1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ghiga64

    ghiga64 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ciao, ecco cosa mi è accaduto. Ricevo proposta d'acquisto subordinata all'ottenimento del mutuo (già mi piace poco l'idea!), per l'acquisto di una villetta bifamiliare. I proponenti sono sicuri che la loro banca non farà storie perché sono ottimi clienti da anni, perché utilizzano la stessa banca per la loro azienda ecc... Io non ho fatto firmare altro, e presento la proposta ai proprietari. Con un minimo rialzo, viene accettata da entrambe le parti, ottimo!!!!
    Il problema nasce quando i proponenti fanno passare tempo, parlano con la banca, il loro commercialista... alla fine di tutta la storia (la faccio breve , ma in realtà é durata 1 mese e mezzo), dicevo, i proponenti, dato che hanno chiesto un finanziamento anche per l'azienda, si sono resi conto che non riuscirebbero a sostenere due rate mensili.
    RINUNCIANO COSì ALL'ACQUISTO!!!!! Io piuttosto risentita cerco di aiutarli facendo fare loro dei preventivi dal mio broker, ma in realtà la rata che vorrebbero pagare per il mutuo non coprirebbe neanche il capitale richiesto.
    PRIMA DOMANDA CHE VI FACCIO: come vi comportereste voi ora? io ho in agenzia l'assegno che accompagna la proposta e questi signori neanche si premurano di venirlo a ritirare, mi verrebbe tanta voglia di far pagare loro il mio mese e mezzo di lavoro e la figuraccia fatta con la proprietaria;
    SECONDA DOMANDA CHE VI FACCIO: Come vi comportate voi in presenta di proposta subordinata al mutuo, in genere le accettate e come vi tutelate????

    Grazie per le vostre risposte!!!!!
     
  2. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Conseguenze delle proposte vincolate quando una parte è in malafede....

    se sono scaduti i termini va restituito, se nn lo vengono a ritirare mandi una raccomandata A/R.
     
    A STUDIOMINUCCI piace questo elemento.
  3. STUDIOMINUCCI

    STUDIOMINUCCI Membro Assiduo

    Amministratore di Condominio
    Veramente...è abbastanza normale/frequente che una proposta di acquisto sia condizionata all'ottenimento del mutuo.:occhi_al_cielo:

    L'accettazione della proposta spetta la venditore, non all'agente immobiliare.

    Se l'agente immobiliare si prendesse l'arbitrio di omettere le proposte di acquisto condizionate al mutuo, farebbe anche un danno al cliente venditore.

    Cosa vuol dire "tutelarsi"?
    La tutela è nei fatti, chiari e limpidi : se il mutuo si ottiene ..l'affare si conclude e vieni pagata.
    Se il mutuo non si ottiene ...l'affare NON si conclude e amen per tutti. Mi pare anche piuttosto logico . O no? ;)
     
  4. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    NO...e i mesi persi? e le potenziali visite non fatte? Oggi sei fortunata se la sfanghi in due mesi con una banca, con condizioni che possono variare il giorno stesso dell'atto...molto piu' semplice accettare l'offerta ma non essere vincolati, a te acquirente do tutti i documenti che servono, dico ok ai tempi e ai modi, ma se nei due mesi trovo altri che non mi pongono paletti perche' precludermi le strade?
    Viceversa mi dai un acconto ( chesso' 10.000€. ) e allora mi vincolo con te;)
     
    A Antonello e ledzeppelin piace questo messaggio.
  5. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    Prova ad inserire, la prossima volta, condizione risolutiva al posto di quella sospensiva, almeno potresti tentare di salvaguardare i mesi di lavoro da te dedicati all' affare......

    Smoker
     
  6. ghiga64

    ghiga64 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    smoker, cioè?
     
  7. alessandro66

    alessandro66 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Scusate, se non ho capito male...hanno rinunciato all'acquisto per non pagare rate più alte di quanto preventivato e non perché non gli hanno concesso il mutuo...mica ti puoi ritirare a tuo insindacabile giudizio...che avete scritto sulla proposta?
     
    A Bianca84 piace questo elemento.
  8. STUDIOMINUCCI

    STUDIOMINUCCI Membro Assiduo

    Amministratore di Condominio
    Così vai in causa, e la perdi di sicuro...............(per la semplice ragione che il Giudice ha studito Diritto, diversamente dai "tuttologi improvvisati".). :occhi_al_cielo:
     
  9. ghiga64

    ghiga64 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    datemi, per favore, delle info "legali".... Anche io penso che questa rinuncia é poco corretta. Sulla proposta c'é scritto "proposta subordinata all'ottenimento del mutuo", quindi, avendo loro avuto l'ok dalla banca per la fattibilità, questa condizione sospensiva é stata superata. La questione é che L'acquirente ha deciso di non proseguire perché la rata veniva un po' più alta di quello che si aspettava. Ha fatto una proposta incauta perché a me aveva detto di avere tutte le info dalla banca sulla fattibilità, in realtà non aveva idea di nulla. io nn ammetto l'ignoranza e la superficialità della cosa, per me e' lavoro, sono una professionista e nn ho speso tutto questo tempo per nulla. Gli ho chiesto di inviarmi una lettera della banca dove si evince che lui nn può ottenerevquesto mutuo....nn me l'ha mai inviata.
    Ora, io sono decisa nel farmi pagare le me spese, come posso muovermi? Mi potete dare una vostra idea?
    grazie
     
  10. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Il mutuo non l'ha ottenuto ( o meglio non poteva ottenerlo) dovresti essere tu in grado di provare che il tuo cliente è stato quantomeno incauto nel formulare la proposta, inoltre, come detto prima, il mutuo non è stato ottenuto e pertanto...

    Per tutelare al meglio il nostro lavoro le strade sono 2:

    1 non si accettano proposte subordinate al mutuo, anche perchè la banca magari lo concede, 6 mesi dopo!! E che facciamo aspettiamo i comodi della banca?

    2 Si accettano le proposte vincolate, ma l'immobile rimane sul mercato.

    E' comunque difficilissimo destreggiarsi in questa situazione, una volta le banche facevano una sorta di predelibera in base al redditto, a spanne si sapeva se il mutuo sarebbe stato concesso o meno, adesso, ti cambiano le carte in tavola da un giorno all'altro, quindi diventa veramente problematico lavorare.
     
    A Bagudi, sfn, Sim e ad altre 3 persone piace questo elemento.
  11. indirizzoip78

    indirizzoip78 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ma si, escludete le proposte vincolate così poi chiudete tutti!
     
  12. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Pensi che accettando le proposte vincolate, casomai inserendo la clausola che saremo pagati a prescindere... resteremo aperti ?
     
    A Sim e Antonello piace questo messaggio.
  13. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    nudo e crudo.
     
  14. ghiga64

    ghiga64 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ok...mi stanno bene le tue considerazioni Alessandro, rimane il fatto che il cliente acquirente può ottenere il mutuo, ha la capacità economica e ha tutte le carte in regola....ha deciso poi lui, cioè ha cambiato idea lui quando si è accorto che chiedendo anche un finanziamento per il lavoro, quello per la casa diventava rischioso...ma non è mica un mio problema, no??????? Inoltre, perchè non mi invia la lettera che ho richiesto dove la banca gli dice che non può ottenere il mutuo???? strano, no?
     
  15. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    se ha inserito questa clausola non era tanto sicuro di ottenere il mutuo.
    Una volta controfirmata bisogna attenersi agli effetti che ciò determina.

    tentativo fatto
    no vendita
    no commissione
     
  16. alessandro66

    alessandro66 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Ma non per la causa definita nella clausola sospensiva...io ti faccio scrivere dall'avvocato richiedendo la prova che il mutuo non te l'hanno concesso e in caso contrario ti convoco per il rogito perché, fino a prova contraria tu il mutuo lo puoi prendere e se ci hai ripensato per altre motivazioni, te ne assumi la responsabilità (e per inciso, la convocazione te la mando anche se non mi fai vedere il diniego della banca).

    Il punto, secondo me, è un altro...il momento in cui è avvenuto il ripensamento. Se è avvenuto dopo la scadenza dei termini di validità della proposta...amen, discorso chiuso.
     
    A Sim, STUDIOMINUCCI e andrea boschini piace questo elemento.
  17. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    Qual è la norma o combinato di norme che rendono invalido il contratto preliminare di compravendita immobiliare condizionato da clausola risolutiva con la quale promittente venditore e promissario acquirente pattuiscono la risoluzione del preliminare stesso qualora il mutuo bancario non venisse concesso?

    Smoker
     
  18. STUDIOMINUCCI

    STUDIOMINUCCI Membro Assiduo

    Amministratore di Condominio
    Ghiga, secondo me hai centrato il cuore del problema e potresti avere mille ragioni.
    Per non essere obbligato al pagamento della tua mediazione il cliente deve dimostrare di non aver ottenuto il mutuo, e non di non averlo (semplicemente) più voluto.
    Fossi in te gli manderei una raccomandata AR in cui gli assegni un termine dal ricevimento (10 giorni) per documentarti che la condizione non si è verificata, avvertendolo apertamente che - in mancanza di questa dimostrazione - non potrai che ritenerlo inadempiente nei tuoi confronti e di conseguenza agire legalmente per il recupero del tuo credito.
     
    A Bianca84 piace questo elemento.
  19. STUDIOMINUCCI

    STUDIOMINUCCI Membro Assiduo

    Amministratore di Condominio
    Prima di essere una questione di "norme" (che ci sono, e sono tutte quelle sulla buona fede contrattuale e professionale) è proprio una questione di "bussola" del Diritto!!!! E questa è un po' più tosta da spiegare, dopo che è già stata spiegata al microscopio in altra sede, ma ci si ostina a non volerla comprendere.
    C'ariprovo, visto mai ?
    Mettere come risolutiva una condizione che E' di carattere sospensivo....E' un ERRORE.
    Che si può commettere anche in buona fede (un po' grave per uno che eserciti professionalmente, ma ...ok!).
    La PROVA che non c'era nessuna buona fede (e qui qualunque Avvocato e soprattutto Giudice ti tagliano lo zampino) è quando - dopo aver scritto l'atto in modo pedestre - dimostri di attaccartici per ricavarne un immaginario (molto immaginario) beneficio.
    E' lì che dai la prova provata di aver agito in mala fede, oltre che commettendo errori.
    E pensi che il Giudice ti ci dà il premio? O che l'Avvocato di controparte non conosca gli articoli sulla fedeltà professionale e contrattuale? E che non ti facciano ricordare in modo spiacevole e costoso ...il giorno in cui tè venuta sta bella pensata?
     
  20. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Effettivamente il tuo è una caso diverso, forse solo il mutuo della per la casa poteva essere concesso, se ci aggiungi anche un altro finanziamento, non previsto dalla proposta, non viene dato nè l'uno nè l'altro.

    Prova a percorrere questa strada, scrivi, solo lo scritto rimane, e vediamo che succede.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina