1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. secerot

    secerot Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Se una proposta vine accetta e controfirmata nei tempi previsti ma il venditore non ha fatto la successione e quindi non ne ha il diritto di vendita... la proposta è valida?
    Mica si può fare un compromesso e un rogito quando risulta ancora proprietario un defunto?
    Considerando che non si può fare non vi sono dei limiti temporali alla voltura?
    Grazie.
     
  2. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Salve, l'accettazione della successione può essere fatta contestualmente alla vendita dal Notaio, è una cosa che succede molto spesso... per cui puoi stare tranquillo.Fabrizio
     
    A Sim piace questo elemento.
  3. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    solo in presenza di un erede universale.

    La successione va fatta entro un anno dalla morte. Dovresti spiegare meglio però
     
  4. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Il preliminare è assolutamente valido. Il notaio rogita se è in possesso della denuncia di successione dalla quale ricava i dati del reale possessore dell'immobile e contestualmente all'atto trascrive l'accettazione dell'eredità.
     
    A Sim e Umberto Granducato piace questo messaggio.
  5. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    E' stata accettata la proposta da parte di un erede. Ma quanti sono gli eredi? Se sono più di uno la proposta andrà accettata anche dagli altri. Gli aspetti da valutare sono molti, dovresti dare più elementi.
     
  6. secerot

    secerot Membro Attivo

    Privato Cittadino
    No mi sono spiegato io male. gli eredi sono più di uno e tutti hanno accettato, il problema E CHE LORO avevano 30 gg. di tempo per presentare la successione ,scadenza non rispettato , a questo punto la proposta(che ha anche subordino al mutuo) va prorogata ? o va rifatta?
    trovanomi mi chiedevo se nella proposta dichiarazioni mendaci circa le quote condominiali sono motivo di invalidità!
     
  7. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    invalidità la da l'asl vuoi di
    La nullità di un contratto determina il venir meno di tutti gli effetti da esso prodotti, come se lo stesso non fosse mai venuto ad esistenza.
    Il contratto è nullo:
    1. quando è contrario a norme imperative;
    2. quando difetta di uno dei requisiti indicati dall'articolo 1325 c.c., cioè 1) l'accordo delle parti, 2) la causa, 3) l'oggetto, 4) la forma, se prescritta sotto pena di nullità;
    3. quando la causa è illecita o quando lo sono i motivi, se le parti si sono determinate a concludere il contratto esclusivamente per un motivo illecito comune ad entrambe (art. 1345 c.c.);
    4. quando l'oggetto del contratto è impossibile, illecito, indeterminato o indeterminabile (art. 1346 c.c.);
    5. in tutti gli altri casi previsti dalla legge (es. nel caso di contratti che trasferiscono la proprietà di beni immobili, è prescritta la forma scritta a pena di nullità (art. 1350 c.c.), o ancora, l'art. 17 della L. 382/78 sancisce la nullità di ogni pattuizione diretta a limitare la durata legale di un contratto).
    La nullità parziale di un contratto o la nullità di singole clausole importa la nullità dell'intero contratto, se risulta che i contraenti non lo avrebbero concluso senza quella parte del suo contenuto (art. 1419 c.c.). Ma la nullità di singole clausole non importa la nullità del contratto, quando le clausole nulle sono sostituite di diritto da norme imperative.
    Salvo diverse disposizioni di legge, la nullità può essere fatta valere da chiunque vi ha interesse e può essere rilevata d'ufficio dal giudice (art. 1421 c.c.). L'azione per far dichiarare la nullità non è soggetta a prescrizione, salvi gli effetti dell'usucapione e della prescrizione delle azioni di ripetizione (1422 c.c.).
    Il contratto nullo non può inoltre essere convalidato, salvo che la legge non disponga diversamente (art. 1423 c.c.). Può invece produrre gli effetti di un contratto diverso, del quale contenga i requisiti di sostanza e di forma, qualora, avuto riguardo allo scopo perseguito dalle parti, debba ritenersi che esse lo avrebbero concordemente voluto se avessero conosciuto la nullità (cosiddetta conversione del contratto nullo, art. 1424 c.c.).
    L'annullabilità è invece un'anomalia di minore gravità rispetto alla nullità. Il contratto annullabile produce tutti gli effetti di un contratto valido, ma questi possono venire meno se viene fatta valere con successo l'azione di annullamento.
    Casi di annullabilità:
    1. Il contratto è annullabile se una delle parti era legalmente incapace di contrattare (ad es. perché minorenne o perché al momento in cui gli atti sono stati compiuti era, anche transitoriamente, incapace di intendere o di volere, art. 1425 c.c.).
    2. Il contratto è annullabile se il consenso fu dato per errore quando questo è essenziale ed è riconoscibile dall'altro contraente (art. 1428 c.c.).
    3. Il contratto è annullabile se il consenso fu estorto con violenza, anche se esercitata da un terzo (art. 1434 c.c.).
    4. Il contratto è annullabile se il consenso fu carpito con dolo, quando i raggiri usati da uno dei contraenti sono stati tali che, senza di essi, l'altra parte non avrebbe prestato il suo consenso (art. 1439 c.c.).
    L'annullamento del contratto può essere domandato solo dalla parte nel cui interesse è stabilito dalla legge. Solo l'incapacità del condannato in stato di interdizione legale può essere fatta valere da chiunque vi ha interesse.
    L'azione di annullamento si prescrive in cinque anni. Quando l'annullabilità dipende da vizio del consenso o da incapacità legale, il termine decorre dal giorno in cui è cessata la violenza, è stato scoperto l'errore o il dolo, è cessato lo stato d'interdizione o d'inabilitazione, ovvero il minore ha raggiunto la maggiore età. Negli altri casi il termine decorre dal giorno della conclusione del contratto (art. 1442 c.c.).
    Il contratto annullabile può essere convalidato dal contraente al quale spetta l'azione di annullamento, mediante un atto che contenga la menzione del contratto e del motivo di annullabilità, e la dichiarazione che s'intende convalidarlo (art. 1444 c.c.). Il contratto è pure convalidato, se il contraente al quale spettava l'azione di annullamento vi ha dato volontariamente esecuzione conoscendo il motivo di annullabilità. L'annullamento che non dipende da incapacità legale non pregiudica i diritti acquistati a titolo oneroso dai terzi di buona fede, salvi gli effetti della trascrizione della domanda di annullamento (art. 1445 c.c.).
    re nullità
     
    A Umberto Granducato piace questo elemento.
  8. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    fonte ©2003-2012 / Studio Legale online / Roma / Milano / Tutti i diritti riservati
     
  9. secerot

    secerot Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Insomma mi pare di aver capito che se una delle clausole nella proposta è sballata il contratto non è nullo ma annullabile!
     
  10. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina