1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ccc1956

    ccc1956 Membro Senior

    Altro Professionista
    un utente dice:
    La percentuale dell agenzia di solito non supera il 3% e deve essere pagata solo se effettivamente viene stipulato l' atto di vendita. (rogito)
    poi mette questo link:
    BORSINO IMMOBILIARE agenzia immobiliare a Roma, quotazioni immobiliari, valutazione immobili
    Poi, ad una contestatazione che la provvigione va pagata al preliminare, ribatte :
    qui (Como) non è così, la provvigione viene pagata solo ed esclusivamente se avviene la vendita/acquisto (rogito).
    Voi che ne dite????
     
  2. EnzoDm

    EnzoDm Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Dico che non è così...!
     
  3. ccc1956

    ccc1956 Membro Senior

    Altro Professionista
    infatti......................... ma sono due persone che lo dicono........................
    senza parole:shock::shock:
    ma il problema e' che la maggior parte della gente non lo sa che la provvigione si paga al preliminare.
     
  4. Studio CR

    Studio CR Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ai sensi dell´art. 1754 cod. civ. si qualifica mediatore colui che mette in relazione due o più parti per la conclusione di un affare. Conclusione non significa atto notarile e nemmeno prelimiare di compravendita...
    Il lavoro del mediatore potrebbe finire nel momento in cui avverte il futuro acquirente dell'accetazione, da parte del venditore, della sua proposta di acquisto. Poi, per etica professionale si seguono i contraenti fino al rogito, e sempre in base alle situazioni, si da la possibilità di versare la mediazione o al preliminare o alla stipula del rogito notarile.
     
    A Fratta e Limpida piace questo messaggio.
  5. ccc1956

    ccc1956 Membro Senior

    Altro Professionista
    meno male che chi me lo conferma sa quello che dice...........................a volte si sentono delle inesattezze allucinanti sui vari forum.
    grazie
     
  6. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Quoto StudioCR e per completezza :
    " La Corte di Cassazione - sez. III - con Sentenza 2 Ottobre 2010 - n. 22.273. ha ribadito che se il possibile acquirente e il possibile venditore sottoscrivono un accordo (c.d. compromesso), ma poi per un motivo qualsiasi la compravendita non avviene, questi sono egualmente obbligati a pagare le provvigioni del mediatore.
    Il compromesso non è un contratto di compravendita e giuridicamente ha valenza solo relativa ma, ai fini della mediazione, da pieno diritto all’agenzia di essere pagata.
    Non è rilevante se le parti, successivamente alla sottoscrizione di un accordo concluso grazie all’opera del mediatore, non abbiano poi raggiunto il contratto definitivo. Per il mediatore è sufficiente che le parti dichiarino la loro intenzione a concludere un contratto di compravendita immobiliare e non è richiesto che poi il contratto si verifichi concretamente.
    Indicativamente la percentuale dovuta al mediatore è pari al 3% ma può essere applicata una diversa misura.
    Inoltre al mediatore spetta, in ogni caso, il rimborso spese, art. 1756 codice civile."
     
  7. Eusto

    Eusto Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Ragazzi se aspettiamo il rogito andiamo a finire sotto i ponti!!
    Io ultimamente mi sto facendo pagare all'accettazione della proposta.
    Quando mi viene accettata convoco in sede i clienti per il ritiro della proposta accettata e mi faccio intestare l'assegno.
    In alcuni casi i clienti fanno tutto mutuo allora aspetto l'atto notarile...ma la provvigione dal proprietario la prendo.
     
  8. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Questo utente ha sbagliato nell'affermare cose assolutamente non vere.

    Che questo utente è assolutamente all'oscuro della materia che si sta discutendo.
    Como fa parte dell'Italia ed in Italia vige quanto affermato da StudioCR e Studiopci.
     
  9. ccc1956

    ccc1956 Membro Senior

    Altro Professionista
    io sono d'accordo con te e questo utente dice anche:
    accettazione della proposta di acquisto e compromesso non sono la stessa cosa e se leggi qualche post indietro (#82) vedrai nel link che la semplice accettazione della proposta di acquisto non dà diritto alla richiesta di provvigioni da parte del mediatore (è la stessa Cassazione ad affermarlo), in quanto fino a quel momento l'affare non può considerarsi concluso.
    Può darsi che in alcuni posti, convenzionalmente si ritenga che l'affare si concluda con il compromesso, in realtà, fino alla conclusione dell'affare, e dunque al rogito, l'agente/mediatore non ha diritto ad alcuna provvigione.
    Aggiunto dopo 2 minuti :
    Giusto, il codice civile è uno solo e anche la lingua italiana è una sola. Concludere un affare vuol dire che l'affare viene perfezionato.
    Cosa devo rispondergli????
    Ti mando in privato il link - e' un grosso forum - dove questo sta parlando.
    ciao
     
  10. Eusto

    Eusto Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Scusate ma l'affare si conclude quando noi Agenti Immobiliari facciamo mettere daccordo le 2 parti.
    Ma se per qualsiasi ragione dopo l'accettazione della proposta da parte del proprietrio l'acquirente si tira indietro noi cosa facciamo??
    A mio avviso ritengo opportuno che le nostre spettanze ci vengano date all'accettazione della proposta d'acquisto!!!
    CI DOBBIAMO BATTERE PER QUESTO!!!
     
  11. gcaval

    gcaval Membro Attivo

    Altro Professionista
    Ma cosa stai dicendo? Giuridicamente non conta se su un contratto il titolo riporti compromesso, preliminare o quant'altro. Contano i contenuti e conta il fatto che le parti stanno firmando un contratto ad effetti obbligatori (e non reali). Idem per la proposta d'acquisto.

    Il mediatore ha il sacrosanto diritto di richiedere la provvigione (in termini di legge, eticamente potrebbe essere diverso se ha agito in maniera subdola, ma è un'altra storia), qualsiasi cosa succeda dopo, proprio perché il contratto si ritiene concluso nel momento in cui chi ha fatto la proposta ha conoscenza dell'accettazione dell'altra parte (art. 1326 c.c.)

    Il mediatore ha comunque diritto alla provvigione anche se poi dovessero sorgere contenziosi tra le parti o una di queste non volesse più procedere con l'acquisto definitivo (rogito), a meno che non abbia taciuto cose rilevanti a danno di una delle parti.

    Però, per favore, basta con questa storia che la proposta o addirittura il compromesso non hanno un effetto obbligatorio. Cosa significa che il compromesso ha valenza relativa?

    A voler essere pignoli, poi, segnalo anche la differenza tra preliminare e compromesso (Cass. civ. 23 agosto 1997, n. 7935):

    "Il compromesso si differenzia sostanzialmente dal preliminare di compravendita; con quest'ultimo le parti si impegnano a stipulare il contratto definitivo di compravendita non volendo che i suoi effetti si producano immediatamente, mentre nel compromesso, meglio definito contratto di vendita con effetti obbligatori, non è necessaria una nuova manifestazione di volontà delle parti inerente al trasferimento della proprietà dell'immobile, convenendo queste solo il differimento dell'adempimento notarile in successivo momento" (tratto da: G.V. Tortorici - Comprare e vendere un appartamento - Edizioni FAG Milano)

    Attenzione: la differenza è nei tempi in cui si producono gli effetti obbligatori. Entrambi sono contratti ad effetti obbligatori. Il compromesso, quindi, da quanto si evince, è una forma "più forte" del preliminare.
     
  12. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    La Giurisprudenza e la Corte di Cassazione hanno ribadito più volte che " nella mediazione ( in generale ) il diritto alla maturazione ed al pagamento delle spettanze è dovuto al momento della conclusione " provata" dell'affare. Nel caso specifico del ns campo , nel momento in cui viene redatta una proposta di acquisto, questa viene accettata per iscritto, trasmessa al compratore ed accettata dal compratore , il cerchio si è chiuso e c'è la prova provata di intenzione ad acquistare l'immobile per cui il mediatore ha maturato il diritto al pagamento delle commissioni. Altro discorso è la validita giuridica della proposta di acquisto tra le parti, questo è materia di continuo bailamme e comunque a noi non interessa ( nel caso specifico ). Salvo diverse pattuizioni scritte e / o riportate nell'incarico o nella proposta il diritto al pagamento delle provviggioni matura al momento in cui si definisce la volontà di compravendita. Per cui dovremmo essere pagati alla accettazione della proposta di acquisto da parte del compratore, molto spesso per quieto vivere ci facciamo pagare al compromesso anche perchè di solito dista pochi giorni dall'accettazione. Questa definisce la giurisprudenza poi siamo in Italia .
     
  13. Eusto

    Eusto Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Ma cosa va PROVATA una volta che hai messo daccordo le parti all'accettazione della proposta d'acquisto!!!
     
  14. gcaval

    gcaval Membro Attivo

    Altro Professionista
    E su questo siamo perfettamente d'accordo, credo di averlo ampiamente sottolineato

    Questa tua frase la giudicherà chi legge, e spero non siano tuoi clienti, che potrebbero sentirsi poco tutelati e interpretare che ciò che ti interessa è solo incassare. Ma sono certo che non volevi dire questo.

    I diritti dei clienti innanzitutto...
     
    A sopranoprimo piace questo elemento.
  15. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Scusa Eusto va provata la volontà di Compravendita delle due parti, ed l'iter esatto della proposta di acquisto ti da proprio questo, in mancanza devi fornire prove diverse. Purtroppo nei procedimenti legali ci volgiono prove senza le quali difficilmente la spunti.

    Aggiunto dopo 6 minuti :

    Assolutamente il mio " e questo a noi non interessa ( nel caso specifico ) " era riferito solo alla discussione sul diritto alla maturazione del compenso altrimenti dovremmo cominciare una tiritera assurda. Purtroppo appartengo alla schiera degli Agenti Immobiliari fessi ed onesti ( tanti meno male ) che si fanno tanti scrupoli e pochi soldi .:confuso:
     
    A Limpida piace questo elemento.
  16. gcaval

    gcaval Membro Attivo

    Altro Professionista
    Non era affatto mia intenzione dare un giudizio di merito, ma hai fatto bene a chiarire una frase un po' equivoca. Grazie.
     
  17. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Purtroppo sono affetto dalla Sindrome dell'Agenti Immobiliari a cui piace molto parlare ma poco scrivere :D:D:D:D per cui a volte posso commettere errori di esposizione :risata::risata::risata::risata:
     
  18. Eusto

    Eusto Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Scusa studiopci ma la volontà c'è quando viene accettata da entrambi!Il seguito a noi non interessa mica possiamo fare gli PSICOLOGI!!!
     
  19. stefcol

    stefcol Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    quindi volendo dopo il pagamento della provvigione all'agenzia per la mediazione, e la sottoscrizione del preliminare (compromesso) l'acquirente puo' rivolgersi direttamente al venditore se entrambi sono d'accordo?
     
  20. Eusto

    Eusto Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    L'acquirente può rivolgersiper qualsiasi domanda anche prima di avere firmato una proposta d'acquisto al venditore mica è vietato!!
    Questo è sinonimo di trasparenza da parte dell'agente immobiliare
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina