1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. CasaUno

    CasaUno Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Eh si.... ormai siamo a questi livelli!
    Mandato firmato, foglio visita pure, tutto a posto....
    Ti scavalco e se mi fai la fattura, ti denuncio per falso!! io non ti ho mai firmato niente....anzi....forse un pezzo di carta in bianco.....non ricordo, comunque non era quello che dici tu che ho firmato!!! Comunque spogo querela e vediamo....!!!! Anzi....siamo in due ad aver firmato in bianco....venditore e acquirente...e siamo due contro uno!!!
    E i bravi avvocati di oggi, contro ogni dignità umana, lo mettono persino nell'atto!
    Che ne dite?
     
  2. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Credo che questo sia davvero un caso limite! :shock:
    A questo punto si può catalogare nei "rischi professionali" ed andare avanti, o piuttosto non dargliela vinta ed andare in causa!
    Io, che generalmente propendo per la limitazione delle perdite, sceglierei la prima ...... :occhi_al_cielo:

    ;)
     
  3. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    Lasciamo stare!
     
  4. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Io farei una segnalazione anche all'Agenzia delle Entrate facendo pagare ai furbetti anche le imposte sull'intero dichiarato in atto per dichiarazione mendace.
    Poi per le provvigioni si vedrà.
     
  5. CasaUno

    CasaUno Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Allora sarò più chiaro:
    oggi, unica soluzione per affrontare una causa documentata, è proprio provare a sporgere querela di falso per il documento firmato, e vi assicuro che non è affatto un caso limite: ultimamente sta diventando è una "moda"!!!
    se avete voglia di leggere......

    Cassazione civile , sez. II, sentenza 28.05.2007 n° 12399
    Con la sentenza che si annota, la Cassazione opera un significativo intervento nell’ambito del processo civile, ribadendo la piena ed assoluta autonomia del procedimento per querela di falso.

    In particolare, la Corte ha statuito che “la sentenza che decide sulla querela di falso non è una sentenza parziale (cioè non definitiva) ma rappresenta l’epilogo di un procedimento che – pur se, come nella specie, attivato in via incidentale – è comunque autonomo che ha per oggetto l’accertamento della falsità o meno di un atto avente fede privilegiata”.

    La querela di falso, disciplinata dagli artt. 221 e ssgg. c.p.c., come è noto, configura il procedimento, diretto ad accertare l’autenticità o la falsità della prova documentale.

    Per giurisprudenza unanime, “la querela di falso, sia essa proposta in via principale ovvero incidentale, ha il fine di privare un atto pubblico (od una scrittura privata riconosciuta) della sua intrinseca idoneità a “far fede”, a servire, cioè, come prova di atti o di rapporti, mirando così, attraverso la relativa declaratoria, a conseguire il risultato di provocare la completa rimozione del valore del documento, eliminandone, oltre all'efficacia sua propria, qualsiasi ulteriore effetto attribuitogli, sotto altro aspetto, dalla legge, e del tutto a prescindere dalla concreta individuazione dell'autore della falsificazione. Ne consegue che la relativa sentenza, eliminando ogni incertezza sulla veridicità o meno del documento, riveste efficacia “erga omnes”, e non solo nei riguardi della controparte presente in giudizio” (cfr. Cassazione civile, sez. I, 20 giugno 2000, n. 8362).

    La querela può essere proposta in via principale, con una specifica domanda avente come unico oggetto la dichiarazione della falsità del documento, ovvero in via incidentale, in corso di causa, nella quale viene prodotto un documento considerato rilevante ai fini della decisione1, idoneo ad assumere efficacia di fede privilegiata (presupposto, questo, necessario del procedimento di verificazione giudiziale a norma degli artt. 221 ssgg. c.p.c. – cfr. Cassazione civile, sez. I, 29 settembre 2004, n. 19539, secondo la quale ciò comporterebbe l’inammissibilità della querela avverso la “consulenza tecnica d’ufficio”, che si distingue nettamente dalla prova documentale e che, riguardo alle affermazioni, constatazioni o giudizi in essa contenuti, non fa pubblica fede - potendo essere contrastata con tutti i mezzi di prova diversi dalla querela di falso - né vincola il giudice, che può liberamente disattenderla).

    In via principale, la querela si propone con citazione al giudice competente, ossia al Tribunale, (che, in materia, ha competenza funzionale ed inderogabile - cfr. Cassazione civile, sez. III, 11 dicembre 1991, n. 13384), in composizione collegiale, dal momento che sia l’art. 225 c.p.c., non modificato dalla Legge 26 novembre 1990, n. 353, disponendo espressamente che “sulla querela di falso pronuncia sempre il collegio”, sia l’art. 221, 3° comma, prevedendo l’intervento obbligatorio del pubblico ministero (per gli eventuali riflessi penalistici e per l’eventuale indiretta disposizione di situazioni indisponibili) ex art. 70, 1° comma, n. 5), c.p.c., confermano il principio della collegialità.

    Nondimeno, anche quando viene proposta incidentalmente, la querela di falso raffigura una azione a sé, posto che persegue un proprio risultato particolare, consistente nell’accertamento della verità o della falsità di un documento rilevante ai fini della decisione della causa principale. Accertamento da pronunziarsi con sentenza che, una volta passata in giudicato, fa stato a tutti gli effetti.

    Anche in tale eventualità, la competenza a conoscere le cause concernenti la querela di falso è riservata per materia al Tribunale in composizione collegiale: per l’effetto, il giudice, davanti al quale la querela fosse incidentalmente proposta, dovrà rimettere la causa relativa alla sola querela di falso al Tribunale competente, ai sensi dell’art. 34 c.p.c., disponendo nel contempo la sospensione del processo principale (art. 295 c.p.c.), fino alla decisione della questione del falso.

    La regola vale sia quando la causa principale pende davanti al Giudice di pace, ovvero al Tribunale monocratico, oppure davanti alla Corte d’Appello. In questo ultimo caso, la Corte d’Appello, davanti alla quale sia stata proposta querela di falso, è tenuta ex art. 355 c.p.c. a compiere l’indagine preliminare volta ad accertare l’esistenza o meno dei presupposti, che giustificano l’introduzione del giudizio di falso, ossia:

    se la querela sia stata ritualmente proposta a norma dell’art. 221 c.p.c.;

    e se il documento impugnato di falsità sia rilevante per la decisione della causa.

    A seguito dell’esito positivo di detta indagine, la Corte deve sospendere il procedimento di appello, per consentire la riassunzione della causa di falso davanti al Tribunale, in guisa che il relativo giudizio possa svolgersi con la garanzia del doppio grado di giurisdizione2.

    Vale il caso di ricordare che la querela di falso può essere proposta anche in Cassazione. Tuttavia, in tale circostanza, può essere rivolta solo contro atti e documenti relativi al procedimento, ossia quando riguardi la nullità della sentenza impugnata, l’ammissibilità del ricorso o del controricorso, l’autenticazione delle firme sugli stessi atti e le notificazioni di essi3 e non quando concerna documenti prodotti in fase di merito, posti a fondamento della sentenza impugnata dal giudice, potendo l’eventuale falsità di essi, se definitivamente accertata nella sede giudiziaria competente, essere fatta valere come motivo di revocazione4.

    In via incidentale, la querela si propone o con citazione o mediante dichiarazione da unirsi a verbale di udienza, personalmente dalla parte o dal difensore munito di procura speciale. In tale circostanza, la procura deve contenere la specificazione del documento o dei documenti che la parte intende impugnare. Nondimeno, se la procura è conferita al difensore a margine o in calce all’atto di citazione per la proposizione della querela in via principale, tale specificazione non è necessaria, atteso che il collegamento con l’atto su cui è apposta elimina ogni incertezza sull’oggetto di essa5.

    È legittimato a proporre querela di falso, chiunque abbia interesse a contrastare l’efficacia probatoria di un documento munito di fede privilegiata in relazione ad una pretesa che su di esso si fondi, non esclusa la stessa parte che l’abbia prodotto in giudizio6. Spetta poi, al giudice civile ordinario, cui, come ricordato, è devoluta in via esclusiva la cognizione della falsità di un documento (art. 9 e 221 c.p.c.), verificare la legittimazione e l’interesse ad agire di chi propone la querela di falso, ponendosi detti accertamenti quali necessari presupposti della pronuncia di merito7.

    Oltre a ciò, sempre in tema di presupposti, la querela di falso non può essere proposta se non allo scopo di togliere ad un documento (atto pubblico o scrittura privata), la idoneità a far fede e servire come prova di determinati rapporti, sicché, ove siffatte finalità non debbano essere perseguite, in quanto non sia impugnato un documento nella sua efficacia probatoria, né debba conseguirsi l’eliminazione del documento medesimo o di una parte di esso, né si debba tutelare la fede pubblica, bensì si controverta soltanto su di un errore materiale incorso nel documento (configurabile nel caso di mera “svista” che non incide sul contenuto sostanziale del documento, rilevabile dal suo stesso contenuto e tale da non esigere una ulteriore indagine di fatto), la querela di falso non è ammissibile8.

    A mente dell’art. 221 c.p.c., la querela deve contenere, a pena di nullità, “l’indicazione degli elementi e delle prove della falsità e deve essere proposta personalmente dalla parte o a mezzo di procuratore speciale”. La sottoscrizione dell’atto ad opera della parte personalmente o a mezzo di procuratore speciale costituisce un requisito d’ammissibilità della querela di falso. Secondo la costante giurisprudenza “l’omissione della sottoscrizione personale della parte o del procuratore speciale non può essere sanata successivamente mediante la sottoscrizione personale dell’atto di riassunzione dinanzi al tribunale” (cfr. Cassazione civile, sez. I, 8 marzo 2005, n. 5040).

    Peraltro, la procura speciale idonea a consentire al procuratore la proposizione della querela di falso deve contenere la specificazione del documento o dei documenti che la parte intende impugnare. Tuttavia, la procura speciale, se conferita al difensore a margine o in calce all’atto di citazione per la proposizione della stessa querela in via principale, non necessita di specificazione del documento impugnato, perché il collegamento con l’atto su cui è apposta elimina ogni incertezza sull’oggetto di essa9.

    Per quanto riguarda l’obbligo di indicazione degli elementi e delle prove della falsità, invece, questo può essere assolto con qualsiasi tipo di prova che sia idoneo all’accertamento del falso, anche per mezzo di presunzioni, e non implica necessariamente la completa e rituale formulazione della prova testimoniale, essendo sufficiente l’indicazione di tale prova e delle circostanze che ne dovrebbero costituire l’oggetto10. Tale norma, per la costante giurisprudenza di legittimità non si pone in contrasto con gli artt. 3 e 24 Cost., atteso che non pone alcun termine perentorio pregiudizievole del diritto di difesa delle parti, limitandosi, invero, a prescrivere quali siano i requisiti necessari per il perfezionamento dell’atto processuale di impugnazione per falsità11.

    A tale conclusione, si è giunti dopo un travagliato percorso interpretativo, oscillante tra posizioni particolarmente restrittive, secondo cui “l’indicazione degli elementi e delle prove a supporto della querela di falso deve avvenire secondo i modi stabiliti dalla legge processuale e, perciò, ove si tratti di prova testimoniale, mediante indicazione specifica, ai sensi dell’art. 244 c.p.c., delle persone da interrogare e da fatti, formulati in articoli separati, sui quali ciascuna di esse deve essere interrogata, mentre l’esercizio del potere discrezionale del giudice di consentire che detta indicazione avvenga, per quanto riguarda le persone, successivamente non può essere invocato per supplire ad una lacunosa iniziativa della parte che non abbia formulato alcuna richiesta di autorizzazione a siffatto differimento dell’adempimento cui era tenuta” (cfr. Cassazione civile, sez. I, 15 marzo 1991, n. 2790), e decisioni improntate a maggiore elasticità per le quali “l’obbligo di indicazione degli elementi e delle prove della falsità non impone necessariamente la completa e rituale formulazione della prova testimoniale, essendo sufficiente l’indicazione di tale prova e delle circostanze che ne dovrebbero costituire l’oggetto; peraltro, il suddetto obbligo può essere assolto con l’indicazione di qualsiasi tipo di prova idoneo all’accertamento del falso, e quindi anche a mezzo di presunzioni” (Cassazione civile, sez. lav., 3 febbraio 2001, n. 1537).

    Sebbene il dato normativo non sembri lasciare grande spazio ad interpretazioni mitigatrici, in considerazione della precisa sanzione di nullità che la disposizione contempla, tuttavia, l’affermazione per la quale la norma non richiederebbe la completa formulazione delle prove, non va intesa come possibilità per il querelante di fornire indicazioni probatorie generiche, ma, semmai, nel giusto senso antiformalista. L’attuale giurisprudenza, pertanto, non si limita a valorizzare dati puramente formali, ma ha posto l’accento sulle modalità sostanziali di formulazione dell’atto, che consentivano nella specie di far emergere con chiarezza i fatti oggetto della prova testimoniale ed altrettante precise indicazioni sui soggetti chiamati a rendere la testimonianza12.

    A seguito della querela di falso proposta in corso di causa, il giudice deve interpellare, ai sensi dell’art. 222 c.p.c., il presentatore del documento, chiedendogli se intenda valersene in giudizio, nel solo caso in cui questi sia colui che voglia giovarsi dell’atto, in quanto la suddetta norma si riferisce per l’interpello a chi esibisce il documento, avendo riguardo all’ipotesi normale, che il presentatore dell’atto si identifichi con la persona che di esso intenda giovarsi.

    Il c.d. “interpello” della parte non trova applicazione nel procedimento davanti al giudice di pace, funzionalmente incompetente a conoscerne: in tale eventualità, si applica l’art. 313 c.p.c., in forza del quale, il giudice se riconosce la rilevanza del documento impugnato di falso e se il modo in cui l’impugnazione è proposta è conforme ai detti requisiti di ammissibilità, è tenuto a sospendere il giudizio ed a rimette le parti davanti al tribunale per il relativo procedimento13.

    Se la risposta è negativa, il documento viene espunto dal procedimento e la querela non ha seguito. Sul punto, pare opportuno rilevare come “la mancata comparizione o la mancata risposta della parte che ha prodotto la scrittura all’interpello rivoltole dal giudice, ai sensi dell’art. 222 c.p.c., equivale a risposta negativa, atteso che, in aderenza alla lettera e allo spirito della norma citata, è richiesta alla parte che ha prodotto il documento impugnato di falso, per la gravità delle conseguenze che ne derivano, una esplicita conferma della volontà di servirsene (già manifestata con la produzione del documento stesso, ma non più sufficiente, di per sè sola, nella nuova situazione processuale determinata dalla proposizione della querela, a consentirne l’uso) e dunque un’esplicita risposta affermativa all'interpello, alla quale non è dato sopperire con un comportamento decisamente equivoco, qual è la renitenza o il silenzio” (Cassazione civile, sez. III, 5 novembre 2002, n. 15493).

    Non solo. Alla risposta negativa, secondo l’interpretazione giurisprudenziale, è anche equiparata l’ipotesi in cui la parte medesima, dopo la presentazione della querela, dichiari spontaneamente di rinunziare ad avvalersi del documento14, al pari di altri equivalenti contegni processuali, quali le ammissioni contenute negli scritti difensivi15.

    In caso affermativo, invece, il giudice autorizza la presentazione della querela e dispone di conseguenza. Il documento in predicato viene depositato nelle mani del cancelliere e si forma processo verbale di deposito il cui contenuto è analiticamente descritto nell’art. 223 c.p.c.. Qualora, il documento si trovi presso terzi, il giudice può ordinarne il sequestro secondo le norme del codice di procedura penale. In questa circostanza, tuttavia, secondo la giurisprudenza, atteso che la legge non commina sanzioni di nullità per il mancato adempimento di tali incombenti, essendo questi posti in funzione della attività ordinatoria da esplicarsi per giungere alla soluzione della controversia, “sia il sequestro sia il processo verbale di deposito del documento relativamente al quale sia stata proposta querela di falso, sono rimessi alla discrezionalità del giudice che deve adottarli, ove ne ravvisi la necessità, in relazione alla peculiarità del caso concreto” (Cassazione civile, sez. II, 23 dicembre 2003, n. 19727).

    La falsità del documento viene accertata sulla scorta dei mezzi di prova dedotti dalle parti e ammessi dal giudice, sulla scorta della loro rilevanza e idoneità, il quale ne disciplina anche i modi e i termini della loro assunzione.

    All’esito della fase decisoria, possono configurarsi tre possibili situazioni: a) il giudice istruttore sospende l’intero giudizio e rimette le parti al Collegio per la decisione sulla querela; b) il giudice rimette la causa al Collegio tanto per la decisione sulla querela quanto per il merito; c) il giudice scinde il merito della causa, sospendendo parzialmente il processo e disponendo la prosecuzione limitatamente alle domande che reputi indipendenti dalla decisione sul falso.

    Avverso tale sentenza l’impugnazione va proposta autonomamente davanti alla Corte d’Appello, posto che davanti alla Corte d’Appello competente, secondo il principio del doppio grado di giurisdizione, si impugnano le sentenze pronunziate dai Tribunali e nel codice di rito non si riscontra una norma derogatoria per la decisione sul falso. Addirittura “qualora la querela di falso sia proposta in via incidentale innanzi al tribunale in grado d’appello e venga emanata un’unica sentenza che decide sia sull’appello che sulla querela di falso, il capo relativo a quest’ultima deve essere impugnato innanzi alla corte d’appello competente in forza del principio del doppio grado di giurisdizione” (Cassazione civile, sez. II, 13 aprile 1999, n. 3625)16.

    Riprendendo il filo tracciato dalle predette pronunce e allargandone la portata interpretativa, con la pronuncia in commento la Cassazione conclude la propria analisi dell’istituto statuendo chiaramente che “la sentenza che decide sulla querela è soggetta ai normali mezzi di impugnazione, e ciò quand’anche il procedimento di merito nel cui ambito l’atto è stato prodotto sia un procedimento speciale, ovvero abbia come epilogo una sentenza non soggetta ad appello”, in considerazione del fatto che “la sentenza che decide sulla querela di falso non è una sentenza parziale (cioè non definitiva) ma rappresenta l’epilogo di un procedimento che – pur se, come nella specie, attivato in via incidentale – è comunque autonomo che ha per oggetto l’accertamento della falsità o meno di un atto avente fede privilegiata”.

    (Altalex, 24 ottobre 2007. Nota di Diego Chitò)

    __________________


    1 Cfr. Taruffo, Lezioni sul processo civile, Comoglio-Ferri-Taruffo, Il Mulino, Bologna, 2° edizione, 1995, pag. 663



    2 Cassazione civile, sez. III, 28 gennaio 1984, n. 688



    3 Cassazione civile, sez. I, 11 dicembre 1980, n. 6389



    4 Cassazione civile, sez. I, 2 novembre 2004, n. 21054



    5 Cassazione civile, sez. II, 28 marzo 1997, n. 2773



    6 Cassazione civile, sez. I, 17 aprile 1997, n. 3305



    7 Cassazione civile, sez. un., 7 luglio 1988, n. 4479



    8 Cassazione civile, sez. II, 2 luglio 2001, n. 8925



    9 ibidem, Cassazione civile n. 2773/1997



    10 Corte appello Milano, 14 dicembre 2004. Tuttavia, “l’indicazione degli elementi e delle prove della falsità, che il comma 2 dell’art. 221 c.p.c. richiede a pena di nullità, non è necessaria allorquando la falsità sia rilevabile ictu oculi e quindi non occorrano indagini istruttorie, diverse dall'esame del documento e dalla considerazione di fatti la cui certezza sia fuori discussione” (cfr. Cassazione civile, sez. II, 11 agosto 1990, n. 8230).



    11 Cassazione civile, Sez. II, 5 novembre 1975, n. 3708



    12 Maria Cristina Vanz, Querela di falso e prova della falsità: un’esatta distinzione tra rigore e formalismo – Nota a Cassazione civile , 03 Febbraio 2001, n. 1537, sez. Lavoro, in Giur. it. 2001, 11, 2030.



    13 Cfr. Taruffo, ibidem, pag. 663



    14 Cassazione civile, sez. I, 28 novembre 1997, n. 12054



    15 Cassazione civile, sez. III, 20 maggio 1986, n. 4616



    16 Nel giudizio di appello sulla querela di falso, la notificazione dell’impugnazione all'ufficio del p.m. presso il giudice "a quo" non è necessaria, non avendo il p.m. qualità di parte nel giudizio di falso e non potendo, dunque, impugnare la sentenza di primo grado, nè tale notificazione può sostituire l'avviso all'ufficio del p.m. presso il giudice del gravame (procura generale presso la corte di appello), invece necessario - a pena di nullità del procedimento di appello - in considerazione dell'obbligatorietà dell'intervento dello stesso ai sensi dell'art. 221 c.p.c. (cfr. Cassazione civile, sez. III, 5 novembre 2002, n. 15504).
     
  6. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    dico..che se hai in mano cio' che dici ( foglio visita,planner appuntamenti,foto interne della casa in vendita,telefoni cell. di entrambi,giustificativi pubblicitari della casa proposta..etc. ),non penso che per loro sia cosi' facile negare il tutto...PERSONALMENTE...ci proverei. ( da tempo mi sono stancato di far finta di niente ) :rabbia:
     
  7. morena

    morena Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    io ci proverei....stanca di soprusi e minacce per chi fà il proprio lavoro onestamente, potrai anche nn risolvere, ma ci hai provato, così sarai sempre alla mercè di chi non vuol pagare. Un buon avvocato e sperare in un giudice "serio".
     
  8. gelso

    gelso Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Cari colleghi prendendo spunto da questa incresciosa situazione desidero chiederVi un contributo personale su quale dev'essere la situazione standard che mette l'agente immobiliare al riparo da queste situazioni. Iniziando dal conferimento dell'incarico alla firma del foglio visione ai passaggi pubblicitari ecct.
    La prima forma di tutela potrebbe esssere quella di inviare una raccomandata AR per comunicare ai clienti l'avvenuta accettazione dell'incarico.
     
  9. @CasaUno: ti consiglio di andare da un avvocato di tua fiducia, porta tutti i documenti in tuo possesso e spiega come si sono svolte le cose. Sicuramente si regolerà e ti consiglierà cosa è meglio fare.

    @Gelso: sinceramente quello di fare una raccomandata mi sembra un di più non necessario. Quando ti sei fatto la fotocopia del codice fiscale e della carta d'identità, fatto firmare l'incarico (vendita o locazione) e l'informativa sulla privacy, sei già apposto.
    Se proprio poi si vuole essere precisini e pignoli, su un foglio di carta intestata dell'agenzia, scrivi due righe: che il Signor XXX ritira copia dell'incarico di vendita e copia dell'informativa privacy e poi sotto gli fai fare un'altra bella firmetta. ;)
     
  10. balletto

    balletto Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Se proprio poi si vuole essere precisini e pignoli, su un foglio di carta intestata dell'agenzia, scrivi due righe: che il Signor XXX ritira copia dell'incarico di vendita e copia dell'informativa privacy e poi sotto gli fai fare un'altra bella firmetta.


    si, così si ricomincia, falso anche questo!!
     

  11. Mha, non direi, perchè innanzitutto con una semplice occhiata confronti la firma sul foglio di incarico con la firma sul foglio per la ricevuta dei documenti e poi la verifichi con la firma che c'è sulla carta d'identità.
    Ovviamente basta un'occhiata veloce per confrontare le firme senza dire ovviamente nulla al cliente, altrimenti se la potrebbe prendere a male.

    ALTRO SUGGERIMENTO: mettiti un adesivo sulla porta di ingresso "Area videosorvegliata" e poi una bella webcam che inquadra tutta la stanza con cui ti registri un fotogramma ogni 15 secondi. In questo modo avrai anche una prova fotografica mentre firma l'incarico. :^^: (sinceramente questo della webcam, viste le leggi sulla privacy o quant'altro non so quanto sia fattibile, ma se lo è potrebbe essere un'ulteriore idea ;) )
     
  12. noelferra

    noelferra Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Scusate se sorrido, anche perche' per cio' che e' successo a casauno, c'e' poco da ridere.
    Ma le risposte che leggo mi fanno sorridere.
    Sembra che piu' che fare il nostro lavoro , siamo in guerra continua con i fruitori dello stesso.
    Ci premuniamo di videocamere, di ogni specie di pezzo di carta sottoscritto, di foto segnaletiche pubblicita' documenti e firme originali etc etc.
    Saro' stato fortunato nella vita ma in trentacinque anni di professione, mi sono capitati solo due casi di clienti che hanno fatto i furbi, da me ovviamente successivamente ai fatti scoperti.
    Non li ho chiamati in causa in quanto , e lo ripeto, NON ESISTE LA GIUSTIZIA IN ITALIA, scusate il maiuscolo, ma lavorando a volte con i tribunali, vedi le piu' ignobili schifezze mai viste nella vita, fatte in nome della legge e del popolo italiano.
    Mettiamo giu l'ascia di guerra ed iniziamo un nuovo percorso di lavoro verso i clienti, che se soddisfatti e aiutati all'acquisto ed alla vendita, non hanno difficolta' a pagarci.
    Per quelli che poi si comportano male,. lasciamoli a loro stessi, pagheranno nella vita il maltorto fatto ad altri.
    Costituiamo un nuovo modello di agente immobiliare amico dell'utente, che credo sia la maggior parte di noi qui presenti, rendiamoci indispensabili nel trovare una casa o nel venderla attraverso canali ( nostra banca dati- convenzioni esclusive bancarie- notai a basso costo- percentuali nostre ridotte per gli utenti), esclusivi dove solo noi abbiamo l'accesso, solo allora potremmo dire di aver ripreso il cammino interrotto, per la nostra professionalita'.
    Scusate il troppo dire
    Cordialmente
    Noel
     
  13. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Caro noel,
    quello che scrivi e' sacrosanto,ma purtroppo con conforme alla realta' che viviamo,tutti noi vorremmo che fosse come dici tu..ma ahinoi troppi sono i casi qui riportati e la mia convinzione e' che siano la punta di un iceberg.
    Al sottoscritto,ne sono capitati 2 ..ma negli ultimi soli due mesi,vuoi per la situazione economica generale ( dove anche 7/8 mila euri "risparmiati " fanno cmq. comodo ),vuoi per il malvolere nei confronti della ns. categoria,vuoi per tutto quel che si vuole.Ma ci provano...eccome se ci provano.Credi realmente che quel 55% di immobili transati aldifuori del circuito AI,siano tutto da abusivi? io non credo. Credo che molto derivi da tanti "furbini" che ci usano, e appena possono ci provano.A mio parere ben venga la normativa europea,ben venga l'allinearci a che so'...alla francia o inghilterra...dove paga solo il venditore,allora vedrai che molte cose cambieranno,sempre in primis pero' il cambiamento generale della testa dell'AI.
     
  14. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Concordo al 100% !!! :applauso: :applauso: :applauso:
    (pur rendendomi conto della verità dei dubbi espressi da Andrea e da tanti altri .... :? )

    ;)
     
  15. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    Hai ragione Noel, però certa gente deve imparare a vivere e credimi che indirettamente ho visto situazioni molto piu complesse di queste e alla lunga la verità viene a galla, una firma è una firma, si può arrivare alla prova della grafia, insomma gli agenti immobiliari devono diventare professionisti e i furbi devono smetterla di provarci.

    Poi ognuno si regoli caso per caso.
     
  16. Lessie

    Lessie Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    è successa una cosa molto simile ad una amica-collega non più di un mese fa anzi la parta venditrice era anche un'"amica". so che alla fine ha lasciato perdere perchè disgustata da tutta la situazione.
    Personalmente andrei fino in fondo. Vai dal tuo avvocato con tutta la documentazione e fai partire una denuncia prima della loro.
    Auiguri
     
  17. Mauage

    Mauage Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Non vorrei farla troppo semplice ma se io avessi mandato ed il foglio di visita firmato, mi recherei subito dal mio avvocato per mandargli una richiesta di provvigione (se ha comperato), poi sarà lui a dover dimostrare il contrario.
     
  18. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Beh Casauno, se la mettono così io controdenuncio non solo per falso ma anche per calunnia.

    Avrai fatto 1 dico 1 telefonata alle parti, richiedi i tabulati. Le date coincideranno con quelle delle agende

    Loro dovranno dichiarare in giudizio che non ti conoscono, tu fornirai le prove che sei stato in contatto con loro smentendoli.

    Se tu hai una firma loro la disconoscono, ci sono le perizie calligrafiche.

    E un testimone che li ha visti nel tuo ufficio, se ti ricordi bene, guarda che c'era ;)

    Poi è chiaro che è una guerra snervante e stressante, ma secondo me ci stanno provando, e io informalmente ti rispondo che se ci provi ...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina