1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. momikk

    momikk Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ho registrato un preliminare di vendita e versato caparra. Posso pretendere che al momento del rogito il venditore mi produca certificato di agibilità anche se l'alloggio è costruzione ante 67? Lui mi dice che basta la sua dichiarazione (che ante 67, non eseguito lavori, ecc) ma io posso pretendere il certificato di agibilità lo stesso? Grazie, mi accontento anche di un parere al volo,purchè da persona competente. mi è proprio urgente. Grazie.
     
  2. proge2001

    proge2001 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Sarà il notaio in sede di rogito a far dichiarare al venditore, sotto la propria responsabilità penale, che l'immobile è ante 67 ( se non ricordo male la legge che ha stabilito questo è la 47/85). Considera che questa è una dichiarazione in atto pubblico ed è assolutamente valida sia per il notaio in sede di stipula che per la banca per l'erogazione del mutuo. Naturalmente dovrai accertarti che dopo tale data non siano state effettuate opere che abbiano richiesto il rilascio di autorizzazioni o concessioni edilizie e che la planimetria catastale corrisponda allo stato di fatto.
     
  3. Birillo

    Birillo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
  4. momikk

    momikk Membro Junior

    Privato Cittadino
    rogito e abitabilità

    La ringrazio per la celerità :)
    Vorrei però sapere se io posso avere diritto lo stesso al certificato di agibilità e non solo la dichiarazione di cui sopra. Questo perchè secondo me l'mmobile non ne ha i requisiti e questo ovviamente incide molto sul prezzo. Il venditore continua a dichiarare che è agibile, posso pretendere il certificato in sede di rogito??
     
  5. Birillo

    Birillo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Se ritiene che l'immobile non abbia le caratteristiche di agibilità significa che molto probabilmente lei andrà a ristrutturarlo. Per far cio' dovrà quindi incaricare un tecnico abilitato e maestranze regolarmente iscritte per l'esecuzione dei lavori. Al termine sarà il tecnico incaricato a preparare tutta la documentazione per l'ottenimento dell'agibilità. Va da sè che i lavori che lei andrà a fare saranno sempre finalizzati all'ottenimento di detto certificato. La dichiarazione di cui sopra nel mentre solleva lei ed il notaio dalla presentazione del certificato scarica le responsabilità al venditore, ma nel contempo il notaio inserirà in atto che l'ottenimento della agibilità sarà poi a sua cura e spese. E' quello infatti che le spiegavo all'inizio anche in un'ottica di rivendibilità dello stesso immobile.
     
  6. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Per quanto mi riguarda consiglio sopralluogo di un tecnico che rediga una Relazione di conformità da allegare all'atto.
    Parliamo di una cifra intorno ai 500€ a fronte di una spesa di svariate migliaia.
    Il tecnico farà sopralluogo in casa e poi una verifica in Comune per avere la certezza che quel fabbricato sia sempre stato abitazione e non ci siano pratiche edilizie che lo riguardano.
    Se il tecnico non trova niente allora vale la dichiarazione del proprietario altrimenti le cose cambiano.
    Allo stato attuale non puoi avere l'attestazione di agibilità perché per redigerla servono alcuni parametri che la casa sicuramente non ha (conformità impianti, rapporti aereo illuminanti, altezza solaio-pavimento ecc.); però se è nata come abitazione e non ha subito modifiche l'agibilità è insita nella dichiarazione (pensa altrimenti a tutte le case dei centri storici che con gli standard attuali non otterrebbero mai l'agibilità ma di fatto ce l'hanno).
     
  7. proge2001

    proge2001 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Si lei ha diritto ugualmente a richiedere il certificato di agibilità ma occorre sapere altri dati. Ad esempio l'anno di costruzione dell'immobile; infatti ci sono alcuni immobili di vecchissima costruzione che non hanno tale certificato.
     
  8. momikk

    momikk Membro Junior

    Privato Cittadino
    Salve Roberto, grazie per la risposta esauriente. Io ho molte perplessità in quanto si tratta di un monolocale che mi è stata venduto in premessa come abitabile e con permesso di costruzione bagno interno (mi son fidata sulla parola essendo i venditori stretti conoscenti) mentre ora che l'ha vista un geometra salta fuori che il bagno non si potrà quasi certamente fare che mancano i requisiti dell'ab itabilità, che ufficio igiene non rilascerà autorizz.sia per l'altezza (poco più di 2 m e per il volume 21 mq). Io non ci capisco più nulla. Il geom. dice che non accoglieranno la richiesta di costruire un bagno interno con questi parametri. Io ho letteralmente strapagato questo monolocale, la banca non mi eroga mutuo senza cert. abitabilità. e io voglio annullare questa transazione perchè non potrò certo abitare in un monolocale in cui nessuno mi autorizzerà lla costruzione di un bagno. Posso invocare la presentazione del certificazione di agibilità come requisito essenziale per il rogito? Ho letto che il rogito si può fare senza ma l'acquirente ha diritto di esigerlo pena annullamento vendita se non viene presentato.
     
  9. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Con i requisiti da te descritti non credo che quell'immobile possa mai essere stato adibito ad abitazione.
    Si puoi richiedere l'attestazione di agibilità per scopi abitativi come documento essenziale.
    fai presente ai venditori che nel caso in cui emergesse una dichiarazione mendace in atto (immobile dichiarato abitabile che non lo è) potresti richiedere il doppio di quanto versato oltre ai danni.
     
  10. Valex

    Valex Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    ma non credo si possa vendere una casa catastata abitazione SENZA BAGNO!!

    colleghi! ho detto un'eresia?
     
  11. momikk

    momikk Membro Junior

    Privato Cittadino
    E' quello che speravo di sentirmi dire. Mi sembra l'unica via d'uscita a questo incubo !
     
  12. momikk

    momikk Membro Junior

    Privato Cittadino
    Sapessi in queste giornate convulse quante ne sento di eresie :)
    Per risponderti, so che esiste un bagno (WC) comune tra i condomini del piano, anche se questo non l'ho visto menzionato nel compromesso. Non so se la cosa può avere un peso rilevante.
     
  13. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Alcune case particolarmente vecchie sono abitazioni pur non essendo dotate di servizio igienico.
    E ne esistono ancora che magari sono state accorpate ad altre (pur mantenendo la loro indipendenza urbanistica e catastale) e nel momento di una rivendita vengono messe sul mercato senza bagno; ma non per questo non sono abitazioni (la categoria è A/5 abitazioni ultrapopolari).
     
  14. proge2001

    proge2001 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Un monolocale senza bagno non mi pare possa essere accatastato come civile abitazione!
     
  15. momikk

    momikk Membro Junior

    Privato Cittadino
    Riepilogando, e' un immobile costruito all'inizio del 900 (quindi ante 67) accatastato come A5 (abitazione ultrapopolare) di 21 mq e altezza 2 m, senza bagno interno . Venduto come abitabile e con possibilita' di costruire bagno.
    Dalle verifiche non risulta invece cosi'. Io voglio recedere dal contratto e recuperare la mia caparra perche' l'immobile non presenta le caratteristiche dichiarate. pretendo che il venditore me le dimostri con certificato di agibilita' e non a parole o con autocertificazioni, in mancanza di questo chiedo rescissione del contratto.Chiedo la luna o e' un mio diritto?
    Tra le varie risposte ne ho colte alcune che vanno nella mia direzione e altre no, sono ancora confusa ma ringrazio tutti quelli che mi hanno risposto.
     
  16. Valex

    Valex Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    ho venduto un immobile ante 69 . all'epoca l'appartamento era senza bagno. il venditore lo comprò nel 97 e lo ristrutturò! fece il bagno e tutto. NON ESISTEVA PLANIMETRIA. al momento di rivendere abbiamo chiamato il geometra che ha stilato il docfa dicendo che il bagno era sempre stato lì... qsta situazione pare diversa! esiste una planimetria? è con o senza bagno?
     
  17. proge2001

    proge2001 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ma scusa, prima di fare il compromesso non hai visitato l'immobile? Non hai chiesto prima come mai non c'era il bagno? Non vorrei essere quello che va controcorrente, ma se hai visto l'appartamento ed hai firmato il preliminare ( dove sicuramente c'è scritto " così come visto e piaciuto") non vedo come tu possa recedere dal contratto senza passare per quello che ha cambiato solamente idea!
     
  18. momikk

    momikk Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ciao, si c'è Planimetria che rappresenta solo un enorme stanzone senza vani. Tra l'altro , sulla planimetria non sono indicate le finestre mentre è indicata (spazio vuoto) l'ingresso della porta. E' normale?
    Mannaggia quanti dubbi...dovrei sequestrare un geometra per un paio d'ore ma devo attendere fino alla prossima settimana per l' appuntamento.
     
  19. momikk

    momikk Membro Junior

    Privato Cittadino
    Come ho spiegato prima questa situazione si è creata perchè non compravo da sconosciuti e sono andata in fiducia. Avevo certamente visto che non c'era il bagno infatti non è questo il punto. Il punto è che loro mi avevano garantito che c'era abitabilità per quell'abitazine ed era certa la possibilità di costruire il bagno in quanto avevano avuto questa certezza dal loro geometra. Io mi son fidata, la ca***ta è stata questa e abbiamo fatto compromesso in cui comunque non c'è alcuna clausola "visto e piaciuto".
     
  20. proge2001

    proge2001 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Pur capendo le tue motivazioni ed essendo d'accordo con te ( anche se non ci si deve mai fidare! gli antichi insegnano verba volant, scripta manent) non saprei come uscire da una simile situazione intricata. In pratica vorresti recedere dal contratto in quanto non c'è il certificato di abitabilità, ma il venditore si salva "in calcio d'angolo" dichiarando in atto che l'immobile è ante 67!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina