kenneth

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno, volevo chiedervi un consiglio a proposito di un acquisto casa tramite agenzia.
Mia moglie ha visto un appartamento, l'è piaciuto ma il prezzo era troppo alto. L'agenzia dopo qualche mese la richiama dicendole di fare uno sconto sul prezzo di acquisto, e così si firma una proposta di acquisto irrevocabile con un assegno dato come caparra. In questa proposta, legata all'ottenimento del mutuo, ci sono due step di pagamento , uno come caparra , un altro assegno in maggio come versamento ed infine il saldo con mutuo al rogito. La controparte, dopo quasi trenta giorni accetta. Si va in banca e si ottiene la delibera del mutuo a tasso fisso. L'agenzia dice che l'appartamento verrà consegnato entro luglio,( come scritto sulla proposta ) perché i proprietari ne stanno acquistando un altro. Mia moglie però si è arrabbiata perché vorrebbe che l'appartamento le venisse dato prima, fra l'altro le avevano promesso che la cucina rimanesse ed invece l'agente ha negato di averla promessa. Le hanno fatto firmare un foglio dove autorizzava l'agenzia a trasmettere l'assegno ed hanno preteso il pagamento della loro commissione. Non avendo i soldi dietro , abbiamo rinviato ma l'agenzia continua a tempestarci di chiamate.Mia moglie vorrebbe saldare subito , io sono più attendista. Ora vi chiedo: è giusto che un'agenzia immobiliare pretenda il suo onorario senza che ancora vi sia stato fatto il rogito , fra l'altro in data da definirsi ( forse luglio ) ? Quale interesse avrà , una volta intascata la parcella, di seguirmi e consegnarmi l'appartamento in tempi brevi ? Altre agenzie da me interpellate, nella stessa città, si prendono la parcella al rogito e non prima. Qualcuna al compromesso, dopo le opportune verifiche notarili.Sulla proposta di acquisto firmata da mia moglie,non sono indicati i tempi nei quali pagare la commissione all'agenzia, ma le hanno fatto firmare un foglio dove c'è scritto l'importo , ma questo foglio non glielo vogliono consegnare e lo tengono solo loro. E' corretto questo atteggiamento ? Io voglio pagare , ci mancherebbe altro , ma non avendone mai avuto comunicazione, ero convinto di farlo successivamente . Tuttavia la proposta è così composta : 10000 euro come cauzione/caparra, 10000 euro al 20 maggio , 20000 il giorno del rogito e 120000 con il mutuo. Non vi è stato proposto nessun compromesso, ma si va direttamente a rogito, perché l'agente sostiene che si risparmano soldi di notaio. Fra l'altro , il notaio l'ha scelto l'agenzia per nostra volontà, non conoscendone uno, e questo notaio , mi ha detto l'agente, dovrà fare tre atti nello stesso giorno perché chi vende a noi , sta comprando un altro appartamento da altri clienti sempre dell'agenzia. Mi conviene chiedere al notaio qualche dritta( conformità catastale, pignoramenti o altro ) prima di arrivare al rogito ? Secondo voi è una vergogna chiedergli il preventivo ?
Quanto prima provvederò a pagare l'agente , ma il suo comportamento non mi sta piacendo. Telefona tre o quattro volte al giorno a mia moglie e le manda messaggi su whatsapp, intimandola a dargli con urgenza un giorno libero della prossima settimana per recarsi in agenzia. Mia moglie lavora tutto il giorno e questi messaggi la destabilizzano per il tono poco amichevole con i quali sono redatti.Lei poverina è troppo buona ed ha sempre assecondato le richieste dell'agente, ma questi atteggiamenti, al limite della vessazione, mi stanno innervosendo. Fra l'altro, ne sono certo che se oggi lei non potrà rispondere al telefono, questo tempesterà me , senza sapere che se insiste lo mando a quel paese .
Se non mi fa vedere quel foglio dove è indicata la cifra della provvigione, lo devo pagare lo stesso , fidandomi della sua parola ? Mia moglie pur di non sentirlo, lo liquiderebbe subito , ma a me il suo modus operandi non piace affatto e vorrei vederci chiaro.
Grazie per le vostre risposte.
E' la nostra prima casa, e siamo completamente inesperti
 

Zagonara Emanuele

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Ovviamente hai tutto il diritto di prendere visione di ciò che è stato firmato e di averne copia.

Per quanto riguarda il pagamento della provvigione, essendo stata accettata la proposta d'acquisto, l'agente ha il diritto di essere pagato (poichè tale diritto scatta nel momento in cui l'affare viene concluso e quindi all'accettazione di una proposta, e poco importa come si comportino altre agenzie).
In quel preciso momento il lavoro dell'agene può dirsi concluso, anche se questi rimane presente e responsabile del suo operato.

La consegna dell'immobile e il rispetto degli accordi a questo punto non deve esserti garantito dall'agente; infatti al momento hai un rapporto contrattuale diretto col venditore.
E' quindi quest'ultimo che deve rispettare i termini del contratto, ivi compreso la data di consegna dell'immobile.

In quanto al rogito, puoi benissimo rivolgerti a lui per richiedere un preventivo di spesa, e visto che nessuno sembra averlo fatto, per richiedere che sull'immobile vengano fatti gli oppportuni accertamenti (visure ipotecarie e catastali) per accertare che l'immobile sia a posto.
 

Triple

Membro Attivo
Privato Cittadino
I controlli dovevate assolutamente farli prima di effettuare la proposta d'acquisto.
Avete visto una planimetria catastale dell'alloggio nel momento in cui avete visto la casa,in modo da controllare che tutto corrisponda.
Gli impianti sono a norma ?
Le spese condominiali sono in regola ?
Vi sono ipoteche sull'alloggio ?
Atto di provenienza ? Controllato che non provenga da una donazione ?
Almeno queste verifiche bisogna farle prima di fare una proposta.
E poi firmate dei fogli e non ve ne fate dare una copia !!!! Inconcepibile.
Pretendere subito dall'ai una copia di quello che si è firmato.
Per le provvigioni mettiti d'accordo con l'ai che le pagherai al rogito.
 

Triple

Membro Attivo
Privato Cittadino
Gli impianti non a norma sono assolutamente la normalità. A meno che non parliamo di nuovo o recentissimamente ristrutturato.




Troppo tardi ... a meno che l'agente si faccia convincere.

Concordo sugli normalità degli impianti non a norma.
Ma mi fa comodo saperlo in fase di trattativa
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Fra l'altro, ne sono certo che se oggi lei non potrà rispondere al telefono, questo tempesterà me , senza sapere che se insiste lo mando a quel paese .
scusa ma non potete definire in agenzia una volta per tutte a quando il pagamento della provvigione? Concordate una data e finisce lì.
Se non mi fa vedere quel foglio dove è indicata la cifra della provvigione, lo devo pagare lo stesso ,
ma giocate a nascondino? Non eravate insieme quando avete fatto la proposta? Io non vedo, lei ha visto ecc. Parlate chiaro all'agente come detto sopra e concordate la data.
Mi conviene chiedere al notaio qualche dritta( conformità catastale, pignoramenti o altro ) prima di arrivare al rogito ? Secondo voi è una vergogna chiedergli il preventivo ?
il preventivo lo dovevi chiedere, non l'hai fatto lo chiedi ora e comunque ne chiedi un altro ad altro notaio per fare la comparazione e andrai dal notaio che più di piace e ti conviene.
 

Giuseppe Di Massa

Membro Senior
Agente Immobiliare
Buongiorno, volevo chiedervi un consiglio a proposito di un acquisto casa tramite agenzia.
Mia moglie ha visto un appartamento, l'è piaciuto ma il prezzo era troppo alto. L'agenzia dopo qualche mese la richiama dicendole di fare uno sconto sul prezzo di acquisto, e così si firma una proposta di acquisto irrevocabile con un assegno dato come caparra. In questa proposta, legata all'ottenimento del mutuo, ci sono due step di pagamento , uno come caparra , un altro assegno in maggio come versamento ed infine il saldo con mutuo al rogito. La controparte, dopo quasi trenta giorni accetta. Si va in banca e si ottiene la delibera del mutuo a tasso fisso. L'agenzia dice che l'appartamento verrà consegnato entro luglio,( come scritto sulla proposta ) perché i proprietari ne stanno acquistando un altro. Mia moglie però si è arrabbiata perché vorrebbe che l'appartamento le venisse dato prima, fra l'altro le avevano promesso che la cucina rimanesse ed invece l'agente ha negato di averla promessa. Le hanno fatto firmare un foglio dove autorizzava l'agenzia a trasmettere l'assegno ed hanno preteso il pagamento della loro commissione. Non avendo i soldi dietro , abbiamo rinviato ma l'agenzia continua a tempestarci di chiamate.Mia moglie vorrebbe saldare subito , io sono più attendista. Ora vi chiedo: è giusto che un'agenzia immobiliare pretenda il suo onorario senza che ancora vi sia stato fatto il rogito , fra l'altro in data da definirsi ( forse luglio ) ? Quale interesse avrà , una volta intascata la parcella, di seguirmi e consegnarmi l'appartamento in tempi brevi ? Altre agenzie da me interpellate, nella stessa città, si prendono la parcella al rogito e non prima. Qualcuna al compromesso, dopo le opportune verifiche notarili.Sulla proposta di acquisto firmata da mia moglie,non sono indicati i tempi nei quali pagare la commissione all'agenzia, ma le hanno fatto firmare un foglio dove c'è scritto l'importo , ma questo foglio non glielo vogliono consegnare e lo tengono solo loro. E' corretto questo atteggiamento ? Io voglio pagare , ci mancherebbe altro , ma non avendone mai avuto comunicazione, ero convinto di farlo successivamente . Tuttavia la proposta è così composta : 10000 euro come cauzione/caparra, 10000 euro al 20 maggio , 20000 il giorno del rogito e 120000 con il mutuo. Non vi è stato proposto nessun compromesso, ma si va direttamente a rogito, perché l'agente sostiene che si risparmano soldi di notaio. Fra l'altro , il notaio l'ha scelto l'agenzia per nostra volontà, non conoscendone uno, e questo notaio , mi ha detto l'agente, dovrà fare tre atti nello stesso giorno perché chi vende a noi , sta comprando un altro appartamento da altri clienti sempre dell'agenzia. Mi conviene chiedere al notaio qualche dritta( conformità catastale, pignoramenti o altro ) prima di arrivare al rogito ? Secondo voi è una vergogna chiedergli il preventivo ?
Quanto prima provvederò a pagare l'agente , ma il suo comportamento non mi sta piacendo. Telefona tre o quattro volte al giorno a mia moglie e le manda messaggi su whatsapp, intimandola a dargli con urgenza un giorno libero della prossima settimana per recarsi in agenzia. Mia moglie lavora tutto il giorno e questi messaggi la destabilizzano per il tono poco amichevole con i quali sono redatti.Lei poverina è troppo buona ed ha sempre assecondato le richieste dell'agente, ma questi atteggiamenti, al limite della vessazione, mi stanno innervosendo. Fra l'altro, ne sono certo che se oggi lei non potrà rispondere al telefono, questo tempesterà me , senza sapere che se insiste lo mando a quel paese .
Se non mi fa vedere quel foglio dove è indicata la cifra della provvigione, lo devo pagare lo stesso , fidandomi della sua parola ? Mia moglie pur di non sentirlo, lo liquiderebbe subito , ma a me il suo modus operandi non piace affatto e vorrei vederci chiaro.
Grazie per le vostre risposte.
E' la nostra prima casa, e siamo completamente inesperti
Perdonami rispondo senza aver letto tutto, alla sesta riga sapevo la cosa base: scusa ma cosa vuol dire "hanno fatto firmare a mia moglie"? Minacce, estorsioni? Poi quado avete firmato la proposta la data di consegna era scritta e se vai leggerla sarà Luglio, forse anche li qualcuno ha adottato atteggiamenti illegali per "farvi firmare"? E come è possibile che nella proposta non abbiate inserito la cucina? Insomma, perché è l'agente immobiliare ad vere un comportamento sbagliato? Per me chi firma un contratto poi vuole cose diverse è il soggetto che sbaglia, perdona la sincerità . Se invece nel contratto la cucina c'è e la data di consegna è precedente a Luglio il problema è risolto, fate valere il contratto (cosa che loro ora stanno semplicemente facendo con voi)
 

kenneth

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Ovviamente hai tutto il diritto di prendere visione di ciò che è stato firmato e di averne copia.

Per quanto riguarda il pagamento della provvigione, essendo stata accettata la proposta d'acquisto, l'agente ha il diritto di essere pagato (poichè tale diritto scatta nel momento in cui l'affare viene concluso e quindi all'accettazione di una proposta, e poco importa come si comportino altre agenzie).
In quel preciso momento il lavoro dell'agene può dirsi concluso, anche se questi rimane presente e responsabile del suo operato.

La consegna dell'immobile e il rispetto degli accordi a questo punto non deve esserti garantito dall'agente; infatti al momento hai un rapporto contrattuale diretto col venditore.
E' quindi quest'ultimo che deve rispettare i termini del contratto, ivi compreso la data di consegna dell'immobile.

In quanto al rogito, puoi benissimo rivolgerti a lui per richiedere un preventivo di spesa, e visto che nessuno sembra averlo fatto, per richiedere che sull'immobile vengano fatti gli oppportuni accertamenti (visure ipotecarie e catastali) per accertare che l'immobile sia a posto.
Il problema è proprio questo: nonostante le mie insistenze, lui non vuole darmi copia di questo foglio e mi dice che mi farà la fattura,dopo avergli fatto un assegno che vuole compilare lui in ufficio. Ci ha detto che ci ha trattato bene,facendoci uno sconticino di quasi 800 euro sulla commissione richiesta Ma la fattura lui la deve emettere dopo il pagamento ? Mi ha detto che l'allega alla documentazione del notaio.
Per quanto concerne quest'ultimo, abbiamo indicato anche alla banca ,quello proposto dall'agenzia, e la banca ha trasmesso tutta la documentazione al notaio.
Pur avendo ricevuto l'incartamento, posso fare ulteriori controlli ?
Devo sentire lui per altre perizie ? Sarà disposto a seguirmi prima del rogito ?
Per quanto riguarda la consegna dell'immobile, a questo punto , pazienza, lo prenderemo a luglio.
Mi sono dimenticato di ringraziarti all'inizio, lo faccio ora
Grazie
 

Gratis per sempre!

  • > Crea Discussioni e poni quesiti
  • > Trova Consigli e Suggerimenti
  • > Elimina la Pubblicità!
  • > Informarti sulle ultime Novità
Alto