1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. mic 75

    mic 75 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Mi piacerebbe sapere quanti mesi devo aspettae, per entrare in possesso della casa gia pagata nei tempi richiesti dal tribunale (maggio 2011). Sono un normale cittadino e nel frattempo devo pagare affitto e prestito alla banca. Come posso fare per avere info sull'attesa? é normale questa tempistica? Che sia possibile richiedere i danni per una situazione lumaca come questa dal momento che siamo in tanti in questa situazione? grazie della risposta.:disappunto:
     
  2. pinacio

    pinacio Membro Attivo

    Altro Professionista
    Io mi sono aggiudicato una casa e l'asta è stata esperita nella prima decade di novembre 2011. La consegna delle chiavi è avvenuta il 12 febbraio 2012. Considerato che nel frattempo c'erano le festività natalizie, fine e inizio anno e befana, la cosa è stata velocissima. Ritengo dipenda dal carico di pratiche e dall'impegno che vi dedicano il giudice incaricato e il notaio.
     
    A Umberto Granducato piace questo elemento.
  3. mic 75

    mic 75 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    beato te, di che tribunale parli? qui a treviso da quello che ho capito sono anni che sono in ritardo. si lamentano delle mancate vendite, ma questa tempistica allontana eventuali aquirenti e quindi hanno poco da lamentarsi. potranno pure trovare rimedio a questa situazione altrimenti chi ha bisogno di comprare deve tener conto di questi ritardi, e dovrebbero almeno avvisare prima gli eventuali mesi (se 12-18-24) di attesa che per noi sono gravi problemi di :soldi:.... ma tanto non sono problemi loro, al massimo avranno ancora piu beni all'asta da chi va in crisi come rischio io!!!!!
     
  4. pinacio

    pinacio Membro Attivo

    Altro Professionista
    Il tribunale, nel mio caso, è quello di Verona. La procedura d'asta è stata svolta dalla società Notes . Come esperienza per me è stata positiva anche a livello di informazioni ed assistenza da parte della predetta società Notes, nonchè dall'avvocato custode giudiziario che ha provveduto a dare libero l'immobile (era occupato) e far eseguire la pulizia della gran quantità di rifiuti abbandonati.
     
  5. elenros

    elenros Membro Junior

    Privato Cittadino
    Che fortunato veramente , a Milano solo per avere il decreto di trasferimento mi ci sono voluti 5 mesi (aggiudicata il 10/01/2011 ,il decreto firmato il 17 maggio 2011 e l'avvocato incaricato alla vendita me lo ha consegnato il 5giugno ) e tuttora non sono in possesso delle chiavi in quanto era occupata dagli inquilini che fortunatamente se ne sono andati via a novembre ,ma l'ex proprietario non vuole consegnare le chiavi , quindi ho dovuto fare causa con lo stesso avvocato che è stato il custode giudiziario :triste: ,pagare 500 euro solo per l'anticipo spese :occhi_al_cielo: e l'altro si vedrà ,mi ha detto che prenderà il minimo come parcella ,e appena il 27 marzo si spera che avremo l'accesso forzato. Mi sembra un INGIUSTIZIA ,come sempre in questo paese nei confronti di chi non se lo merita.
     
  6. mic 75

    mic 75 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    nel mio caso l'asta si è svolta 11 maggio 2011 e non ho piu sentito niente dal giorno in cui ho saldato il conto, solo quel giorno mi hanno detto che ci vuole ben piu di un anno.per fortuna la casa è libera, ma l'erba attorno sta alzando le mattonelle(ormai crescono alberi), tutto sempre chiuso, l'umidita gode ed io non posso fare niente, apparte pagare affitto e debiti con la banca(solo affitto e pese condominiali 7000:soldi: annui). ditemi voi se è giusto. ma cosa dovranno mai fare per il decreto di trasferimento? e si che siamo nell'era dei compiuter!!!!! però ho visto che le macchinette del caffe e varie del tribunale si lavorano a pieno ritmo (fanno anche gli straordinari).:^^:. ridiamoci sopragiusto per non :triste:.
     
  7. kolia cassin

    kolia cassin Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Non ho esperienze presso il Tribunale di Treviso, ma mi sembra abbastanza improbabile che dal momento del saldo alla pubblicazione del decreto di trasferimento passino più di sei mesi. Anche se da fuori l'ufficio esecuzioni immobiliari o la sezione fallimentare sembrino delle grandi scatole nere, la situazione e ben diversa. Ogni fascicolo ha un responsabile (cancelliere, delegato alla vendita o giudice che sia). Nel caso delle esecuzioni giudiziarie, se il decreto di trasferimento tarda si può interpellare direttamente il delegato alla vendita (Notaio, Avvocato o Commercialista che sia) per farsi segnalare la persona (cancelliere) responsabile del fascicolo per poi andare direttamente dall'interessato. Per esperienza questa operazione non è da delegare, in quanto gli operatori del settore (in particolare gli avvocati) non se la sentono di entrare in contrasto con un impiegato di cui domani potrebbero avere bisogno per il proprio lavoro. In ogni momento qualsiasi cancelleria di qualsiasi Tribunale ha la visibilità di dov'è fisicamente il fascicolo relativo ed - a costo di andare a parlare direttamente con il Giudice Delegato che ha la pratica da firmare ferma da settimane sul tavolo - la situazione si riesce sempre a smuovere.
    Se da una parte i Giudici sono i soggetti meno responsabilizzati in tal senso, sono comunque i più disponibili a fare la loro parte (mi è capitato di tutto, dal quello che mi ha mandato una Mail alle 7 di sera a quello che si è preso la briga di chiamare un offerente che non era presente all'apertura buste), discorso ben diverso è quello inerente le cancellerie, dove spesso ci può essere meno organizzazione e buona volontà, ma dove le responsabilità soggettive sono ben chiare.
    Mi rendo conto che chi compra una casa all'asta non si aspetti di dover andare a sollecitare la propria pratica perchè sia svolta in tempi ragionevoli, ma si tenga conto che molto spesso non è un problema di macchinetta del caffè, ma di organico carente e blocco degli straordinari (che comunque vengono fatti e non pagati!). Esistono delle eccezioni ed anche a me è capitato di incontrarne, ma devono essere valutate come tali.
    Cassin Kolia
     
    A Valerio Spallina piace questo elemento.
  8. mic 75

    mic 75 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie Cassin Kolia, provo ad informarmi appena posso, sperando che la vecchia regola "domandare è lecito rispondere è cortesia" sia ancora valida. comunque ho visto articoli di altre persone nella mia stessa situazione, tra cui un avvocato con tempi di attesa di ben oltre l'anno. ho paura che l'eccezone sia divenuta la regola. comunque il primo giorno libero incrocio le dita e provo a chiedere.
     
  9. forzaEcoraggio

    forzaEcoraggio Membro Junior

    Altro Professionista
    più che improbabile è una vera e propria certezza...purtroppo!!!
    ho dovuto attendere UN ANNO E 4 MESI per ottenere il decreto di trasferimento di un appartamento, oltretutto libero da persone.
    nulla sono servite continue visite alla cancelleria del tribunale (di Treviso), raccomandate e richiesta di custodia, le ho provate tutte, ma l'unica cosa che hanno saputo fare è lamentarsi che non era colpa loro ecc...ecc...
     
  10. kolia cassin

    kolia cassin Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    La setimana scorsa un mio cliente è andato direttamente dal Giudice dell'esecuzione perché non voleva aspettare i 3-4 mesi che gli avevo prospettato come tempistica media del Tribunale di Pinerolo (TO). Dopo 45 giorni si è preso la briga di aspettare il Giudice davanti la Sua stanza e spiegandogli la fretta per particlari esigenze familiari. Il Giudice ha tirato fuori l'incartamento, l'ha firmato, si è scusato per il ritardo cronico Suo personale e della cancelleria, ha chiamato il cancelliere capo ed il cliente ha avuto il Suo decreto in trascrizione immediatamente. Non avrei potuto farlo io che agisco professionalmente e rappresento una società che lavora in quegli uffici tutti i giorni, ma intervenire si può e si deve quando le tempistiche sono inaccettabili come nel tuo caso (di fronte a più di 6 mesi interveniamo diretamente noi come professionisti, per tempistiche più brevi no). Non voglio dire che le acquisizioni giudiziarie siano tutte rose e fiori, ma molti inconvenienti sono retaggio del passato; bisogna evitare di farsi "rimbalzare" dalle figure professionali intermedie (delegati, periti, cancellieri e custodi giudiziari) che effettivamente nulla ne possono e non approfondiscono (tranne rare eccezioni) le problematiche del particolare caso.
    Cassin Kolia
    casedaenti.it
     
  11. consulenzaroma

    consulenzaroma Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Immagino che quando si parla di questi tempi abbiate fatto tutto autonomamente!!!! Dal decreto di trasferimento si attende al massimo il tempo per la liberazione (se occupato), che nei peggiori dei casi è di 6 mesi..
     
  12. forzaEcoraggio

    forzaEcoraggio Membro Junior

    Altro Professionista
     
  13. forzaEcoraggio

    forzaEcoraggio Membro Junior

    Altro Professionista
    che vuole dire con autonomamente?!? esiste forse un "intermediario" capace di far rispettare i tempi di attesa di un immobile acquistato all'asta?
     
  14. consulenzaroma

    consulenzaroma Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Si. Nel mandato per la partecipazione si stabilisce un termine pena il pagamento di una penale (solitamente non superiore a 6 mesi)! Io do questa garanzia.
     
  15. forzaEcoraggio

    forzaEcoraggio Membro Junior

    Altro Professionista
    E' da anni che acquistiamo all'asta e posso dirle che il Tribunale di Treviso non accetta affatto questo tipo di accordi...infatti nulla sono valsi i tentativi per accorciare l'anno di attesa per il decreto di trasferimento...
     
  16. consulenzaroma

    consulenzaroma Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Ma l'accordo non è con il Tribunale!!!!!!! Ma tra il professionista (intermediario) e privato partecipante, il quale è vero che ha una spesa in più, ma almeno acquista con delle garanzie che lo rendono di sicuro più tranquillo...
     
  17. forzaEcoraggio

    forzaEcoraggio Membro Junior

    Altro Professionista
    si ho capito, ma la tempistica per il decreto di trasferimento non è che può deciderla il professionista (intermediario)...e quindi c'è poco da accordarsi con il privato, o meglio si può ma non certo assicurando un periodo certo di attesa, pena penale...
     
  18. consulenzaroma

    consulenzaroma Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    C'è e come un termine per il decreto...
    A parte che per il custode in una settimana è pronto in cancelleria. La fatica è recarsi in tribunale... Oppure può essere richiesto dall'aggiudicatario dopo 2 settimane. Considera che il decreto è una firma di un giudice. Il tempo si dilata di 2 settimane solo se l'astaè con incanto per l'attesa di un possibile aumento di quinto.... Quindi....... Occorre tartassare in Custode affinchè faccia il suo lavoro.
     
  19. forzaEcoraggio

    forzaEcoraggio Membro Junior

    Altro Professionista
    mi fa piacere che presso il tribunale di Roma funzioni così...perché qui a Treviso è tutt'altra cosa...il tempo per il decreto c'è a parole ma non a fatti...e le posso assicurare che se la fatica fosse quella di recarsi in tribunale sarebbe solo una passeggiata...ma purtroppo le parlo di clienti che nemmeno tramite avvocati sono riusciti ad ottenere quanto dovuto in tempi stabiliti...dipende tutto dai tempi del tribunale non certo dagli intermediari professionisti...
     
  20. kolia cassin

    kolia cassin Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Non è una questione di fatica o di tempo da dedicare, esistono veramente delle attività che si fanno per far si che il fascicolo non giaccia sei mesi in cancelleria in attesa che sia scaricato (solitamente è queso il collo di bottiglia). Se l'acquirente ha l'informazione che il decreto è firmato può pretendere (e sottolineo pretendere) che venga fornita immediatamente copia per il rilascio esecutivo prima che il documento venga mandato in trascrizione. Il giudice gode di una protezione data dalla "non responsabilità" inerenti ai suoi ritardi (tanto per intenderci le scarcercerazioni che avvengono per il non tempestivo deposito delle sentenze definitive di condanna). Ma se il decreto è depositato, il responsabile di quel fascicolo ha un nome ed un cognome ed il reato in cui incorre per un ritardo eccessivo e sia penale che civile; detto questo non si può chiedere ad un avvocato di mandare una raccomandata ad una cancelleria esecuzioni - dove probabilmente si reca spesso per lavoro - minacciando le tutele legali del caso, ma il privato cittadino aggiudicatario lo può e lo deve fare.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina