1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. fox1234

    fox1234 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno,
    in fase di trattativa di vendita di un immobile, ho fatto presente al prommissario acquirente che esisteva una difformità catastale dell'immobile che andava sanata. Lui mi ha segnalato che non c'erano problemi, e che avrebbe sanato lui una volta acquistato l'immobile, a proprie spese.
    Tutto questo veniva riportato per iscritto sul preliminare stipulato tra le parti.
    Ad una settimana dal rogito previsto, chiamo il notaio (scelto dall'acquirente) per avere conferma che sul rogito venisse riportato quanto concordato nel preliminare, e lo stesso mi comunica (ora lo so anch'io, correttamente!) che l'atto non si poteva fare proprio per tale difformità catastale. Informo prontamente il promissario acquirente, a cui segnalo che bisogna prima sanare la difformità catastale (tempo minimo previsto 1 mese e mezzo), poi sarà possibile rogitare.
    Gli propongo due soluzioni: se ne occupa completamente lui a proprie spese (facendo firmare ovviamente a me le carte in qualità di proprietario dell'immobile), o in alternativa me ne occupo io, a mie spese, ma a condizione di alzare il prezzo di vendita originariamente definito. Lui tergiversa un po', poi mi manda una raccomandata in cui mi dice che il termine per il rogito è spirato e che il rogito non si fa più per colpa è del venditore!
    Ora sono pertanto in una fase di stallo e vi chiedo: posso rischiare di perdere il doppio della caparra, pur avendo in mano un preliminare che evidenzia che non solo lui era al corrente della difformità, ma che se ne sarebbe fatto anche carico a sue spese?
    Io oltretutto voglio ancora vendere l'immobile (ovviamente non più entro il termine concordato, in quanto non possibile), mentre lui sembra che si sia tirato indietro. Posso tenermi la caparra che mi ha lasciato?
    Fatemi pf sapere cosa ne pensate.
    Ciao e grazie
     
    A Vivy60 piace questo elemento.
  2. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Restituire la caparra e sciogliere ogni impegno, sarebbe la cosa migliore.

    In alternativa un accordo bonario in considerazione del fatto che la controparte ne era a conoscenza.

    Fattosalvo che ognuno deve guardare gli adempimenti suoi, tra le due opzioni, io sceglierei la prima.
     
  3. Manzoni Maurizio

    Manzoni Maurizio Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Secondo me tu hai tutte le ragioni, la sua raccomandata non vale un gran che.
    Devi farti assistere da un legale.
     
  4. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    è questo che non va bene. Anche se avete preso questo accordo, va contro la legge, il notaio non può rogitare un immobile che necessita di sanatoria. O non lo dicevate al notaio e dichiaravate il falso oppure l'accordo era a tue spese acquirente accetti di sanare entro la data del rogito, non dopo il rogito per il motivo che ti ho esposto.
    Ora non puoi trattenere la caparra, restituisci.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina