa che non necessariamente debba essere condonato. Basta verificare che sia in regola con gli strumenti urbanistici. Non sto qui a citarti le leggi urbanistiche Per questo chiedi ad un tecnico di zona.. Secondo me si puo' fare passa prima da un notaio e poi da un geometra, architetto o ingegnere.
     
    A H&F piace questo elemento.
  8. akiraa

    akiraa Membro Junior

    Privato Cittadino
    Questa è l'Italia..ci si lamenta perchè non si può vendere una casa abusiva??? Ma siamo fuori di testa????? Dovresti ringraziare ogni giorno il cielo che non si venga lì ad abbatterla con la ruspa.

    Sono sconcertato...
     
  9. akiraa

    akiraa Membro Junior

    Privato Cittadino
    Questa è l'Italia..ci si lamenta perchè non si può vendere una casa abusiva??? Ma siamo fuori di testa????? Dovresti ringraziare ogni giorno il cielo che non si venga lì ad abbatterla con la ruspa.

    Sono sconcertato...
     
    A valvo, apbergamo e Antonello piace questo elemento.
  10. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Giuseppe81 l'ha detto all'inizio: la casa è in campagna.
    Il piano regolatore interessava il territorio urbano.
    Nella campagna non si aveva pianificazione e quindi non si poteva costruire.
     
  11. nuove prospettive

    nuove prospettive Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    perdona la correzione ma il PRG , piano regolatore generale regolava il territorio prevedendone le destinazioni urbanistiche. Anche le aree di campagna rientrano in una previsione urbanistica definendo per esse la categoria agricola urbanistica. E1,E2, per Florovivaisti , Boschive eccetera. Comunque cio' non cambia la situazione . La casa potrebbe essere costruita prima del 1967. Occorre verificare la rispondenza eventualmente alle norme urbanistiche o regolamentei. Ad esempio esistono aree agricole senza potenzialità edificatoria altre invece si con le ripettive limitazioni: imprenditore o altro. Occorre far presente questa cosa ad un tecnico , geometra, arch. o ingegnere e approfondire.
     
    A H&F piace questo elemento.
  12. nuove prospettive

    nuove prospettive Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Sono parzialmente daccordo con te. A onor del vero occorre dire pero' che prima del 1967 non tutti i comuni erano dotati di quello che a suo tempo era il Piano di fabbricazione poi diventato piano regolatore, e pertanto non erano sempre richieste le autorizzazioni. Anche per questo motivo non sono richiesti condoni per opere realizzare prima del 1967 dichiarazione peraltro che viene sempre dichiarata in tti di vendita per cui non mi sentirei di condannare l'episodio
     
    A H&F piace questo elemento.
  13. akiraa

    akiraa Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ma qui si parla di casa costruita dopo tale periodo che si vuol provare a vendere!!!!
     
  14. Giuseppe81

    Giuseppe81 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Buongiorno e grazie ancora per i vostri contributi.

    La casa (100 m2) è stata costruita durante i primi anni settanta e quel che più mi premeva (il titolo del post forse suonava un pò "forte") era regolarizzare la situazione per poi cercare di vendere la casa. Nessun vittimismo!

    Vivo in Germania da tempo, dove queste anomalie (come pagare le tasse per una casa abusiva che può essere demolita da un momento all'altro ad esempio) non esistono.
    Con la morte di mio nonno però si è presentata questa situazione e stiamo solo cercando di capire come liberarci di un peso (dal momento che l'abitazione adesso è quasi in rovina e non verrà più utilizzata).
     
  15. nuove prospettive

    nuove prospettive Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    ..rifletti bene sulla data di costruzione. Nel primo post dici che è stata accatastata poco il 1967 o giu' di li'. Cio' non vuol dire che sia stata costruita in quella data . La casa puo' essere stata realizzata prima ( cli lo dice questo) rifletti bene su questa data e qualche tecnico ti potrà aiutare . Vedasi precedenti miei post al riguardo
     
    A H&F piace questo elemento.
  16. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Io conosco bene un caso di casa (reale) costruita ante-1967 ed accatastata nel 1993.
    Si grida allo scandalo, senza conoscere approfonditamente le storie degli immobili e la normativa urbanistica in Italia. Una caccia alle streghe del XXI° secolo. Ecco perchè non mi stanco di scrivere : rivolgetevi ad insigni professionisti. Come medici, consulto solo Professori di Università storiche.
     
  17. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Se è così, non ci sono problemi di sorta che impediscano la vendita. Ed akiraa risparmierà pure la ruspa.:risata:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina