• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

secerot

Membro Attivo
Privato Cittadino
#1
Come dal titolo del post mi stavo chiedendo se fosse o meno valida una proposta di acquisto se poi il venditore non la firma e non prende l'assegno a garanzia ? e l'agente ha diritto alle provvigioni se la proposta non è accettata e il mandato non ha il vincolo di esclusività?Art. 1755-Provvigione
Il mediatore ha diritto alla provvigione da ciascuna delle parti, se l'affare è concluso per effetto del suo intervento.

In caso di mancato accordo tra le parti, ovvero se una delle due parti decide di rescindere il contratto il mediatore ha diritto ad un indennizzo, lo impone il codice civile" indennizzo non percentuale!!
 

Zagonara Emanuele

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
#2
Se il venditore non firma la "proposta per accettazione" della medesima e conseguentemente non ritira l'assegno, non vi è coclusione dell'affare e la provvigione non è dovuta all'agenzia.

Tuttavia, se il venditore sottoscrive una "mancata accettazione" della proposta e/o un "non accettazione" della proposta, la proposta stessa decade e il proponente è libero di riformulare una nuova proposta o lasciare perdere, diversamente in assenza di ciò, la proposta rimane formalmente valida sino alla sua naturale scadenza (il termine ultimo deve essere indicato in poposta).

Ai fini del diritto al percepimento della provvigione è irrilevante che ci sia incarico in esclusiva o meno; è la "conclusione dell'affare" a detreminare il diritto al percepimento della provvigione (con o senza esclusiva di vendita).

In caso di mancato accordo tra le parti NON c'è alcun contratto (in quanto non concluso) e quindi non si rescinde da un contratto, al massimo si rescinde da una trattativa.
Per tale motivo non vi è diritto a richiedere e percepire una provvigione.
Il mediatore potrebbe tuttavia chiedere il rimborso delle spese sostenute per formalità espletate espressamente su richiesta delle parti.
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
#3
Come dal titolo del post mi stavo chiedendo se fosse o meno valida una proposta di acquisto se poi il venditore non la firma e non prende l'assegno a garanzia ?
Certo che no.
L'accettazione tramite firma della proprietà è imprescindibile.
La caparra, invece, può non essere incassata, soprattutto se si tratta di una proposta con sospensiva.
 

Jan80

Membro Attivo
Professionista
#4
Bisognerebbe prima capire cosa sia successo e quali passaggi siano avvenuti..... sei l'acquirente che ha formulato una proposta d'acquisto che non è mai stata accettata? La scadenza su tale proposta è oramai superata?
 

secerot

Membro Attivo
Privato Cittadino
#6
No sono il proprietario, nei fatti io ho permesso una generica riduzione di prezzo, dopodichè tramite mail mi hanno comunicato esserci un acquirente . ma non essendoci vincolo ho preferito un mio acquirente che mi pagava meglio (era nei patti). ora dopo 2 anni, prossimi alla scadenza dei termini l'agente mi intima il pagamento delle penali tramite giudice di pace! Ovviamente non ho firmato la proposta nè accettato assegni.mi innervosisce l'atteggiamento ambiguo.In assoluto non sono contrario a riconoscere un indennizzo , ma non capisco perchè dovrei rifondere i danni "subiti e subendi" a causa dl mio comportamento!
 

secerot

Membro Attivo
Privato Cittadino
#8
??? e se avessero venduto loro?? i contratti a questo punto non valgono? cioè li facciamo valere se ci fa comodo altrimenti ti rivolgi alla magistratura? che ragionamento sarebbe se ognuno ritiene di avere subito un torto ogni qualvolta le cose non vanno come si vuole.
 

Giuseppe Di Massa

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
#9
Come dal titolo del post mi stavo chiedendo se fosse o meno valida una proposta di acquisto se poi il venditore non la firma e non prende l'assegno a garanzia ? e l'agente ha diritto alle provvigioni se la proposta non è accettata e il mandato non ha il vincolo di esclusività?Art. 1755-Provvigione
Il mediatore ha diritto alla provvigione da ciascuna delle parti, se l'affare è concluso per effetto del suo intervento.

In caso di mancato accordo tra le parti, ovvero se una delle due parti decide di rescindere il contratto il mediatore ha diritto ad un indennizzo, lo impone il codice civile" indennizzo non percentuale!!
Se scindi l'incarico deve avere un indennizzo, se il contratto è invece la proposta accettata (ovvero contratto tra chi vende e chi compra) l'agente ovviamente va pagato comunque, sarebbe strano il contratto.
 

secerot

Membro Attivo
Privato Cittadino
#10
Ho scritto più volte che la proposta da me non è stat accettata nè firmata ne accolto caparra, l'incarico non è stato resciso, ma è scaduto poi naturalmente. Ritorno in modo compulsivo sull'argomento perchè sono un tipo pignolo, spiegatemi in che misura si può ragionare sul mandato non in esclusiva? Pare che ognuno abbia la sua a dire, l'unico filo conduttore è che se non è zuppa è panbagnato , ovviamente quando chi riesce a vendere è il proprietario, alla fine l' IA è come il gatto, cerca di cadere sempre in piedi.

""
In caso di mancato accordo tra le parti NON c'è alcun contratto (in quanto non concluso) e quindi non si rescinde da un contratto, al massimo si rescinde da una trattativa.
Per tale motivo non vi è diritto a richiedere e percepire una provvigione.
Il mediatore potrebbe tuttavia chiedere il rimborso delle spese sostenute per formalità espletate espressamente su richiesta delle parti."""

Rileggendo mi ritrovo questa chicca che mi sembra pienamente confacente a quanto accaduto, in pratica si può trattare di rescissione da una trattativa , tra l'altro avvenuta tramite Pec! Io non ho firmato per un ribasso alla persona ma in generale. Detto questo mi trovo d'accordo con il principio dell'indennizzo e sinceramente credo che l' IA abbia giocato sporco in quanto non è sceso neanche ad un patteggiamento ex giudizio (il suo avvocato era d'accordo invece) fra le parti demandando tutto al giudice di pace... in pratica o la và o la spacca.
 
Ultima modifica di un moderatore:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

James-Italy ha scritto sul profilo di leledgr.
non è che faccio parte della organizzazione del corso, ma ho visto che è stato crocciato il mio commento nel forum
James-Italy ha scritto sul profilo di leledgr.
ciao, non so bene come funziona il forum. Questo ti arriva come private messaggio? Non voglio mettere publicittà nel parte generale
Alto