1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. dexxsterlab

    dexxsterlab Membro Junior

    Altro Professionista
    Tratto da I PIANI DEL NUOVO ORDINE MONDIALE - NEXUS Edizioni

    La casa di proprietà diventerà un retaggio del passato. I costi delle abitazioni e dei mutui diverranno gradualmente così elevati che i più non potranno permetterseli. Coloro che già possedevano la propria abitazione avranno la facoltà di tenerla ma, col passare degli anni, per i giovani sarà sempre più difficile acquistare un casa. I giovani diventeranno in misura sempre maggiore inquilini in affitto, in particolare in appartamenti e condomini. In numero sempre più consistente le case resteranno invendute e sfitte; le persone non potranno permettersele, ma i prezzi non scenderanno. Verrebbe giustamente da pensare, casa sfitta, prezzo in ribasso, la gente acquista. Tuttavia vi furono alcune dichiarazioni indicanti che i prezzi verrebbero mantenuti elevati nonostante la grande disponibilità, in modo da paralizzare il mercato. La gente non riuscirebbe ad acquistare queste case e gradualmente una fetta sempre più consistente della popolazione si ritroverebbe costretta in piccoli appartamenti, non in grado di ospitare molti bambini. Poi, con la diminuzione dei proprietari di abitazioni, questi diventerebbero una minoranza. Costoro non riscuoterebbero alcuna simpatia da parte della maggioranza insediata in appartamenti, quindi le case di proprietà verrebbero sottratte/pignorate a causa di tasse sempre più elevate o altri regolamenti che risulterebbero deleteri per la proprietà e accettabili dalla maggioranza. Infine, alla gente verrebbe assegnato lo spazio in cui abitare, dove sarebbe comune convivere con individui estranei alla propria famiglia. Questo tramite il non sapere fino a che punto fidarsi potersi fidare di qualcuno. Tutto ricadrebbe sotto il controllo di un’autorità centrale per gli alloggi. Tenetelo presente nel 1990 quando vi chiederanno, “Quante stanze da letto ci sono nella sua abitazione? Quanti bagni? Dispone di una stanza per i giochi?” Queste informazioni sono personali e in base alla Costituzione vigente non rivestono alcun interesse per il governo. Tuttavia ve le richiederanno, quindi deciderete se e in che modo fornirle/come replicare.

    Quanto sopra è stato teorizzato nel 1969, sembra proprio che ci stiamo arrivando.
     
  2. carlor

    carlor Membro Attivo

    Altro Professionista
    Nuovo ordine mondiale? Teniamo i piedi per terra, per favore!
     
  3. Abicabiban

    Abicabiban Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    In effettiì, tra precariato e costi delle case, quanti giovani sono in grado di comprarsi una casa e formare una famiglia se non sono fortunati eredi ????? Io non so se qualcuno è in grado di "manipolare" il mondo, ma la storia dimostra che le sorti dell'umanità dipendono dalle scelte, dagli accordi, dalle forzature dei potenti.
     
  4. carlor

    carlor Membro Attivo

    Altro Professionista
    Più prosaicamente, molti anni fa le giovani coppie accettavano di vivere nella casa dei genitori di uno dei due, ora, giustamente, non più.
    Inoltre il governo non fa il necessario per aiutare queste coppie costruendo case popolari.
     
  5. skywalker

    skywalker Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    .pensi davvero che l'edilizia popolare possa essere la soluzione del problema o come spero ho sbagliato a capire?
    Non sarebbe più opportuno che il governo facesse una politica di austerità sopratutto verso i propri sprechi, rendite di posizione e stipendi politici? (attenzione, non ho detto stipendi dei politici...)
    ...forse così anche questi giovani (che a onor del vero troppa voglia di sgobbare non è che ce l'abbiano) potrebbero comprarsi la casa dove caxxo je pare...
     
  6. carlor

    carlor Membro Attivo

    Altro Professionista
    Io volo sempre molto basso. Credo che da qualche parte al Nord d'Europa (Danimarca? Svezia?) oppure in Australia facciano proprio case popolari per le giovani coppie con poche risorse. Lì il senso dello stato è altissimo, da noi è alto il senso di appartenenza al partito. Là la cooperazione civica, qui la competizione Guelfi-Ghibellini.
     
  7. Dumarest

    Dumarest Membro Ordinario

    Altro Professionista
    Tuttavia vi furono alcune dichiarazioni indicanti che i prezzi verrebbero mantenuti elevati nonostante la grande disponibilità

    Credere che si possa andare contro la legge della domanda e dell'offerta è assolutamente illusorio, a meno di instaurare un regime stile sovietico.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina