1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. lucafana

    lucafana Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno,

    sono un neo registrato e molto confuso.
    Vorrei, se possibile, che mi venisse chiarito un dubbio in quanto dovrei acquistare un immobile, civile abitazione, costruito prima del 1967. Corregetemi se sbaglio: non serve il certificato di agibilità ma basta una autocertificazione del proprietario sia per il rogito che per il mutuo?
    ok...e se così è, acquisterei una casa che non ha l'agibilità " sulla carta" ma comunque ce l'ha di fatto, giusto?
    e se dopo l'acquisto, senza cambiare le disposizioni e le superfici degli ambienti, volessi rifare i pavimenti i bagni la cucina sostituire gli infissi e pitturare la facciata (senza occupazione di suolo pubblico ma avvalendomi di olio di gomito e ponteggio mobile) devo chiedere autorizzazioni?
    e dopo detti lavori dovrei richiedere l'agibilità?
    e se volessi chiudere un balcone e realizzarvi all'interno un doppio servizio (magari avvalendomi del piano casa o abbattendo e recuperando quindi la cubatura di un locale di sgombero sito all'interno del lotto di appartenenza) come dovrei comportarmi?

    Grazie in anticipo a tutti.
     
  2. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    No basta una scia al comune
     
  3. lucafana

    lucafana Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao topcasa,

    grazie mille per la tua utilissima risposta.
    Ma la scia basta per tutti i lavori, anche per l'eventuale bagno che vorrei realizzare?
    Ed eventualmente come posso fare se detti lavori li dovrei realizzare io personalmente ( lo so fare...)?
    ...perchè la scia a quanto ho letto sarebbe :

    -La SCIA – Segnalazione Certificata di Inizio Attività - è la dichiarazione che consente alle imprese di iniziare, modificare o cessare un’attività produttiva (artigianale, commerciale, industriale), senza dover più attendere i tempi e l’esecuzione di verifiche e controlli preliminari da parte degli enti competenti.

    dove scrivono che da diritto alle imprese, ma io non ho un impresa io faccio tutt'altro ma realizzerei i lavori a livello obbistico diciamo...
     
  4. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    E poi chi la sente tua moglie! Meglio non prenderti certe responsabilità. Sto scherzando ma da un lato ti sto dicendo delle verità. Parli di lavori che hanno bisogno di autorizzazioni comunali. Come pensi di fare un bagno dove ora c'e un balcone o prendere volumetria di un locale sgombero o addirittura pitturare la tua parte di facciata ... Sicuramente stai scherzando o ti stai prendendo gioco di noi.
     
  5. lucafana

    lucafana Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    No un attimo...premetto che non mi permetterei di prendermi gioco di nessuno...non sono del settore e la mia è forse una mal formulata domanda, ma pur sempre una domanda...Da profano tipo, non capisco che autorizzazione dovrei chiedere per pitturare la facciata di casa mia o per sostituire il pavimento di casa mia..., ma per quanto io possa non ritenerlo lecito o meno vorrei sapere cosa posso e cosa non posso fare senza autorizzazioni e senza dover chiedere nulla a nessuno ( giusto per capirci) e nel caso che autorizzazioni chiedere,come chiederle, a chi ecc.
    Questo è l'aiuto che chiedo a Voi gentilissimi Utenti del forum. E sarò immensamente grato a chi mi darà una mano ( noi sardi siamo molto ospitali quindi una cena a casa non la nego a nessuno :^^: ), un parere,un commento o qualsiasi cosa. Spero vivamente con le mie richieste, di non aver offeso o turbato nessuno.
    Grazie in anticipo a chi mi aiuterà.
    Gentilissima Rosa 1968,
    grazie per l'avvertimento per mia moglie;da una donna penso debba farne tesoro :sorrisone:
    ma posso assicurarti che il pavimento o il bagno che farei io in casa mia risulterebbe più in piano ed a regola d'arte di quello fatto da molti "artigiani" che si fanno pagare profumatamente e che si spacciano da grandi costruttori non sapendo nemmeno cos'è un rck o una elementare malta idraulica. Senza offesa per chi fa il lavoro di costruttore con tutti e cinque sensi.

    P.S.

    forse chi è del settore o abituato a masticare certe cose tutti i giorni, dimentica che per un comune mortale che non si è mai occupato di certe pratiche, perchè si trova davanti al possibile acquisto della sua prima casa, è una vera e propria crociata.
     
  6. luca 71

    luca 71 Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Buongiorno Luca, se devi fare dei lavori che non comportano una diversa distribuzione degli ambienti dello stato attuale li puoi fare tranquillamente, per quanto riguarda la chiusura del balcone e' un abuso non sanabile. Quando parli di tinteggiatura esterna se vivi in un condominio o casa indipendente devi rispettare il colore originale, per quanto riguarda il piano casa e' sfruttabile da chi vive in una casa indipendente, in un condominio non è applicabile . Spero di aver fatto cosa gradita.
     
    A od1n0, lucafana, ingelman e 1 altro utente piace questo messaggio.
  7. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Scusa Lucafana, non volevo essere io scortese, ma fra le righe avevo letto qualcosa che mi ha fatto pensare ad un esagerazione. Segui pure il consiglio di luca 71 è stato molto chiaro.
     
    A lucafana piace questo elemento.
  8. lucafana

    lucafana Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao Rosa1968,
    nessuna scortezza e nessuna offesa assolutamente, solo dopo la mia risposta mi sono reso conto che senza specificare che l'immobile in questione è una villetta a schiera indipendente a due livelli, era facile pensare che fossi uno squilibrato :ok: quindi nessun problema, colpa mia.

    Luca71,
    grazie per la tua preziosa risposta. Quindi dopo l'eventuale acquisto posso procedere ai lavori di tinteggiatura interna, rifacimento dei pavimenti,del bagno, della cucina e degli impianti senza alcuna autorizzazione ed anche a livello personale o hobbystico diciamo e casomai magari sarebbe meglio informarmi in comune per la tinteggiatura della facciata, ho capito bene? (scusate sono un pò tardo)....
    Il balcone in questione, premetto che affaccia sul cortile mio privato retrostante. Comunque sarebbe impossibile la possibilità di chiuderlo...cioè non esiste proprio nulla che potrei fare :disappunto: ?
    Grazie a tutti siete davvero gentilissimi e celeri nelle risposte.
    Consigli preziosissimi per chiarirmi le idee. :applauso:
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  9. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Tutto ciò che è esterno al fabbricato, richiede come minimo una comunicazione di inizio lavori. Se si modifica la sagoma o i colori occorre almeno una SCIA che deve essere redatta da un professionista, il quale descrivendo i lavori assevera che questi rientrano nelle norme urbanistiche.
    Per il balcone occorre verificre se sia "concessa" la variante:triste:suppongo si tratti di casa singola enon in condominio).

    Per i lavori interni di una certa rilevanza farei comunque una CIL.

    Anche per i lavori fatti in proprio occorree rispettare le norme di sicurezza
     
  10. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
  11. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    allora anche per abbattere una parete puoi farlo da solo ma devi fare una scia, ma ti devi fare seguire da un geometra che farà una relazione con piantina e delle foto prima e dopo la realizzazione con conseguente variazione al catasto. Per il bagno sicuramente occorre una scia inizio lavori da mettere anche un cartello con inizio e fine lavori, ed anche comunicazione all'amministratore che ti dirà gli orari da rispettare ma non un progetto, sempre che tu non voglia realizzare variazioni
     
  12. lucafana

    lucafana Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Prima di tutto grazie a tutti, siete gentili!!!
    Bene quindi se non ho capito male posso fare tutti i lavori all'interno, che non comportano modifiche alla planimetria, senza bisogno di alcuna autorizzazione. Nel caso della realizzazione del bagno modificando il balcone devo incondizionatamente rivolgermi ad un geometra che porterà lui avanti la pratica e nel caso otterrà i permessi per realizzare il tutto (il costo di tutta la faccenda burocratica qualcuno me lo saprebbe, chiaramente occhio e croce, indicare?) ed infine apporterebbe la modifica in progetto.
    Per la tinteggiatura della facciata, si potrebbe fare senza autorizzazioni ma è sempre meglio chiedere prima in comune ed eventualmente ad un professionista.
    Bè se fin qui ho capito tutto mi avete dato un sacco di buone notizie, grazie :applauso: .
    Per quanto riguarda lo sgravio fiscale, gentilissima Ludovica83, ti ringrazio del link preziosissimo. Il discorso è che facendo io i lavori, limitando la spesa al solo acquisto dei materiali e allo smaltimento in discarica autorizzata delle macerie, il risparmio è tale che il gioco non vale la candela, anche perchè così il denaro mi resta in tasca, nel caso contrario prima lo spendo e poi mi viene rimborsato tramite detrazione fiscale...stando ai miei conti preferirei chiedere lo sgravio una volta passato alla sostituzione (come infatti mi hai fatto notare tu) degli infissi, o all'installazione dei pannelli solari per acqua sanitaria, o di una bella idro a pellet, prodotti che chiaramente no posso fare da solo :^^: .
    Altra cosa scoperta proprio oggi :shock: . Il tetto è in pannelli di eternit che servono per far defluire l'acqua piovana con debita pendenza, ma sotto c'è il solaio in c.a. Sarebbe possibile, smaltito l'eternit, piastrellare il solaio e creare quindi una bella copertura a terrazza o si andrebbe a creare una zona vivibile non presente in progetto?
    (come avrete capito mi piace ottenere il massimo dalle cose :maligno: ).
     
  13. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Guarda che la scia di inizio lavori va fatta e cosi pure il discorso di chiusura altrimenti se vengono i vigili cosa fai!
     
  14. lucafana

    lucafana Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ma questo per quanto riguarda la tinteggiatura della facciata?
    o anche per i lavori interni?
    perchè per i secondi sarei dentro casa e nessuno sentirebbe o vedrebbe nulla....
     
  15. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ma perché non fare le cose inregola!
     
  16. lucafana

    lucafana Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    nooooo certo sono d'accordo con te...scherzi!!! casa appena comprata (speriamo almeno) comune di residenza nuovo, non ci terrei proprio a farmi notare subito in negativo...semplicemente non capivo. Quindi io presento la scia al comune e poi faccio tutto...stop non serve altro (sempre fatta eccezione del bagno nel balcone che quello è un discorso a parte)?
    Che costi ha la scia, o meglio posso fare tutto da solo o serve un tecnico?
     
  17. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Puoi farla da solo se capisci l'italiano...scherzo comunque un geometra di quelli giovani con 300 euro te la presenta ed è esente IVA[DOUBLEPOST=1377642942,1377642934][/DOUBLEPOST]Puoi farla da solo se capisci l'italiano...scherzo comunque un geometra di quelli giovani con 300 euro te la presenta ed è esente IVA
     
  18. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Hai già visto questo?

    http://confappi.it/assets/rubriche/PIANO_CASA_SARDEGNA.pdf

    PIANO CASA SARDEGNA - PROROGA 2013
    La legge regionale n.4 del 16 ottobre 2009, “Disposizioni straordinarie per il sostegno dell'economia mediante il rilancio del settore edilizio e per la promozione di interventi e programmi di valenza strategica per lo sviluppo”, c.d. PIANO CASA è stata prorogata fino al 29 novembre 2013.[DOUBLEPOST=1377643263,1377642982][/DOUBLEPOST]Per il recupero sottotetti:

    Capo III
    Disposizioni in materia di sottotetti e norme finali

    Art. 15
    Utilizzo del patrimonio edilizio
    e recupero dei sottotetti
    1. La Regione Sardegna promuove il recupero a fini abitativi dei sottotetti esistenti nelle zone urbanistiche A, B, C ed E con l'obiettivo di contenere il consumo di nuovo territorio e di favorire la messa in opera di interventi tecnologici per il contenimento dei consumi energetici.
    2. Negli edifici destinati in tutto o in parte a residenza è consentito il recupero volumetrico a solo scopo residenziale del piano sottotetto esistente alla data di entrata in vigore della presente legge.
    3. Si definiscono sottotetti i volumi compresi tra la chiusura orizzontale superiore, anche non calpestabile, dell'ultimo livello abitabile e l'intradosso delle falde della copertura a tetto, localizzati all'interno della sagoma dell'edificio regolarmente approvata con titolo abilitativo, ove prescritto.
    4. Il recupero abitativo dei sottotetti è consentito, previo titolo abilitativo, attraverso interventi edilizi, purché siano rispettate tutte le prescrizioni igienicosanitarie riguardanti le condizioni di abitabilità previste dai regolamenti vigenti, salvo quanto disposto dal comma 5.
    5. Il recupero abitativo dei sottotetti è consentito purché sia assicurata per ogni singola unità immobiliare l'altezza media ponderale di metri 2,40 per gli spazi ad uso abitativo, ulteriormente ridotta a metri 2,20 per spazi accessori dei servizi. Per i comuni posti a quote superiori a 600 metri di altitudine sul livello del mare è consentita rispettivamente la riduzione a metri 2,20 per spazi ad uso abitazione e a metri 2,00 per accessori e servizi. Gli eventuali spazi di altezza inferiore ai minimi devono essere chiusi mediante opere murarie o arredi fissi e può esserne consentito l'uso come spazio di servizio destinato a guardaroba e ripostiglio. In corrispondenza delle fonti di luce la chiusura di tali spazi non è prescrittiva. Il calcolo dell'altezza media ponderale viene effettuato dividendo il volume della parte di sottotetto la cui altezza superi metri 1,50 per la superficie relativa.
    6. Gli interventi edilizi finalizzati al recupero dei sottotetti possono comportare l'apertura di finestre, lucernari, abbaini e terrazzi per assicurare l'osservanza dei requisiti di aeroilluminazione, nonché, nelle sole zone B, sono ammesse modificazioni delle altezze di colmo e di gronda e delle linee di pendenza delle falde, unicamente al fine di assicurare i parametri di cui al comma 5.
    7. Le disposizioni del presente articolo non si applicano negli ambiti territoriali per i quali i comuni, con motivata deliberazione del consiglio comunale, ne dispongano l'esclusione nel termine perentorio di novanta giorni dall'entrata in vigore della presente legge.
    8. Alle disposizioni di cui al presente articolo non si applicano i termini di cui all'articolo 10, comma 4.

    Fonte:
    http://www.regione.sardegna.it/j/v/80?s=127432&v=2&c=6694&t=1
     
    A lucafana piace questo elemento.
  19. lucafana

    lucafana Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino

    spero di riuscirci alla mia età anche se non ne sarei troppo sicuro :innocente: bè comunque per una cifra del genere largo ai giovani :ok:

     
  20. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Chiefi sempre il preventivo e se vuoi risparmiare vedi coloro che sono esente IVA
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina