1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. gianluigi

    gianluigi Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    DOMANDO SE E' POSSIBILE CHE QUESTA CRISI SIA STATA CREATA A TAVOLINO DALLE BANCHE , O COMUNQUE CHE AD UN CERTO PUNTO LE BANCHE SI SIANO RESE CONTO DELLA STESSA E CHE HANNO CAVALCATO L' ONDA, ASPETTATO GLI AIUTI STATALI ECC. E POI.........QUESTI AIUTI STATALI QUANDO VERRANNO FINALMENTE ELARGITI. SONO UN IMPRENDITORE EDILE, ABBIAMO DATO INTERESSI ALLE BANCHE PER ANNI ED ANNI, ORA SEMBRA CHE QUANDO CI VEDONO VEDONO I DEMONI, MA CHE GLI ABBIAMO FATTO MAI........ORA SIAMO TUTTI INDEBITATI MA BASTASSE CHE LORO NON SE NE APPROFITTASSERO PER EVITARE MILLE FALLIMENTI, INVECE ASPETTANO CHE TRABALLI PER DISTRUGGERTI PRENDENDO COME SCUSA BASILEA, I REETING ECC. ECC MA SI SA CHE E' NORMALE IN UN MOMENTO DI CRISI, CHE LE COSE VANNO FUORI DAI LIMITI, CI SONO RITARDI ECC. ECC. E' NORMALE, PERCHE SE UNA BANCA VA MALE LO STATO PRENDE I MIEI SOLDI E LI DA ALLA BANCA , INVECE SE UN AZIENDA VA MALE LA BANCA LA SEGNALA SOFFERENTE E DIVENTA COME LA LEBBRA CHE SI SPANDE, QUELLA AZIENDA POI NESSUNO LA FINANZIA PIU. INVECE UNA BANCA HA A DISPOSIZIONE I TREMONTIBOOND LI PUO COMPRARE E QUESTO NON COMPORTA NESSUN DANNO PER LA BANCA. MHA.....
     
  2. il Custode

    il Custode Custode del Forum Membro dello Staff

    Ciao Gianluigi benvenuto nel forum :)

    In attesa di leggere le risposte della community al tuo spunto di discussione, ti pregherei di NON scrivere in MAIUSCOLO, in quanto sul forum equivale a URLARE.
    So che il CAPS LOCK scappa facilmente ma ti prego di farci attenzione.

    Grazie e Auguri!
     
  3. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Ciao Gianluigi, il problema è che le banche vendono soldi e la merce la vendi a chi i soldi li ha.
    Capisco la tua amarezza dato che per anni ho lavorato per imprese edili come direttore di cantiere e i problemi sono sempre i soliti.
    Le banche hanno guadagnato un sacco in periodi con tassi alti perché il rischio di un cliente era compensato dalla remunerazione ottenuta dagli altri; oggi che il guadagno è minore minimizzano i lrischio finanziando solo coloro che sono solvibili al 100%.
     
  4. Akros

    Akros Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    ciao gianluigi,
    ti porto tutta la mia considerazione...ma purtroppo questo e' il risultato di decenni di sudditanza. ora propongono mutui con spread assurdi ( oltre il 2 % ) ben sapendo che quando tutto questo finira' , i clienti avranno problemi a non finire, visto che il danaro tornera' a costare a livelli normali.
    cmq., auguri a te e atutti noi...ne abbiamo veramente bisogno.
    ciao
    andrea akros immobiliare
    www.akrosimmobiliare.it
     
  5. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Qualche tempo fa ho chiesto ad un mio amico (che di mestiere fa il "PRIVATE BANKER", che sarebbe il promotore finanziario per gente che vuole investire dai 500.000 euro in su :fico: ) da che cosa sia stata causata la crisi, e lui mi ha risposto così:
    1. la crisi a livello italiano è stata certamente influenzata dalle banche che, dopo aver venduto mutui a tasso variabile ai lavoratori dipendenti ora, che si trovano piene di case e con poca liquidità perchè i suddetti lavoratori non sono stati dietro al crescere delle rate, hanno chiuso i cordoni della borsa strozzando il mercato, e il brutto à che nessuno può (o vuole? :rabbia:) impedirgli di fare come vogliono con gli spread, come giustamente dice Akros !
    2. la crisi però, che è nata altrove e si è propagata a livello mondiale, è stata generata dal fatto che le grandi banche americane (perlopiù) hanno "spezzettato" il loro credito dato dai mutui che avevano concesso, e l'hanno infilato dentro tutti i prodotti finanziari acquistati dai risparmiatori del mondo intero. Il problema è che i mutui li avevano concessi anche alle persone "a rischio insolvenza", e per il 100% del valore della casa, con l'effetto che l'ignara famiglia di Baltimora che ha comprato dei titoli "stra-sicuri" con rating eccellente si è trovata in mano pezzi di carta senza nessun valore perchè il prestito che li sorreggeva non è stato più pagato! Da lì la crisi di liquidità a livello mondiale, il crollo del mercato immobiliare americano, ecc. ecc.
    Spero di essere stato comprensibile anche in queste poche righe, e concludo dicendo che il mio amico ha finito dicendo "se crolla anche il mercato dei derivati ritorneremo al baratto!" :shock:

    ;)
     
  6. tquadro

    tquadro Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Parlare di pianificazione mi sembra una forzatura, parlerei di “omertà” , di “miopia forzata” .
    Quando si parlava di “Basilea 1” le banche erano distratte, abituate ad agire come una casta più propensa a dettare legge e meno incline a recepirla.
    Si cominciò a parlare di Basilea 2 e tutti erano impreparati … tutti erano fuori tempo limite, i tempi dovevano slittare. Molti erano impegnati a confezionare e spalmare “spazzatura”. Un giorno, presso la sede di una storica banca, parlando di quello che accadeva, (mutui concessi a cani e porci), un dirigente mi disse: Abbiamo tanto lavoro … tanta spazzatura da vendere. Si riferiva al credito erogato, spazzatura che in molti hanno rimesso sul mercato come se fosse un bene redditizio.
    Sicuramente oggi la parola “crisi” è sulla bocca di tutti. Basti guardare come il mondo della pubblicità utilizza la parola crisi anche negli spot. Molti cavalcano l’onda ma bisognerebbe cominciare a valutare quale sia il livello di crisi oggi in Italia. Nel periodo delle feste di pasqua è aumentato il numero delle prenotazioni alberghiere rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il prezzo degli immobili è calato meno e con una rapidità inferiore rispetto a molti stati europei. Un giornalista scrive “ forse l’Italia si allontana dal precipizio” . Vedremo … è certo che oggi affrontiamo una corsa di resistenza, non importa vincerla ma portarla a termine.
     
  7. giorgino

    giorgino Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Quoto l'intervento di tquadro che oltre ad essere corretto analiticamente, spiega tutta la fenomenologia che abbiamo avuto intorno ai mutui e all'ascesa dei prezzi delle case in questo lustro appena trascorso.

    Aggiungo solo una considerazione.

    Perchè i prezzi delle case in Italia non sono crollati come negli altri stati europei?
    Le risposte possono essere molte e poliedriche... però mi piace stigmatizzare un'equazione:
    Se in questi anni le banche hanno finanziato "dogs&pigs" è altrettanto vero che le garanzie ipotecarie sono decollate a dismisura. Per cui chi più delle banche stesse può temere un crollo del mercato immobiliare?

    Se io ho in garanzia un immobile che non voglio in proprietà (in effetti le banche non vogliono le case di coloro che non pagano il mutuo, ma vogliono i soldi) non posso che aumentare e diminuire i tassi dei mutui esistenti per permettere a una parte consistente dei miei debitori di pagare tutto o in parte il debito residuo.

    Possono le banche "modulare" l'andamento del mercato immobiliare aprendo e chiudendo ad hoc il rubinetto dei mutui? Secondo me si e lo stanno facendo con una pratica che ha del disumano.

    Vi do anche un altro dato che molti di voi conoseranno. Una pratica di pignoramento immobiliare costa dai 50 ai 100.000 euro. Oggi come oggi i prezzi di asta sono uguali a quelli di mercato, per cui la gente si è disamorata della partecipazione alle stesse. Investitori compresi. Da ciò prezzo di mercato meno costo di pignoramento più rischio di impresa uguale fallimento dell'operazione.
    Meglio un debitore oggi che un pignoramento domani... (salvo che il debitore non abbia altre risorse ovviamente. In quel caso scatta l'operazione disumana della persecuzione finanziaria).

    g
     
  8. tquadro

    tquadro Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Sono convinto che ALCUNE banche hanno il controllo della situazione. Possono temere il crollo del mercato ma chi + di loro può, come giustamente dice Giorgino, "modulare" l'andamento del mercato immobiliare?
    Forse oggi si riprenderà a trattare i dogs evitando i pigs. I rubinetti del credito sono quasi chiusi, si punta a "fare cassa".
    Sicuramente le banche si ritroveranno con tanta liquidità ed un buon numero di immobili, due elementi fondamentali che consentono di "modulare" il mercato.
     
  9. Mediatore-anarchico

    Mediatore-anarchico Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    è stato tutto pianificato dall'ingresso dell'area euro nei grandi scenari mondiali...
    non a caso il 2001 verrà ricordato come il grande inizio di questa catastrofe.
    torri gemelle, lotta a l terrore, crollo della borsa dei tecnogici..crollo del mercato immobiliare in alcuni paesi..
    crollo dela finanza....povertà diffusa..mancanza di lavoro genralizzato..
    PRELUDIO A GRANDI CATASTROFI...o guerre mondiali, secondo analisti
     
  10. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Beh, non capisco perchè, chi sta guadagnando dei bei soldini, pianifichi una situazone economica tale da portarc ialla catastrofe totale. Secondo il mio modestissimo parere, vi sono stati degli errori di valutazione. Si sa che gli economisti non ne azzeccano una che sia una. E' il mercato che fa le regole, e non credo in grandi burattinai in grado di poter pilotare l'economia mondiale. Credo vi siano istituzioni che magari sbagliando, cercano di indirizzare lo sviluppo da una parte piuttosto che dall'altra.
     
  11. Mediatore-anarchico

    Mediatore-anarchico Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    ascolta...
    magari legggere un pelino di piu' qualche rivista finanziaria, non farebbe male..


    il capitalismo ha fatto una scelta, che piaccia o no.
     
  12. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    E' proprio perchè leggo le riviste e che cerco, nel limite del possibile, di tenermi costantemente aggiornato, che mi sono fatto un'opinione, poi tra l'altro oltre a credere di avere ragione LO SPERO! Se difatti tu avessi ragione e credo e soprattutto spero di no, tutto quello di cui stiamo parlando non avrebbe più senso. Ci prendiamo un pezzetto di terra, se ancora esisterà la proprietà, altrimenti andremo in un Kibbutz, e coltiveremo pomodori e patate.... E forse non è meanche così male :D
     
  13. Patty

    Patty Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Sono dell'idea che la situazione non è stata progettata ma molti se non tutti nella sala dei bottoni sapessero dove si stava andando a finire ma non abbiano fatto nulla per evitarlo perchè in quel momento andava bene lasciare le cose così com'erano.
    La stessa cosa sta succedendo sulle emissioni di inquinanti, per il momento vanno bene così anche se tutta la comunità scentifica stà urlando di smettere prima che sia troppo tardi.
    Chi ci guadagna? in molti hanno già guadagnato abbastanza da comprarsi ora centinaia di appartamenti per un tozzo di pane, poi il mercato riprenderà ovviamente e loro si saranno arricchiti con la crisi, non sono un'esperta ma mi sembra che l'affare ci sia tutto.
     
  14. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Patty, sulle emissioni inquinanti ti quoto al 100% , il protocollo di Kyoto dev'essere però sottoscritto da tutti, non da noi si e da USA Cina no, perchè applicarlo vuol dire tirare fuori miliardi di euro, e se spendiamo noi devono spendere anche loro Anche se non mi piace il mercato delle emissioni inquinanti... caspita riescono a fare un mercato di qualsiasi cosa, forse è proprio lì lo sbaglio, vi sono cose che non devono essere considerate beni economici, inquinamento, acqua, aria.... :occhi_al_cielo:
     
  15. Patty

    Patty Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Completamente d'accordo con te Alessandro
    più etica e meno finanza
     
  16. Mediatore-anarchico

    Mediatore-anarchico Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    2009-05-13 18:04
    Case: minimo storico in compravendite, Milano maglia nera
    Agenzia territorio, - 18, 7% mercato immobiliare primo trimestre
    (ANSA) - ROMA, 13 MAG - Il mercato immobiliare apre il 2009 con un record negativo nelle compravendite: -18,7% nel primo trimestre rispetto allo stesso periodo 2008. Una flessione generalizzata: da Nord a Sud, dalle case ai negozi, tocca il picco per gli stabilimenti industriali e le case al Nord, specie a Milano. Lo rileva l'Osservatorio del mercato immobiliare (Omi). Per le abitazioni, la caduta colpisce piu' il Nord (-20,6%), piu' contenuta al Centro(-16,9%) e al Sud(-16,0%). A Milano segue Palermo. Va meglio a Roma.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina