1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. giutri

    giutri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buaonasera a tutti e complimenti per il sito.

    Vi espongo subito i miei dubbi. Io e mia moglie (giovini ed inesperti!) stiamo comprando casa. Abbiamo fatto la proposta irrevocabile d´acquisto (tramite agenzia) che é stata accettata (abbiamo lasciato l´assegno intestato al venditore). Ieri...eravamo al compromesso ma il nostro notaio si é rifiutato di farlo (cercando di tutelarci al massimo) poiché secondo accordi il venditore avrebbe dovuto produrre in Comune la documentazione per l´ottenimento dell´abitabilitá (che chiaramente manca e ci é stato comunicato solo dopo l´accettazione della proposta d´acquisto). Ora, naturalmente, tutti noi siamo andati via un pó alterati poiché il venditore giá pensava alla caparra e l´AI al pagamento...e noi alla casa:triste:. Ieri e oggi l´AI ci ha tempestato di telefonate dicendoci che stiamo commettendo un grosso errore, che il notaio é troppo pignolo (a noi sta bene cosí) e minacciandoci che la venderá a qualcun´altro e bla bla bla. In tutto ció quello che odio sono le minacce :rabbia:, perché noi ci siamo mostrati molto disponibili e, cosa da non sottovalutare, non abbiamo alcun impedimento di tipo economico (nel piccolo delle nostre possibilitá!).
    Ora vi chiedo, in che termini il venditore potrebbe davvero decidere di non vendere piú a noi?
    Nel caso in cui il tutto si risolvesse con un nulla di fatto, dovremmo pagare l´AI?
    Ci sono i termini per chiedere eventuali danni?

    Grazie mille, GIUTRI.
     
  2. ALINGHI

    ALINGHI Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il venditore non è certo obbligato a vendere a te, ma penso che si rifiuta di vendere a te ( ma ne dubito e penso che sia solo un bluff dell'ai )ti debba riconoscere una penale , il problema però mi sembra che l'immobile non abbia agibilità , io sinceramente seguirei i consigli del notaio , chiedi ai venditori di richiedere l'agibilità...però tutto questo l'avresti dovuto scrivere già nella proposta d'acquisto , e successivamente anche nel preliminare se l'avete fatto ...non vorrei sbagliarmi ,ma se non procedi nell'acquisto , potresti perdere la caparra e dover pagare l'ai...dipende da quello che avete scritto nel preliminare
     
  3. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Ieri e oggi l´AI ci ha tempestato di telefonate dicendoci che stiamo commettendo un grosso errore, che il notaio é troppo pignolo (a noi sta bene cosí) e minacciandoci che la venderá a qualcun´altro e bla bla bla. In tutto ció quello che odio sono le minacce , perché noi ci siamo mostrati molto disponibili e, cosa da non sottovalutare, non abbiamo alcun impedimento di tipo economico (nel piccolo delle nostre possibilitá!).
    Ignoratelo, il notaio lo scegliete voi e ha fatto solo il suo lavoro.
    Prima di vendere a qualcun'altro deve sciogliere il contratto nato dalla proposta accettata e non è affatto semplice, non può domani vendere a qualcun'altro senza il vostro consenso.

    Ora vi chiedo, in che termini il venditore potrebbe davvero decidere di non vendere piú a noi?
    Certo basta che paghi il doppio di quanto ricevuto alla proposta più i danni.

    Nel caso in cui il tutto si risolvesse con un nulla di fatto, dovremmo pagare l´AI?
    Si ma vi rivalete sul venditore, inoltre c'è da capire se l'AI era a conoscenza che mancava l'abitabilità (se era a conoscenza e non vi ha informato sono problemi suoi).

    Ci sono i termini per chiedere eventuali danni?
    Sicuramente si
     
  4. giutri

    giutri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie mille per le risposte! :D
     
  5. ALINGHI

    ALINGHI Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
     
  6. giutri

    giutri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Si infatti questo punto è difficile da dimostrare, io penso che lo sapesse perchè è stato lui a dircelo il giorno dopo in cui il venditore aveva accettato la nostra proposta...ma dimostrarlo è un'altra cosa!

    Aggiunto dopo 3 minuti :

    Noi non ci tireremo mai indietro dall'acquisto, la casa ci piace! Io comunque seguo il notaio, lo sento molto attento ai problemi e corretto!
     
  7. ALINGHI

    ALINGHI Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Se la casa vi interessa c'è da capire però se può avere l'agibilità...cercate una mediazione , chiedete che venga richiesta l'agibilita e rimandate il rogito. Il costo della pratica per richiederla ( mi hanno detto che costa 2500 euro , tu però informati prima ) spetterebbe al venditore , però visto che probabilmente non hai scritto da nessuna parte che era un documento che il venditore ti doveva produrre prima della vendita , cercheranno di farlo pagare a te ...ti consiglio di farti seguire da un buon avvocato. In bocca al lupo
     
  8. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ottimo consiglio!

    Affermazione inesatta.
    Il venditore deve consegnare all'acquirente i documenti strettamente necessari ed utili per la compravendita pubblica.
    Il certificato di agibilità non è un certificato aleatorio ma essenziale per la stipula e l'acquirente non deve scrivere nulla in nessuna parte.
    E' il venditore che deve farsi carico di tutto.
    Inoltre l'agente immobiliare come mimino deve sapere che un immobile senza agibilità non può essere compravenduto, ripeto deve sapere in quanto fanno parte dell'ABC del mediatore.
    E' in difetto anche lui in quota con il venditore anche per l'eventuale risarcimento dei danni patiti.
     
  9. ALINGHI

    ALINGHI Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Quest' obbligo ad avere l'agibilità è entrata con le nuove norme del 1 luglio ? Perchè prima dicevano che non era necessario per rogitare
     
  10. giutri

    giutri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie ancora per le risposte.

    Il rogito si può subordinare all'ottenimento dell'agibilità? Se si, potremmo fare il compromesso adesso specificando di fare il rogito "salvo buon fine"?
     
  11. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    se manca l'abitabilità.....

    Prima era definita "abitabilità" e stava ad indicare requisiti di salubrità degli edifici a destinazione residenziale
    L. 22 dicembre 1888 n. 5849, nello specifico, art. 39.
    Chi lo diceva lo diceva perchè non sapeva e avrebbe fatto meglio a tacere.
    E' come la storiella dell'altezza per ottenere l'abitabilità o (ora) agibilità, si diceva che doveva essere "media" dei 2.70 metri invece è 2.70 e basta.
     
  12. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    l'agibilità è l'ultimo atto di qualsiasi pratica edilizia che prevede la presentazione di tutta una serie di certificazioni che attestano le condizioni di sicurezza, igiene, salubrità risparmio energetico, ecc..

    in assenza dell'agibilità l'immobile non dovrebbe essere assolutamente abitato
     
  13. fabiodl

    fabiodl Membro Attivo

    Privato Cittadino
    ma come mai dite che il certificato di agibilità costa circa 2500 euro... non è una documentazione che deve rilasciare il comune?? si paga per averla??? Agibilità e abitabilità sono dopo la legge del 1 luglio la stessa cosa o sono due documentazioni diverse?? Risulta documentazione necessaria e fondamentale per il rogito, senza il quale il notaio si rifiuta di stipulare l'atto??
     
  14. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Se il proprietario non ha richiesto l'agibilità ad ultimazione lavori devi incaricare un qualcuno che gliela richieda.
    Il qualcuno deve essere un tecnico che come tutti deve essere pagato.
    Agibilità ed abitabilità sono la stessa cosa. Ora si chiama agibilità.
    E' essenziale per il rogito.
     
  15. fabiodl

    fabiodl Membro Attivo

    Privato Cittadino
    se si acquista un immobile che ha già un ipoteca per mutuo aperto con una banca dai proprietari, si è più sicuri sul tipo di controlli e certificazioni che devono avere l'appartamento (il mutuo è stato acceso 4 anni fa e la casa era di nuova costruzione)?? è presumibile che la banca abbia richiesto tutti questi documenti e verificato la regolarità dell'appartaemnto alle norme urbanistiche e catastali??

    Aggiunto dopo 1 :

    ripeto io sapevo che era un documento che andava richiesto in comune e non a un tecnico privato. Che mi possa confondere con qualche altro tipo di documento??
     
  16. Valex

    Valex Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    l'abitabilità adesso si chiama agibilità ... ma la sostanza non cambia .. il documento rimane elemento necessario per il rogito e l'idoneità dell'immobile alienabile. Cosiglio di far capire al mediatore che le minacce sono spropositate, spronandolo a fare il suo dovere in accordo col venditore, procurarsi il documento e procedere tranquillamente con la cosa ... perchè falla saltare non conviene a nessuno: nè al cliente e all'agente che devono ricominciare da capo, l'uno a trovare casa e l'altro un nuovo acquirente e neanche al venditore che eventualmente dovesse ritirarsi andrebbe a depositare il doppio della caparra nelle mani dell'acquirente promittente ...
     
  17. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    nella richiesta del certificato di agibilità generalmente il costo più alto che deve sostenere la proprietà è proprio l'onorario del professionista incaricato che redigerà, reperirà e raccoglierà tutta la documentazione necessaria.
    al comune sono dovuti solamente dei diritti di segreteria e una quota per mc per il controllo tecnico
     
  18. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ripeto, se non era stato richiesto al Comune ad ultimazione della costruzione, il proprietario deve rivolgersi ad un tecnico abilitato privato che presenterà la pratica di richiesta al Comune.
     
  19. ALINGHI

    ALINGHI Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ottimo antonello , allora quei ai che due mesi fa mi dicevano: vai tranquillo che per il rogito non è necessaria l'agibilità mi dicevano una gran bella castroneria!:shock: Qualche tempo fa mi raccontava un ai che nel quartiere dove abito io pochissimi immobili hanno questo certificato , sarei curioso di sapere come rogitano questi!:disappunto: Comunque c'è anche da considerare che in alcune regione esiste un piano casa che consente il recupero dei sottotetti , per esempio quello del lazio permette ai fini della concessione dell'agibilità un'altezza minima MEDIA da 2,7 metri a 2,4 per i locali abitativi e a 2,2 metri per quelli a servizi.
     
  20. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Sul recupero dei sottotetti, oltre alla Regione Lazio...leggiti l'allegato
     

    Files Allegati:

    A ALINGHI piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina