1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. daerda

    daerda Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Ho letto diversi articoli che parlano di come vengono applicate le tasse in sede di rogito ma ho un po di confusione.
    Si parla di poter "risparmiare" se si applicano le imposte sul valore catastale e non sul prezzo effettivo d'acquisto, ma in altri articoli invece si cita il fatto che ciò non va fatto.
    Come funziona realmente?
     
  2. Abakab

    Abakab Ospite

    La tassazione varia a seconda del venditore, su tu compri da un privato le tasse verranno calcolate sul valore catastale dell'immobile, se compri da impresa il calcolo viene fatto sul valore commerciale .. quello dichiarato in atto per intenderci.
     
  3. daerda

    daerda Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Compro da privato, cioè sarà una permuta immobiliare.
    Io compro la casa del signor B e lui l'appartamento mio.
     
  4. Abakab

    Abakab Ospite

    Ok allora le tasse verranno calcolate sull' immobile col maggior valore castale (3% con agevolazioni)
     
    A Valerio Spallina piace questo elemento.
  5. daerda

    daerda Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Grazie. Mi risulta anche che trattandosi di permuta immobiliare l'atto è unico e tutto va diviso in due. Corretto?
     
  6. Abakab

    Abakab Ospite

    Si la permuta è un atto unico, le tasse di norma vengono suddivise .. salvo accordi differenti.
     
    A Alessandro Frisoli piace questo elemento.
  7. daerda

    daerda Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    ottimo. grazie mille.
     
  8. Abakab

    Abakab Ospite

  9. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    può non essere vero nel caso uno delle parti compra come seconda casa. In effetti la legge dice che prevale la tassazione più alta :innocente:
     
    A Valerio Spallina piace questo elemento.
  10. daerda

    daerda Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    entrambi acquistiamo come prima casa
     
  11. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    quindi
     
  12. Abakab

    Abakab Ospite

    Si Daerda era gia intervenuta in altro post (credo fosse lei) parlando di prima casa per entrambi.
     
  13. daerda

    daerda Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Non ci capisco più nulla.
    Ho ricevuto il preventivo del notaio relativo alla permuta, in allegato anche quello del sig.B.
    Praticamente l'unica voce che viene divisa in due è relativa all'imposta di registro sul valore più alto (3%), invece imposta ipotecaria e catastale (336 euro) ce la ritroviamo sia io che il sig.B. Anche l'onorario notarile per me è di una cifra, e per il sig B un'altra cifra.
    Ma è corretto?

    Io avevo capito che essendo un atto unico, sia l'onorario del notaio, che le imposte varie sarebbero state divise in due.
     
  14. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Tutto corretto, l'unica cosa che può cambiare e il preventivo Notaio :innocente: Chiedi almeno altri due preventivi da notai diversi :ok:
     
  15. daerda

    daerda Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    quindi di fatto l'unico vantaggio dell'atto di permuta immobiliare consiste nel dividere in due l'imosta di registro e basta?
     
  16. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    E' un atto unico e andrebeb diviso anche quello tra le parti, almeno cosi è successo a me l'anno scorso che ho effettuato una permuta tra 2 clienti.
    Imposte al 50% sul maggior valore di rendita e spese divise al 50%.
     
  17. daerda

    daerda Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    infatti, mi ero preventivamente informata e mi risultava da diverse ricerche che di fatto l'onorario del notaio, l'imposta di registro e imposta ipotecaria e catastale, tutto sull'immobile di maggior valore, dovesse essere divisa in due proprio perchè trattasi di atto unico.
    ma da quel che ho ricevuto in termini di preventivo, non risulta così.
    cosa dovrei fare oltre che chiedere delucidazioni direttamente al notaio?
     
  18. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Dalla circola N° 8/E Agenzie delle Entrate in allegato

    "Pertanto, è da ritenere che la permuta, in quanto unico negozio giuridico,
    dia luogo ad un’unica formalità, per la quale è dovuta l’imposta ipotecaria
    calcolata su una base imponibile pari al valore del bene che dà luogo
    all’applicazione della maggiore imposta. "

    A diverse conclusioni deve invece giungersi con riferimento all’imposta
    catastale, correlata alla diversa formalità della voltura catastale.
    Si ricorda che, ai sensi dell’articolo 10, comma 1 del citato D.P.R. n. 347
    del 1990 “le volture catastali sono soggette all’imposta del dieci per mille sul
    valore dei beni immobili o dei diritti reali immobiliari determinato a norma
    dell’articolo 2” del medesimo decreto, sopra riportato.
    Deve al riguardo osservarsi che il negozio giuridico della permuta
    immobiliare dà luogo a due distinte volture catastali (una per ciascun immobile);

    Per il Notaio chiedi ripeto almeno altri due preventivi :ok:
     

    Files Allegati:

  19. daerda

    daerda Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    I preventivi li chiedo certamente. ma quel che non capisco è se in realtà anche l'onorario del notaio debba essere equamente suddiviso.....
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina