• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

DPMORP

Membro Junior
Privato Cittadino
Buongiorno
Vi espongo il mio problema
Sono inquilino di un condominio con 7 proprietari (condominio del 1989).
L'ultimo piano occupato da un unica proprietà ha sfruttato qualche anno fa (2004 ?)la legge per il recupero del sottotetto. Ha dato semplicemente notizia al condominio e ha "alzato" la parte superiore come in realtà non lo so.
L'anno scorso (2017) c'è stato un importante fenomeno atmosferico , la classica bomba d'acqua , il risultato è stata una "perdita" importante sia all'ultimo piano sia lungo la cavità che contiene il tubo di scarico dell'acqua (che corre interna alle mura perimetrali). Il mio appartamento è al piano terra ed ha subito un allagamento temporaneo in due ambienti . La cosa non è ovviamente stata gradita dal mio inquilino con cui non c'è stata possibilità di trattare. Quindi avvocato ,pigioni non pagate ed alla fine l'inquilino è andato via.
L'avvocato mi aveva consigliato di citare subito il condominio ma ho preferito lasciare perdere e rimetterci di tasca mia. Avevo però richiesto chiarimenti e un intervento all'amministratore che non mi ha mai dato risposte chiare . In pratica mi ha rassicurato (sono stati fatti degli interventi) ed io mi sono lascito convincere.
Nei primi mesi 2018 si è presentato lo stesso problema. Bomba d'acqua ,allegamento sia del mio appartamento (appena affittato) e soprattutto dell'ultimo piano . Il proprietario dell'appartamento dell'ultimo piano ha fatto un analisi dei danni (quantificati in circa 8.000 euro :computer , tappeti etc ..) e ha chiesto al condominio di risarcirlo.
Nel frattempo si è deciso di intervenire in modo spero risolutivo e quindi con un ulteriore grossa spesa da dividere in 7.
Ho chiesto al comune di visionare il piano per il recupero del sottotetto per capire se questo innalzamento può avere causato i problemi successivi ( ci sono stati almeno altri 2 episodi negli anni 2008 -2012 successivi all'intervento all'ultimo piano che non ho citato perché meno importanti). Ma il comune mi ha risposto di no citando penso a sproposito la legge della privacy (lo può fare secondo loro solo l'amministratore di cui non mi fido).
Cosa posso fare ?
1) Io sono convinto che i problemi degli scarichi pluviali siano iniziati con l'intervento di recupero del sottotetto ma oggettivamente può essere un problema di vetustà .
2) Ho rinunciato l'anno scorso ad una causa con il condominio ed ora mi trovo dalla parte opposta pur essendo danneggiato.
3) Quanto mi ha detto il comune è corretto ? Non posso vedere le modifiche effettuate al tetto e devo però risarcire chi le ha effettuate ?

Ringrazio anticipatamente per il Vostro aiuto
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Chiedi all'amministratore la prova della verifica dell'opera da parte di un tecnico nominato dal condominio a suo tempo. E non solo la relazione del tecnico che negli episodi avvenuti ha stabilito il motivo degli allagamenti.

Chiedi all'assemblea un accesso agli atti da parte di un tecnico nominato dal condominio una volta ritirati i documenti potrai chiedere ad un tecnico di tua fiducia la verifica.
 
Ultima modifica di un moderatore:

marchesini

Membro Assiduo
Privato Cittadino
Non credo che infiltrazioni d'acqua che arrivano ad interessare il piano terra siano causate dal recupero del sottotetto.
Se fosse possibile bisognerebbe mettere in esterno ai muri perimetrali gli scarichi delle grondaie.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Devono cambiare le leggi vecchie dello stato italiano che incassa e non tutela chi affitta regolare chiedo più flessibilità e meno burocrazia
Non posso affittare casa in sucessione pagando le tasse di cedolare affitto a mio carico solo se cito anche l'altro intestatario cioè mio fratello nel contratto ma se l' la quota di affitto abitazioni sono due attaccate ma numero civico diverso e una è già affittata e mio fratello paga le tasse di cedolare a suo carico perché l'altra no .
Alto