1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ICEBREAKE

    ICEBREAKE Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Salve,

    dopo estenuanti ricerche io e la mia fidanzata abbiamo trovato una casa da fittare in Roma con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Tutto sarebbe perfetto se non per il fatto che il locatore è disposto solo ad affittare con contratto a studenti, presumibilmete per l'ulteriore detrazione del 30%.

    Io sono un libero professionista mentre la mia fidanzata si è appena laureata alla Sapienza ed ha le tasse pagate all'universita' sino al 30 novembre 2010.

    Può lei sottoscrivere il contratto transitorio per studenti fuori sede, di 36 mesi, dato che al momento della stipula risulta ancora studente.

    Il contratto verrebbe a mancare il 20 novembre 2010, al cessare degli studi o alla scadenza del contratto stesso es. 01 ottobre 2013?

    grazie in anticipo

    Cordiali saluti

    PG
     
  2. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Mah, non so che dirti. Certo, indispensabile, è che al momento del contratto l'inquilino sia iscritto all'università, ..però nel tuo caso, ...un contratto di 36 mesi... mi lascia un po' perplesso. Io piuttosto ti suggerirei di proporre un contratto 3+2: è aperto a tutti e il proprietario manterrebbe le agevolazioni fiscali.
     
  3. barsotti armando

    barsotti armando Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    certamnete si tanto il problema resta acarico del proprietario locatore che in sede di eventuale contenzioso davanti al giudice si vedrà trasformare tale contratto transitorio studenti in un contratto a canone libero durata 4+ 4 quindi senza agevolazioni
     
  4. ICEBREAKE

    ICEBREAKE Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    grazie per le prime risposte.

    da parte mia non ho nessun problema a sottoscrivere qualsiasi tipo di contratto, è il locatore a volere fittare a studenti ed io non vorrei perdere questo bell'appartamento.

    il contratto 3+2 per il locatore ha gli stessi sgravi di quello studentesco?

    che voi sappiate le autorità controllano l'iscrizione all'università solo al momento della stipula o anche durante la sua durata?

    grazie in anticipo e colgo l'occasione per porgere cordiali saluti

    PG
     
  5. Umb

    Umb Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Caro Rompi-ghiaccio

    sono d'accordo con Enrikon, sarebbe utile suggerire il 3+2, le agevolazioni per il locatore crescono e voi sareste più tranquilli dal punto di vista etico,
    se però la sua fidanzata proseguisse presso l'università come ricercatrice o altro il contratto transitorio si potrebbe fare, è da ricordare che altro requisito per il contratto transitorio è che siate ( in caso di cointestazione) entrambi residenti fuori dal comune nel quale sai trova l'immobile di vostro interesse.

    corsialità
    Umb.
     
  6. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Concordo con Enrikon....il 3+2........quello per studenti può creare rogne al proprietario ed a voi che vi qualificate studenti senza esserlo.
    I controlli non sono così esasperati.....per mancanza di controllori...............ma c'è il rischio di essere sorteggiati...........a campione....
     
  7. ICEBREAKE

    ICEBREAKE Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    grazie ancora,

    anche io preferirei un 3+2

    potreste dirmi le agevolazioni per il proprietario con questo tipo di contratto e quelle per un contratto studentesco in modo

    da poterle esporre al proprietario.

    Rinrgrazio anticipatamente.

    Cordiali Saluti

    PG

    Aggiunto dopo 44 minuti :

    ps

    magari se potreste aiutarmi con le cifre sarebbe magnifico

    la locazione è di 800 euro al mese più 70 di condominio più consumi elettrici

    grazie
     
  8. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Li pubblico tutti così hai un'idea più chiara:
    LIBERO- CONCORDATO- TRANSITORIO- A STUDENTI CONTRATTO DI AFFITTO LIBERO.
    LIBERO
    Questo tipo di contratto è caratterizzato da una durata di 4 anni rinnovabile per lo stesso periodo e per la cifra mensile da concordare liberamente tra locatore e conduttore. In caso di disdetta del contratto il conduttore dovrà avvisare il locatore a mezzo raccomandata A/R con un preavviso di 3 mesi. Inversamente, il locatore che ha la necessità di liberare il locale di sua proprietà dovrà comunicare tale decisione al conduttore con un preavviso di 6 mesi.
    CONTRATTO DI AFFITTO CONCORDATO
    Ha una durata di 3 anni rinnovabile per altri 2. Mentre con il contratto di affitto libero l'importo dell'affitto mensile è liberamente stabilito dal proprietario dell'immobile, il contratto concordato prevede di decidere tale mensilità in base alle tabelle stilate tra l'unione inquilini ed il comune. Per i proprietari che risiedono in zone ad "alta tensione abitativa" e che accettano il canone moderato, questo tipo di contratto prevede sgravi fiscali del 30% sulle imposte sul reddito e agevolazioni sull'imposta di registro.
    CONTRATTO DI AFFITTO TRANSITORIO
    Questo tipo di contratto prevede una specifica giustificazione per essere stipulato ed ha una durata massima di 18 mesi, al termine dei quali decade automaticamente. Il locatore che usufruisce di questo tipo di contratto non può beneficiare di sgravi fiscali e la rata mensile dell'affitto viene stabilita grazie ad apposite tabelle dell'organizzazione proprietari e inquilini e del comune.
    CONTRATTO A STUDENTI
    E' un tipo di contratto con durata massima di 36 mesi rinnovabile per lo stesso periodo. Può essere intestato contemporaneamente a più persone con lo stesso criterio dell'acquisizione di tabelle specifiche per quanto riguarda la rata mensile. Per i locatori che usufruiscono di questo contratto sono previsti sgravi fiscali del 30% sulle imposte sul reddito e agevolazioni sull'imposta di registro.I dettagli:Gli studenti devono essere iscritti regolarmente al corso di laurea fuori dal Comune di appartenenza. Ciò implica che non ha diritto a questo tipo di contratto lo studente "fuori corso" e nemmeno quello che volesse andare a vivere da solo nel proprio Comune di residenza, o solamente avvicinarsi all'università nello stesso Comune.
    I punti essenziali:
    - obbligo di residenza al di fuori del Comune;
    - obbligo di regolare iscrizione ad un corso di laurea;
    - durata compresa obbligatoriamente fra i sei e i trentasei mesi;
    - rinnovo automatico, salvo disdetta anticipata;
    - possibilità di recesso da parte del conduttore (inquilino) "per gravi motivi";
    - possibilità di recesso parziale per l'inquilino che abiti assieme ad altri inquilini: questo vuol dire che è previsto che più studenti possano vivere assieme, e che se uno solo se ne va il contratto rimane valido per gli altri: ognuno è responsabile per la propria parte;
    - proibizione della sublocazione (cioè il subaffitto);
    - consegna dell'immobile con verbale o comunque con descrizione analitica delle sue condizioni di conservazione;
    - produttività di interessi annuali sul deposito cauzionale che non deve superare le tre mensilità;
    - applicazione degli articoli 9 e 10 della legge 392/78 per quanto riguarda gli "oneri accessori" (cioè la ripartizione delle eventuali spese condominiali).
     
  9. ICEBREAKE

    ICEBREAKE Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    grazie mille gentilissimo

    spero di convincere il proprietario
     
  10. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Icebreak, non so se hai letto (e compreso) tutto il post di Antonello; ad ogni buon conto, riassumendo, sotto il profilo economico e fiscale, per il proprietario non fa alcuna differenza affittare a studenti o con il 3+2. Solo che con il 3+2 firmerebbe un contratto sulla carta più lungo. Tutto qui.

    Aggiunto dopo 5 minuti :

    Per quanto riguarda gli incentivi fiscali a favore del proprietario (per entrambi i contratti):
    - 30% di sconto sull'imposta di registro (anche per l'inquilino).
    - In denuncia dei redditi dichiara solo il 60% del canone di locazione; quindi, se non ho fatto male i conti, pagherebbe le tasse su 480 euro.
    - Sconto sull'ICI a discrezione del comune ove è ubicato l'immobile (per quello che ne so, ci sono dei comuni che lo applicano ed altri no).
    Ciao
     
  11. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ma non può il proprietario far sottoscrivere che i due sono studenti universitari quando non lo sono.
    Quindi l'unico che rimane con gli incentivi è il.....3+2.................
     
  12. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    No, ma infatti, in quel caso, il contratto andrebbe intestato solo alla ragazza.
    Comunque sono d'accordo con te: loro non rischierebbero nulla ma il proprietario - in caso di una verifica (improbabilissima ma pur sempre possibile) - potrebbe vedersi tramutare il contratto in un 4+4.
    Insomma, sarebbe una soluzione un po' pasticciata. Secondo me, se al prop. viene spiegato bene il 3+2, non dovrebbe avere problemi ad accettarlo.
     
  13. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
     
  14. ICEBREAKE

    ICEBREAKE Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    vi terrò aggiornati

    grazie ancora per i consigli
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina