1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Mareva

    Mareva Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti,
    sono una nuova iscritta e ho una questione da porvi: nella finanziaria 2010 è previsto qualcosa che riguardi gli immobili con difformità nei documenti? NELLO SPECIFICO: ho una casa costruita nel 1971, regolarmente accatastata, ma con i disegni depositati in comune totalmente diversi dalle schede catastali; mi spiego meglio (se riesco...è piuttosto complicato...): i geometri che seguirono la pratica edilizia dei miei nonni, nel lontano 1971 x la costruzione di qs casa, fecero un primo disegno depositato in comune; in seguito, i miei nonni decisero di cambiare i professionisti e anche il progetto della casa subì dei cambiamenti: in sostanza, OGGI abbiamo una casa che presenta schede catastali diverse dai documenti depositati in comune; è grave? cosa si deve fare per mettere tutto a posto? Aggiungo che le schede catastali riportano lo stato di fatto odierno della mia casa, mentre i documenti che ci sono in comune riportano il primo progetto (è tutta un'altra casa!!!). AIUTATEMI vi prego: vorrei vendere qs casa (troppo grande per me) ma ho paura di incappare in qualche casino!
    Grazie,
    Mareva
     
  2. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Darti un consiglio a distanza senza vedere le carte è praticamente impossibile. Probabilmente ci sarà bisogno di una sanatoria, ma devi rivolgerti ad un tecnico di tua fiducia della tua zona che saprà consigliarti per il meglio.
     
  3. Mareva

    Mareva Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ....purtroppo mi aspettavo una risposta del genere: ....difficile trovare qualcuno di cui fidarsi o che abbia voglia di impegnarsi a risolvere qs grana (l'unico "amico" geometra che aveva visto la mia pratica ora è diventato assessore comunale e non ha più tempo di seguirmi) , grazie comunque per la tua sollecita risposta
     
  4. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Il catasto italiano è solo fiscale e non è probatorio della conformità urbanistica della casa, quindi le planimetrie catastali conformi non valgono niente.
    per quanto riguarda la conformità urbanistica quoto Umberto, ti serve un tecnico (e anche bravo).
     
  5. Mareva

    Mareva Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ciao Roberto!!.... e dove lo trovo un tecnico BRAVO di cui fdarmi?? non hai idea di quanto sia angosciata da qs storia.
    Nel caso trovassi un compratore e vendessi, cosa succederebbe??

    Aggiunto dopo 2 minuti :

    nessuno pero' ha ancora risposto alla mia domanda iniziale: nei meandri della finanziaria 2010 non esiste nessun "cavillo" a cui posso aggrapparmi??? so che c'è una parte che riguarda le difformità degli immobili, ma forsse solo a livello catastale, o sbaglio?
    grazie ancora a tutti
     
  6. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Gli immobili devono essere venduti conformi alle norme edilizie ed urbanistiche vigenti, il tuo non lo è.
    La difformità catastale non dichiarata rende l'atto nullo, la dichiarazione di conformità urbanistica per un immobile che non lo è rende l'atto annullabile e inoltre non troverai un acquirente poiché in caso di ristrutturazione un tecnico deve presentare l ostato di fatto dell'immobile (che deve essere conforme ai progetti depositati in comune) per poi arrivare allo stato modificato (quindi dovrebbe dichiarare il falso anche il tecnico che presenta il progetto).
    Per riponderti NO non esistono scappatoie.
     
    A Maurizio Zucchetti piace questo elemento.
  7. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Nessun cavillo... anzi adesso le cose sono ancora piu difficili, tuttavia non mi fascerei la testa.
    Chiedi al tecnico che avevi di indicarti un buon collega ... ci sono tanti tecnici bravi e scrupolosi: non mi dispererei prima deol tempo. Se non ci sono aumenti di volume rispetto al progetto iniziale magari sono solo spostamenti interni o comunque cose che si possono sanare, ma questo solo un tecnico della tua zona puo dirtelo...
     
  8. Mareva

    Mareva Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    davvero molte grazie per la vostra gentilezza; cerchero' qualcuno in grado di aiutarmi qui in zona
     
  9. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    la difformità edilizia riguarda la sagoma esterna o è solo una difformità di distribuzione dei vani interni? (lascia perdere le planimetrie catastali....)
     
  10. Mareva

    Mareva Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    riguarda solo l'interno: praticamente sui disegni che ci sono in comune è raffigurato un appartamento solo con una certa distribuzione dei locali, sulle schede catastali (e nella realtà attuale) gli appartamenti sono 2.
    in che senso, devo lasciar perdere le planimetrie catastali?
    grazie Federico
     
  11. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    in catasto le variazioni le puoi apportare tranquillamente a seguito di un titolo edilizio. il difficile è ottenere il titolo edilizio "postumo" ma nel tuo caso, se le difformità sono riconducibili solamente ad una diversa distribuzione interna, allora risolvi facilmente incaricando un tecnico presentando la richiesta di un accertamento di conformità ai sensi dell'art. 36 del DPR 380/01 che comporta il pagamento di una sanzione minima di € 516 oppure il doppio del contributo di costruzione (nel lazio il minimo sono 1000 € in quanto è vigente una legge regionale che ha inasprito le sanzioni). successivamente il tuo tecnico presentera una variazione catastale mediante procedura DOCFA ed il problema è risolto.
     
  12. barbara s

    barbara s Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    scusa roberto mi puoi spiegare meglio quando un atto è nullo e quando invece è annullabile? (ovviamente capisco il senso dei due concetti, ma non colgo esattamente quali sono le condizioni per cui si possono verificare i due casi). chi può annullare un atto annullabile?
    grazie
     
  13. Mareva

    Mareva Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    cia federico, questa è la tua risposta per me?
    "in catasto le variazioni le puoi apportare tranquillamente a seguito di un titolo edilizio. il difficile è ottenere il titolo edilizio "postumo" ma nel tuo caso, se le difformità sono riconducibili solamente ad una diversa distribuzione interna, allora risolvi facilmente incaricando un tecnico presentando la richiesta di un accertamento di conformità ai sensi dell'art. 36 del DPR 380/01 che comporta il pagamento di una sanzione minima di € 516 oppure il doppio del contributo di costruzione (nel lazio il minimo sono 1000 € in quanto è vigente una legge regionale che ha inasprito le sanzioni). successivamente il tuo tecnico presentera una variazione catastale mediante procedura DOCFA ed il problema è risolto."

    se si', grazie mille!!!
     
  14. antonellifederico

    antonellifederico Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
  15. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    @ barbara
    un atto è nullo quando lo è fino dalla stipula
    un atto è annullabile quando è valida la stipula ma se una delle parti chiede l'annullamento lo ottiene.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina