1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Allego un articolo che mi sembra importante per la nostra categoria.

    Silvana


    Nasce l’anagrafe degli immobili
    Saranno allineate le informazioni del catasto e quelle di pubblicità immobiliare

    L’Agenzia del Territorio ritrova il suo ruolo. Con la manovra si formalizza una virata funzionale che era già nei fatti ma che adesso trova una sanzione ufficiale e, soprattutto, gli strumenti legislativi per un lavoro di ampia prospettiva.
    Il catasto resta saldamente in mano all’Agenzia ( e l’attribuzione della rendita esce dalla sfera d’influenza comunale) e il Territorio vede fortemente valorizzato il suo ruolo come spiega il direttore Gabriella Alemanno.
    Il DL 78/2010, all’articolo 19 dedica il primo comma alla nascita dell’Anagrafe immobiliare. “ Si tratta di un work in progress – spiega Gabriella Alemanno – che consiste nel realizzare un allineamento tra le banche dati del catasto e quelle della pubblicità immobiliare. E’ in atto una semplificazione che, in prospettiva, rappresenta un progetto di grande respiro ed interesse”. L’Anagrafe verrà messa a disposizione dei comuni ma, afferma: “ si devono creare nuove regole per l’accesso, dato che è un soggetto nuovo. Per questo si dovrà pensare anche ai dati planimetrici, magari riservati al solo proprietario o titolare di diritti reali”.
    Concretamente, dice Gabriella Alemanno, sarà “ una visura con valenza fiscale e non solo civilistica. L’immobile sarà identificato sia con i dati catastali che con quelli dei proprietari o intestatari dei diritti reali di godimento”.
    Cambia radicalmente la prospettiva del ‘catasto ai comuni’ sorretta soprattutto dal Dpcm del 14 giugno 2007, arenatosi da mesi sulla questione della partecipazione dei Comuni all’attribuzione delle rendite.
    “ Il Dpcm – dice il direttore Alemanno – era un provedimento attuativo: questa è una norma primaria, c he incide sui meccanismi delle funzioni catastali. Di fatto il Dcpm può ritenersi superato perché da una parte le procedure sono state informatizzate e, nello stesso tempo, l’ultima sentenza del Tar Lazio impone regole e principi, applicazione di sanzioni e attività di controllo per il rispetto di queste regole. E ora c’è una precisa impostazione su come si vogliono gestire le funzioni catastali. Ma si deve attendere il Decreto dell’Economia per le regole tecnico giuridiche.”
    In ogni caso il Territorio deve provvedere a quasi tutto: dai rilievi topografici al controllo della qualità delle informazioni catastali, alla gestione delle banche dati, dell’infrastruttura tecnologica per il Mud ( modello unico digitale per l’edilizia) e dell’Anagrafe tributaria, alla vigilanza sulle fasi di registrazione accettazione degli atti, l’unica che sarà svolta in forma partecipata con i comuni. &ldquo ; Ma per i comuni più evoluti – prosegue Gabriella Alemanno – c’è anche la possibilità di partecipare alla determinazione della rendita proprio attraverso questa fase. Certo ci vorrà una nuova opzione da parte dei comuni. Comunque porremo in essere regole condivise per la gestione partecipata. Noi vogliamo che i comuni abbiano la possibilità di proporre dei miglioramenti”.
    Certo in questo contesto la ‘devoluzione’ ai comuni del personale dell’agenzia ( prevista dal Dcpm del 2007) sembra davvero improbabile.
    Il Dl 78/2010 stabilisce una regolarizzazione per gli immobili ‘fantasma’ che il Territorio ha rilevato con i rilievi aerofotogrammetrici. Il termine è il 31 dicembre. “ Chi adempirà in forma spontanea avrà la sanzione in misura minima” assicura il direttore del Territorio. Se invece l’Agenzia dovrà fare l’accatastamento d’ ufficio ci sarà ( e questo è un fatto nuovo) la rebndita presunta.
    “ Stiamo studiando sulel convezioni con le associazioni di categoria per raggiungere al meglio l’obiettivo”
    Ma il direttore lascia intendere che l’agenzia potrebbe farcela da sola: “ Il Dl 78 attribuisce al Territorio gli stessi poteri delle Entrate, ma l’accesso all’immobile domicilio fiscale può essere autorizzato solo dall’autorità giudiziaria. Però il calcolo delal rendits presunta sia può fare anche dall’esterno, saranno poi i contribuenti a presentare l’aggiornamento”.
    I tempi rischiano di essere lunghi. “ Dobbiamo confrontarci con gli adempimenti spontanei, il trend, già adesso buono, migliorerà sicuramente molto”.

    Tratto da Il Sole 24 Ore
     
    A il Custode, Alessandro Frisoli e leonard piace questo elemento.
  2. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
  3. Procicchiani

    Procicchiani Membro Attivo

    Amministratore di Condominio
    un tempo ormai molto lontano esisteva solo l'enel per la luce e si pensò <se chiediamo ad ogni utente di comunicare all'enel gli estremi del proprietario con relativo c.f. troviamo gli immobili abbusivi>
    e ci siamo messi in fila per fare questa cosa
    eppure vi posso assicurare che mi capitano in mano tantissime bollette luce dei condomini, non intestate al condominio e senza l'indicazione del cf corretto, risultato facendo un incrocio fra numero ascensori come risultano alle multinazionali kone & co, l'ag delle entrate e dati enel, gli ascensori sono molto più numerosi !!!!

    poi si inventarono il numero interno, installato dal comune, sempre per trovare le u.i. abbusive 25€ a porta:occhi_al_cielo:

    poi ci sono le rilevazioni aeree/spaziali o non sò quale altra diavoleri .... ma se poi fai il condono o comque non li abbatti a che serve ?

    ora anche l'incrocio con le pubblicità immobiliari :disappunto::disappunto::disappunto:

    :rabbia:
     
  4. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Io sanzionerei i Comuni in cui si trovano gli edifici abusivi, per la semplice ragione che nessuno può credere che io edifico un fabbricato, ci metto magari 18 mesi, e nessuno se ne accorge....:rabbia:

    Non ci credo neanche se lo vedo !

    Così invece di fare cose semplici, che normalizzerebbero su due piedi l'abusività totale, si inventano cose che andrebbero benissimo se tutto funzionasse come deve, ma siamo in Italia e lo scollamento è totale !!!!:disappunto:

    Sembra che al governo vivano tra le nuvole....

    Ma possibile che a nessuno venga in mente di controllare prima se è possibile quanto legiferano e valutino meglio i problemi dei cittadini normali che possiedono una casa normale e si trovano a non poterla vendere, NON PER COLPA LORO ??????

    Queste cose mi fanno andare giù di testa :disappunto::disappunto::disappunto:

    Silvana
     
  5. leonard

    leonard Membro Senior

    Altro Professionista
    ........... l'abusivismo è quasi sempre la risposta alle esigenze e bisogni reali di imprenditori e gente che il più delle volte non sà come soddisfare necessità primarie sopratutto in certe aree "tutelate dalla "schizzofrenia" legislativa..............:^^::^^::^^:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina