1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. bubuccia

    bubuccia Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Nell'appartamento che sto per vendere , nell'anno 2013/14 sono stati introdotti valvole e ripartitori per la contabilizzazione del calore . Mio padre che ci viveva , aveva impostato tutte le valvole al massimo per cui a fine gestione il consumo è stato considerevole.
    L'anno seguente ho ereditato l'appartamento e ho impostato le valvole al minimo. Dovendo saldare le mie pendenze con l'amministrazione prima della vendita , mi sono trovata nel preventivo ( gestione 2014/15) una voce consumi riscaldamento non basata sulla lettura effettiva , (anche perchè redatto ancora durante il periodo invernale) ,ma dove si riportavano pari pari i valori della gestione precedente.
    A questo punto ho chiesto, essendo ormai a fine stagione invernale, la lettura dei consumi effettivi.
    Dalla lettura di questi è scaturito un consumo di quasi la metà, ma ora l'amministratore dice che : "la stagionalita' del riscaldamento e la misurazione dei consumi vede il totale addebito alla proprieta' al momento della lettura". quindi in altre parole, essendo tutto il costo a mio carico , non cambia nulla rispetto al preventivo di mia spettanza, anche se sono sta proprietaria dell'appartamento per soli 6 mesi, e pur avendo consumato la metà mi trovo a pagare per l'intero . E' giusto il modo di procedere dell'amministratore?
    grazie a chi mi darà un parere
     
  2. PROGETTO_CASA

    PROGETTO_CASA Ospite

    Se ben comprendo la domanda mi sembra l'amministratore stia operando correttamente.
    Dopo l'assemblea di bilancio annuale avrai diritto di ricevere dall'acquirente l'importo a conguaglio tuo favore. Cio' è sempre scritto dall'amministratore nella lettera liberatoria, cioè salvo conguaglio.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina