1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. alfietto1972

    alfietto1972 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Salve a tutti,
    Grazie a tutti per le info.

    Sono in causa con un vicino per il subalterno ( [​IMG] che è uguale per entrambi.

    In realtà i 2 appartamenti sono speculari ma in fabbricati diversi - in comune vi deve essere solo il foglio e la particella -.

    Noi pensiamo che il sub. conteso sia il nostro in quanto in sequenza con quello dei vicini ( siamo sullo stesso piano ed in mezzo a 7 e 9). Loro però sono accatastati al 2° piano mentre noi erroneamente al 1°.

    Non vorrei che il piano pregiudichi tutto;in fondo il giudice deve accertare l'appartenenza del sub e che non può appartenere al vicino in quanto collocato in una sequenza numerica diversa.

    Grazie
     
  2. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
     
    A ludovica83 piace questo elemento.
  3. Laura Mencarini

    Laura Mencarini Membro Junior

    Altro Professionista
    Senza dubbio si è trattato d un errore materiale del tecnico che ha accatastato, e come tale andava secondo me risolto, con l'attribuzione di un nuovo subalterno ad uno dei due appartamenti. Non ti sembra di avere un po' esagerato, adirittura andando in causa?
     
  4. alfietto1972

    alfietto1972 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Abbiamo cercato di risolvere la questione bonariamente ma non c'è stata collaborazione. I notai interpellati mi hanno detto che era necessario risolvere il problema ai fini della Conservatoria.
     
  5. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    E' chiaro che delle rettifiche vanno fatte sia catastalmente e anche nell'atto di provenienza (bisognerebbe risalire a come e cosa ha generato l'errore)

    Non sò a che periodo risale il fabbricato, ma per un tecnico non dovrebbe essere complicato andare a vedere le licenze originarie e la scheda di accatastamento del fabbricato ed individuare l'errore e da li procedere con le rettifiche.

    Arrivare davanti ad un giudice per una cosa del genere lo trovo assurdo anche perche il giudice può solo valutare chi ha torto o ragione a fronte di un eventuale risarcimento per eventuali costi che una delle parti si è dovuta accollare che non le compotono o potrebbero riguardagli per un 50%

    Il Giudice non è un tecnico , prima di arrivare dal giudice devi improntare una causa, gli avvocati la predispongono ma stanne certo che richiedono una relazione di un tecnico

    In buona sostanza fai prima a rivolgerti ad un tecnico che individua il problema e lo risolve (fai prima e spendi meno)

    poi magari dopo litigherete per la parcella
     
  6. alfietto1972

    alfietto1972 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    E' proprio quello che ho fatto. Il sub. , dai tecnici, è stato attribuito a noi tant'è che abbiamo fatto anche la planimetria. Il tutto è agli atti di causa. Il problema è che il vicino ha rifiutato di fare la rettifica. In quale altro modo dovevo agire?
     
  7. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Un salto al catasto o da un tecnico che si occupa di catasto? Quale sarebbe il problema se al vostro appartamento venisse assegnato il sub. 501 al posto dell'attuale 8 (se ho capito bene...)?
     
  8. alfietto1972

    alfietto1972 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Non so se ho capito. Ma il Catasto può assegnarci anche un diverso sub? Diverso da quello conteso?
     
  9. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Non centra nulla ma faccio un esempio. Se il mio appartamento ha sub.8 in un complesso di 10 unità immobiliari con da 1 a 10 sub., nel caso in cui io debba fare una ridistribuzione interna dei tramezzi, dopo aver fatto i lavori (con le dovute autorizzazioni rilasciate dal Comune, scia, dia ecc), dovrò provvedere ad aggiornare in catasto la nuova planimetria. In quel caso verrà incaricato un tecnico che di norma si reca al catasto, e "prenota" il nuovo subalterno per poter fare la cosidetta "variazione catastale". Di norma i nuovi sub. partiranno dal 501, per cui quella palazzina avrà i seguenti subalterni da quel momento in poi: 1-2-3-4-5-6-7-501-9-10.

    Questo esempio banale, non esaustivo, è fatto esclusivamente per far capire la "non importanza" del fatto che una proprietà debba per forza mantenere lo stesso numero di subalterno "a vita". Potrò fare 1000 variazioni catastali con 1000 nuovi subalterni!

    Nel tuo caso è stato commesso un errore del tipo dei cosiddetti "duplicati", spesso tale incongruenza si verifica con le particelle del terreno, e di norma "basta" (in bocca al lupo!) andare al catasto, fare un'istanza e provvederanno loro alla rettifica. Nel tuo caso è diverso ma il mio consiglio è quello di andare al catasto e spiegare la cosa, oppure dare un incarico ad un tecnico che provvederà a fare le dovute considerazioni (questo ti chiederà qualche centinaio di euro).
     
  10. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Credo che "al massimo" ti chiederanno di fare, appunto, una variazione catastale, che costerà intorno ai 300e + IVA, cassa ecc. Quindi non penso che occorra interpellare avvocati, giudici ecc. per una cifra del genere...
     
  11. alfietto1972

    alfietto1972 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Penso, però, che bisogna variare anche in Conservatoria e lì bisogna procedere con un atto di rettifica per il quale si parla di qualche migliaia di euro.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina