1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. sarda81

    sarda81 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ciao vi chiedo un consiglio se a qualcuno di voi e capitata questa situazione:
    il padre vuole comprare casa alla figlia, fa lui il compromesso e versa la caparra, ma al rogito intesterá la casa alla figlia ( maggiorenne)
    Per la quale sarà una prima casa. volevo sapere se secondo voi al rogito si potranno detrarre gli anticipi sulle imposte pagate alla registrazione del compromesso..
    Il notaio mi ha detto di chiedere all ag. Delle entrate,
    Ma all agenzia delle entrate non mi hanno saputo rispondere..
    nel compromesso che farà il padre specificheró "con persona da nominare al momento del rogito"
    Puo bastare questa dicitura o è meglio intestare il compromesso direttamente alla figlia?
     
  2. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    È genetica quella formula. Devi specificare con persona da nominare entro il ... E metti un termine antecedente alla data del rogito. Dato che con persona da nominare il terzo nominato subentra in modo retroattivo quindi si sostituisce al primo acquirente dalla data di sottoscrizione si possono recuperare le imposte versate. Il mio consiglio comunque è quello di intestare direttamente il preliminare direttamente alla figlia.
     
    A DIEGO BIR, francesca7 e sarda81 piace questo elemento.
  3. sarda81

    sarda81 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    grazie rosa! Leggevo qualcosa del genere su internet.
    Come devono comunicare il nuovo nominativo?bisogna fare una scrittura privata e registrarla?
    il problema e che paga il padre con soldi propri, per questo vorrebbe fare lui il preliminare, perche la figlia e molto giovane e non ha un conto corrente.
     
  4. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Bisognerà indicare già nel preliminare che i soldi provengono dal papà. Parlane con il notaio.
    Per la comunicazione di nomina basta una raccomandata alla parte venditrice con l'indicazione del nominativo. Senza questa comunicazione si può rischiare di rientrare nella cessione del preliminare che ha una fiscalità diversa.
     
    A francesca7, Bagudi e sarda81 piace questo elemento.
  5. LAURA.CIR

    LAURA.CIR Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ho un problema ..... il Notaio scelto dalla parte acquirente, al quale ho fatto pervenire tutta la documentazione, mi comunica che il preliminare che abbiamo registrato e nel quale è stato riportato che la Parte Acquirente, promette di acquistare per sé, eredi, persone o società che si riserva di indicare all'atto notarile, necessità di una dichiarazione di nomina in atto per il solo fatto che nel rogito verrà inserito anche il nome della compagna, la quale avrà il diritto dell'uso abitativo,....... il costo previsto si aggira intorno alle €. 400,00, ........ lo stesso problema ci sarebbe se avessimo fatto un preliminare con una persona che in un secondo tempo al rogito avesse richiesto di acquistare come usufruttuario/nudo proprietario dando la nuda proprietà/usufrutto ad altra persona (figlia, fratello, amante, ) ........ . problema analogo, anche per le proposte d'acquisto effettuate da un solo proponente e poi perfezionate con l'accettazione del venditore. Se registrate all'Agenzia delle entrate è all'atto /rogito dovesse intervenire con la moglie (in separazione dei beni) ci sarebbe necessità di una dichiarazione di nomina con relativo costo. Devo andare all'Agenzia delle Entrate per chiedere chiarimenti.
    Se non c'è cessione di preliminare ...qual è il problema????
     
  6. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    vero, questo termine o dicitura viene considerato approssimativo, non certo e permette a chi fa i controlli di pensare male, ovvero potrebbe innescare il pensiero del duplice trasferimento.
    In definitiva se la dichiarazione di nomina non è conforme alla riserva, quindi con data certa entro la quale si deve comunicare il nominativo, è dovuta l'imposta per l'atto a cui si riferisce la dichiarazione.
    Spero di essere stata chiara.

    c'è c'è per loro. Pensano al duplice trasferimento prima tra il proponente venditore al proponente acquirente e poi dal proponente acquirente all'acquirente definitivo.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 6 Marzo 2016

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina