1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Asna

    Asna Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ciao a tutti,
    Io sono acquirente, ho un compromesso datato dicembre 2015 già registrato con tutti i crismi, e sto per andare al rogito a settembre. Dopo una semplice visita all'immobile con il venditore per constatare (dato che manca un mese circa al rogito) che i mobili fossero stati completamente rimossi da ogni stanza (perché promesso in vendita libero da mobilio e persone) mi accorgo che è stata asportata una fontana interna in marmo bianco (vasca di 2mq con statua di 140cm con tanto di gioco d acqua) lasciando un buco sul pavimento, il marmo circostante rotto (dal martello pneumatico usato per L asportazione del manufatto), e il muro attorno rotto anche esso perché probabilmente conteneva la pompa dell acqua o altro (rotto con una mazza da muratore presumo).
    A mio avviso tale manufatto costituiva opera fissa facente parte dell immobile così come visto e piaciuto in prima visita e conseguente compromesso, al pari di lavandino, wc, impianti, porte e finestre, Etc. essendo inoltre collegato all impianto idrico e cementato nel pavimento tanto da essere la vasca stessa il pavimento (non appoggiata ma proprio a sostituzione del pavimento) e NON un semplice mobile da traslocare (prova ulteriore ne è anche il fatto che per spostarla sia stato rotto il pavimento circostante, così come il muro..).
    Quindi in sostanza L immobile promesso in vendita non è più come visto e piaciuto in sede di compromesso (dato che anche la fontana stessa era parte fissa della dotazione del immobile ed ha contribuito a farmelo piacere e valutare il prezzo concordato), è stato sciacallato dallo stesso venditore che ora mi viene a dire che per lui era un semplice mobilio.
    Ora il danno è triplice: asportazione di opera fissa (perché era cementata e sostituiva il marmo del pavimento, dato che ora mi rimane il buco con la soletta a vista) dal valore stimabile in circa 5/8mila euro, mancanza del pavimento al suo posto + rottura di quello circostante (marmo rosso di levanto), rottura del muro circostante in più punti.
    Ho intenzione di chiedere i danni tramite avvocato precisando altrimenti di voler risolvere il contratto per inadempienza del venditore nella custodia del bene promesso in vendita chiedendo il doppio della caparra versata (punto già previsto dal preliminare registrato).
    Voi cosa ne pensate?
    Grazie
     
  2. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    ...che è una discreta gatta da pelare.
    Ci voleva piu precisione al momento del compromesso: da come la descrivi parliamo di una fontana di un certo valore e doveva essere specificato se rimaneva o meno.
    Io chiederei i danni certamente, tuttavia se c'era una fontana del genere stiamo probabilmente parlando di un immobile di alto valore, quindi cercherei l'accordo magari inghiottendo un mezzo boccone amaro, ma non facendo saltare la compravendita
     
  3. Asna

    Asna Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ciao,
    Il danno, a parte il valore della fontana in se, è stato documentato.. Almeno da parte loro era dovere fare il lavoro di rifacimento a regola d arte senza far vedere lo scempio che invece abbiamo dovuto vedere..chissà perché i wc e i lavandini sono tutti al loro posto mentre la fontana no...$$$!
    L immobile è di buon livello ma non di lusso, e i lavori da fare sono molti. La fontana dava un certo lustro all ambiente dove era messa questo di sicuro, dato che doveva diventare il mio studio professionale. Non vorremmo far saltare il rogito ma sappiamo che potremmo... Vorremmo un idea sul fatto
     
  4. Asna

    Asna Membro Junior

    Privato Cittadino
    Dicevo vorrei un idea sul fatto della richiesta danni pur proseguendo con il rogito.. Oppure andando al rogito è come se accettassimo lo stato attuale anche se diverso da quello al compromesso?
    Abbiamo comunque le foto di prima e dopo, essendo L appartamento pubblicizzato dall agenzia immobiliare proprio usando anche le foto della fontana ora asportata...
    Anche il notaio ci chiede se confermiamo lo stato di fatto interno e se abbiamo controllato che tutto sia in ordine come promesso... Non saprei cosa dirgli perché se magari lo avviso del danno mi blocca il rogito (e se sforo fine settembre poi sono inadempiente io...) e se non lo avvisò sembra che accetto passivamente il danno...
     
  5. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Con le buone bisognerà che vi parliate, anche perché bisogna dare un valore a cosa ha tolto. Sicuramente avreste dovuto scrivere, mi viene da pensare alle cornici dei camini che spesso vengono portate via, ma viene specificato da subito in sede di visita.
     
    A eldic piace questo elemento.
  6. Asna

    Asna Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ciao, ok.
    Ma nessuno ha una risposta al mio dubbio specifico sul confermare o no il notaio?
     
  7. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Io chiederei un incontro dal notaio con i proprietari per sottolineare che l'immobile che ti hanno lasciato è diverso da quello che hai comprato.
    La fontana poteva fare parte dell'arredamento, ma quantomeno i proprietari avrebbero dovuto ripristinare il pavimento e il muro.

    Quindi, proponi un ribasso della cifra finale, in modo da poter ripristinare pavimento e muro o addirittura sostituire il pavimento.
     
    A Seya piace questo elemento.
  8. Asna

    Asna Membro Junior

    Privato Cittadino
    Capisco, spero ci sia dialogo ma una fontana con L acqua attaccata e che fa da pavimento NON È un arredamento, altrimenti lo sarebbero anche gli stipiti delle porte e i telai delle finestre, o i camini!
     
  9. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Io sono d'accordo, ma la gente è strana, come avrai notato.

    Se vuoi andare avanti, penso che la cosa migliore sia fare quello che ti ho consigliato.

    Se invece volessi ritirarti, dovrai affrontare una causa.
     
  10. Seya

    Seya Membro Attivo

    Altro Professionista
    sono d'accordo con bagudi ma questi proprietari sono assurdi ma cie adaver... (scusate il francesismo)
     
  11. Asna

    Asna Membro Junior

    Privato Cittadino
    Consigli sensati in effetti..
    Ma riguardo il come fare e cosa dire al notaio non mi consigliate?
    Tutti in ferie???
     
  12. Asna

    Asna Membro Junior

    Privato Cittadino
    Semmai devono ripristinare la fontana e sistemare i danni arrecati. Questo potrei accettarlo..
    Ma il notaio su cosa si basa per proporre una riduzione di prezzo al momento dell atto?
    Il suo lavoro extra chi lo paga?
    Tutte cose che hanno costi extra comunque, come un avvocato insomma..
    Tanto vale fare causa a parte e rogitare comunque facendo specificare che mi riservo di quantificare il danno in separata sede anche se procedo all acquisto per ovvi motivi..
     
  13. mmic

    mmic Membro Junior

    Privato Cittadino
    Io mi sono trovato in una condizione simile ma meno grave, atto firmato ieri mattina, ieri pomeriggio ho scoperto che erano stati rimossi i due lavandini dai due bagni e i soffioni della doccia
    Mi è stato detto che per ricomprarli e montarli ci vogliono circa 1500 euro
    Non so come devo fare, scrivere una raccomandata al venditore dicendo che ho visto la rimozione dei lavabi e che mi riservo di fargli avere altre informazioni?
    L'atto è stato svolto con una agenzia con la quale mi sono trovato molto male (documenti rifatti più volte è atto già rimandato una volta) devo mandare una pec alla agenzia?
     
  14. Seya

    Seya Membro Attivo

    Altro Professionista
    si manda pec all'agenzia e se hai foto che dimostrano che c'erano prima questi oggetti è meglio ancora, la gente è pazza
     
  15. Asna

    Asna Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ma secondo te l agenzia è garante in solido con il venditore del bene promesso in vendita (cioè che all atto tutto corrisponda alla situazione presente al compromesso)? Per questo dici di scrivere all agenzia una pec? L agenzia deve/può fare qualcosa entro L atto di acquisto? O solo un avvocato può?
     
  16. Asna

    Asna Membro Junior

    Privato Cittadino
    Anche io ho le foto della fontana e della situazione iniziale promessa in vendita, e le foto del disastro attuale!
     
  17. Seya

    Seya Membro Attivo

    Altro Professionista
    in realtà il lavoro dell'agenzia è stato già svolto, bisognerebbe consultare un avvocato
     
  18. Asna

    Asna Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ok ma scusa perché proprio tu poco fa hai scritto di mandare la pec all agenzia? Per sapere..
     
  19. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Il problema è che non esiste uno scritto e l'agenzia non so cosa possa fare. Ha accordi precedenti con la proprietà per questa fontana? Qualche cliente una volta avrà chiesto, ma questa fontana come funziona e la domanda rimane nel prezzo? L'agenzia era sicuramente preparata.
    Non vorrei che ci fosse stato un abbassamento del prezzo e una presa di posizione da parte della proprietà, nel dire ho ceduto sul prezzo la fontana me la porto via. Ora, sicuramente dovrai fare qualcosa. La sistemazione di quanto ha lasciato rotto ha un costo, costo che non devi sostenere tu, tu hai rotto tu aggiusti, così come il valore che avevi dato all'immobile, seppur con ribasso, era compreso di fontana. Vero che non c'è scritto, ma non c'è scritto da nessuna parte anche il contrario, ovvero che la fontana, non un chiodo, veniva rimossa.
     
  20. Slartibartfast

    Slartibartfast Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Riassumo un po'
    - l'agenzia non ha e non può avere nessun tipo di responsabilità nella pazzia o nella disonestà del venditore. Inutile mandare pec o chiamare in causa chi non può influire in nessun modo.
    - il venditore che stacca la fontana e sfascia il pavimento si meriterebbe un'azione per la richiesta di danni.
    - cosa fare dipende da cosa vuoi ottenere. Se vuoi la casa dici al venditore che vuoi un ribasso di prezzo (valore della fontana + preventivo di riparazione o rifacimento del pavimento), se senza fontana non vuoi più la casa gli fai causa di inadempienza e gli chiedi il doppio della caparra.
    - modalità operative: io suggerirei di chiedere un incontro faccia a faccia con il venditore, magari in agenzia, e se risolvi, bene (si scrive e firma l'accordo). Se non risolvi senti un legale
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina