1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    “Cari Proprietari, se volete finalmente vendere la vostra casa,
    per favore, abbassate le vostre richieste”.

    Questa, grosso modo, potrebbe essere la headline di una possibile pubblicità istituzionale, a livello nazionale, promossa e finanziata dalle associazioni di categoria FIAIP FIMAA e ANAMA e con un piccolo contributo, magari, dei singoli associati che sono migliaia.

    Vendere casa è diventato arduo e problematico per colpa, essenzialmente, del “collo di bottiglia” della eccessive pretese dei proprietari di casa, che sicuramente in buonafede, sono convinti che il prezzo richiesto, per proprio immobile, sia in linea con le possibilità di assorbimento del mercato.
    Cosa drammaticamente infondata, come gli Agenti Immobiliari sanno fin troppo bene, sulla loro pelle.

    Il mercato immobiliare è fermo perchè le case sono troppo care!

    Basterebbe un ribasso “concertato” di un 15% 20% dei prezzi richiesti per gli immobili in vendita, per determinare un salutare shock del mercato, un spurgo delle incrostazioni e dei sedimenti (stock case invendute) che si sono accumulati in questo ultimo anno e che impediscono ai “canali” delle contrattazioni di funzionare con elasticità e regolarità.

    Programmare una campagna pubblicitaria istituzionale per predisporre una “supplica” verso i venditori, al fine di convincerli ad abbassare le richieste di prezzo sarebbe, secondo chi scrive, una buona mossa per provocare una salutare “scossa tellurica” a tutto il mercato delle case e, perfino, far arrivare sul mercato una “voce” forte, responsabile e calmieratrice che potrebbe addirittura restituire un immagine ragionevole ed affidabile all’intera categoria degli Agenti Immobiliari.
    Il che non guasta.

    E’ possibile dal punto di visto operativo una simile operazione?
    E dal punto di vista finanziario?

    ( Creare un “concetto” grafico e pubblicitario, contenete Headline e Pay off, con vetrofania, adesivi, cartoni, depliant, da tenere in ufficio o al limite con manifesti o con banner web non dovrebbe essere eccessivamente costoso….)
     
    A Bagudi e gmp piace questo messaggio.
  2. fiaip bergamo

    fiaip bergamo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Fiaip Bergamo, serve una nuova politica dei prezzi per il settore immobiliare

    L'osservatorio immobiliare Fiaip alla giornata dell'Economia 2010


    A commento del report sull'andamento dell'economia bergamasca presentato dalla Camera di Commercio nella Giornata dell'Economia del 10 maggio, dal tavolo dei relatori il Prof. Stefano Paleari, Rettore dell'Università di Bergamo, ha affermato che "forse raggiungeremo i livelli pre-crisi tra 7-8 anni", e ha invitato a riflettere sull'equilibrio domanda/offerta nel settore immobiliare.

    Fiaip Bergamo, la Federazione italiana agenti immobiliari professionali, attraverso il suo Osservatorio immobiliare rileva una certa vivacità della domanda, che tuttavia stenta a tradursi in vendite a causa della difficoltà nel trovare un accordo economico sul prezzo. Commenta Giuliano Olivati, presidente provinciale Fiaip Bergamo: "Nel quadro della crisi sistemica dell'economia globalizzata, iniziata con il default dei mutui subprime americani dell'agosto 2007, e deflagrata con il fallimento Lehman Brothers del settembre 2008, la ridotta capacità di spesa di famiglie, investitori e imprese, la precarietà occupazionale, il credit crunch e il generale impoverimento della performance economica rendono non più attuali i valori immobiliari ante-crisi".

    "Risulta quindi inevitabile - conclude Olivati - una nuova politica di pricing che tenga conto di un calo medio del 15-20% dei valori immobiliari dal 2007 ad oggi. Solo attraverso un ridimensionamento dei prezzi richiesti, approfittando della vivacità della domanda evidenziata in premessa si potrà far ripartire le compravendite e rimettere in moto il volano dell'economia immobiliare bergamasca, a partire dallo smaltimento delle ingenti cubature invendute".

    Ufficio stampa Fiaip Bergamo

    11/05/10
     
  3. Procicchiani

    Procicchiani Membro Attivo

    Amministratore di Condominio
    ma se anche i costruttori sono cari ammazzati !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
     
  4. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Graf, la notte ti porta consiglio ?!? :occhi_al_cielo::innamorato::^^:

    Mi sembra un'ottima idea, che ho accarezzato anch'io ma non esplicitato per bene, come hai fatto tu...

    Quanto alla possibilità economica, nel convegno di Bologna, Paolo Righi ha detto che qualche spazio per finanziare un buon progetto c'è, per cui ci si potrebbe lavorare sopra, per cercare la massima visibilità con il minimo sforzo economico:

    - sicuramente dei manifesti attrarrebbero l'attenzione

    - anche dei banner - o addirittura una pagina su Casa.it, Immobiliare.it, Idealista.it ecc - sarebbero molto visibili

    - il massimo sarebbe la televisione, magari attraverso sponsorizzazioni esterne di chi fa parte dell' indotto, sia con lo spot che con piccole trasmissioni ad hoc...

    - si potrebbe cercare di coinvolgere - per l'attualità e la drammaticità del problema - le grandi trasmissioni su scala nazionale del mattino, molto viste, con interventi dell' associazione, che ne so, di un notaio, di una banca, ecc. Magari sarebbero gratis...

    E' tanto che ci penso... credo che bisognerebbe partire subito per organizzare qualcosa già a settembre.
    Che ne dite ?

    Silvana
     
  5. Procicchiani

    Procicchiani Membro Attivo

    Amministratore di Condominio
    meglio prima di settembre
    perchè sperando che serva
    nel frattempo, scordatevi di vendere uno spillo
    attenderanno tutti, ma proprio tutti
     
  6. mauriziomauri

    mauriziomauri Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    "Potrebbe" essere una buona idea, se i giornali non li leggessero ANCHE gli acquirenti.

    Ho il "vago" sospetto che con una campagna del genere i proprietari NON abbasserebbero i prezzi se non in caso di assoluta necessità (cosa che già fanno...) e gli acquirenti tratterebbero ANCORA DI PIU' :shock: :shock:

    Magari sono io che sono "maligno"...

    Saluti,
    Mauri
     
  7. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Si, ci ho pensato che gli acquirenti diventerebbero ancora più.... esosi nel ribasso e più pretenziosi...

    Bisognerebbe trovare il sistema di neutralizzare questa difficoltà..:shock:

    E' anche vero che con la marea di immobili in vendita, se non va bene con un proprietario, potrebbe andar bene con un altro...
    Trovo infatti che in questo momento molti presunti acquirenti cercano più l'affare che l'immobile che gli piace.
    Mi sbaglio ?

    Silvana
     
  8. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    se posso umilmente segnalare un mio articolo sul mercato romano, con molti dati utili e si spera persuasivi...
    ROMANOTIZIE.IT - Dossier Casa. Comprare (o vendere) casa a Roma al tempo della crisi

    quanto ai veicoli, beh, contano solo il passaparola, la relazione agente-cliente... gli italiani NON leggono il giornale e comunque il mercato immobiliare interessa si e no il 2% della popolazione (parlo di compravendite, non dell'indotto ovviamente)

    a silvana aggiungo: è quella l'origine del panic-selling prossimo venturo: troppa offerta, se entrano in competizione tra loro i venditori per accaparrarsi il prima possibile un compratore, i prezzi possono più che dimezzarsi e... hop, tornare al 2000
     
  9. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Qui bisogna fare qualcosa nel concreto, prendere iniziative, per incidere nella situazione; se si ragiona soltanto e si scarta tutto si resta così nella palude anche per 4-5 anni... :confuso:sperando di non incontrare le sabbie mobili....:triste:
     
  10. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    ma che sabbie mobili... quelle ci sono dal 2006... stanno per arrivare i coccodrilli direi piuttosto :fico:

    graf ma mi togli una curiosita? dici che hai comprato nel 1998, che ci fai qua? :domanda:
     
  11. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    No ho comprato nel 1997 a Roma, zona Caffarella.
    Adesso ho la casa col valore triplicato. :)
    Solo fortuna, ;) nel 1997 non potevo sapere...il disastro portato dall'EURO.
     
  12. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Nella mia zona ( intorna a via Latina ) le case si vendono ancora e i prezzi non sono calati.....:p
    almeno per ora :domanda:
     
  13. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    ma lascia perdere l'euro, che la bolla si è gonfiata anche in sterline e dollari... ma non ho ben capito che interesse hai a dibattere di immobiliare, ci lavori? :domanda:
     
  14. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    questo non concordo, ho visto bei botti nell'ultimo anno e mezzo... mazzate del 20% a macchia di leopardo
     
  15. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Io ho la casa che gode della veduta del parco dell'Appia ( o Caffarella) :p e della Tomba di Cecila Metella, spesso vedo pure pecore, mucche e tori, pascolare nella verde campagna romana sotto casa :fico:
    poi se mi giro dall'altra parte, c'è una città che ferve, e ho la metropolitana a 350 metri...:p

    Me la sono trovata in modo strategica la casa ;) non trovi? Con l'aiuto dell' agenzia GAB...TI
    Prchè il suo prezzo dovrebbe crollare?
     
  16. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    semplicemente perche anche nella nostra zona c'è troppa offerta e troppo invenduto, e perche la redditività è schifida (a piazza zama 4 camere le affitti a 1.100 o le compri a 500.000 renditi conto se vale 45 anni di affitto, una casa...) - quindi che fai qua? cerchi di capire se davvero sei diventato ricco o se sarà stata solo un'illusione?
    se ti puo confortare, casa dei miei comprata nel 1995 a 310.000 euro al picco ne valeva 2.400.000, pensa quanto mi sentirò piu povero come erede quando si sara svalutata per benino.... :risata: Per farti capire le dinamiche romane, nel 1992 la stessa casa sarebbe stata venduta a 1.000.000 di euro... su e giu, giu e su...
     
  17. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Ma quale ricco?
    Non posso vendere casa e andare a dormire sotto i ponti!
    Forse, se mi volessi ritirare in campagna in vecchiaia, ( mi piacerebbe vivere sul lago di Bolsena...) potrei liquidare tutto e con la differenza avere un bel gruzzoletto...
     
  18. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    lo vedi che la bolla ti fa sentire comunque di aver vinto una qualche lotteria? è normale, il senso psicologico di ricchezza, una ricaduta collaterale... comunque non temere, i prezzi di bolsena sono anch'essi triplicati, mentre alla rovescia una casa a roma varra sempre piu di una in provincia... l'effetto salvadanaio permarrà anche al bottom
     
  19. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Non mi sento ricco. Non sono scemo e neanche Berlusconi.. Tutto è relativo.
    Però: se una casa a Roma nel 1997 valeva 3 e una a Bolsena, Marta o Montefiascone valeva 1
    se adesso, triplicati i prezzi, a Roma una casa vale 9 e a Bolsena, Marta o Montefiascone vale 3

    la differenza tre i due immobili, nel primo caso, era di 2, ora è di 6;
    anche se i prezzi si dovessere assestare salverò, comunque, un incremento nella differenza tra i due valori...:)
     
  20. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    esatto questo intendevo, la differenza di valore non cambia, al cambiare dei prezzi generali.., anche se oggettivamente pagare una casa quanto il reddito di due o tre vite, non accadrà per decenni a venire... fossi in te venderei di corsa :sorrisone:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina