1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. chiccashaila

    chiccashaila Membro Junior

    Privato Cittadino
    Salve,
    soffro di un handicap visivo che nella penombra e al buio non mi fa vedere, infatti la sera non posso guidare. Il mio soggiorno (340x5) è abbastanza buio avendo soltanto una finestra da 80cm tutta da una parte. Vorrei chiedere di poter aprire una finestra o meglio del vetro mattone, considerato che di fronte, a circa 4 metri c'è un muro. Questa apertura dà sul garage-giardino condominiale e le finestre vicine distano almeno un 30 metri. Posso farlo senza chiedere autorizzazione all'assemblea condominiale composta da 28 condomini? Grazie
     
  2. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    andrai a modificare il prospetto della facciata condominiale, l'autorizzazione condomniale è necessaria!
     
  3. chiccashaila

    chiccashaila Membro Junior

    Privato Cittadino
    speravo

    proprio per via dell'handicap di poterlo fare. Se è così allora non lo potrò mai aprire è impossibile mettere d'accordo 28 persone!
     
  4. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    art. 2 della Legge 13/89

    1. Le deliberazioni che hanno per oggetto le innovazioni da attuare negli edifici privati dirette ad eliminare le barriere architettoniche di cui all'articolo 27, primo comma, della legge 30 marzo 1971, n. 118, ed all'articolo 1, primo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1978, n. 384 (ora d.P.R. 24 luglio 1996, n. 503- n.d.r.), nonché la realizzazione di percorsi attrezzati e la installazione di dispositivi di segnalazione atti a favorire la mobilità dei ciechi all'interno degli edifici privati, sono approvate dall'assemblea del condominio, in prima o in seconda convocazione, con le maggioranze previste dall'articolo 1136, secondo e terzo comma, del codice civile.

    2. Nel caso in cui il condominio rifiuti di assumere, o non assuma entro tre mesi dalla richiesta fatta per iscritto, le deliberazioni di cui al comma 1, i portatori di handicap, ovvero chi ne esercita la tutela o la potestà, possono installare, a proprie spese, servoscala nonché strutture mobili e facilmente rimovibili e possono anche modificare l'ampiezza delle porte d'accesso, al fine di rendere più agevole l'accesso agli edifici, agli ascensori e alle rampe dei garages.
     
  5. chiccashaila

    chiccashaila Membro Junior

    Privato Cittadino
    Per cui l'unica soluzione è: inviare una richiesta di autorizzazione al condominio e se questi non si riunisce entro 90 giorni procedere oppure il condominio si riunisce e sperare di avere la maggioranza nei consensi. :triste:
     
  6. Procicchiani

    Procicchiani Membro Attivo

    Amministratore di Condominio
    la domanda da porsi è
    con l'ampliamento della finestra, danneggi l'estetica-l'armonia delle linee dell'edificio?

    immagino che sotto e sopra la tua finestra, ci sono quelle degli altri! se è così, la modifica che vuoi fare, altera l'armonia della facciata
    se la altera non lo puoi fare
    se non la altera, puoi procedere in forza dell'art. 1102 c.c.

    qualunque tuo vicino può ricorrere contro la tua eventuale decisione di alterare l'estetica della facciata, prima scrivendo in comune per bloccare la tua richiesta di intervento (perchè devi chiedere il permesso in comune!) e poi anche per vie legali

    ---------------------------------------------
     
  7. chiccashaila

    chiccashaila Membro Junior

    Privato Cittadino
    Io sono al primo piano e dalla parte dove voglio aprire la finestra sopra di me è tutto muro, di fronte a circa4/5 metri c'è un altro muro e darebbe sul giardino dove parcheggiamo
     
  8. Procicchiani

    Procicchiani Membro Attivo

    Amministratore di Condominio
    ti sei già risposto

    comunica al condominio che ti avvali dell'art. 1102 procedendo all'ampliamento della finestra, dopo aver richiesto i permessi al comune come da reg edilizio
     
    A chiccashaila piace questo elemento.
  9. chiccashaila

    chiccashaila Membro Junior

    Privato Cittadino
    Speriamo, io ci provo!
     
  10. sforza Federico

    sforza Federico Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    E' possibile aprire luci e vedute su cortili interni, quindi sulla facciata posteriore di un edificio, senza chiedere alcun permesso al condominio.Se uno vuole può fare una semplice comunicazione all'amministratore.
    Preventivamente è bene informarsi, tramite un tecnico, se è possibile realizzare l'opera urbanisticamente e strutturalmente ( genio civile / antisismica ). Quasi sempre viene richiesta una simmetria con le finestre presenti nel condominio.
    E' molto esplicativa e chiara la recente sentenza: Corte di Cassazione con sentenza n. 13874 del 9 giugno 2010
     
    A chiccashaila piace questo elemento.
  11. chiccashaila

    chiccashaila Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie! Speriamo!
     
  12. sforza Federico

    sforza Federico Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Non bisogna sperare in condominio, ma semplicemente essere sicuri di ciò che si dice. accertati tramite un tecnico che urbanisticamente puoi intervenire sulla facciata posteriore, ma se rispetti la simmetria con le finestre inferiori e superiori non ci sono problemi di solito.
    Comunica all'amministratore tramite lettera di un tuo avvocato ( ha tutto un altro tono )che : visto il tuo handicap visivo con relativo certificato medico allegato, visto l'art 1102, viste le sentenze di giurisprudenza, ne trovi diverse sull'argomento ma in particolare segnalerei la Cass. Civ n° 13874 del 9 giugno 2010 la più recente, e visto che hai già ottenuto i permessi relativi in comune, intendi procedere ad aprire sulla facciata posteriore dell'edificio una finestra rispettando la simmetria delle altre finestre degli altri piani. Ora è vero che su 28 condomini qualche testa calda magari ci può anche essere, ma sfido chiunque a sollevare un problema con queste motivazioni più che valide.
    Ai miei precedenti colleghi vorrei fare un appunto. Aprire una finestra, o addirittura sostituire il muro con del vetrocemento equivale non ad una innovazione ma ad una semplice modifica, visto che non altero la destinazione originaria della facciata posteriore condominiale, che rimane immutata.
    Chi pecora si fa il lupo se la mangia !
     
    A chiccashaila piace questo elemento.
  13. chiccashaila

    chiccashaila Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie di nuovo, l'ingegnere contattato ha chiesto al Comune e il funzionario ha risposto che allegato alla documentazione vogliono il consenso del condominio :triste:
     
  14. sforza Federico

    sforza Federico Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Fossi in te mi rivolgerei per un parere ad un avvocato, l'ingegnere a quanto pare non è al corrente di recenti sentenze del TAR e della cass. Ad ognuno il suo mestiere.
    Cito testualmente da forum passati ma attualissimi

    - NON È NECESSARIO IL NULLA OSTA DEL CONDOMINIO PER RICHIEDERE IL PERMESSO DI COSTRUIRE
    Il T.A.R. Veneto, Sez. II - 4 aprile 2009, n.1198 e il T.A.R. Abruzzo, L’Aquila, Sez. I - 24 marzo 2009, n. 221 sostengono quasi contemporaneamente il permesso di costruire è rilasciato al proprietario dell’immobile o a chi abbia titolo per richiederlo, sicché l’interessato è tenuto a fornire al Comune prova del suo diritto, ma quest’ultimo non può e non deve svolgere sul punto verifiche eccedenti quelle richieste dalla ragionevolezza e dalla comune esperienza, in relazione alle concrete circostanze di fatto, tanto più che, come lo stesso art. 11 specifica, il permesso di costruire non incide sulla proprietà o altri diritti reali e non comporta limitazione dei diritti dei terzi.
    Non è quindi necessario allegare alla richiesta di permesso di costruire il consenso degli altri partecipanti alla comunione. Il singolo condomino, in virtù del combinato disposto degli artt. 1102 c.c. (facoltà del comunista di servirsi delle cose comuni), 1105 c.c. (concorso di tutti i condomini alla cosa comune) e 1122 c.c. (divieto al condomino di realizzare opere che danneggino le cose comuni), può ottenere a proprio nome la concessione edilizia per un'opera da realizzare sulle parti comuni di un edificio senza chiedere il consenso degli altri condomini, sempre che le opere siano strettamente pertinenziali all'unità immobiliare. Il condòmino può apportare al muro perimetrale, senza bisogno del consenso degli altri partecipanti alla comunione, tutte le modificazioni che consentano di trarre dal bene comune una particolare utilità aggiuntiva rispetto a quella goduta dagli altri condòmini, ivi compreso l’inserimento nel muro di elementi ad esso estranei e posti al servizio esclusivo della sua porzione, purché non impedisca agli altri condòmini l’uso del muro comune e non ne àlteri la normale destinazione con interventi di eccessiva vastità
    - RILASCIO NULLA OSTA AL COMUNE
    Il diritto del condomino di usare le parti comuni dell'edificio, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri condomini di farne parimenti uso (arti. 1102 e 1139 c.c.), implica per questi ultimi l'obbligo di comportarsi in modo da non rendere impossibile, e ingiustificatamente più gravoso, l'uso del singolo e così il dovere di quell'attiva cooperazione necessaria per l'uso del condomino. Pertanto, qualora un terzo estraneo alla comunione, ma di cui il condomino debba necessariamente avvalersi per la sua posizione di monopolio o supremazia, contesti il diritto del condomino di fare un certo uso legittimo della cosa comune senza il preventivo nulla-osta degli altri condomini, costoro non possono rifiutarne il rilascio, sempreché il rifiuto non risulti in concreto giustificato da un ragionevole motivo.
    n.b: il terzo estraneo è il comune!!!!!

    - Consiglio di Stato, sez. V, 25 giugno 997, n. 699 - Concessione e autorizzazione edilizia - Opere nelle parti comuni del condominio - Non necessita assenso dei condomini a tal fine.
    Non è necessario l'assenso dei condomini per il rilascio dei titoli edilizi relativi a parti comuni
    La pubblica amministrazione deve limitarsi al titolo formale di disponibilità della porzione immobiliare e rilascia le autorizzazioni sempre con salvezza dei diritti dei terziL'amministrazione comunale non può e non deve essere fatto carico di dirimere le controversie civili. Il singolo condòmino ha titolo, anche se il condominio non abbia dato o abbia negato il proprio consenso ad ottenere la concessione edilizia per un’opera a servizio della sua abitazione e sita sul muro perimetrale comune, che si attenga ai limiti suddetti, com’è già stato stabilito da questa Sezione con decisioni 23 giugno 1997 n. 699 e 9 novembre 1998 n. 1583. Sono principi espressi nelle seguenti massime: Consiglio di Stato, Sezione V, 23 giugno 1997, n. 699 Diritto
    saluti FEDERICO
     
    A chiccashaila piace questo elemento.
  15. chiccashaila

    chiccashaila Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie grazie tantissimo.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina