1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Migbenit

    Migbenit Membro Junior

    Privato Cittadino
    vi informo su come stiamo allo stato attuale delle cose.
    1. si é tenuta l'assemblea che anche con deleghe dubbie ha dato una risposta positiva alla modifica da finestre a porte finestre nel progetto presentato dal nuovo proprietario (502 millesimi a favore).
    2. Su consiglio del mio avvocato non ho impugnato l'Assemblea e siamo in attesa di sapere cosa dirá la commissione edilizia e la Soprintendenza al riguardo, visto che si tratta di modifiche su facciata di immobile sito in pieno centro storico.
    3. presumibilmente l'Architetto presenterá il progetto aggiungendo anche la costruzione di un balcone ballatoio (non presentato in assemblea!!) e relativa scala di accesso esterna al giardino di proprietá (che peró ha giá un suo accesso diretto interno allo stabile).
    4. Tecnici del Comune da me interpellati al riguardo (Edilizia Privata), mi hanno candidamente detto che nessuno fa una verifica se il progetto corrisponda effettivamente o meno a quanto approvato in Assemblea, la concessione edilizia verrá (o no), rilasciata "salvo diritti di terzi" e se costruiscono un balcone non approvato dal condominio come innovazione allo stabile, dovró far denuncia e causa per sperare che mi diano ragione e interrompano i lavori.
    Mi ha altresí detto che di norma i balconi o ballatoi in agggetto e di nuova realizzazione devono avere almeno 5 mt di distanza dalla proprietá sottostante.

    Cosí vanno le cose in questo Paese.
    Per vostra informazione.
     
  2. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Facci sapere il proseguimento della storia.
     
  3. Arch. Vitt. VENERUSO

    Arch. Vitt. VENERUSO Membro Junior

    Altro Professionista
    Che vi avevo detto? E un problema di distanze. Comunque se proprio vuoi puoi piazzare le prime rogne scrivendo in comune con riferimento alla procedura e diffidarli dll'emettere un provvedimento favorevole proprio per un problema di distanze (E vedrai che per risolversi d impaccio la commisione decoro lo riterrà inaccettabile. Come dire, "urlare alla moglie perche suocera intenda??" ). PS paga un tecnico che con due righe messe bene ti risparmi una causa.
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  4. Migbenit

    Migbenit Membro Junior

    Privato Cittadino
    Fatto... di persona alla Soprintendenza e alla edilizia privata.
     
  5. ugo56

    ugo56 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Il mio non sarà un grande contributo all'argomento, domando solo: SI VA SEMPRE PEGGIO ? Grazie
     
  6. Migbenit

    Migbenit Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie per la quotazione della sentenza.
    Effettivamente l avevo gia vista in rete ma altrettante sentenze ho trovate dove l esito è stato diametralmente opposto e dove (Milano e Genova per es.), la commissione edilizia ha PRETESO l'unanimità del consenso dei condomini per rilasciare l'autorizzazione.

    Che dire.... ogni parrocchia fa a modo suo.
    Poi dipende dagli agganci che ha l'Architetto inn questione in Comune (parecchi purtroppo).
    Sto aspettando di vedere come finirà al momento non hanno ancora iniziato nemmeno i lavori interni di ristrutturazione le procedure non sono
    Sto aspettando di vedere come va a finire.... il bello è che il nuovo condomino che vuole ampliare ben 3 finestre in facciata interna ha già detto che qualora un altro condomino degli altri piani volessr fare lo stesso lui si opporrá.... e certo se tutti togliamo le finestre come lui per farne portafinestre dove va a finire la stabilità della facciata?
     
  7. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Beh, visto che scrivi da Pisa, evidentemente al Comune potrebbe piacere uno stabile, diciamo così, "inclinato" ???

    [​IMG]
     
    A Antonello piace questo elemento.
  8. Migbenit

    Migbenit Membro Junior

    Privato Cittadino
    eh eh eh eh.... sarebbe da ridere ma a parte gli scherzi se davvero tutti facessimo come il condomino in questione non sose la facciata resterebbe in piedi!!
    Io sono di Pisa e lí ho le proprietá per le quali pongo i quesiti... ma vivo in Spagna e agli Amministratori in rete posso assicurare che qui le cose funzionano molto piú rapidamente senza tanti se o ma. Questioni come questa non vanno al di lá di una normale assemblea, se anche uno solo dei condomini non é d'accordo NISBA, si salvaguarda prima di tutto gli interessi della collettivitá del condominio non gli interesse di uno solo anche se fruitore come gli altri di un bene comune.
    Voglio anche segnalare che qui i pagamenti delle rate condominiali sono DOMICILIATI sul conto corrente del condominio (non lasciati alla scelta del condomino). Chi paga in ritardo ha una multa applicata e il decreto ingiuntivo viene eseguito con la semplice richiesta dell'Amministratore e ovviamente approvata dall'Assemblea. Se non paga... sequestro del conto corrente per l'importo corrispondente.
    Sará militaresco il sistema... forse... ma vi assicuro che cause condominiali ve ne sono proprio pochine!!
    (e lo dico con congnizione di causa essendo presidente del mio Condominio).
     
  9. Arch. Vitt. VENERUSO

    Arch. Vitt. VENERUSO Membro Junior

    Altro Professionista
    ".....se anche uno solo dei condomini non é d'accordo NISBA, si salvaguarda prima di tutto gli interessi della collettivitá....". Non ho capito come si coniugano le due cose.
    PS. Non è un tentatico di entrare i polemica.
    Per il resto anche in Italia è possibile domiciliare, far partire decreti ingiuntivi (previo mandati). Niente di militaresco. Solo il Vecchio buon "DIRITTO ROMANO".
     
  10. Migbenit

    Migbenit Membro Junior

    Privato Cittadino
    Per collettività intendevo quella del condominio preso nel suo insieme.
    Per fare un decreto ingiuntivo a un condomino ci vuole soprattutto un buon Amministratore non colluso con il moroso che aspetta un anno come minimo anche solo per inviare un sollecito (invece di attenersi al reg. Cond. Che prevede il decreto ingiuntivo dopo 15 gg dalla scadenza rata. Non è il nostro caso purtroppo.
     
  11. Arch. Vitt. VENERUSO

    Arch. Vitt. VENERUSO Membro Junior

    Altro Professionista
    Fare un decreto ingiuntivo serve un avvocato che va pagato e spesso i condomini non morosi non vogliono cacciate un cent. Andiamoci piano con il bacchettare gli amministratori e fargli del colluso. Sto catz di preconcetto amministratore,-ladro non lo sopporto più.
     
    A PyerSilvio e Bagudi piace questo messaggio.
  12. Migbenit

    Migbenit Membro Junior

    Privato Cittadino
    Assolutamente non intendevo offendere la categoria, tutt'altro. Purtroppo noi siamo passati da un amministratore che se non vogliamo chiamare colluso chiamiamo almeno "in armonia" con il moroso (in 4 anni ha quasi fatto fallire il condominio), a un altro amministratore onestissimo per la veritá ma... senza palle. Per cui anche se adesso i conti piú o meno tornano (almeno quello), anche questo é restío a fare decreto ingiuntivo ai morosi cher si sono aggiunti nel frattempo al primo forti del fatto che se puó farlo uno anche io mi adeguo all'andazzo. Per cui, caro Architetto, sa a che punto siamo? che a pagare siamo rimasti in pochi e oltretutto ci troviamo a dover anticipare anche per chi non paga per il ben noto principio della solidarietá. Purtroppo duole constatare che lo Stato poco fa per venire incontro ai condomini in regola con i pagamenti. E anche le imprese creditrici del condominio la causa per avere il loro giusto compenso lo pretendono dal condominio nel suo insieme e non da chi non paga.
    Se poi vogliamo aggiungere la ciliegina sulla torta.... chi non paga sono 3 avvocati e due professionisti.

    aggiungo e termino: abbiamo ben due avvocati che ci seguono ma per procedere contro altri tre avvocati loro colleghi chissá come mai le pratiche si allungano di settimane.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 12 Febbraio 2017
    A PyerSilvio piace questo elemento.
  13. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Beh, nel caso di condomini morosi che hanno un reddito il decreto ingiuntivo ha un senso, anche se costoso.
     
  14. Arch. Vitt. VENERUSO

    Arch. Vitt. VENERUSO Membro Junior

    Altro Professionista
    È fuori di dubbio, però l amministratore deve conferire incarico e pagare l'Avv. Per un decreto ingiuntivo di somme sotto i 5000 chiedono acconto di non meno di 500 euro. Da qualche parte dovranno uscire.
     
  15. Migbenit

    Migbenit Membro Junior

    Privato Cittadino
    non ci sono problemi per incarico all'avvocato!! abbiamo volentieri pagato per l'acconto, non é questo il problema. Forse non si é capito una cosa basilare: I MOROSI SONO AVVOCATI E PROFESSIONISTI per cui tutti i cavilli li conoscono bene per ritardare i decreti. E comunque.... i tempi sono lunghissimi e nel frattempo chi paga? Lo sapete meglio di me che nel frattempo sono i solventi che si accollano i costi del condominio e qui siamo rimasti proprio in pochi a fare il nostro dovere.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina