• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

3ly

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno,
l’abbiamo fatto una proposta d’acquisto con scadenza di 15 giorni.
Oggi è il sedicesimo giorno e siamo andati a ritirare l’assegno, l’agenzia però ci dice che la proposta ha durata 15 giorni LAVORATIVI quindi avrebbe scadenza venerdì.
Rileggendo la proposta c’è scritto solo “15 giorni a decorrere dalla sottoscrizione dalla data di sottoscrizione della stessa”. Il mio dubbio è si tratta di 15 giorni solari o lavorativi?

Il venditore ci ha già comunicato privatamente l‘intenzione di vendere la casa a noi (per via telefono non scritta). Tuttavia l’agenzia continua a dirci che ci farà sapere senza darci una chiara risposta riguardo l’esito della nostra proposta. Questo perchè l’agenzia ha appuntamento con un altro acquirente questo venerdì e sta aspettando fino all’ultimo momento il da farsi.

Noi dal nostro punto di vista non ce la sentiamo più di mantenere una trattativa con questa agenzia dato che ci sembra che faccia le cose in modo poco trasparente e vorremo metterci a cercare qualcos’altro per questo abbiamo pazientemente aspettato lo scadere dei 15 giorni. Tuttavia adesso scopriamo che non si trattano di 15 giorni solari ma lavorativi.

Secondo voi si trattano di 15 giorni solari o lavorativi?
Inoltre c’è qualcosa che possiamo fare considerando Il comportamento poco trasparente dell’agenzia?

grazie
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Il mio dubbio è si tratta di 15 giorni solari o lavorativi?
SOLARI, a meno che non sia specificato diversamente.
Non c'è alcun dubbio.

Però mi pare che sia il venditore a non essere chiaro; se vi ha detto che ha deciso di vendere a voi, perché non ha accettato ?

Credo che vogliano ( venditore e agente insieme), farvi credere che la vostra proposta sia ancora valida, e vedere se venerdì i ne arriva una migliore.
Se non arriva, accettano la vostra.
Ma voi andate a ritirare l'assegno; se non te lo danno, minaccia di chiamare i carabinieri.
 
Ultima modifica:

cristian casabella

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Buongiorno,
l’abbiamo fatto una proposta d’acquisto con scadenza di 15 giorni.
Oggi è il sedicesimo giorno e siamo andati a ritirare l’assegno, l’agenzia però ci dice che la proposta ha durata 15 giorni LAVORATIVI quindi avrebbe scadenza venerdì.
Rileggendo la proposta c’è scritto solo “15 giorni a decorrere dalla sottoscrizione dalla data di sottoscrizione della stessa”. Il mio dubbio è si tratta di 15 giorni solari o lavorativi?

Il venditore ci ha già comunicato privatamente l‘intenzione di vendere la casa a noi (per via telefono non scritta). Tuttavia l’agenzia continua a dirci che ci farà sapere senza darci una chiara risposta riguardo l’esito della nostra proposta. Questo perchè l’agenzia ha appuntamento con un altro acquirente questo venerdì e sta aspettando fino all’ultimo momento il da farsi.

Noi dal nostro punto di vista non ce la sentiamo più di mantenere una trattativa con questa agenzia dato che ci sembra che faccia le cose in modo poco trasparente e vorremo metterci a cercare qualcos’altro per questo abbiamo pazientemente aspettato lo scadere dei 15 giorni. Tuttavia adesso scopriamo che non si trattano di 15 giorni solari ma lavorativi.

Secondo voi si trattano di 15 giorni solari o lavorativi?
Inoltre c’è qualcosa che possiamo fare considerando Il comportamento poco trasparente dell’agenzia?

grazie
Come già detto da @francesca63 i giorni sono solari e se ti ha detto il contrario l'agente ti ha mentito sapendo di mentire...
Ti dico quello che penso: il proprietario accetta la tua proposta ma avrà detto all'Agenzia che deve abbassargli la provvigioni e loro stanno prendendo tempo (ma hanno fatto male i calcoli) per poter guadagnare di più. Son sicuro che un eventuale ulteriore proposta la cerchino solo per loro interesse
Qui sta a te, o li chiami e gli dici che hanno tempo fino a stasera o vai li diretta e ti fai riconsegnare l'assegno che ad oggi non hanno più titolo per trattenerlo
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
SOLARI, a meno che non sia specificato diversamente.
Non c'è alcun dubbio.

Però mi pare che sia il venditore a non essere chiaro; se vi ha detto che ha deciso di vendere a voi, perché non ha accettato ?

Credo che vogliano ( venditore e agente insieme), farvi credere che la vostra proposta sia ancora valida, e vedere se venerdì i ne arriva una migliore.
Se non arriva, accettano la vostra.
Ma voi andate a ritirare l'assegno; se non te lo danno, minaccia di chiamare i carabinieri.
MASSICCIA E INC@ZZATA!!!

Qui sta a te, o li chiami e gli dici che hanno tempo fino a stasera o vai li diretta e ti fai riconsegnare l'assegno che ad oggi non hanno più titolo per trattenerlo
e, se ti dovesse toccare ripresentare l'offerta, rifalla di un paio di 1000 in meno.
che serva di lezione per la prossima volta.
 

cristian casabella

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
e, se ti dovesse toccare ripresentare l'offerta, rifalla di un paio di 1000 in meno.
che serva di lezione per la prossima volta.
Questa la condivido anche se probabilmente si creerebbe un attrito con i proprietari che a quel punto potrebbe far saltare ogni trattativa. Tutto sta a quanto interessa comprare quella casa e soprattutto a capire chi sta bluffando...e questo di certo noi non possiamo saperlo
 

Lin0

Membro Attivo
Professionista
Le trattative sono come elastici , bisogna sapere quanto si può tirare prima che si spezzi
 

possessore

Membro Senior
Privato Cittadino
Confermo che i "15 giorni LAVORATIVI" oppure "15 giorni lavorativi BANCARI" vanno SEMPRE precisati in forma scritta. Diversamente, s'intende 15 giorni SOLARI, cioè che includono sabato, domenica e festivi.
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
tanto per dirne una... i giorni per il proteso di un assegno sono di calendario, non lavorativi.
mi ricordo ancora i giochini sporchi che si facevano nel rimandare indietro gli assegni in chekck truncation in modo da renderli impagati e non protestati.
 

bobush

Membro Junior
Privato Cittadino
Come privato cittadino che "si è fatto le ossa" incontrando, nella sua ricerca di un immobile, agenzie spesso, troppo spesso, non molto trasparenti, vorrei ricordare ai lettori e agenti del forum l'art. 11 del Codice Deontologico, che ben tratta il comportamento che un buon AI dovrebbe avere, una volta ricevuta una offerta da un proponente acquirente. Aggiungo poi che il termine di 15/20 giorni (se calendari o lavorativi deve essere specificato in offerta) che, molto spesso, viene "imposto" dall'AI per ottenere una risposta dal venditore, è assolutamente arbitrario, non essendoci alcun termine imposto da alcun organismo. Per questo motivo, se l'AI opera in buona fede avendo un incarico di mediazione (e non mandato, che è ben altra cosa) e quindi assolve correttamente il compito di far incontrare le parti per il raggiungimento di un accordo, non avrà nulla in contrario ad accettare, nella proposta, il termine di soli tre giorni, dal momento che, essendo in contatto diretto con il proprietario, potrà facilmente avere la risposta scritta (accettazione o rifiuto) dallo stesso entro detto termine. La affermazione del tipo .."non so se il proprietario è in città... oppure non farò in tempo a presentare l'offerta ed avere una risposta in tre giorni...", con la quale si cerca di elevare il termine ai suddetti 15/20 giorni ha ben altra motivazione e non regge, e lo sappiamo bene tutti!
 

miciogatto

Membro Senior
Privato Cittadino
art. 11 del Codice Deontologico
Gli agenti immobiliari non sono una professione con un albo e non hanno alcun codice deontologico a cui attenersi obbligatoriamente.

Stai citando un "codice deontologico" di una delle associazioni di categoria (un sindacato, diciamo) a cui non è obbligatorio iscriversi.

Tra l'altro, se è quello che penso, quell'articolo che citi del codice potrebbe anche essere contrario alla legge.

Che poi un codice deontologico sia auspicabile, sono d'accordo con te. Ma così non è purtroppo.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Quindi se ricevi una cartella esattoriale da pagare entro 60 giorni, tu ci aggiungi i festivi, e ritieni di poterla pagare dopo 75/80 giorni ?
Auguri, e non consigliarlo agli amici !!
Ho Francesca,

Probabilmente ultimamente fai troppa comunella coi finti ricchi al ristorante e ti si annebbia il cervello.

Nelle cartelle esattoriali, il conteggio comincia a decorrere dalla data di ricevimento della notifica, che può protrarsi anche fino ad un mese.
"Dies a quo" come lo definiscono i tuoi colleghi avvocati.
Quantomeno quelli che esercitano e non vivono di rendita grazie a suoceri e mariti di sorta.

Per questo effetto, la data di notifica non viene conteggiata e i sessanta giorni solari, decorrono dal giorno successivo al ricevimento della notifica.
Trascorsi i quali non vi è nessun termine di scadenza per ottemperare.
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno ho un immobile d10 vorrei trasformarlo nella casa del contadino per mio figlio che è imprenditore agricolo professionale è possibile?
Grognard, vieni a riprendermi lunedì alle 9.00.
Alto