• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

dormiente

Membro Senior
Agente Immobiliare
Intanto ha aspettato inutilmente mentre poteva prendere in considerazione altre proposte. Poi io mediatore che faccio, mi passo il tempo e presento un acquirente poco raccomandabile?:bugiardo:
 

Slartibartfast

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Non conosco i dettagli ma posso immaginare i casini ... è solo che ci sono queste 2 fazioni di pensiero che da una parte ti dicono 'assolutamente circolare ' anche se il compratore ti deve offrire solo un caffè e dall'altra parte che ti dicono vai tranquillo con il bancario perché se dovesse andare male al preliminare nn ti succede nulla e se l'agente non richiede compenso si riparte punto a capo
Prova a distinguere: la scuola di pensiero di chi dice "vai tranquillo con il bancario" è formata da agenti immobiliari, quella di chi dice "assolutamente circolare" è formata da gente che di lavoro fa altro.
Sarà un caso o magari un indice che le due opinioni non hanno lo stesso peso?
 

Doryan69

Membro Junior
Privato Cittadino
Prova a distinguere: la scuola di pensiero di chi dice "vai tranquillo con il bancario" è formata da agenti immobiliari, quella di chi dice "assolutamente circolare" è formata da gente che di lavoro fa altro.
Sarà un caso o magari un indice che le due opinioni non hanno lo stesso peso?
spero che + voci del settore mi diano il polso della situazione e quindi che abbiano ragione loro
cmq quello che mi ha tolto il sonno è questo articolo :

É valido il preliminare anche se l’assegno consegnato per il pagamento della caparra è scoperto - Iusletter
 

dormiente

Membro Senior
Agente Immobiliare
Certamente, é valido anche se non versa una caparra, poi non é più reato emettere assegni bancari scoperti.
Così i soldi te li do quando pare a me.
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
spero che + voci del settore mi diano il polso della situazione e quindi che abbiano ragione loro
cmq quello che mi ha tolto il sonno è questo articolo :

É valido il preliminare anche se l’assegno consegnato per il pagamento della caparra è scoperto - Iusletter
Dormi serena, è un caso completamente diverso, in cui era l’acquirente ad aver citato il venditore per inadempimento, e il venditore diceva “assegno non coperto, quindi niente restituzione del doppio, anche se io sono inadempiente”, perché sosteneva che assegno scoperto equivale a non aver ricevuto nulla.Ma l’inadempiente era lui.

Scusa se te lo dico, ma è come cercare una diagnosi medica su internet: capita spesso che più si va avanti a leggere, più ci sembra di avere tutte le malattie.
Perfortuna esistono i professionisti dei vari settori,e alla fine si va dal medico. Anche per comprendere le sentenze ci vuole una base di conoscenza “legale”, altrimenti ci si spaventa per nulla.
Stai tranquilla; se poi scrivi “salvo buon fine” , l’assegno non è considerato caparra se non è coperto.
L’unica avvertenza, eventualmente,è di mettere per iscritto l’accordo con l’agente (cioè non provvigioni se l’assegno è “cabriolet”.)
 
Ultima modifica:

Doryan69

Membro Junior
Privato Cittadino
... nn dirmelo va ... od ogni raffreddore leggo e penso che sia morte certa ...
Ma nn riesco a fare a meno di farlo ! ;)
Io citerei google x le ore di sonno perse ... secondo me con una class action vinciamo
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
... nn dirmelo va ... od ogni raffreddore leggo e penso che sia morte certa ...
Ma nn riesco a fare a meno di farlo ! ;)
Io citerei google x le ore di sonno perse ... secondo me con una class action vinciamo
In questo momento dovrei essere già in punto di morte dieci volte, a credere a internet....;)
Se posso permettermi, impegnati a non leggere più nulla sui contratti preliminari...
Mi pare tu sia ben seguita.
In bocca al lupo !!
 

carlo8458

Membro Junior
Privato Cittadino
Forse è ilo caso che chi si dimostra così sicuro si documenti meglio. Chiaramente il preliminare non trasferisce la proprietà ma anche se l' assegno si caparra è scoperto, questo contratto rimane valido e il povero malcapitato si è infilato in una causa civile. Che il contratto rimanga valido anche se l' assegno di caparra contrattuale è privo di provvista non lo dico io ma la Corte di Cassazione con la sentenza n. 24747 del 5 dicembre 2016 n. 24747 in materia di validità del contratto preliminare.
 

cristian casabella

Membro Attivo
Agente Immobiliare
6sicuro » Blog » Risparmio » Assegno circolare: incasso e scadenza
Assegno circolare: incasso e scadenza
***********************


avatar

di Matteo Pogliani 27 Commenti
Ultimo aggiornamento: 31 Gennaio 2018

******************
Ci sono casi in cui il semplice assegno non basta. Spese molto ingenti richiedono infatti strumenti differenti, con caratteristiche ben diverse. L’acquisto di una casa o di una macchina, per esempio, non possono certo venir trattate “staccando” un normale assegno dal libretto. È proprio in questi casi che ci viene in aiuto uno di questi strumenti: l’assegno circolare. Un titolo di credito molto conosciuto ai più, ma spesso non nei suoi aspetti più importanti.
Cos’è l’assegno circolare?
Andiamo per ordine. L’assegno circolare è un titolo di credito così detto “a vista”(significa pagabile all’atto della presentazione), con il quale la banca emittente garantisce di pagare la somma di denaro segnalata sull’assegno a favore del soggetto indicato sullo stesso, soggetto definito come beneficiario.
Assegno circolare: come richiederlo
Se hai bisogno di un assegno circolare il primo passo è quello di rivolgersi a una bancae compilare e firmare il modulo di richiesta. Il rilascio è ovviamente legato all’aver depositato anticipatamente in banca la somma dell’assegno circolare richiesto. Solitamente l’emissione avviene in seguito all’addebito sul proprio conto corrente della somma.
È proprio tale particolarità a rendere l’assegno circolare un titolo di credito a copertura garantita, perché la sua emissione è soggetta a valutazione preventiva della disponibilità economica del soggetto richiedente. Nota bene, l’emissione è gratuita non essendoci alcun tipo di costo.

Le banche che hanno facoltà di emettere questo tipo di assegno devono obbligatoriamente avere un autorizzazione della Banca d’Italia.
Assegno circolare non trasferibile
Un tipo di assegno circolare molto utilizzato è l’assegno circolare non trasferibile. La presenza della clausola di “non trasferibilità” obbliga a specificare con esattezza il nome o la Ragione Sociale del beneficiario, il solo e unico in grado poi di incassarlo e l’unico che può recarsi in banca per il suo cambio in contanti o per il trasferimento della somma sul proprio conto corrente.
Le nuove regolamentazioni fanno sì che ogni assegno circolare sia oggi non trasferibile. Per importi che non superino i 5.000 € è però possibile chiedere alla Banca, attraverso richiesta scritta, l’esclusione della clausola. Questi titoli possono dunque essere trasferiti ad altri beneficiari senza dover per forza andare in banca, basta una semplice firma (questa possibilità è definita con il termine girata).

Gli assegni circolari non trasferibili sono strumenti molto sicuri, che garantiscono e salvaguardano i cittadini da situazioni potenzialmente critiche.
 Assegno circolare, istruzioni per l'uso Assegno circolare: incasso e scadenza Assegno circolare: incasso e scadenza via @6sicuro
Assegno circolare postale
Insieme a conti correnti e carte di credito, anche l’assegno circolare postale ha fatto la sua comparsa, disponibile però solo per i clienti dell’azienda postale. Uno strumento uguale per caratteristiche a quello emesso in banca, con la sola differenza che va richiesto presso un ufficio postale.
Anche nella versione postale, tutti gli assegni circolari risultano non trasferibili. Per cifre non superiori a 1.000 € è possibile non rispettare la clausola, ma bisogna comunque richiedere in filiale assegni senza l’apposita dicitura “Non trasferibile” (al costo di 1,50 €).
Assegno circolare: scadenza
Anche gli assegni circolari hanno un determinato tempo di vita, validità che utenti e banche devono tassativamente rispettare per evitare possibili problemi in fase di cambio. Va precisato che tale lasso temporale non è, come molti pensano, di 30 giorni; questo limite definisce entro quanto il cliente deve presentarsi in banca per l’incasso. Volendo essere precisi, il beneficiario ha il dovere di incassare o cambiare l’assegno entro 8 giorni (se residente nello stesso comune in cui viene emesso), o 15 giorni (se in un comune diverso).
Anche passate tali scadenze il titolo non perde validità, solo l’emittente ha facoltà di revocarlo. In questo caso il beneficiario non può agire legalmente.
Il punto chiave non è quindi tanto la validità dell’assegno circolare, quanto il diritto di revoca del suo pagamento. Questo può benissimo essere cambiato anche dopo mesi dalla emissione, ma nel caso la banca dovrà obbligatoriamente richiedere il permesso al soggetto emittente.
 
Ultima modifica di un moderatore:

cristian casabella

Membro Attivo
Agente Immobiliare
6sicuro » Blog » Risparmio » Assegno circolare: incasso e scadenza
Assegno circolare: incasso e scadenza
Iscriviti alla newsletterIscriviti
Ho letto l'informativa privacy


avatar

di Matteo Pogliani 27 Commenti
Ultimo aggiornamento: 31 Gennaio 2018

4CONDIVISIONI
Condividi
Tweet
Condividi
WhatsApp
Email
Sommario
Ci sono casi in cui il semplice assegno non basta. Spese molto ingenti richiedono infatti strumenti differenti, con caratteristiche ben diverse. L’acquisto di una casa o di una macchina, per esempio, non possono certo venir trattate “staccando” un normale assegno dal libretto. È proprio in questi casi che ci viene in aiuto uno di questi strumenti: l’assegno circolare. Un titolo di credito molto conosciuto ai più, ma spesso non nei suoi aspetti più importanti.
Cos’è l’assegno circolare?
Andiamo per ordine. L’assegno circolare è un titolo di credito così detto “a vista”(significa pagabile all’atto della presentazione), con il quale la banca emittente garantisce di pagare la somma di denaro segnalata sull’assegno a favore del soggetto indicato sullo stesso, soggetto definito come beneficiario.
Assegno circolare: come richiederlo
Se hai bisogno di un assegno circolare il primo passo è quello di rivolgersi a una bancae compilare e firmare il modulo di richiesta. Il rilascio è ovviamente legato all’aver depositato anticipatamente in banca la somma dell’assegno circolare richiesto. Solitamente l’emissione avviene in seguito all’addebito sul proprio conto corrente della somma.
È proprio tale particolarità a rendere l’assegno circolare un titolo di credito a copertura garantita, perché la sua emissione è soggetta a valutazione preventiva della disponibilità economica del soggetto richiedente. Nota bene, l’emissione è gratuita non essendoci alcun tipo di costo.

Le banche che hanno facoltà di emettere questo tipo di assegno devono obbligatoriamente avere un autorizzazione della Banca d’Italia.
Assegno circolare non trasferibile
Un tipo di assegno circolare molto utilizzato è l’assegno circolare non trasferibile. La presenza della clausola di “non trasferibilità” obbliga a specificare con esattezza il nome o la Ragione Sociale del beneficiario, il solo e unico in grado poi di incassarlo e l’unico che può recarsi in banca per il suo cambio in contanti o per il trasferimento della somma sul proprio conto corrente.
Le nuove regolamentazioni fanno sì che ogni assegno circolare sia oggi non trasferibile. Per importi che non superino i 5.000 € è però possibile chiedere alla Banca, attraverso richiesta scritta, l’esclusione della clausola. Questi titoli possono dunque essere trasferiti ad altri beneficiari senza dover per forza andare in banca, basta una semplice firma (questa possibilità è definita con il termine girata).

Gli assegni circolari non trasferibili sono strumenti molto sicuri, che garantiscono e salvaguardano i cittadini da situazioni potenzialmente critiche.
 Assegno circolare, istruzioni per l'uso 'uso Assegno circolare: incasso e scadenza Assegno circolare: incasso e scadenza via @6sicuro
Assegno circolare postale
Insieme a conti correnti e carte di credito, anche l’assegno circolare postale ha fatto la sua comparsa, disponibile però solo per i clienti dell’azienda postale. Uno strumento uguale per caratteristiche a quello emesso in banca, con la sola differenza che va richiesto presso un ufficio postale.
Anche nella versione postale, tutti gli assegni circolari risultano non trasferibili. Per cifre non superiori a 1.000 € è possibile non rispettare la clausola, ma bisogna comunque richiedere in filiale assegni senza l’apposita dicitura “Non trasferibile” (al costo di 1,50 €).
Assegno circolare: scadenza
Anche gli assegni circolari hanno un determinato tempo di vita, validità che utenti e banche devono tassativamente rispettare per evitare possibili problemi in fase di cambio. Va precisato che tale lasso temporale non è, come molti pensano, di 30 giorni; questo limite definisce entro quanto il cliente deve presentarsi in banca per l’incasso. Volendo essere precisi, il beneficiario ha il dovere di incassare o cambiare l’assegno entro 8 giorni (se residente nello stesso comune in cui viene emesso), o 15 giorni (se in un comune diverso).
Anche passate tali scadenze il titolo non perde validità, solo l’emittente ha facoltà di revocarlo. In questo caso il beneficiario non può agire legalmente.
Il punto chiave non è quindi tanto la validità dell’assegno circolare, quanto il diritto di revoca del suo pagamento. Questo può benissimo essere cambiato anche dopo mesi dalla emissione, ma nel caso la banca dovrà obbligatoriamente richiedere il permesso al soggetto emittente.
Che dire? Forse meglio il bancario al preliminare???
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Che il contratto rimanga valido anche se l' assegno di caparra contrattuale è privo di provvista non lo dico io ma la Corte di Cassazione con la sentenza n. 24747 del 5 dicembre 2016 n. 24747 in materia di validità del contratto preliminare.
La sentenza d'appello è stata cassata con rinvio, quindi situazione ancora aperta.
Peraltro, l'inadempiente era il venditore.
 

carlo8458

Membro Junior
Privato Cittadino
Chiaramente le Parti nel preliminare possono stabilire che il Contratto è efficace da.."salvo il buon fine" per l' incasso di tutte le somme corrisposte con assegno e che viceversa il contratto è da intendersi automaticamente risolto per inadempienza del Proponente acquirente

Si è vero che c' è stato il rinvio. Ma la Cassazione ha stabilito chiaramente che la mancata provvista dell' assegno di caparra non si risolve in una "probatio diabolica" ma il creditore dovrà portare in giudizio tale prova ( spetta a lui l' onere di dimostrare l' assenza di provvista e la impossibilità incasso somme) quindi ovviamente andare in causa. E in questo senso al momento non vedo nulla di aperto.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

manukka ha scritto sul profilo di John S..
john S. ho bisogno di parlarti sto in una situazione simile alla tua mio padre finge volere aiutare e vuole vendere casa . lui non si é mai interessato scrivimi su facebook ok? https://www.facebook.com/manuela.amari.92
StefyC88 ha scritto sul profilo di Fran77.
Certamente! Senza problemi mi puoi contattare in privato, non ti nego che conosco il Salento, anche perché sono Pugliese, più specificatamente di Foggia, ma vivo a Roma, quindi sarebbe magnifico se potessimo collaborare insieme. Aspetto tue notizie! A presto
Alto