1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Vincenzo Dulcetta

    Vincenzo Dulcetta Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Salve , volevo chiedere , quanto incide per un proprietario la locazione del suo appartamento di mq 75 x un anno , quali sono le spese da affrontare , fiscalmente cosa gli costerà di imposte, cosa dedurrà? il cerificato energetico è già obbligatorio anche per le locazioni in Lombardia?
    grazie mille
     
  2. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Re: Quanto incide fiscalmente per il proprietario , la locazione di un appartamento di circa mq 75

    La locazione non incide in base alla superficie ma in base al canone percepito.
    La metà delle spese di registrazione del contratto. Poche centinaia di €.
    Il canone andrà a cumularsi ai redditi propri per cui le imposte saranno calcolate sullo scaglione raggiunto (ci vuole un commercialista o un CAF)
    Credo di si, in Lombardia è già obbligatorio. (considera che un certificato energetico vale 10 anni non lo devi rifare ogni volta)
     
  3. No, il certificato energetico sarà in vigore per le locazioni dal prossimo luglio 2010. per il resto concordo con la risposta di Roberto.
    Buona domenica
     
  4. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Re: Quanto incide fiscalmente per il proprietario, la locazione

    :confuso: :confuso: grazie Isabella
     
  5. Vincenzo Dulcetta

    Vincenzo Dulcetta Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Re: Quanto incide fiscalmente per il proprietario, la locazione

    grazie Isabella
     
  6. paolo ferraris

    paolo ferraris Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    ah!...questa mi era sfuggita...il certificato dura SOLO 10 ANNI!!!??????.....ma bene...altra scadenza ed altri soldi...pensavo fosse poi per "sempre"...e dieci anni...ahimè!...chechesenedica...durano poco...saluti!
     
  7. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    10 anni a meno che non intervengano modifiche tali da modificare l'isolamento termico (es. cambi le finestre o rifanno le facciate del condominio), in quel caso è da rifare immediatamente.

    Fra poco toccherà anche ai certificati acustici, alcuni produttori di infissi li rilasciano già; non la finiremo più :disappunto: :disappunto: :disappunto:
     
  8. noelferra

    noelferra Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Come spiegato da Roberto, l'incidenza della tassazione riferita ad un immobile e' esclusivamente in basel reddito.
    Tieni presente che l'aliquota minima di redditi diversi da lavoro dipendente e' pari al 27 percento, ma poi devi vedere la tua dichiarazione dei redditi a quale aliquota minima arriva.
    Comunque per un fitto di mille euro al minimo pagherai 270 euro di tasse.
    Ciao Noel
     
  9. caviapp

    caviapp Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    L'incidenza della tassazione è dettata dall'art.34 del TUIR:

    nei contratti liberi si dichiara l'85% del canone percepito;
    nei contratti agevolati vi è un'uteriore abbattimento del 30% (si dichiara quindi il 55% del percepito)

    Imposta di registro 2% sul canone annuo dichiarato per i contratti liberi;
    Riduzione del 70% sul 2% di cui sopra per i contratti agevolati

    ICI Dipende dal comune; per i contratti agevolati il comune ha la possibilità di ridurre del 50% la soglia minima arrivando cmq. ad un minimo del 2%

    Buon lavoro.
     
    A il Custode, amedeozanatta e Roby piace questo elemento.
  10. amedeozanatta

    amedeozanatta Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Complimenti. :ok: Resta poi comunque intesa un'ulteriore tassazione sui redditi come detto in precedenza
     
  11. giuliofimaa

    giuliofimaa Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Nei contratti agevolati (art. 2 comma 3 della 431/98) l'uteriore deduzione sull'imponibile del 30% si calcola sulla quota già ridotta all'85% per tanto la base imponibile è del 59,5% del canone percepito.
    L'imposta di registro subisce anch'essa una riduzione del 30% si liquida quindi il 70% del 2% (1,4%)
     
    A Maurizio Zucchetti piace questo elemento.
  12. caviapp

    caviapp Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    E' vero: mi ero sbagliato nel calcolo. Sorry :^^: :^^:
     
  13. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    aaaaaaggghhhhh! :shock: :shock: :shock: :shock:


    Complimentoni per il sapersi districare in questa giungla! (mi salvo il post e me lo metto da parte per quando mi chiederanno "mi conviene l'affitto agevolato?" :risata: :risata: )

    ;)
     
  14. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    Si ma nelle locazioni agevolate il canone non è concordato?
     
  15. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    [/quote:5qo5synd]

    Appunto! :ok:
    L'idea è: mi conviene chiedere 100 con la detraibilità fiscale del 35% (mi pare) o 80 con la detraibilità maggiore e l'imposta di registro abbattuta? :D

    ;)
     
  16. giuliofimaa

    giuliofimaa Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Nei comuni nei quali sono stati sottoscritti gli accordi per la determinazione dei canoni concordati (tra il comune e le associazioni di categoria in rappresentanza dei proprietai e dei locatori) i canoni applicabili agli immobili si determinano in base ad alcune caratteristiche degli stessi (esistono requisiti intrinseci ed estrinseci suddivisi in 4 tipologie dfferenti), zone e sub fasce, ed infine canoni minimi e massimi applicabili (aggiornati all'ISTAT intercorso dalla data di sottoscrizione degli accordi e il mese antecedente la stipula del contratto) da moltiplicarsio per una superficie convenzionale anch'essa definita dagli accordi.
    Poi confezionarsi un foglio excel per il raffronto del prelievo fiscale nelle varie ipotesi di canone (libero o concordato) e trarre da lì la convenienza è un gioco (?) da ragazzi.
    Qualche locatore in effetti considera anche più conveniente percepire un canone minore a fronte di un maggior netto utile, altri, nonostante l'ago penda a favore del canone concordato, ritengono comunque più conveniente avere nelle proprie disponibilità maggior denaro (ancorchè al lordo della imposte).
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina