1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. SabrinaN

    SabrinaN Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Salve, sono una nuova iscritta ed avrei questo quesito da porvi.
    Ho fatto una proposta di acquisto tramite un'agenzia immobiliare che è stata accettata dal proprietario di casa,nella proposta avevo richiesto che il proprietario si impegnasse entro il rogito a cancellare eventuali ipoteche e/o pignoramenti. Purtroppo il proprietario di casa non ha cancellato i pignoramenti che aveva sull'immobile facendo slittare il rogito per tre volte, dopo l'ultimo appuntamento ho deciso che non avrei acquistato più casa e mi sono ritirata. L'unico scambio di denaro è stato l'assegno a garanzia che ho dato all'agenzia intestato al proprietaio, il resto dlle somme non sono mai state versate per i motivi che ho detto. adesso l'agenzia è disposta a darmi l'assegno anche perchè non lo ha mai dato al proprietario di casa ma pretende anche l'intera provvigione. Mi chiedo è giusto visto che l'affare non si è potuto concludere non per colpa mia, che ho aspettato anche quattro mesi in più rispetto alle date della proposta ma a causa del proprietario di casa? grazie in anticipo per i vostri suggerimenti
     
  2. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Caso antipatico. A rigor di legge la provvigione è dovuta, potrai richiedere i danni al venditore, fra cui la parcella dell'agenzia. Il problema è che difficilmente riuscirai ad ottenere soldi vista la situazione.
     
    A Incipit e studiopci piace questo messaggio.
  3. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
  4. SabrinaN

    SabrinaN Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Per legge non conta che l'agenzia neppure era a conoscenza dei pignoramenti, mi sono io tutelata scrivendo sulla proposta che l'immobile al momento del rogito doveva essere pulito, non mi sembra giusto che io debba pagare € 12.000,00 ad un agente che ha solo riempito un foglio e disinteressandosi di tutto il resto ha addirittura dato il mio cellulare al proprietario di casa per farci mettere d'accordo sulle date del rogito che dovevano slittare inevitabilmente da quelle in proposta. Secondo voi se mi rivolgo ad un legale posso ottenere qualcosa?
     
  5. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    In genere, sulle proposte d'acquisto c'è la clausola che l'immobile dev'essere libero da ipoteche e altri oneri.

    Prova a trattare con l'agenzia.

    Silvana
     
  6. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    In punta di diritto e di principio, l'agenzia non può rispondere degli adempimenti delle parti, non ne ha ne la facoltà ne l'onere. Inoltre ha diritto di riscuotere il dovuto già dalla sottoscrizione di un atto eseguibile (i preliminare quindi basta e avanza così come anche molte proposte accettate). Io vedrei bene l'addebitare i costi al solo inadempiente, da parte della agenzia, ma convengo che non sia un dovere da dover pretendere... dovrebbe invece sopperire al legge, che in italia rasenta la barbarie, sia come è scritta sia (sopratutto) come viene applicata...
     
    A Domus mp Immobiliare piace questo elemento.
  7. goldsilver

    goldsilver Membro Junior

    Privato Cittadino
    ma in un caso del genere............iL venditore non dovrebbe dare il doppio della caparra all'acquirente???
    e con quella l'acquirente paga la provvigione???
     
  8. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Di norma, si. Ma questo venditore è, a quanto ho capito, sul filo dell'insolvenza. ;) Poi con la mania delle proposte che diventano compromesso con caparra misera (anche mille euro!) anche riceverla doppia potrebbe non coprire la provvigione dovuta, beffa e danno.
     
    A Valencia piace questo elemento.
  9. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare



    Sono d'accordo con te.
    Qui i danneggiati sono due e l'unico a pagare dovrebbe essere l'inadempiente...

    Silvana
     
  10. murrua

    murrua Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ma non è da intendere come un contratto con condizione sospensiva? Poteva andare avanti la cosa solo con la liberazione dell'immobile da ipoteche e altri oneri...La condizione non è avvenuta, l'affare non si è concluso...e al mediatore non dovrebbe spettare niente... :) o sbaglio?
     
  11. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Le condizioni sospensive devono essere espresse ed accettate, la presenza di un ipoteca da togliere era certamente una condizione per adempiere, ma non sospendeva gli effetti del contratto ;) a meno che non ci fosse scritto "condizione sospensiva del contratto è la cancellazione di tutte le ipoteche ed oneri dall'immobile" ma una condizione come questa è difficilmente applicabile alla realtà delle cose e anzi, è ostativa a diversi altri passaggi. Le ipoteche inoltre, se ci fosse la capienza (cioè se la cifra che si va a pagare permette di estinguerle) non sono difficili da togliere, semmai sono le restrizioni di ipoteca che possono dare problemi insormontabili anche in presenza di venditore senza nessuna pendenza... ma si entra nel complesso. Qui poi si parla di una situazione di insolvenza che potrebbe essere grave. Se è sopravvenuta all'affare e il mediatore non poteva scoprirlo nel momento della firma, questi non ne ha colpa, se invece le pendenze fossero presenti prima del preliminare allora potrebbero nascere dei problemi anche per il mediatore.
     
    A murrua e Bagudi piace questo messaggio.
  12. murrua

    murrua Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Beh...allora questo mi sembra il caso, visto che la signora nella proposta di acquisto aveva espressamente chiesto che venissero cancellate eventuali altre ipoteche e la casa fosse esente da altri oneri. Il venditore ha accettato ma non adempiuto...per cui che effetti potrebbe produrre un contratto del genere? E' chiaro che normalmente le ipoteche si cancellano contestualmente al rogito e non prima quindi potrebbe essere una condizione ostativa, ma se la signora chiedeva quello...che ci possiamo fare? :) (chiaramente le mie son solo ipotesi...sono ancora un aspirante Agenti Immobiliari) :p
     
  13. EnzoDm

    EnzoDm Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    E' una situazione un pò ingarbugliata e in questo, putroppo, ci metto anche la poca professionalità dell'AI in quanto, come dice Silvana, sulla proposta d'acquisto avrebbe dovuto esserci ( o c'è?) la clausola che l'immobile deve essere libero da ipoteche o altri oneri (che, anche se viene dichiarato dal proprietario, tu AI non puoi certo lavarti le mani e far finta di niente). E' come se viene un cliente che mette in vendita un appartamento NON di sua proprietà, gli troviamo un acquirente che fa una proposta di acquisto, il tutto giustamente va a carte 48 e noi chiediamo la provvigione all'acquirente? Mi sembra un tantino...esagerato.
    Riguardo poi al doppio della caparra, Sabrina dice che il suo assegno non è mai stato incassato dal proprietario quindi...ed anche qui l'AI non è stato irreprensibile. 12.000 Euro per questa situazione? Cerca di trovare un accordo o, in mancanza, rivolgiti ad un legale! Almeno questo è il mio pensiero...
     
  14. donatella 75

    donatella 75 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    concordo con pensoperme...
    la morale però dove la mettiamo?... secondo me l ai non dovrebbe richiedele la provv... ma doveva far di tutti per fa si che la vendita venisse stipulata, anche se cose non di sua competenza. :) dovrebbe piuttosto cercare di trovargli altro e far si che l acquirente sia soddisfatto
     
    A pensoperme piace questo elemento.
  15. SabrinaN

    SabrinaN Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Grazie a tutti per le risposte.
    Mi avete fatto riflettere su una questione che credo non sia a mio vantaggio...al momento dell'accettazione della proposta quando il mio notaio ha fatto le visure abbiamo scoperto che il proprietario di casa non pagava il mutuo da tempo ed era in arretrato per i pagamenti con il condominio ed altre situazioni. In realtà queste situazioni lui si è attivato a chiuderle quasi subito ecco perchè ero fiduciosa che la cosa si risolvesse e abbiamo posticipato la prima volta la data del rogito. quando risultava tutto ok si è fatto avanti un altro creditore che il proprietario di casa davanti a me e al notaio ha affermato che per una questione di 'principio'non avrebbe MAI pagato, ragione per la quale io ho fatto presente all'A.I che non ero più intenzionata ad aspettare. Però effettivamente quest'ultimo pignoramento che non siamo riusciti a fargli chiudere è sorto dopo la proposta...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina