• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Bruno2301

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
direi che i fattori per buttarli fuori dopo anni siano molti per la casa principale rispetto a quella secondaria!!
 

cristian casabella

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Evidentemente non ne hai visti molti di pignoramenti e forse ti confondi con gli sfratti.
Da quanto ne so, in caso di aggiudicazione della casa all'asta, ad esempio, massimo 12 mesi e chi è dentro sloggia....bambini, anziani o invalidi non impediscono lo svolgersi formale della cosa. Mi sfugge però se ciò, può capitar anche prima, nel senso che non so se basta un pignoramento per avviare le pratiche per la liberazione dell'immobile
 

miciogatto

Membro Senior
Privato Cittadino
Mi sfugge però se ciò, può capitar anche prima, nel senso che non so se basta un pignoramento per avviare le pratiche per la liberazione dell'immobile
Certo che sì.
E qui purtroppo ogni tribunale fa storia a sè.
Questo sì che è uno dei fattori determinanti.

Con le attuali prassi ci sono tribunali che liberano l'immobile già prima che vi sia aggiudicazione, per facilitare la vendita. E' più facile vendere un immobile libero piuttosto che occupato dagli esecutati.

Altri tribunali invece iniziano il processo di liberazione solo dopo l'aggiudicazione avvenuta.

(Tutto questo in attesa degli sviluppi nel tempo della modifica al 560 cpc dello scorso febbraio i cui risultati vedremo tra un anno o due se non ricambiano nuovamente il codice)
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
un immobile può costare anche poco, ma se ci devi pagare tante imposte e tasse, te ne liberi, mettendoti qualcosa in tasca. ma sicuramente non ne farei un dramma meglio un pò di guadagno che molta rimessa!
non riesco a spiegarmi.
se l'immobile, oltre le tasse ti costa di spese, non se lo piglia nessuno. se non forse quelli che non hanno nemmeno i pochi quattrini a cui potresti venderlo.
 

Bruno2301

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
non riesco a spiegarmi.
se l'immobile, oltre le tasse ti costa di spese, non se lo piglia nessuno. se non forse quelli che non hanno nemmeno i pochi quattrini a cui potresti venderlo.
Si, ho capito, se ti pesa perchè è un costo, lo venderai agli squattrinati come li chiami, ma lo venderai e ci farai un gruzzoletto!!!
 

Bruno2301

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Evidentemente non ne hai visti molti di pignoramenti e forse ti confondi con gli sfratti.
No non mi confondo con gli sfratti, ed hai ragione che non seguo pignoramenti. ma mi è capitato di fare delle valutazioni di immobili all'asta per dei clienti che me lo hanno richiesto e spesso c'èrano problemi per farlo visionare, in quanto non disponibile i proprietari per vicissitudini varie e tu mi insegni che se un immobile non lo vedo non mi presento per un'offerta e se non mi presento bisogna indire un'altra asta e quindi i tempi si allungano, questo intendevo dire. addirittura mi è capitato di un appartamento all'asta non abitato del quale nessuno aveva le chiavi e quindi non visionabile. Questo ovviamente fa ritardare le offerte e la vendita dell'immobile!
 

miciogatto

Membro Senior
Privato Cittadino
No non mi confondo con gli sfratti, ed hai ragione che non seguo pignoramenti. ma mi è capitato di fare delle valutazioni di immobili all'asta per dei clienti che me lo hanno richiesto e spesso c'èrano problemi per farlo visionare, in quanto non disponibile i proprietari per vicissitudini varie e tu mi insegni che se un immobile non lo vedo non mi presento per un'offerta e se non mi presento bisogna indire un'altra asta e quindi i tempi si allungano, questo intendevo dire. addirittura mi è capitato di un appartamento all'asta non abitato del quale nessuno aveva le chiavi e quindi non visionabile. Questo ovviamente fa ritardare le offerte e la vendita dell'immobile!
Non metto in dubbio sono cose all'ordine del giorno.

Ma quello che mi sforzo di dire è che hai visto una parte della realtà italiana.
Come ho scritto sopra, può cambiare parecchio da tribunale a tribunale e da caso a caso. Anche da giudice a giudice nello stesso tribunale.
La legge è uguale per tutti, le prassi no, che ci vuoi fare.

Per il discorso chiave andava approfondito.
Pensa che quando il ctu deve fare la perizia e non trova nessuno dopo 2-3 volte, il giudice lo autorizza: fabbro e forza pubblica e giù la porta. E fa la sua brava perizia.

E nel momento della ctu siamo agli inizi, ancora non è stata pubblicata l'asta, ovviamente, se no che prezzo metti.

Domanda, come hanno fatto quindi la ctu? Forse all'epoca gli avevano aperto e poi si sono dileguati? Forse hanno fatto l'accesso forzato e qualcuno ha perso le chiavi?
Può essere. Ma il custode giudiziario ha il dovere di risolvere questo problema.
 

Bruno2301

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Non metto in dubbio sono cose all'ordine del giorno.

Ma quello che mi sforzo di dire è che hai visto una parte della realtà italiana.
Come ho scritto sopra, può cambiare parecchio da tribunale a tribunale e da caso a caso. Anche da giudice a giudice nello stesso tribunale.
La legge è uguale per tutti, le prassi no, che ci vuoi fare.

Per il discorso chiave andava approfondito.
Pensa che quando il ctu deve fare la perizia e non trova nessuno dopo 2-3 volte, il giudice lo autorizza: fabbro e forza pubblica e giù la porta. E fa la sua brava perizia.

E nel momento della ctu siamo agli inizi, ancora non è stata pubblicata l'asta, ovviamente, se no che prezzo metti.

Domanda, come hanno fatto quindi la ctu? Forse all'epoca gli avevano aperto e poi si sono dileguati? Forse hanno fatto l'accesso forzato e qualcuno ha perso le chiavi?
Può essere. Ma il custode giudiziario ha il dovere di risolvere questo problema.
Ti ho fatto questi due esempi, ma ci sono stati vari casi simili ed èra per dire che non è cosi semplice come si crede, ovvio che la legge è uguale per tutti, ma spesso ci dimentichiamo di essere in italia dove tutto non è proprio così scontato, per questo dicevo che alle volte un creditore sceglie il bene da pignorare, in quanto valutando le casistiche ritiene che magari un bene sia meglio aggredibile rispetto ad un altro. Per l'esempio che ho riportato dell'appartamento senza chiavi, successe probabilmente che avevano in precedenza visionato l'immobile, fatto perizia con foto e poi il proprietario abbia reso le chiavi irreperibili. nessun decreto per del giudice per forzare la porta o quant'altro è stao fatto ed hanno comunque indetto l'asta. Capisco lo stupore nel sentire questa storia, ma succede anche questo purtroppo!! non meravigliatevi di nulla!
 

miciogatto

Membro Senior
Privato Cittadino
Nessuna meraviglia, succede di ben peggio.

Ci sono investitori che si fiondano in queste situazioni perchè sanno quando comprare a scatola chiusa, la maggior parte delle persone invece vuole vedere l'immobile.

Quello che non mi piace è quando si generalizza o si portano avanti falsi miti o notizie errate date per oro colato.

L'ho spiegato più volte.
 

Bruno2301

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Nessuna meraviglia, succede di ben peggio.

Ci sono investitori che si fiondano in queste situazioni perchè sanno quando comprare a scatola chiusa, la maggior parte delle persone invece vuole vedere l'immobile.

Quello che non mi piace è quando si generalizza o si portano avanti falsi miti o notizie errate date per oro colato.

L'ho spiegato più volte.
Io rispondo sempre e solo delle mie esperienze effettivamente fatte e non scrivo per trarre in in ganno o non sò cosa tu abbia pensato. Dal momento comunque che tu mi dici che non ho esperienza, ho risposto alla tua critica riportandoti dei casi realmente capitati. Se la tua esperienza è diversa mi fa piacere, ma non si può nemmeno far credere che questo nella realtà non avvenga. Io stesso avendo avuto dei crediti ho assieme all'avvocato valutato quale fosse l strada migliore da intraprendere ed i beni in possesso del debitore, è una cosa normale. Date le esperienze passate ritengo di riportarle e di consigliare secondo la mia esperienza, senza travisare alcun che. Se poi uno vuol prendere il consoglio bene altrimenti amici come prima!!!
 

miciogatto

Membro Senior
Privato Cittadino
Bruno,

innanzitutto nessun problema per me. Ci mancherebbe.
Magari dalle mie parole sopra traspare quello che non intendo: cioè screditarti?
Se questo hai inteso me ne scuso.

Perché lo so che quello che dici è realmente successo. E succederà, so come funziona.

Quando intervengo a fare un po' il pignolo è per sottolineare che non è detto che sia così ogni volta: non è che voglio mettere in dubbio la tua esperienza, metto in dubbio che sia una regola fissa e qualcuno che ci legge così potrebbe intendere.
Su questo punto insisto.

Voglio semplicemente mettere in guardia che le variabili sono tante e a volte (o spesso, dipende) accade diversamente da come accade una volta o due o tre.

Diciamo che grazie a una visione un po' su tutto il territorio nazionale, sono conscio delle differenze soprattutto da tribunale a tribunale. Ci sono dei campi di azione in cui il GE ha la sua discrezionalità e quello che succede in una situazione non accade in un'altra.

Poi ci sono le discrezionalità che la legge concede al creditore, come tu stesso confermi con la tua esperienza con il tuo avvocato. Sei tu che hai deciso su quale bene dirigerti, giustamente secondo la tua convenienza e una previsione rischi/benefici. Magari una banca ragiona diversamente ed è altrettanto lecito.

Per farti un esempio in un campo molto affine: nelle procedure di saldo e stralcio, molti affermano categoricamente che per andare avanti serva presentare al creditore banca una proposta di acquisto. Questo perché hanno avuto una o più esperienze di operazioni concluse positivamente e quindi la banca ha preteso questo iter.
Quindi per loro è così e basta, lo hanno fatto diverse volte.

Ma questo non è vero in senso assoluto, te lo assicuro.

Nel senso: è vero che ci sono creditori che pretendono questo iter per andare avanti ma non è una verità assoluta per tutte le banche e per tutte le situazioni.

Quindi io metto in guardia che la visione è solo parziale.

Non so se ho reso l'idea, il mio intento è solo quello di fare chiarezza e allargare la visione di insieme, soprattutto nella pratica, di una materia che un pochino conosco.
 

Bruno2301

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Bruno,

innanzitutto nessun problema per me. Ci mancherebbe.
Magari dalle mie parole sopra traspare quello che non intendo: cioè screditarti?
Se questo hai inteso me ne scuso.

Perché lo so che quello che dici è realmente successo. E succederà, so come funziona.

Quando intervengo a fare un po' il pignolo è per sottolineare che non è detto che sia così ogni volta: non è che voglio mettere in dubbio la tua esperienza, metto in dubbio che sia una regola fissa e qualcuno che ci legge così potrebbe intendere.
Su questo punto insisto.

Voglio semplicemente mettere in guardia che le variabili sono tante e a volte (o spesso, dipende) accade diversamente da come accade una volta o due o tre.

Diciamo che grazie a una visione un po' su tutto il territorio nazionale, sono conscio delle differenze soprattutto da tribunale a tribunale. Ci sono dei campi di azione in cui il GE ha la sua discrezionalità e quello che succede in una situazione non accade in un'altra.

Poi ci sono le discrezionalità che la legge concede al creditore, come tu stesso confermi con la tua esperienza con il tuo avvocato. Sei tu che hai deciso su quale bene dirigerti, giustamente secondo la tua convenienza e una previsione rischi/benefici. Magari una banca ragiona diversamente ed è altrettanto lecito.

Per farti un esempio in un campo molto affine: nelle procedure di saldo e stralcio, molti affermano categoricamente che per andare avanti serva presentare al creditore banca una proposta di acquisto. Questo perché hanno avuto una o più esperienze di operazioni concluse positivamente e quindi la banca ha preteso questo iter.
Quindi per loro è così e basta, lo hanno fatto diverse volte.

Ma questo non è vero in senso assoluto, te lo assicuro.

Nel senso: è vero che ci sono creditori che pretendono questo iter per andare avanti ma non è una verità assoluta per tutte le banche e per tutte le situazioni.

Quindi io metto in guardia che la visione è solo parziale.

Non so se ho reso l'idea, il mio intento è solo quello di fare chiarezza e allargare la visione di insieme, soprattutto nella pratica, di una materia che un pochino conosco.
Espresso così mi trovi completamente daccordo ed è così le situazioni sono sempre diverse e vanno valutate di volta in volta a discrezione.
Buona giornata
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Se il conduttore dichiara la caldaia a gas a norma nel verbale di consegna dell'appartamento e solo successivamente il locatario verifica che non solo non é a norma ma che già nei precedenti due controlli c'era stata la diffida all'utilizzo della caldaia e pure i fuochi sono non a norma, che azioni si possono intraprendere? Grazie
Buongiorno a tutti, sono appena iscritto, avrei un sacco di domande da fare,(sono neofita del settore) spero di non risultare troppo scocciante!!
Alto