1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Mario1970

    Mario1970 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti,
    cerco di spiegare dettagliatamente la situazione in cui mi trovo.
    I miei genitori hanno firmato un compromesso per acquistare un capanno con terreno annesso.
    Prima di effettuare il rogito è però risultato che su tale immobile gravava una procedura esecutiva di epropriazione immobiliare.
    I venditori ci hanno consegnato la dichiarazione sottoscritta dal curatore fallimentare in cui lo stesso dichiara di aver rinunciato agli atti di espropriazione immobiliare a carico dei venditori. Tale istanza è accompagnata dall'istanza del G.E. che dichiara estinta la procedura esecutiva e ne ordina la cancellazione al conservatore di Arezzo.
    Tale cancellazione non è però mai stata effettuata.
    I venditori vorrebbero rogitare lo stesso accollando le spese di cancellazione (che quantificano in 1.500 euro) ai miei genitori.
    E' una pratica corretta? Dietro a questo comportamento si nascondono problemi più gravi?

    Grazie a chi potrò aiutarmi,
    Mario.
     
  2. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Non vedo per quale ragione l'acquirente si debba accollare anche spese che spettano al venditore.
     
    A miciogatto piace questo elemento.
  3. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Il fatto che la procedura sia estinta ti tranquillizza.

    Devi pero' pretendere la cancellazione dei gravami a cura e spese del venditore.
    A meno che non ci siano accordi diversi sul preliminare ma non credo (spero).

    Potrebbe anche occuparsene lo stesso notaio che fara' il rogito ma ripeto, a spese e cura del venditore.

    Anche perche' la conservatoria fa spesso problemi, bisogna tornare in tribunale a farsi integrare il provvedimento di cancellazione e altri passatempi del genere.

    (PS: Se e' da cancellare solo il pignoramento, 1500 mi sembrano un po' tanti. Sono circa 300 di imposte piu' l'onorario per l'agenzia ipotecaria, direi non piu' di 500 in totale, almeno dalle mie parti. )
     
    A PyerSilvio, Avv Luigi Polidoro e Rosa1968 piace questo elemento.
  4. Mario1970

    Mario1970 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Sul prelimiare c'è scritto che l'immobile è libero da vincoli.
    I venditori stanno allungando i tempi impuntandosi sulle spese della cancellazione del pignoramento. La data stabilita per rogitare è passata da un pezzo ma, visto che i miei genitori sono interessati a portare a termine l'acquisto, per ora non hanno intimato nulla ai venditori.
    Pur avendo la conferma che questa spesa spetta a loro, la situazione è in una fase di fastidiosissimo stallo.

    Per quanto riguarda la cancellazione, nell'istanza, sono indicati più pignoramenti (5 per la precisono, uno per ogni erede). Posso chiamare la conservatoria di Arezzo per avere indicazioni sulle spese?

    Ancora grazie,
    Mario.
     
  5. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Chiama una agenzia di visure ipotecarie o chiedi al notaio che e' meglio.
     
  6. Mario1970

    Mario1970 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie, chiederò al notaio.
    Mario.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina