1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. cecetti

    cecetti Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ciao a tutti, sono nuova e quindi chiedo scusa se sto per proporre una discussione già affrontata ma ho veramente bisogno di un consiglio.
    sto per fare il rogito per la mia prima casa. in base al compromesso il venditore si è impegnato a estinguere il mutuo subito prima o contestualmente al rogito. ora il venditore (che non ha ancora estinto il mutuo) dice di voler fare appello alla legge bersani e quindi al momento del rogito il mutuo non verrà estinto ma sarà necessario recarsi presso la banca del venditore successivamente e versare l'assegno per chiudere il suo mutuo. la mia banca si è impuntata che non vuole concedere il finanziamento se il mutuo del venditore non verrà esinto al momento del rogito come previsto dal compromesso. premetto che il problema è sorto solo ora a 15gg dal rogito quanod il venditore ha fatto appunto sapere le sue intenzioni indipendentemente dal compromesso firmato. la mia domanda è: può cambiare idea così ? che valore ha il compromesso?
    grazie per l'aiuto
     
  2. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    ...........contestualmente all'atto, davanti al notaio saranno presenti:
    la parte venditrice con la propria banca;
    la parte acquirente con la propria banca;
    La tua banca verserà una parte dell'importo erogato per l'estizione del mutuo esistente, e il rimante al venditore.
    Il notaio procederà alla cancellazione del vecchia ipoteca e all'iscrizione della nuova.
     
  3. MaxMatteo

    MaxMatteo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Il problema nasce dal fatto che con la "Bersani" la cancellazione dell'ipoteca non è immediata, ma è molto più economica di quella fatta dal Notaio che però la "spazza via subito" (poche decine di euro contro circa 500/600 per l'intervento di quest'ultimo), quindi la sua banca non potrebbe iscrivere ipoteca di primo grado fino a che questa non è appunto cancellata e fino ad allora non le eroga il mutuo...

    Detto questo, suppongo che nel preliminare che ha firmato tra le varie obbligazioni ci sarà anche quella che indica che "la parte promittente venditrice garantisce che l'immobile verrà trasferito all'atto definitivo LIBERO da pesi vincoli, ipoteche, inscrizioni/trascrizioni pregiudizievoli e con la garanzia per l'evizione e molestie nel possesso..."... se così fosse il promittente venditore DEVE alla data dell'atto definitivo aver cancellato l'ipoteca, se non lo fa diventa inadempiente e lei parte lesa con la possibilità di rivalersi e chiedere, eventualmente, anche i danni... ovviamente con una sentenza che risponda nel merito...

    Lo spieghi al promittente venditore e se non lo capisce faccia mandare una lettera dal suo avvocato...

    Altra possibilità potrebbe essere iscrivere un'ipoteca legale: per spiegarla le faccio un esempio: diciamo che lei acquista per un valore di 200 e che l'ipoteca da cancellare sia per 120, il venditore alla data del definitivo ha ancora l'ipoteca iscritta ma in corso di cancellazione con la Bersani, sottoscrivete comunque il contratto di vendita e lei versa al venditore 80, gli altri 120 all'avvenuta cancellazione dell'ipoteca, nel frattempo per garantire il venditore si iscrive un ipoteca legale per 120 sull'immobile che lei ha acquistato (ipoteca a favore del venditore).

    Questa procedura comporta dei costi ("onorario" notarile) che grosso modo sono gli stessi che occorrono per cancellare l'ipoteca per mezzo del notaio nel primo caso...

    Cordialmente
     
  4. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    non complichiamo la vita ai clienti, ipoteca legale..... scusa max ma il tuo esempio è un pò complicato.

    La situazione è semplice , il venditore si è impegnato a estinguere contestulamente all'atto notarile di trasferimento il mutuo!!
    E così deve essere, anche se il venditore andrà incontro ad alcune spese!
    Cecetti, non devi fare niente, ci penserà il tuo tecnico e il notaio a organizzare tutto, come già detto nel precendete intervento.
     
  5. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Non sempre funziona cosi'...a volte e' lo stesso notaio che sucessivamente al rogito( il primo ) si reca nella banca e estingue e cancella debito residuo e ipoteca.
    Viceversa se nella delibera della banca e' vincolante la cancellazione contestuale...e' un problema.
     
  6. mosca

    mosca Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Le cancellazioni contestuali sono ormai una consuetudine....e dipendono solo dalla volontà delle Banche :fico:
    Nel post c'è scritto che la Banca erogatrice si è impuntata a volere che la prima banca estingua l'ipoteca !!
    Devi fare in modo che le due Banche si parlino e nell'interesse dei loro clienti devono agevolare la transazione :razz:
     
  7. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    e' che di solito si parlano prima del rogito...enon durante o dopo:)
     
  8. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Secondo me ha ragione maxmatteo. Con la bersani la cancellazione non può essere contestuale (va fatta prima del rogito e ci vogliono piu o meno 60 gg) e non la fa il notaio. La banca si è impuntata, ma non per un capriccio, perchè non può iscrivere ipoteca di primo grado. Il venditore deve rinunciare a bersani.
     
  9. cecetti

    cecetti Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie ragazzi! mi avete tolto un peso!!!!!

    ciao!
     
  10. MaxMatteo

    MaxMatteo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ...per linearità è decisamente il caso che, a 15 giorni al definitivo, il venditore non possa chiedere la cancellazione "economica" dell'ipoteca a mezzo del decreto bersani ma mandi giù il rospo e cancelli contestualmente a mezzo del notaio, d'altronde le obbligazioni assunte con il preliminare (sempre che l'acquirente non avesse espresso la volontà di accollarsi l'ipoteca) lo obbligano a rogitare l'immobile senza ipoteca... altrimenti ci doveva pensare 2/3 mesi fa...

    Antonio più che complicato è atipico, ma pur sempre una via di uscita... personalmente, e lo ho indicato nel post precedente, la cosa non serve a contenere i costi, anzi, ma è comunque una possibilità. Certo prima tenterei di percorrere la strada della cancellazione ma difronte ad un venditore particolarmente ostico e per non finite in una lite potrebbe essere una soluzione.
     
  11. robertobosco

    robertobosco Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Cecetti, Il venditore deve rispettare quanto inserito nel compromesso. Per quanto riguarda la tua banca, tu hai detto " la mia banca si rifiuta se il mutuo non verrà estinto al momento del rogito" e non mi pare che si riferisse anche all'ipoteca.
    Pertanto, Se la tua banca vorrebbe essere "professionale e collaborativa", potrebbe solo preoccuparsi dell'avvenuta estinzione del residuo mutuo in corso di stipula(o prima), apponendo una ipoteca di 2° grado formale, che, a mutuo estinto, è di fatto di I° grado sostanziale. Successivamente la banca del venditore porrà in esecuzione quanto previsto dalla L.Bersani. Posso per brevità dirti che in passato ho assistito centinaia di volte a tali operazioni. Un saluto.
     
  12. elio lucarini

    elio lucarini Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    mi sembra che il venditore voglia la botte piena e la moglie ubriaca, doveva pensarci prima di vendere, ora se non rispetta i patti e in pieno torto.
    Sono affari suoi se gli viene a costare di più, se non la previsto nel preliminare cancella l'ipoteca il giorno dell'atto
     
  13. Domus mp Immobiliare

    Domus mp Immobiliare Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Credo che l’operazione “Rogito” vada gestita immediatamente . Devi far presente al tuo venditore che le strade percorribili sono sostanzialmente tre(indolori od a dolore limitato). La prima è che lui con i suoi soldi si rechi in banca ed estingua il debito residuo invocando la legge Bersani e che faccia pervenire al notaio ed a te contabile dell’avvenuta estinzione del mutuo e dichiarazione della banca di avvenuta estinzione e di richiesta di cancellazione secondo la Bersani .La seconda ipotesi per il venditore è quella di farti avere conteggio estintivo del mutuo con dietimi giornalieri affinchè tu possa farli avere alla tua banca che si occuperà lei stessa di effettuare bonifico per l’estinzione alla banca creditrice (sccessiva ed automatica cancellazione secondo la Bersani). La terza ipotesi è quella di riunire venditore ,acquirente, notaio rogante ,banca creditrice e banca concedente il mutuo . In questo caso il tuo venditore dovrà richiedere alla sua banca creditrice l’intervento di un suo procuratore che al momento dell’atto ,e con i proventi della vendita (assegno della benca erogatrice intestato alla banca creditrice) rilasci formale assenso alla cancellazione dell’ipoteca, ipoteca che dovrà essere cancellata dal notaio rogante il rogito ed a spese di parte venditrice . Sono certo che riuscirai a rogitare. Parla con il tuo notaio e con parte venditrice ,verifica il modo con cui la tua banca e disposta a finanziarti e poi con l’aiuto del notaio fai partecipe parte venditrice . Ciao.
     
  14. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    quesito che si presta ( purtroppo o per fortuna ) a piu' soluzioni...unica certezza, ci deve essere la volonta' di tutti gli attori.
     
  15. mikymaka

    mikymaka Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao a Tutti!
    ho la stessa identica situazione e vorrei capire come hai risolto..
    il notaio stesso mi dice che non può fare niente in quanto o esce il funzionario oppure la banca del venditore deve rilasciare quietanza contestualmente al versamento dell'assegno.
    ma CheBanca! non ci viene incontro.
    non voglio perdere questa casa dopo tante difficoltose ricerche.
    SPero tu sia riuscita a risolvere e che tu possa consigliarmi.

    grazie
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina