1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Thesoldier87

    Thesoldier87 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti sono qui per esporre la mia situazione e porre un quesito.

    PS
    Faccio un resoconto dei proprietari dell'immobile:
    - dal 1992 al 2012 TIZIO
    - dal 2013 al 28 gennaio 2016 CAIO
    - dal 29 gennaio 2016 IO.

    Dopo aver preso visione di un immobile tramite agenzia immobiliare, pratica, mutuo, ecc arriviamo al 29 gennaio, data in cui divento proprietario di un immobile, dopodichè permetto ai venditori di restare un ulteriore mese in casa per un compenso di 400 Euro. Dopo aver preso possesso dell'immobile, mi viene consegnato l'immobile e fin qui tutto bene.
    Dopo qualche giorno mi reco dall'amministratore per conoscerlo e capire la situazione (assicurazione condominio, rata mensile ecc). Lo stesso amministratore all'incontro mi fa presente che ci sono dei "lavori straordinari" deliberati da assemblea nel 2012(proprietario TIZIO), sospesi, e poi "ri-deliberati" nel 2015 (proprietario CAIO et anno in cui non sono proprietario dell'immobile) e che quanto prima devo provvedere al saldo della quota restante (circa 3000 Euro a fronte dei circa 5000 di cui 2000 già versati da TIZIO nel 2012), mi comunica altresì che spetta assolutamente a me saldare la quota;cosa alquanto strana non sapere le regole per un avvocato/amministratore (malafede?).
    Dopodiché mi sono informato che dei lavori straordinari ne risponde chi è proprietario al momento della stipula era proprietario al momento della delibera dell'assemblea (TIZIO prima, CAIO poi).
    Ieri incontro l'amministratore che mi informa che la quota restante (3000 Euro), devo intanto versarli io e poi rivalermi sul vecchio proprietario (rivalermi su TIZIO o su CAIO).
    Adesso non saprei come comportarmi visto che già ho fatto un esoso investimento per l'immobile.

    Il miei quesiti:
    1. Come comportarmi? Versare effettivamente la quota restante e poi rivalermi sui vecchi venditori?
    2. Se verso la quota, a questo punto posso rivalermi su vecchi proprietari (malafede per non avermi avvisato dei lavori), amministratore (il quale non mi ha assolutamente tutela e che anzi pretende la quota da me e tempestivamente), e AGENZIA IMMOBILIARE (assolutamente scorretta per avere più facilità nella vendita dell'immobile)?
    Sono molto confuso a riguardo e non so il comportamento da tenere.

    Attendo qualche buon consiglio da tutti i naviganti del forum.
    Grazie.
     
  2. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    1- si l'amministratore fattura a te e tu ti devi rivalere su Tizio e/o Caio
    2- la rivalsa può essere sui proprietari, sull'amministratore puoi fare poco visto che non hai nessuno scritto e/o testimone attendibile in cui lui dichiara il contrario,

    Dell'operato dell'agente non parlo, a mio avviso la conoscenza di debiti verso il condominio dovrebbe rientrare nella minima diligenza. Purtroppo serve una causa per avere ragione.
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  3. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Concordo col collega @Tobia.

    Aggiungendo che l'amministratore, e' esulato da ogni responsabilita', per effetti scaturiti da te stesso.

    Infatti in sede di rogito, hai dichiarato di conoscere ed approvare, il regolamento di condominio e cio' costituisce l'obbligo giuridico.

    Ogni altra azione, che vorrai intraprendere, nei confronti di tizio e caio di sorta, puo' e deve essere attivata solo successivamente al pagamento degli obblighi.

    Avresti dovuto prima, esaminare i carteggi e le pendenze condoniniali e, nel caso, defalcare quelle somme dal saldo prezzo di acquisto, destinandole all'amministrazione condominiale.

    La stessa procedura, che ti e' stata qui sueggerita, con l'accortezza di non dover rincorrere nessuno.
     
  4. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ma non è stata chiesta la liberatoria delle spese condominiali ordinarie e straordinarie?
     
    A Tobia e elisabettam piace questo messaggio.
  5. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Evidentemente no.
    E qui anche il notaio ha le sue responsabilità...
     
    A Rosa1968 e PyerSilvio piace questo messaggio.
  6. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Domanda: ma e' proprio un obbligo del notaio o solo una sana consuetudine?
     
  7. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Oggettivamente, credo una sana consuetudine, ormai diventata prassi da qualche anno.
     
    A PyerSilvio, Rosa1968, miciogatto e 1 altro utente piace questo messaggio.
  8. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Il notaio deve inserire in atto e disciplinare le spese condominiali e consegna la liberatoria all'acquirente che é stilata dall'amministratore. Quindi ha anche lui la sua responsabilità.
     
  9. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Infatti, ma, come dicevo, non mi sembra che ci sia nessun riferimento legislativo...
     
  10. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Però la chiedono. In realtà non lo so neanche io ma con la riforma del condominio vedo che inseriscono proprio la frase in atto.
     
  11. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Ho fatto la domanda specifica perche' mi e' capitato.

    Due anni fa, come venditore, ho ceduto un appartamento in condominio senza la detta liberatoria. O meglio non feci in tempo perche' il rogito fu anticipato di una settimana all'improvviso e non feci in tempo ne' a saldare le ultime rate residue ne' a ricevere la liberatoria per tempo.

    Inoltre c'era una situazione di contenzioso con un fornitore del condominio e sapevamo che sarebbero sicuramente arrivate delle spese da pagare ma che nessuno poteva quantificare (se non a spanne) al momento. ( e quindi la liberatoria sarebbe stata parziale, salvo questo problema)

    Il notaio ha inserito nell'atto che tutte le spese condominiali maturate fino a quel giorno sarebbero state a mio carico.

    Ma ha anche provveduto ad avvisare, a voce, che con quella scrittura poco avrebbe potuto fare nei miei confronti se mi fossi poi rifiutato di pagare.

    Non ci fu alcun problema, era una promessa che avevo gia' fatto al mio acquirente e si e' fidato, eravamo in ottimi rapporti.

    E nel mio caso ha fatto bene: ho ovviamente saldato sia le rate residue, sia la rata che arrivo' dopo qualche mese per il contenzioso.
     
    A Rosa1968 e Bagudi piace questo messaggio.
  12. Thesoldier87

    Thesoldier87 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Scusate il ritardo.
    Innanzitutto ringrazio tutti quelli che hanno risposto.

    Quesito 1.
    Ho appena trovato la proposta di acquisto dell'Agenzia di mediazione (non so se posso citarla), e nella descrizione dell'immobile, PUNTO P, è dichiarato che NON ci sono spese straordinarie già deliberate.

    Io magari avrò le mie responsabilità, ma in questo caso il venditore ha dichiarato il falso e il mediatore non si è assicurato della veridicità ne dell'esattezza dei dati inseriti. E quindi?

    Quesito 2.
    ".......qualora venditore e compratore non si siano diversamente accordati in ordine alla ripartizione delle relative spese, è tenuto a sopportarne i costi chi era proprietario dell'immobile al momento della delibera assembleare che abbia disposto l'esecuzione dei detti interventi, avendo tale delibera valore costitutivo della relativa obbligazione; di conseguenza, ove le spese in questione siano state deliberate antecedentemente alla stipulazione del contratto di vendita, ne risponde il venditore, a nulla rilevando che le opere siano state, in tutto o in parte, eseguite successivamente, e l'acquirente ha diritto di rivalersi, nei confronti del medesimo, di quanto pagato al condominio per tali spese, in forza del principio di solidarietà passiva di cui all'art. 63 disp. att. c.c. ".

    Per quanto riguarda la parte evidenziata, se io ancora devo sostenere le spese, posso rivalermi in anticipo nei confronti del venditore?
    In parole povere, io vorrei che se la sbrigassero amministratore e chi ha deliberato i lavori. Stop!

    Grazie
     
  13. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ehi, @miciogatto oggi è il tuo compleanno !!!

    Auguroni !!!:stretta_di_mano::fiore::birra::festa::regalo::torta:
     
  14. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Siiii!

    Grazie Silvana!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina