1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Taranis

    Taranis Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    salve, devo rifare l'impianto elettrico della mia abitazione e so che per questo intervento, considerato come una miglioria della sicurezza, posso accedere alle detrazioni previste del 50%. il dubbio che mi è venuto riguarda la tinteggiatura dei muri e il ripristino del pavimento a conseguenza di questo lavoro. da quello che so io la tinteggiatura dei muri e i pavimenti non rientrano nelle detrazioni. ma se questi avvengono a seguito di un lavoro come l'impianto elettrico??
     
  2. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Se per cambiare l'impianto elettrico devi tirare su tutto il pavimento fanno parte dell'ìintervento altrimenti sono lavori di ordinaria manutenzione.In pratica se e' annesso all'intervento fa parte della manutenzione staordinaria.
     
  3. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Rifacimento dell'impianto elettrico: sono detraibili anche tutte le opere connesse, quali per esempio apertura tracce nei muri per poter stendere i nuovi corrugati e conseguente ritinteggiatura di tutte le pareti.
    Se fai passare le dorsali impiantistiche nel massetto, sono detraibili tutte le opere per il rifacimento massetti e nuove pavimentazioni.
     
  4. rosco

    rosco Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve gentile ludovica83 vorrei porre una domanda sulla detrazione 50% a giugno ho fatto rifare da un'azienda l'impianto elettrico di casa con certificato di conformitä e pagato con bonifici per il 50% ma non ho comunicato l'inizio lavori potrei rischiare di non poter detrarre il lavoro? potrei rimediare con autocertificazione atto di notorietä come inizio lavori, seconda domanda in una seconda casa di mia propritä vorrei istallare una cassa forte a muro per poi beneficiare del bonus mobili serve una comunicazione in comune? grazie per l'aiuto
     
  5. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Per detrarre il 50%, li detrai controlla semmai la specifica del bonifico fatto.
    Impianto elettrico > Adeguamento o sostituzione > Attività libera http://www.professioneimmobili.it/prontuario_lavori_edilizi_new.html

    Documentazione necessaria
    http://www.immobilio.it/threads/det...serratura-e-scarico.28573/page-10#post-335639

    Bonifico
    http://www.immobilio.it/threads/det...serratura-e-scarico.28573/page-10#post-335756

    Atto notorio
    http://www.immobilio.it/threads/det...serratura-e-scarico.28573/page-11#post-336266

    Ti riporto parte dell'ultima guida Federlegno:
    http://www.bonusmobili.it/pdf/vademecum_BONUS_FLA.pdf

    Il bonus è collegato agli interventi:
    • di manutenzione ordinaria, effettuati sulle parti comuni di edifici residenziali. Tale intervento dà diritto all’agevolazione per l’acquisto di arredi destinati esclusivamente alle parti comuni dell’edificio, quali – a mero titolo di esempio – alloggio del portiere, illuminazione aree comuni, lavanderie, sale condominiali, etc;
    di manutenzione straordinaria, effettuati sulle parti comuni di edifi ci
    residenziali e su singole unità immobiliari residenziali (ad esempio
    ristrutturazione del bagno, sostituzione di infi ssi esterni e serramenti
    o persiane con serrande e con modifi ca di materiale o tipologia di
    infi sso, realizzazione di recinzioni);
    di restauro e di risanamento conservativo, effettuati sulle parti comuni
    di edifi cio residenziale e su singole unità immobiliari residenziali (ad
    esempio l’adeguamento delle altezze del solaio);
    di ristrutturazione edilizia, effettuati sulle parti comuni di edifi ci
    residenziali e su singole unità immobiliari residenziali (ad esempio
    apertura di nuove porte o fi nestre oppure la realizzazione di una
    mansarda o di un balcone oppure la trasformazione della soffi tta in
    mansarda o del balcone in veranda);
    necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato
    a seguito di eventi calamitosi, anche se non rientranti nelle categorie
    elencati nei punti precedenti, sempreché sia stato dichiarato lo stato
    di emergenza;
    di restauro e di risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia
    riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o
    ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedano
    entro sei mesi dal termine dei lavori alla successiva alienazione
    o assegnazione dell’immobile. Ne consegue che ad esempio, una
    giovane coppia che comprasse un appartamento ristrutturato da una
    cooperativa potrebbe usufruire del “bonus mobili” per l’arredamento
    del medesimo.

    In base alle indicazioni restrittive contenute nella Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 29/E del 18.09.2013 non appaiono riconducibili agli interventi agevolabili i cosiddetti “mini-lavori”, come quelli finalizzati ad evitare infortuni domestici (es. il montaggio di vetri anti-infortunio o l’installazione del corrimano) e gli interventi relativi all’adozione di misure volte alla prevenzione di atti illeciti da parte di terzi (allarmi, porte blindate, grate alle finestre, spioncini alla porta di ingresso, sensori di movimento etc...).
    --------------------
    Vista la varietà di informazioni, correzioni, frammentazioni...puoi comunque fare un'interpello all'AdE per il tuo caso specifico.
    --------------------
    Saluti Ludo
     
  6. rosco

    rosco Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie saluti
     
  7. Monia80

    Monia80 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buonasera a tutti,
    sono nuova e sto cercando di orientarmi nel sito.
    Rispondo qui visto che si tratta di impianto elettrico e avrei pertanto una domanda in merito da porvi.
    L'elettricista che mi ha eseguito i lavori di installazione dell'impianto, ha già riscosso il saldo dell'ammontare previsto e adesso, alla mia richeista di certificazione, dice che deve farla fare all'azienda per cui lavora e mi ha chiesto pertanto € 50,00.
    E' regolare?
    A me sorge qualche dubbio..
    Non dovrebbe essere compresa? Può non fornirmela?

    Attendo vs news,
    grazie mille e buona giornata a tutti!
     
  8. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    La situazione è piuttosto singolare, ma potrei ipotizzare una spiegazione.

    Gli interventi sugli impianti elettrici, e relativa certificazione di conformità dovrebbero essere effettuati e rilasciata da ditta iscritta alla CCIAA , in possesso degli adeguati requisiti di legge.

    Suppongo che l'operaio che ti ha eseguito il lavoro, abbia svolto il lavoro in proprio, pur essendo dipendente di una ditta del ramo, e magari senza fattura.
    Non avendo titolo per sottoscrivere la certificazione, è costretto a rivolgersi al suo datore di lavoro, che non è disposto a certificare un intervento che non ha fatturato e di cui non ha avuto introiti
     
  9. Monia80

    Monia80 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Caro Bastimento,
    è andata ahimè proprio così e a causa della mia ignoranza e del fatto che sono una ragazza sola, ho dovuto tamponare chiedendo ad un ufficio tecnico di un'altra impresa elettrica il sopralluogo e conseguente certificazione a pagamento. Adesso si pone un altro problema .. mi sembra essere diventato un incubo! Tante volte penso, che se avessi comrpato la casa già pronta, forse non sarei incorsa in tanti problemi..
    La casa che ho comprato era in ristrutturazione. Era finita solo esternamente, nessun tramezzo / impianto / pavimentazione interna.
    Dai progetti consegnati dal geometra della parte venditrice della casa, sono state effettuate delle modifiche in corso d'opera. Nel frattempo, io ho preso la residenza in questa casa da alcuni mesi e solo ieri, questo geometra mi ha chiamato per dirmi che deve venire a prendere le misure per la variante eseguita e per chiudere la DIA richiedendomi dunque le varie certificazioni degli impianti. A[DOUBLEPOST=1387453639,1387453354][/DOUBLEPOST]A causa dei molteplici impegni di lavoro, non sono riuscita ancora a riceverlo ma i miei vicini, che invece erano più liberi, l'hanno accolto e si sono trovati, due giorni dopo, nella posta € 4.000 da pagare per il certificato di agibilità..
    Dunque.. apparte il fatto del mezzo infarto che mi è preso, ci sono delle spese "di legge" che devo sostenere? Come poter verificare che il conto sia stato fatto correttamente? Non è un pò troppo questa cifra per un semplice certificato? Lui non ha eseguito altri lavori.. è il geometra del comune, lo stesso della parte venditrice con cui ho concluso il contratto a luglio dell'anno scorso.. Sono incredula.. grazie mille per tutto. Un saluto e scusatemi lo sfogo..
     
  10. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    4000 euro a che titolo?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina