1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Idaia

    Idaia Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno,
    una mia amica ha un contratto con un'agenzia immobiliare per la vendita del suo appartamento. Nel momento in cui è stato trovato un acquirente, per via di una serie di vicende, la mia amica ha deciso di non vendere più. l'acquirente ha firmato in agenzia la proposta di acquisto, che non è stata firmata dal venditore, benché rispetti quello che era l'importo chiesto dallo stesso venditore in fase contrattuale con agenzia.
    Può l'agente far scrivere, senza chiedere al venditore, nella proposta di acquisto come clausola che la caparra versata dall'acquirente (non precedentemente pattuita) diventerà confirmatoria nel momento in cui il venditore verrà a conoscenza della proposta di acquisto stessa (e non alla sua firma?!?). Non so se il venditore sia inquadrato come mediatore o procuratore/mandatario, ma in quest'ultimo caso è possibile una cosa del genere? Cioè se non vuole più vendere deve pagare la provvigione all'agenzia e in più restituire il doppio della caparra? e soprattutto, come può l'agente dimostrare che il venditore è venuto a conoscenza della proposta di acquisto senza la sua firma?

    vi ringrazio tanto, per favore rispondete.
     
  2. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    ci stiamo un po arrampicando sugli specchi per non riconoscere una provvigione ?(che poi sarebbe una penale)
    Se il venditore non firma l'accettazione non deve caparre doppie, semplicemente se ha cambiato idea deve corrispondere la penale pattuita all'agenzia.
    Ma perchè farlo lavorare x niente?
     
    A Sim, Bagudi, PyerSilvio e 1 altro utente piace questo messaggio.
  3. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    L'agente immobiliare ha rispettato il contratto ha portato nel periodo dell'incarico una proposta conforme.
    Detto questo la parte venditrice può non accettare la proposta e decidere di non vendere più. La casa è sua ed è libera di prendere le sue decisioni.
    Avendo però preso un impegno con l'agente pur non accettando la proposta dovrà corrispondere la penale. Di fatto non rispetta il contratto di incarico di vendita.
    Non accettando la proposta non dovrà dare nulla all'acquirente. Di fatto non firmando e non accettando la vendita il contratto non si é perfezionato con il proponente e nessuno può obbligarla a farlo.
     
    A Sim e Bagudi piace questo messaggio.
  4. specialist

    specialist Membro Senior

    Privato Cittadino
    Se non vuole più vendere al prezzo stabilito nell'incarico e non ha controfirmato la proposta pagherà solo l'agenzia perchè l'ha fatta lavorare a vuoto e la prox volta magari starà più attenta a non cambiare idea.
     
    A Sim e PyerSilvio piace questo messaggio.
  5. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    o magari quando cambia idea lo comunica subito senza far lavorare la gente per niente. Pensa che mi è persino balenata l'idea che tirasse a far scadere l'incarico (pur sapendo già di non vendere piu) per non pagare penali. Vedi cosa arrivano a pensare gli agenti immobiliari...
     
    A Sim, Bagudi e Rosa1968 piace questo elemento.
  6. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    La proposta é un contratto unilaterale fatta dall'acquirente. Le pattuizioni sono le condizioni che stabilisce l'acquirente non il venditore. É corretto scrivere in proposta che l'importo versato diventerà caparra confirmatoria a dimostrazione che la proposta é un contratto serio e a tutela delle parti.
    Non ho capito i motivi che hanno portato la tua amica dopo aver accolto le visite al rifiuto di vendere. Mi chiedo come avrebbe agito dopo la sua accettazione nel caso si ritirava l'acquirente. Se avesse rispettato il contratto trattenendo la caparra.
     
  7. elisabettam

    elisabettam Membro Senior

    Agente Immobiliare
    si ma mediazione piena e non solo la penale
     
    A PyerSilvio piace questo elemento.
  8. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
  9. elisabettam

    elisabettam Membro Senior

    Agente Immobiliare
    perché se la proposta è congrua al mandato, il venditore si è impegnato a vendere
     
  10. specialist

    specialist Membro Senior

    Privato Cittadino
    Ci può anche stare che cambi idea, magari per cause di forza >. Diamo il beneficio dell'inventario. Purchè in ogni caso paghi la penale o la provvigione.
     
  11. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ma non rispetta il contratto non ha accettato la vendita. Si ritira e paga la penale.
     
  12. elisabettam

    elisabettam Membro Senior

    Agente Immobiliare
    ma non davanti a una prorposta congrua
     
  13. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Si ritira dalla vendita. Paga comunque la penale. Dov'è la mediazione?
     
  14. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Argomento interessante: anche secondo me paga penale.
     
    A Sim, Bagudi e Rosa1968 piace questo elemento.
  15. specialist

    specialist Membro Senior

    Privato Cittadino
    Ma se la proposta a prezzo fosse subordinata ad una sospensiva, si dovrebbe comunque accettare?
     
  16. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    No la sospensiva é una condizione che deve essere accettata dato che congela le pattuizioni sino all'avveramenti. Non è efficace da subito ed è un aspetto che potrebbe non andar bene al venditore.
     
  17. elisabettam

    elisabettam Membro Senior

    Agente Immobiliare
    direi di no. ma se sull'incarico il venditore si impegna a vendere ad una determminata cifra, nel momento in cui gli arriva una proposta congrua è obbligato ad accettarla.
    se non lo fa, in questo caso, non è come recedere adl contratto, ma è come se non rispettasse un'obbligazione
     
  18. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Il contratto non si é perfezionato quindi secondo me é penale.
     
    A Sim e Bagudi piace questo messaggio.
  19. specialist

    specialist Membro Senior

    Privato Cittadino
    E quindi? Deve essere specificato nell'incarico che se la proposta pur congrua fosse subordinata ad una sospensiva il venditore avrebbe in questo caso particolare facoltà di non accettarla senza pagare penali?
     
    Ultima modifica: 12 Maggio 2015
  20. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Da quando l'incarico é un contratto d'obbligo? Non lo sapevo. So però che potrebbe essere vessatorio dare un peso simile all'incarico. É un impegno che se non rispettato ha la giusta remunerazione. A noi il diritto alla provvigione sorge quando vi é comunicazione di accettazione della proposta bla bla bla. Il resto sono penali.
     
    A francesca7 e Sim piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina