1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. paolo bellini

    paolo bellini Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Il praticantato è stato fortemente sostenuto da Anama e nel 2001 è diventato legge (L. 57/2001). Poi le altre associazioni e una diatriba tra Stato e Regioni ne hanno minato l'approvazione. in sostanza oggi siamo con una legge di Stato ma inapplicabile vista la mancanza del regolamento di attuazione. Il Praticantato da noi pensato è serio, vero, reale e strutturato: 12 mesi di affiancamento ad un tutor in agenzia e un corso teorico spalmato durante l'anno di pratica. Retribuito? certamente: altrimenti nessuno si porta in agenzia a "lavorare" senza nemmeno un rimborso spesa. Controllato? ma certamente: grazie anche alla responsabilità data al tutor di dare una valutazione sull'operato del praticante. verificato? Di certo: la pratica deve essere stata effettivamente svolta con serietà e dedizione. Ecco quindi una strada alternativa all'attuale procedura di abilitazione professionale.
    Paolo Bellini
    presidente nazionale Anama
     
  2. Occhipinti

    Occhipinti Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Evviva! era come scoprire l'acqua calda! avevamo la soluzione e non ce n'eravamo resi conto! Ma come mai? E' proprio tutto così semplice, caro presidente Bellini? Penso di no.
    Perchè Luciano Passuti e Pino Contestabile e Giuliano Olivati e magari Mauredo e Ketti Increta e Ponziani non intervengono?
    Fuori l'orgoglio o dobbiamo organizzare un fiaip day?
    Ciao
    Occhipinti
     
  3. Luciano Passuti

    Luciano Passuti Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    La Fiaip e' favorevole ad un praticantato professionalizzante con esame finale !
    La norma non e' ancora stata oggetto di confronto all'interno della Consulta Interassociativa Fimaa-Fiaip e Anama.
     
  4. contestabile

    contestabile Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Caro occhipinti il praticandato come anticipato da Luciano è indispensabile se si vuole elevare la professionalità e il grado di percezione che la gente ha della nostra categoria ma l'argomento è talmente importante che forse come tu dici sarebbe opportuno organizzare un convegno a tema dalla Fiaip o da chiunque altro affinchè possa essero messe in atto un programma, dinamico, serio e coerente, impedendo strumentalizzazioni, forse oggi necessarie, alle strutture in franchising per regolarizzare le posizioni dei loro collaboratori "abusivi".
    Saluti

    Pino Contestabile
     
  5. giuliano olivati

    giuliano olivati Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    sono d'accordo con bellini ( :shock: ), ma ad una sola condizione: che alla fine il praticante faccia lo stesso esame camerale, né + nè -, di chi fa il corso. non "verifiche finali" burletta, né l'assenza di ogni verifica da parte di un'stituzione terza come propone il bellini. farebbe bene anche a lui adeguarsi a qs limpida linea di pensiero. sennò magari qualche maligno potrebbe pensare che anama è in mano ai grandi gruppi, dei quali difende a spada tratta gli interessi....
     
  6. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Non sono d'accordo sul fatto che non venga fatta alcuna verifica e tutto ricada sulle spalle del tutor, il quale può avere molti interessi a regolazzare alcuni collaboratori; ci vuole una verifica, seria, fatta da esterni.
    Io sono addirittura per due anni di praticantato di cui il primo come praticante vero e proprio e il secondo come agente immobiliare diciamo di categoria B che può svolgere tutte le mansioni di un AI ma con un tutor alle spalle che sia responsabile del suo operato.
    Chi resiste 2 anni, giustamente retribuito, consegue il patentino.
     
  7. Occhipinti

    Occhipinti Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    E allora procediamo sulla strada del dialogo e del confronto e troviamo la soluzione, se ritenete.
    Per conto mio sono sempre più convinto che le competenze richieste all'espletamento della nostra professione richiedano un corso di laurea specifica, seguito da un praticantato simile a quello degli avvocati ed esame di stato o camerale finale.
    Parliamo sempre di riconoscimento della professione, poi abbiamo il timore di dire che dovremmo essere tutti laureati, per quelli che già esercitano si dovrebbero trovare soluzioni di recupero di crediti formativi, non vorrei dire inesattezze ma mi sembra che i dott. commercialisti e i ragionieri qualcosa hanno realizzato in tal senso. E poi successivamente formazione continua per essere al passo delle normative e delle consuetudini che modificano il mercato.
    Perchè chi pensa in grande non può immaginare una professione di "approssimativi" al posto di " ausiliari ".
    Preciso che non sono laureato, ma sarei stato ben disposto a frequentare un corso di laurea adeguato anche solo per dare risposta a tutti quei colleghi, mi raccontano quelli più " anziani " di me in federazione, che quando si candidano aggiungono sempre ai loro curricula di avere dato qualche esame universitario ma di non avere consuguito la laurea.
    Dai ragazzi, scusatemi ma mi rivolgo ai colleghi under 30, riscattiamo, pur rispettandola e ringraziandola la figura del sensale!
    Facciamo questo salto di qualità?
    Posso chiederti, Luciano, una risposta con il cuore in mano? Il mio pensiero è limitato dal fatto che ho 25 anni e mi piacerebbe che la bella professione che esercito avesse un riscontro di autorevolezza più adeguato alle competenze che metto a disposizione dei clienti e del tessuto sociale nel quale opero, o è un'esigenza di crescita professionale che potrebbe essere condivisa da parecchi?
    Un caro saluto
    Occhipinti
     
  8. contestabile

    contestabile Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Ci si può anche laureare oggi ed essere dei professionisti qualificati...oggi, ma senza aggiornamenti e verifiche periodiche tra 20 anni anche il laureato potrebbe essere non più un professionista qualificato.
    Pertanto le strade da prendere sono due.........il raggiungimento dell'obiettivo ed il consolidamento di tale raggiungimento negli anni a venire.
    Questo è il mio punto di vista.
    Pino Contestabile
     
  9. Occhipinti

    Occhipinti Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Sentiamo se la pensano come noi anche Passuti e Bellini e poi suoniamo la carica! Contestabile sei under 30? Arruolato comunque!
    Occhipinti
     
  10. contestabile

    contestabile Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Ho 38 anni e 20 di attività alle spalle, ma a me piace guardare avanti e lo vorrei fare con chiunque la pensa come me..over o under 30 che sia.

    Un saluto

    Pino Contestabile
     
  11. giorgino

    giorgino Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Dunque il mio punto di vista è questo: Non c'è dubbio che l'accesso al ruolo andrebbe innalzato spaventosamente, con il requisito di laurea e praticantato.
    Perchè la laurea? Perchè andrebbe a rompere gli equilibri dei grossi gruppi che lucrano sui ventenni, sbattendoli sul marciapiede a fare un lavoro che non sanno fare e che non imperaranno a fare con quel metodo.

    E poi basta con 'sta storia degli acquisitori da quattro soldi ecc. ecc.

    No Laurea? Va bene... facciamo allora che siccome siamo dei commercianti, dobbiamo avere obbligatoriamente una struttura e una qualità misurata con adempimenti severissimi come le pratiche auto. Insomma non è possibile andare avanti così dai...

    O meglio, è possibilissimo, visto che lo stiamo facendo... ma almeno non lamentiamoci.
    Vogliamo far sentire la nostra voce? Bene. Lodevole. Peccato che parliamo lingue diverse. Ci rendiamo conto che siamo zimbelli da barzelletta?

    Noi "vecchi" dovremmo aderire a standard di qualità superiori, qualcuno dovrebbe mettere rimedio all'abusivismo, e soprattutto dovremmo abbattere la diffidenza che c'è tra di noi, imparare a lavorare insieme per un obiettivo comune.
    Così come siamo è impossibile.

    g
     
  12. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    L'unico modo di abbattere l'abusivismo, dato che le autorità non ci aiutano in questo, è renderci indispensabili.
    Per abbattere la diffidenza che c'è fra di noi ci vorrà ancora tanto tempo, io sono uno di quelli che ha sempre la porta aperta alle collaborazioni e purtroppo ho preso anche qualche fregatura anche per somme di 2000 € circa; presto detto per me quel collega ha chiuso l'agenzia e non mi interessa più. Con altri è andata bene e continuo la lavorarci e addirittura se hanno bisogno gli do anche le chiavi degli appartamenti senza fare appuntamento insieme.
    La laurea potrebbe essere un metodo per innalzare la categoria ma secondo cambierebbe poco nel senso che anziché ventenni avremmo venticinquenni sfruttati.
    Meglio forse obbligare a conseguire crediti formativi a tutti coloro che lavorano in agenzia, in questo modo anziché 10 sprovveduti in agenzia ci sarebbero 5 qualificati dato che il costo di un corso di formazione non è indifferente e verrebbe investito solo su coloro per cui vale la pena.
     
  13. Occhipinti

    Occhipinti Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Come vedi, caro Contestabile, la dirigenza si assenta: nessuna risposta nè da Bellini, nè da Passuti; a me ovviamente premeva più quella di Passuti.
    RICORDATEVELO IN CONSIGLIO NAZIONALE!
    Sempre Occhipinti
     
  14. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    giorgino sono assolutamente d'accordo con te, cosi come sono d'accordo con Occhipinti, manca la voce delle associazioni di categoria, che mi sembra facciano più un mercato che un interesse della professione. Appena esce una legge che ci impone nuovi adempimenti, invece di protestare ti propongono il software per la sua gestione... e se fossero tutti d'accordo?
     
  15. giorgino

    giorgino Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Non lo credo Roberto. O meglio renderci indispensabili perchè il cliente deve entrare in agenzia, convinto di essere tutelato. Non di essere "fregato".
    Troppi colleghi non fanno il loro mestiere come si deve. E non esistono organi di controllo veri.

    Le prove? Basta fissare un appuntamento di acquisizione controllando i numeri di telefono sulle inserzioni. Una persona della camcom in un anno potrebbe spazzare via l'abusivismo al 98% con poca fatica.
    Aggiungo. Potrebbe anche fare controlli di qualità sulle agenzie iscritte al ruolo, in modo da spogliarci "dei soliti" che finiscono sempre in tribunale per questa o quella causa.

    Il nostro male, non è l'abusivismo in se, ma ciò che lo genera. Cioè noi stessi.
    Non è colpevole il cliente se "ritiene conveniente" comprare casa col portinaio se sa che in agenzia ha lo stesso trattamento o peggiore al doppio o triplo del costo e deve pure mettere 10 firme in più.

    Non credi?

    g
     
  16. giorgino

    giorgino Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Vivono di quote associative. Impensabile che intraprendano azioni dirette contro gli agenti immobiliari. Più facile che aiutino a fare una legge che nomini un organo di controllo STATALE.

    Non credi? :)

    g
     
  17. Luciano Passuti

    Luciano Passuti Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Caro Occhipinti,
    sul praticantato, sulle norme per una reale lotta all'abusivismo, sulla qualificazione professionale, ecc. ecc. l' Ufficio Studi Fiaip ha gia' elaborato dei testi di riforma della legge 39/1989.
    Ritengo le nostre proposte condivisibile dalla maggioranza dei colleghi.
    Quindi non si puo' affermare che la nostra federazione non sia attiva.
    Ovviamente prima di rendere di dominio pubblico la proposta di riforma e' necessario un confronto all'interno della federazione ( Consiglio Nazionale) e con le altre federazioni ( Fimaa e Anama).
    Sara' il nostro presidente Arosio a decidere tempi e modalita'.
     
  18. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Vedi giorgino, noi abbiamo un grosso handicap a livello professionale, facciamo mediazione.
    Nessuno mi impedisce di vendere casa di un altra persona se percepisco il compenso solo da lei e non faccio mediazione, in questo caso non sono abusivo perché non medio. (parere mio naturalmente)
     
  19. giuliano olivati

    giuliano olivati Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    è molto controversa qs interpretazione, dato che esiste la figura del mandatario a titolo oneroso o mediatore unilaterale, che deve cmq essere iscritto a ruolo.
     
  20. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    In questo caso parlavo soprattutto dei vari tecnici, avvocati ecc. che fatturano consulenza ma fanno altro.
    Comunque, a quanto mi risulta, se una persona riscuote da una sola delle due parti sul verbale della GdF a cui era stata segnalata la cosa è stato scritto: non si ravvisa attività di mediazione. e ha chiuso la pratica.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina