1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Alex78

    Alex78 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti, allora espongo il mio problema.
    Io e la mia famiglia siamo alla ricerca di un appartamento normale e che non sia esagerato come prezzo. L’abbiamo trovato settimana scorsa e abbiamo anche firmato una proposta d’acquisto finalizzato all’ottenimento del mutuo. Abbiamo lasciato anche una somma di 5mila euro con assegno circolare non trasferibile e siamo andati nella banca di nostra fiducia a richiedere il mutuo. Intanto la nostra proposta è stata accettata, il compromesso si deve fare entro metà agosto mentre il rogito finale a fine ottobre. Bisogna precisare che la somma da richiedere come mutuo era sulle 100 mila euro (45% del prezzo d’acquisto dell’immobile) mentre nella proposta abbiamo specificato 85 mila, da versare entro fine ottobre.. visto che con mia moglie abbiamo deciso che nel caso peggiore la differenza dei 15 mila la potevamo colmare non facendo qualche ristrutturazione e stringendo la cinghia all’estremo.
    La banca che fino a poche settimane fa dava fiducia nell’ottenimento di tale somma (85-100 mila) in questi giorni dopo aver fatto simulazioni più precise in base anche a tutta la documentazione prodotta ci ha contattato dicendoci che il mutuo non lo potevamo avere per quella somma ma max per 75 mila (10 mila euro al di sotto di quello che avevamo specificato nella proposta e con la quale somma non ce la facciamo a pagarla). Peggio è andata in un'altra banca dove abbiamo richiesto il mutuo e dove non siamo clienti.
    Lunedi siamo andati in agenzia a comunicare il diniego del mutuo dalla banca ma l’agente ci fa notare che anche loro come agenzia hanno degli intermediari e che possono vedere se il mutuo è fattibile con loro. Solo che ci propongono delle rate che noi non possiamo accettare (e che superano la soglia del 50% del reddito mensile). Visto che li abbiamo detto che non potevamo accettare questo tipo di finanziamento lui ci ripete più volte che in base al contratto firmato (proposta d’acquisto condizionata all’ottenimento del mutuo) noi abbiamo il DOVERE DI ACCETTARE OGNI MUTUO che ci viene proposto e che se non lo facciamo l’agenzia non solo si tiene la caparra ma anche chiede le provvigioni del 4% per mancato rispetto del contratto.. si tratta di circa 20 mila euro tra provvigioni e caparra.

    E’ lecito una cosa del genere.. come ci possiamo comportare??

    ps. Scusate se mi sono allungato nell'esporre il problema ma siamo veramente molto preoccupati e il tono dell'agente non ci da nessuna speranza.
     
  2. Rebound

    Rebound Membro Ordinario

    Altro Professionista
    Salve. Se avete sottoposto la proposta con clausola sospensiva, quindi con la condizione che comprerete solo se otterrete il mutuo, può stare tranquillo nel caso l'istituto bancario di sua fiducia si rifiuta di erogare il prestito. Nessuna agenzia può obbligarla ad appoggiarsi a una banca di sua preferenza. L'agenzia può solo tentare di trovare una soluzione consona alla situazione in corso. Non si faccia impressionare. Se non vi restituiscono l'assegno, lo deve trattenere l'agenzia finchè la proposta non si perfeziona, dovrete rivolgervi a un legale
     
  3. Alex78

    Alex78 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    La proposta è assolutamente condizionata all'ottenimento di minimo 85 mila euro di mutuo, ce scritto. L'agente però afferma che per "mutuo" si intende anche quello concesso dalle agenzie (che fanno da intermediario) e non solo quello della Banca di fiducia.
    Per questo l'offerta del mutuo che ci hanno fatto in Agenzia (con il quale la somma richiesta è coperta ma le rate sono molto più alte del dovuto) secondo lui dovrebbe essere accettata se no perdiamo di diritto caparra e provvigione.
    Quindi mi devo portare il legale di seguito?
     
  4. Rebound

    Rebound Membro Ordinario

    Altro Professionista
    No. Prova prima a parlare con il mediatore. Portati un testimone estraneo alla tua famiglia. Fatti nuovamente dire la sua versione, ricordandogli che il contratto era sottoposto a clausola sospensiva, e che la soluzione che lui ti sta proponendo non è consona per la tua situazione.
    Dagli un giorno di tempo. Nel frattempo contatta un avvocato, spiegagli tutto. Forse sarà sufficiente il sollecito scritto del legale. Se l'assegno è stato consegnato alla parte venditrice dovranno restituirtelo perchè non si sono verificate le condizioni per la conclusione del contratto.
     
  5. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ennesimo risultato di sospensiva fatta male. È una situazione comunque contestabile. Fatti fare una dichiarazione dalle banche alle quali ti sei rivolta dove si specifica che nn ti danno la somma richiesta ed invii una raccomandata a venditore ed agente dove comunichi il diniego delle banche e chiedi la restituzione Dell assegno (xche circolare poi?)
     
  6. altit

    altit Membro Attivo

    Altro Professionista
    Scusa Umberto, ti chiedo un chiarimento: nella sospensiva andrebbero indicati i nominativi delle banche a cui ci si dovrà rivolgere per la richiesta di mutuo?
    Buona serata
     
  7. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    La cifra richiesta e la banca (se vuoi perfino la filiale). In qst modo non puoi contestare niente se hai la dichiarazione della banca in mano..
     
    A Tobia e Bagudi piace questo messaggio.
  8. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Non ci stancheremo mai di dire che le proposte condizionate vanno fatte attentamente, calcolando tutte le possibili variabili e conseguenze future...

    Se no, è inutile fare una proposta condizionata !:shock:
     
    A elisabettam piace questo elemento.
  9. Alex78

    Alex78 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    La filiale dove si doveva richiedere il mutuo ce scritto, però la banca dove siamo andati non ha nemmeno cominciato la pratica di mutuo dato che l'indomani (dopo aver lasciato tutta la documentazione reddituale per un giorno) ci hanno contattato dicendoci che la somma era troppo onerosa per noi (si superava il 40% del reddito mensile) e quindi non era neanche il caso di cominciare la pratica perche poi si spendevano soldi inutilmente e il risultato negativo è sicuro.
    Voi direte perche non l'hai previsto prima.. avete completamente ragione l'inesperienza, l'illusione dato dalla banca che il mutuo lo potevo avere e sopratutto il desiderio di avere unacasa nostra ci hanno portato a fare queste leggerezze.
     
  10. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Puoi postare esattamente la clausola omettendo eventuali dati sensibili?
     
  11. Alex78

    Alex78 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino

    Purtroppo sono fuori per lavoro, appena rientro stasera..
     
  12. Alex78

    Alex78 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    "la presente è condizionata all'ottenimento del mutuo ipotecario indicato al punto d (dove ce scritta somma minima e istituto bancario con filiale) pertanto in caso di diniego la presente perderà d'efficacia.."
    Oggi ci ha chiamato l'agente dicendoci che visto l'insorgere di questi problemi, possiamo annullare la compravendita presentando una lettera della banca dove ce scritto che la pratica col mutuo richiesto non è fattibile.
    Purtroppo, come spiegato in precedenza, le banche dove ci siamo rivolti non hanno aperto la pratica perche dopo una consulenza interna di più giorni (e dopo aver lasciato documentazione reddituale e quello dell'immobile) ci hanno riferito che la pratica non sarebbe fattibile e sarebbe anche inutile aprire questa richiesta visto che si pagherebbero dei soldi con un risultato negativo assicurato. Cosa dovremmo fare??
     
  13. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Io non vedo problemi e il collega di turno potrebbe evitare di fare lo squalo. Visto che nella proposta è stata indicata con precisione la cifra richiesta per il mutuo, la banca e addirittura la filiale dove sarebbe stata presentata la domanda e visto che non c'è stato un esito positivo, la condizione non s'è presentata, quindi la proposta di acquisto non è valida. Stop.
     
  14. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Io farei quello che ti ho scritto nel post #5 nel caso facessero problemi a restituirti i soldi
     
  15. Alex78

    Alex78 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino

    Purtroppo la responsabile della Banca alla quale ci siamo rivolti, ci dice che non vi possiamo dare nessuna lettera di diniego del mutuo richiesto proprio perche è stata una "consultazione interna con esito negativo" e non ce stata nessuna apertura ufficiale della pratica da parte della Banca.
    Domani andiamo di nuovo in agenzia a spiegare meglio la situazione, e se vogliamo poi essere fiscali e "nelle regole" possiamo aprire sto mutuo, il risultato sarà negativo e quindi il documento da presentare all'agente immobiliare ce l'avremmo.
     
  16. annemary

    annemary Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti,
    è la prima volta anche per me che scrivo ed ho un problema simile a quello di Alex78.
    Allora, in data 7/5 c.a. abbiamo fatto una proposta d'acquisto per un immobile versando euro 15.000, (proveniente in parte dalla caparra per la vendita del ns. appartamento) che, una volta accettata, è diventata caparra confirmatoria e l'atto notarile doveva essere stipulato entro il 30/6. Intercorrendo così poco tempo fra la firma del compromesso e la firma del rogito, l'agente stesso ci ha consigliato che potevamo pure saltare la fase del compromesso. (L'agente è stato pagato al momento della firma)
    Purtroppo, il saldo dell'acquisto doveva pervenire parte da un mutuo, erogato senza problemi dalla banca, e la maggior parte dalla vendita del ns. appartamento. Il ns. acquirente, però, si è praticamente dileguato! e la proprietaria della casa che vorremmo acquistare ci ha imposto la data finale del 24/7, dopodichè si tratterrà la caparra a titolo di risarcimento. Dal momento che la data del rogito era stata spostata al 12/7 ci aveva pure mandato un telegramma di diffida a presentarci pena nullità del contratto.
    Da parte sua ci ha proposto di mantenere l'accordo in piedi ma a condizione di darle ancora 15.000 euro. Di questo siamo molto restii, anche perchè adesso dobbiamo rimettere l'appartamento sul mercato, non sappiamo quanto tempo ci vorrà, e se poi lei ci da un altro ultimatum e si trattiene tutto?
    Quello che volevo chiedere, ma è giusto che lei si trattenga la caparra, tutto sommato il "danno" a lei è costato solo per due mesi, mentre noi siamo stati 6 mesi ad aspettare questo tizio mentre altri acquirenti potevano benissimno farsi avanti!
    Cosa mi consigliate di fare? Vale la pena andare da un avvocato? Cosa dice la legge?
    Grazie dell'attenzione e scusate se mi sono dilungata, spero di essere stata chiara!
     
  17. specialist

    specialist Membro Senior

    Privato Cittadino
    Mi permetto di iniziare a rispondenti io, poi sicuramente lo faranno anche altri più esperti di me. Innanzitutto, a me sembra che il tuo caso non assomigli per niente a quello di Alex78, ma che sia molto più complesso. Ti sei imbarcata in una trattativa complicata, specie di questi tempi, quando sarebbe stato molto più sicuro invece prima vendere casa tua, poi acquistare il nuovo appartamento, andando nel frattempo a vivere da parenti, amici, amanti, etc. o in affitto. Se non ci sono clausole sospensive di mezzo, l'affare si è concluso correttamente e l'agente ha giustamente incassato la provvigione, che quindi non puoi più recuperare. Visto che l'affare si è concluso, la signora ha tutto il diritto di trattenere la caparra ed anzi ti va anche bene che non ti obblighi a procedere all'acquisto. Io quindi non mi rivolgerei ad un avvocato, a meno che non intenda rivalerti nei confronti dell'acquirente del tuo appartamento (ma questa è un'altra storia). Trovo ancor più rischioso sborsare altri 15000 € per mantenere in vita un affare nato male. Riassumendo hai un saldo negativo di 15000 € (caparra persa) + provvigione agente (acquisto ) + eventuale provvigione agente vendita - caparra incassata per mancata vendita. Forse ti conviene rassegnarti e accettare la perdita, per evitare guai peggiori.
     
  18. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Purtroppo, Specialist ha ragione.

    Per la legge tu sei inadempiente nei confronti della tua venditrice, così come il tuo acquirente è stato indempiente nei tuoi confronti: sei stata sfortunata.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina