1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. marioforti

    marioforti Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao a tutti,
    Ho firmato una proposta di affitto 4+4. Ho richiesto all'agente immobiliare che nel contratto di affitto ci siano indicati 3 mesi di preavviso. Lei mi ha detto di si, che nei contratti mette sempre 3 mesi e la cedolare secca.
    Su internet c'è scritto però che l'inquilino deve dare un preavviso di almeno 6 mesi al proprietario inviandogli una raccomandata A/R ed una motivazione grave.
    I 3 mesi nel contratto sarebbero nulli?
    Inoltre tale contratto ha una durata minima? Posso andare via dopo quanto tempo dalla stipula del contratto di locazione?
    Perdonate la mia ignoranza in materia, ma poichè è la mia prima casa che prendo in affitto, ho timore che se non mi trovassi bene nel nuovo appartamento sarei "costretto" a non poter andare via.
    Grazie
     
  2. mf.gestimm

    mf.gestimm Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ciao, se nel contratto inserisci una clausola che deroga a quella del preavviso di mesi sei per gravi motivi sei tutelata (deroghi aggiungendo un punto al contratto prevedendo tre mesi di preavviso da comunicare con raccomandata senza specifica dei gravi motivi). Significa che in qualunque momento, senza addurre spiegazioni ma solo inviando la raccomandata col preavviso di tre mesi sei a posto. Quindi paradossalmente anche subito, non avresti così una durata minima da rispettare.
    A meno che il locatore non ti chieda di inserire un punto specifico che lo preveda.
     
    A marioforti e leolaz piace questo messaggio.
  3. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    A parte la maleducazione imperante tale per cui molti inquilini se ne vanno quando a loro piace, il suggerimento di cui sopra non mi sembra adeguato e sufficiente.

    La possibilità di risoluzione anticipata è un aspetto diverso dal periodo di preavviso, anche se ovviamente collegati.

    Ritengo sia opportuno un articolo che espliciti chiaramente se sia concessa da parte del locatore la risoluzione anticipata, dietro preavviso, o no.
    Ricordo comunque che il conduttore, per gravi motivi, può sempre per legge risolvere anticipatamente il contratto: e non ha solitamente difficoltà a indicarne qualcuno.
     
  4. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Io sono arrivata negli ultimi tempi a pensare che il preavviso di 6 mesi sia ormai fuori luogo.

    Il mercato dell'affitto è diventato così "mobile" che, secondo me, per farsi pagare tutto il preavviso, è meglio preventivare 3 mesi...
     
    A Irene1, Bastimento, marioforti e ad altre 2 persone piace questo elemento.
  5. mf.gestimm

    mf.gestimm Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ma è la stessa cosa che ho detto io Bastimento, mi sfugge il senso del tuo piccato intervento. Sono invece d'accordo con Bagudi, trovo che il 4+4 non risponda più alla domanda di un mercato che è ora più dinamico, non credo sia maleducazione quella degli inquilini che non rispettano le tempistiche di legge ma l'adeguarsi ad esigenze di lavoro e di vita meno stabili e più in movimento di quelle esistenti di quando la legge è stata pensata.
     
    A marioforti piace questo elemento.
  6. leolaz

    leolaz Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Il vero problema (almeno per la mia esperienza) è trovare un locatore che accetti i 3 mesi....
     
    A marioforti piace questo elemento.
  7. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Se è parsa una risposta piccata, me ne scuso: era sicuramente non nelle mie intenzioni.

    Il senso provo a rispiegarlo:
    1) Non c'è bisogno di specificare sul contratto che il conduttore può anticipare la disdetta, se ricorrono gravi motivi: ne ha diritto per legge.
    2) Specificare un preavviso di 3 mesi invece di 6, significa solo accorciare la durata del preavviso, ma non implica che lo possa fare in qualunque momento senza gravi motivi: vuole dire solo che se vuole interrompere il rapporto alla scadenza naturale, deve dare il preavviso.
    3) La possibilità di concedere la risoluzione anticipata mi pare sia un aspetto supplementare: e sono così cosciente delle mutate condizioni del mercato e della vita della gente, che non l'ho mai negata, comprese le locazioni commerciali. Al massimo pongo il vincolo di un limite minimo di permanenza di 12 mesi, per evitare opportunisti di passaggio.
    4) Condivido il fatto della inattualità dei 6 mesi di @Bagudi: continuo a specificarla, nel pio tentativo di avere un deterrente che mi permetta di negoziare un compromesso accordandoci almeno sui tre mesi. Purtroppo con scarsi risultati, visto che il vezzo è spesso quello di interrompere pure il pagamento dei canoni, contando sulla cauzione.
    5) A proposito di inattualità, pure la cauzione di 3 mesi oggi è una chimera: grazia chiederne 2; ed anche così spesso qualcuno se li riprende anzitempo interrompendo i canoni, alla faccia dei preavvisi, divieto di conteggiare cauzione in conto canoni.

    Se una punta di irritazione traspariva, è appunto dovuta all'ormai consueta "ignoranza" di quanto si sottoscrive.
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  8. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Essere così "severi" da locatori secondo me non paga... Ho esperienze varie sia come conduttore che come locatore.

    Da locatore di norma indico 6 mesi ma se il conduttore vuole meno, acconsento sempre. Se il locatore mi chiama stasera dicendomi che a fine Luglio se ne va, neppure mi incavolo e non pretendo mensilità in più... Ma forse sono troppo permissivo io. Comunque, ciò che interessa a me è che le persone paghino, il resto sono chiacchiere.

    Da conduttore una volta stipulai un 4+4 con disdetta anticipata di 15gg senza gravi motivi (poi portati a 30gg)... Ci restai 6 mesi (me ne andai per motivi personali).
     
    A Bagudi e PyerSilvio piace questo messaggio.
  9. gabrieledecarlo

    gabrieledecarlo Membro Junior

    Agente Immobiliare
    salve vorrei delucidazioni in merito.
    Ho acquistato un immobile di famiglia all'asta, era pesente un contratto di fitto intestato a mia mamma, (l'immobile era di mia mamma) siccome lei vive con il fitto di quest'immobile e quindi lo percepisce lei, ho lasciato tutto cosi, in pratica la casa e intestata a me e il contratto di fitto a mia mamma, a quali problemi posso incorrere?
    Grazie
     
    A Bastimento piace questo elemento.
  10. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Di pagare imposte su un reddito che non percepisci. Ma mi sembra lo dai per scontato
     
  11. gabrieledecarlo

    gabrieledecarlo Membro Junior

    Agente Immobiliare
    scusa non capisco il contratto e cmq registrato e vengono pagate le imposte, ma non da me che sono il proprietario ma da mia mamma che percepisce il fitto, cmq non sono in regola?
     
  12. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    La tua è sicuramente una situazione particolare. Chi dichiara il reddito IRPEF?
    Probabilmente non ti sanzioneranno, ma la Ade ti inviterà a regolarizzare.
    Oggi come proprietario saresti tenuto a comunicare alla Ade la nuova titolarità del contratto, come subentrante di diritto, ed il relativo reddito farebbe cumulo coi tuoi, non con quelli di tua madre.
    Di qui la irregolarità. Ho avuto una situazione simile.
     
  13. gabrieledecarlo

    gabrieledecarlo Membro Junior

    Agente Immobiliare
    mia mamma dichiara il reddito IRPEF
     
  14. gabrieledecarlo

    gabrieledecarlo Membro Junior

    Agente Immobiliare
    e come hai risolto?
     
  15. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Ti spiego il mio caso. I miei suoceri avevano un immobile pervenuto dai genitori, conferito in una società semplice di cui erano soci loro e le due figlie.

    Non avevano mai prestato molta attenzione alla precisa titolarità, ed i contratti di locazione erano redatti a nome di mio suocero.
    La Ade contestò la mancata esposizione di questo reddito (curiosamente la situazione opposta alla tua) in capo a mio suocero. Dovemmo dimostrare che questo era stato correttamente dochiarato in capo alla società, e che mio suocero compariva come firmatario del contratto, solo in veste di amministratore.
    Furono invitati a rettificare i contratti per avere corrispondenza.

    Il tuo caso è analogo, anche se succede l'opposto. In che quadro tua mamma espone questo reddito da locazione? Non potrebbe farlo nel quadro B perché non è proprietaria.
    Non lo potrebbe fare nemmeno se fosse comodataria, dato che in quel caso il reddito rimarrebbe in capo al comodante.
    Lo potrebbe esporre, come se fosse sublocatore, se avesse un contratto di locazione. Ma lo dovrebbe esporre sotto i "redditi diversi".

    Insomma, e2 un caso aggrovigliato. Foriero di questioni col fisco.
     
  16. gabrieledecarlo

    gabrieledecarlo Membro Junior

    Agente Immobiliare
    sinceramente non so nemmeno se li dichiara. cmq grazie
     
    A Bastimento piace questo elemento.
  17. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ahhh, ecco, credo anche io.
     
    A Irene1 e Bastimento piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina