1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Geppetto1234

    Geppetto1234 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti, approfitto di questa discussione perché mi è accaduta una cosa spiacevole correlata a questo argomento e vorrei un vostro parere.
    In data 06/03/2013 faccio una proposta per una appartamento di mio interesse, versando € 5000,00 che diventeranno caparra confirmatoria al momento della accettazione da parte del venditore (e la presente proposta diverrà contratto preliminare) ..impegnandomi a versare altri 10000 euro entro il 20/04/2013 ed il resto al rogito che sarà stipulato entro il 30/06/2013. Clausola sospensiva: La presente proposta è vincolata all'ottenimento del mutuo Kiron.
    Proposta accettata in data 20/03/2013 e controfirmata da me. L'agente non consegna l'assegno di 5000 euro al venditore che stizzito lo pretende. L'agente lo trattiene comunque. Il venditore molto civilmente fa notare il suo dissenso poiché non gli era stato detto che l'assegno sarebbe stato trattenuto e se ne va. Dopo pochi giorni comunica tramite raccomandata che intende recedere dal contratto e che non deve nulla poiché nulla ha ricevuto e l'assegno di € 5000,00 non ha assunto titolo di caparra confirmatoria poiché non gli è stato consegnato all'accettazione, come scritto sul contratto, e perché comunque non ha ancora efficacia in quanto sospesa per il mutuo. La mia domanda è: Può farlo? Nel senso può recedere senza dovere nulla? Non so esattamente la ragione per cui non voglia più vendere, ma vorrei capire se può svincolarsi così facilmente e se è vero che i 5000 euro non possono assumere il valore di caparra confirmatoria. Inoltre nella lettera contesta anche il fatto che il vincolo non abbia una scadenza temporale. grazie a tutti coloro che daranno un parere. L'Agenti Immobiliari per il momento mi dice che contatterò il venditore per chiedere lumi, ma per il momento non è ancora riuscito a parlargli. Saluti a tutti!
     
  2. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Non ho capito perchè l'AI non ha consegnato l'assegno, forse perchè aspetta la definizione del muto?
     
  3. Geppetto1234

    Geppetto1234 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ciao...si..non ha dato l'assegno in quanto contratto vincolato a mutuo.
     
  4. Geppetto1234

    Geppetto1234 Membro Junior

    Privato Cittadino
    E attende la delibera della banca. Ma credo che avrebbe dovuto darlo ugualmente..non so..
     
  5. Abakab

    Abakab Ospite

    E' consuetudine trattenere, da parte dell' agenzia, la cifra versata in presenza di una clausola sospensiva in attesa che la stessa si verifichi o meno, così come è consuetudine avvisare le parti della volontà di trattenere l'assegno prima di far sottoscrivere l'accordo.
    Detto questo, di fatto il venditore ha accettato, sottoscrivendolo, un accordo con clausola sospensiva, il recedere prima dei termini previsti o prima dell'evento che determina la validità o meno della proposta rende di fatto il venditore inadempiente e perciò soggetto alle relative penali. ... mio parere!
    Comunque caso interessante, sentiamo cosa ne pensano altri colleghi
     
    A Sim e ccc1956 piace questo messaggio.
  6. Bruno69

    Bruno69 Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    La data temporale a mio parere deve essere specificata, altrimenti si incorre nel vizio di forma..
     
    A enrikon piace questo elemento.
  7. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Certo che in questo caso sarebbe bene dare un assegno circolare e non uno di c/c. Anche per salvaguardare il venditore.
     
  8. Manzoni Maurizio

    Manzoni Maurizio Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    La mancanza della data è un errore nella proposta ma il venditore con l'accettazione si è impegnato, materia per un legale, le proposte salvo accettazione mutuo sono sempre traballanti perchè non c'è il ritiro della caparra.
     
    A ccc1956 piace questo elemento.
  9. Geppetto1234

    Geppetto1234 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Salve a tutti...io a quanto mi è stato detto la caparra non è caparra se non consegnata nelle mani del venditore..anche perchè sul preliminare c'è scritto che l'assegno verra' consegnato nelle mani del venditore al momento dell'accettazione della proposta (o meglio dell'avvenuta conoscenza da parte del proponente), ho consultato il mio legale, (amico di famiglia) che mi ha detto in effetti che la prassi è trattenerla ma che in termini legali di fatto l'assegno non potrebbe essere trattenuto ma va consegnato. Che poi il venditore lo incassi o meno problemi suoi..non so, io vorrei solo uscirne indenne..nel senso che anche se non compro più questo appartamento OK, chi se ne frega..ma non vorrei dover pagare ad esempio le provvigioni quando io non ho colpe. In effetti se devo essere sincero nessuno aveva detto a me o al venditore che l'assegno sarebbe stato trattenuto...e comunque non c'è scritto da nessuna parte..
     
  10. Geppetto1234

    Geppetto1234 Membro Junior

    Privato Cittadino
    Secondo voi mi conviene momentaneamente bloccare le procedure con la banca per il mutuo? Non vorrei incorrere in altre spese inutili...Grazie
     
  11. ccc1956

    ccc1956 Membro Senior

    Altro Professionista
    lo fanno tutte le agenzie....anche la mia l'ha fatto.
    e mi ha consegnato due gg dopo la delibera del mutuo da parte della banca, al preliminare, sia l'assegno di deposito che l'integrazione della caparra.
    se c'e' una clausola sospensiva, significa che il contratto e "sospeso".
    inutile consegnare l'assegno al venditore anche perche' in caso di non delibera della banca, dovrebbe riconsegnare l'assegno all'acquirente.
    proprio per questo l'agenzia trattiene l'assegno.
    e fa bene secondo me, sai quanti venditori non lo riconsegnerebbero??
    Le cose bisogna saperle bene....

    nel tuo caso, il venditore e' inadempiente perche' ha firmato un contratto accettando la sospensiva mutuo e si e' ritirato prima della scadenza della sospensiva.
    se in questo caso aspettate di vedere l'esito della banca sperando che non sia positivo ed allora ve la cavate tutti perche' non pagate nessuna provvigione.
    ma e' un rischio perche' se l'esito fosse positivo, dovrete entrambi pagare la provvigione.
     
    A Sim e Abakab piace questo messaggio.
  12. Monica83

    Monica83 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    questo mi sembra molto strano dato che nei formulari per la proposta di acquisto c'è scritto (generalemente dove si inserisce il numero dell'assegno e lo scopo dello stesso viene riportato che viene trattenuto dall'agente in deposito fiduciario gratuito) anche perchè sono formulari depositati in camera di commercio e se non vanno bene le cciaa non li accettano e gli agenti non possono usarli!
     
  13. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    sicura?:occhi_al_cielo:
     
  14. Monica83

    Monica83 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    si,
    sicura, almeno qui da me è cosi... controllano tutto e se non gli vanno bene non li accettano, mi sebra strano che in altre cciaa non ci guardano!
     
  15. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    La modulistica va depositata, ma non mi risulta venga controllata anche perchè sarebbe una responsabilità che non credo si vogliono prendere.
    Da me non ho mai visto controllare un modulo... ma ogni CCIAA probabilmente fa a modo suo
     
  16. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Io farei dare l'assegno al venditore, semmai dopo il venditore in mancanza del mutuo dovrà ritornare il tutto, questo in conformità di quanto scritto.
     
  17. enzo6

    enzo6 Ospite


    Se sulla proposta non c'è scritto che l'assegno sarebbe stato tenuto in deposito dall'agenzia fino alla data preliminare/rogito ha ragione il venditore.
    Mi domando perchè molte AI si ostinano ad usare modulistica fai da te quando quella delle associazioni di categoria è cosi buona e limpida.
     
  18. Geppetto1234

    Geppetto1234 Membro Junior

    Privato Cittadino
    ho qui la proposta firmata e recita testualmente: € 5000,00 vengono versati alla firma della seguente proposta con assegno bancario non trasferibile nr. xxxxxxxxx trattu su yyyyy intestato al venditore e rilasciato all'agente immobiliare con l'incarico di consegnarlo ad avvenuta conoscenza da parte del proponente dell'accettazione della presente proposta d'acquisto (art. 1326 cc) Da nessuna parte è scritto che AI tratterrà l'assegno fino a delibera. Ho letto e riletto..credo che riferendosi a quanto scritto, il venditore non abbia avuto torto a pretendere di avere tale assegno e l'AI non abbia rispettato quanto scritto...poi sinceramente io non so perchè il venditore si sia impuntato su questo...può darsi che semplicemente non voglia più vendere, non so per quale motivo e si appigli a questo.
     
  19. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Non vedo perchè non può ricevere l'assegno considerato che anche l'acquirente non sapeva che l'assegno rimaneva in agenzia, magari l'AI deve dire al venditore che l'aassegno se ricevuto non avrebbe senso perchè esiste la sospensiva del mutuo, io da AI avrei sottolineato questo ad entrambi.

    Come fanno a non accettarli se vengono inviati telematicamente? i modulari servono a momento solo di segnalazione da parte di interessati per incongruenze, al fine di eventuali sanzioni amministrative.
     
  20. Abakab

    Abakab Ospite

    Bah, che l'assegno venga tenuto dall'agenzia o dato al venditore poco cambia, l'accordo è sottoposto a clausola sospensiva, pertanto quell'assegno rimane congelato in attesa dell'evento o meno.
    Di fatto rimane un accordo firmato, anche se soggetto a clausola, di accordo si tratta.
    E' indubbio che il collega ha peccato in "comunicazione". :disappunto:
     
    A Bagudi e Sim piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina