1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Liederman

    Liederman Membro Junior

    Privato Cittadino
    ciao a tutti.
    Ho fatto un preliminare di vendita (io sono il venditore) della mia quota 50% di un appartamento all'altro proprietario (un mio parente), dove ho messo - forse sbagliando - una data di scadenza: "Il contratto definitivo di compravendita (rogito notarile) sarà stipulato entro e non oltre il 30/6/2014". Non sono descritte le conseguenze in caso di rogito non fatto.
    Alla data del 30/6 ho già ricevuto in pagamento il 90% dell'importo. L'ultimo 10% sarebbe dovuto al rogito.
    Il rogito non è stato effettivamente fatto per problemi di salute di questo mio parente. Penso che questi problemi di salute purtroppo continueranno e non prevedo la fattibilità del rogito in tempi brevi.

    E' ancora valido il preliminare? Devo restituire i soldi ricevuti o posso trattenerli?
    Vorrei capire come mi suggerite di comportarmi. Vorrei non mettere in difficoltà ulteriore il mio parente e nello stesso tempo non vorrei rimanere nel limbo.
    Grazie
     
  2. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Non ci sono problemi. Quando farete il rogito incasserai il rimanente 10% e il tuo parente diventerà proprietario a tutti gli effetti.
    Se volete anticipare i tempi il tuo parente potrebbe fare una procura ad una persona che firmerebbe in sua vece.
    Un notaio ti dirà esattamente come ovviare a questa impasse.
     
    A Manzoni Maurizio e CheCasa! piace questo messaggio.
  3. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Ciao @Liederman ,
    tieni presente che, benchè il termine stabilito sul contratto sia stato superato, il contratto non perde automaticamente il suo valore, qualora la parte adempiente non diffidi la parte inadempiente per poi successivamente dichiararlo risolto e salvo la presenza di clausole risolutive espresse che, in base al tuo racconto, mi sentirei di escludere.
    Il comportamento acquiescente delle parti, deve quindi intendersi come tollerante del protrarsi della data di stipula.
    Come ha detto @marcellogall se il tuo parente risultasse impossibilitato a muoversi, potrete valutare la sottoscrizione di una procura che il notaio potrà autenticare recandosi nella clinica o nel domicilio dell'acquirente.
     
    A Rosa1968 e marcellogall piace questo messaggio.
  4. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Per essere più tranquillo, puoi anche fare una scrittura integrativa del preliminare con il tuo parente prorogando in là la data di stipula.

    Io la farei, non tanto per il tuo parente, ma per eventuali eredi... facciamo gli scongiuri, ovviamente, ma non si sa mai nella vita cosa può succedere...
     
    A Irene1 e Rosa1968 piace questo messaggio.
  5. Liederman

    Liederman Membro Junior

    Privato Cittadino
    Giusta osservazione. Avverrà quando Dio vuole, ma - viste le condizioni - non è un'ipotesi purtroppo così remota.
    E' probabile che non riesca a fare questo tipo di scrittura integrativa per tante ragioni. Mi chiedo cosa succede se la cosa passa agli eredi. Sarebbero vincolati a procedere comunque con il rogito? Possono richiedermi indietro i soldi e annullare tutto?

    In fondo il mio grosso problema è che non mi fido a spendere questi soldi (il 90 % ricevuto fin'ora) perchè temo che il parente o gli eredi possano richiedermeli indietro. Siccome devo comprare a breve un'altra casa ho però bisogno di utilizzarli
     
    A brina82 piace questo elemento.
  6. Irene1

    Irene1 Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Buongiorno Liederman, potrebbe farsi fare una procura notarile dal suo parente, spesso per queste situazioni il notaio si reca a casa o in ospedale, della persona interessata per redigere una procura speciale per la vendita dell'immobile oggetto del preliminare.
    Se il suo parente ha un'età avanzata, il notaio chiederà anche una dichiarazione asseverata di un dottore il quale certifica cha al momento la presona è capace di intendere e di volere, questo per non creare problemi in caso di successioni ereditarie, ma spero non sia questo il suo problema.

    Cordialmente
    Irene1
     
    A Bagudi e Rosa1968 piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina