• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ab.qualcosa

Membro Storico
Agente Immobiliare
Perché la proposta irrevocabile sia valida e valga dunque ad obbligare il proponente, deve essere comunque contestualmente firmata dal locatore
Non è necessaria la firma del proprietario perché la proposta sia valida.
Ovviamente finché non c'è la firma del proprietario non c'è un contratto in essere tra proprietario e conduttore.
Se sulla proposta non è scritto che è irrevocabile o non è citato il relativo comma del CC (1329) allora la proposta può essere revocata.
 

cristian casabella

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Ciao a tutti.

Vi illustro la mia problematica
Sabato ho preso una proposta di locazione, con tanto di assegno di caparra (equivalente ad una mensilità) e firma della proponente. La proposta è irrevocabile per 7 giorni (fino a sabato prossimo). Stamattina mi chiama la proponente dicendomi che vuole sospendere tutto e revocare la proposta (probabilmente perché avrà trovato un'altra offerta più vantaggiosa) e pretendendo che io le riconsegni l'assegno. Il problema è che la proprietaria non ha ancora firmato. Quello che mi lascia perplesso però è il fatto che chi ha firmato la proposta dovrebbe essere vincolato per 7 giorni (termine di irrevocabililità), con la possibilità della proprietaria di poter firmare e dunque perfezionare il contratto. Che cosa posso fare per tutelare il mio operato (ed eventualmente farmi pagare) ? Il contratto, anche se non ancora firmato dalla proprietaria, credo sia comunque vincolante per la proponente e dunque non revocabile.
Attendo vostre delucidazioni.

Grazie.
A me è capitata una cosa simile, proposta con assegno intestato alla proprietà. Accettazione verbale (la proprietaria era all'estero), ho pure (da "pollo") fatto smontare un letto a castello e fatto pulire la casa....
Poi, il proponente dopo varie cordiali telefonate e ulteriori accordi in linea con le sue richieste, ha iniziato a non rispondermi. Non mi neppure risposto al messaggio in cui dicevo che gli avrei riconsegnato assegno senza pretese....

Morale, la proprietaria si è detta fortunata di non aver accettato la proposta del probabile "poco affidabile" inquilino e io lo ho riaffittato dopo 1a settimana
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
La proposta (di acquisto o di locazione), può essere irrevocabile , o no.
Di solito, in ambito immobiliare, la proposta è irrevocabile.
Se è irrevocabile, la revoca non ha alcun effetto , legalmente parlando (art. 1329): quindi il proponente deve attendere la decisione del proprietario.
Naturalmente, specialmente per gli affitti, se il proprietario è stato informato che il proponente ha cambiato idea, meglio non accettare, per evitare grane certe.
Se la proposta non è irrevocabile, può essere revocata in ogni momento , fintanto che il contratto non sia stato concluso, cioè fino a che il proponente ha conoscenza dell’avvenuta accettazione.(art. 1328 cc).
Da non confondere irrevocabilità con validità: una proposta irrevocabile può essere accettata anche dopo il termine dì irrevocabilità, se ancora valida e non revocata.
Per approfondire un po’:
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

RISTRUTTURARE CASA: QUALI SONO I DOCUMENTI NECESSARI
[FEDERPROPRIETA']
RESTRUCTURING HOUSE: WHAT ARE THE NECESSARY DOCUMENTS
[FEDERPROPRIETA']
Scusate castel del piano (Gr)
Alto