1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. adilollo

    adilollo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno


    ho messo in vendita un immobile tramite una agenzia immobiliare

    ho firmato una proposta di acquisto, ma, per motivi personali, non intendo più vendere l'immobile.

    non ci sono motivi addebitabili all'agenzia o all'acquirente

    posso comunque recedere dalla vendita?

    debbo pagare delle penali?
     
  2. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Quanto tempo è passato dalla firma della proposta ?
     
  3. adilollo

    adilollo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ho firmato ieri
     
  4. ccc1956

    ccc1956 Membro Senior

    Altro Professionista
    da quel che so io se ti ritiri dal contratto prima della scadenza dovresti pagare la penale.
    devi solo sperare per non pagare niente che non ti trovino un acquirente.
    oppure basta che ti facciano una proposta inferiore anche di un euro di quello che hai chiesto per vendere e puoi rifiutarti di accettare
    aspettando che il tempo passi e sopraggiunga la scadenza naturale del contratto.
    spero che tu non abbia firmato un incarico all'agenzia con tacito rinnovo.
     
  5. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    L'agenzia capirà la tua buona fede e i tuoi motivi personali, ma dovrà anche farsi una ragione sul mancato guadagno oramai consolidato.
    Trova un accordo con l'agenzia ed il proponente.
    In difetto dovrai pagare le provvigioni ed il doppio della somma versata.
     
  6. adilollo

    adilollo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie a tutti delle risposte.

    mi sembra che antonello mi abbia confermato quello che mi aspettavo, visto che l'agenzia non incasserà la provvigione nè da me nè dall'acquirente.

    quindi dovrò trovare con l'agenzia un accordo per queste due voci.

    non mi è chiaro invece come comportarmi con l'acquirente, visto che l'assegno che è stato consegnato dall'acquirente non è stato da me incassato (è ancora in agenzia), in attesa del contratto preliminare (che non è ancora stato stipulato)

    mi domando se l'agenzia o l'acquirente possono rifiutare l'accordo e costringermi comunque a vendere l'immobile
     
  7. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ma il proponente è già stato avvisato della tua accettazione?
     
  8. adilollo

    adilollo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Si. Ho firmato in sua presenza per accettazione della sua proposta.
     
  9. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Allora devi sperare che il proponente sia magnanimo nei tuoi confronti e si accontenti della restituzione dell'assegno.
    In difetto dovrai pagare il doppio della somma versata, pagare le provvigioni o potrai anche attenderti che il proponente chieda l'adempimento del contratto.
    Il proponente ha già pagato le provvigioni al mediatore?
     
  10. adilollo

    adilollo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    No. Come avrei fatto anche io, la provvigione verrebbe pagata alla agenzia al preliminare di compravendita che è previsto fra due mesi. Fino ad ora esiste solo un assegno non incassato a titolo di anticipo
     
  11. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Scusa se chiedo ancora, ma è solamente per capire meglio.
    Hai accettato la proposta ed il proponente ne ha conoscenza certa (hai firmato davanti a lui).
    La proposta accettata e questa comunicata al proponente è già un contratto con effetti giuridici che vi apre la strada alla compravendita notarile.
    Perchè dovete o avete deciso di stipulare un compromesso fra due mesi?
     
  12. adilollo

    adilollo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    credo ci voglia qualche tempo per le visure catastali che la agenzia si occupa di richiedere. poi l'acquirente dovrà scegliere il notaio , e forse dovrà anche procurarsi la somma da versare come caparra.

    credo sia una prassi comune preveda un acconto, una caparra e poi il saldo all'atto definitivo
     
  13. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    C'è uno spiraglio a tuo favore.
    Prima di saperlo, dovresti farti una chiaccherata, domattina, con l'agente immobiliare ed il proponente per vedere se c'è un amichevole accordo.
    Fai sapere.
     
  14. ccc1956

    ccc1956 Membro Senior

    Altro Professionista
    preliminare del preliminare. ancora.
     
  15. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Sembrerebbe di sì.
    Ma attendiamo l'incontro di domani e può darsi che non si debba ricorrerlo.
     
  16. adilollo

    adilollo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    voglio ringraziarti (e ringraziare tutto il forum) per la rapidità e la accuratezza delle risposte

    ti farò sapere come è andata
     
  17. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Grazie, attendiamo.
     
  18. gcaval

    gcaval Membro Attivo

    Altro Professionista
    Ad Antonello e ccc1956:
    prima di dire che si tratta di preliminare di preliminare, dovremmo essere sicuri di ciò che c'è scritto sul contratto. Ricordiamoci che su praticamente tutti i moduli standard utilizzati dalle agenzie c'è chiaramente scritto che il contratto è perfezionato con firma del venditore e conoscenza del proponente. La sottoscrizione di un altro contratto (solitamente chiamata integrazione) è facoltà delle parti. In questi casi i contratti sono ineccepibili.

    Come al solito è il malcostume di dividere in due momenti la fase preliminare che genera questi casini! A parole si dice una cosa, ma poi si scrive un altra (anche se è quella scritta, la cosa giusta).

    Poi può essere anche che abbiano scritto che le parti si obbligano a sottoscrivere un preliminare (preliminare di preliminare), ma la vedo dura. Finora tutti quelli che qui sul forum c'hanno provato, spesso solo per recedere dai contratti per futili motivi, nel riportare le diciture del contratto, hanno evidenziato che in effetti non si rimandava proprio a nulla.

    Secondo me vogliamo vedere un po' troppo spesso lo spettro del preliminare del preliminare.

    Non mi interessa sapere perché il nostro amico Adinollo vuole fare marcia indietro, potrà avere motivazioni giuste e sacrosante per lui o meno, magari ha trovato qualcun altro che gli paga di più l'appartamento o semplicemente può vendere senza la provvigione, magari ha solo avuto un semplice ripensamento; ma mi metto anche nei panni dell'acquirente e dell'AI.
    Il primo potrebbe essersi impegnato a sua volta a vendere, ed ora cosa fa? Anche lui dice grazie e arrivederci, magari aggrappandosi a qualche parola fuori posto nel contratto?
    Il secondo ha lavorato (male, ma forse solo per incompetenza, non per malafede, o ancora meglio, per cattiva abitudine) e non dovrebbe incassare la provvigione?

    Io non condivido questa linea, ossia quella di appellarsi al preliminare del preliminare sempre e comunque, anche qualora fosse dimostrato che è così. In un contratto il principio base è la buona fede, e questo è sancito in primis nel codice civile.
    Un conto è diffondere il messaggio che il contratto è uno e uno solo, eventualmente con le integrazioni accettate da entrambe le parti, un conto è utilizzare lo strumento per altri fini.

    Noi non conosciamo la vicenda, nei suoi dettagli, ma dobbiamo dare sempre per scontato la buona fede, a meno che questa sia evidentemente violata. Da quanto scrive Adilollo, io percepisco solo che lui è intenzionato a tirarsi indietro da un contratto accettato e firmato.
    Deve quindi essere consapevole che:
    - deve restituire il doppio della caparra. Se non ha intascato l'assegno, comunque deve pagare una cifra pari alla caparra
    - deve pagare la provvigione all'AI
    - l'acquirente può chiedere al giudice l'esecuzione specifica del contratto (art. 2932 c.c.)

    Poi, con un buon avvocato, in presenza di chiare magagne sul contratto, è possibile che otterrà tutta una serie di cose, fino a ritenere il contratto nullo, se così fosse effettivamente. Io, però, sono contro i furbi e in generale contro chi non ottempera ai propri impegni, e non mi sento affatto di incoraggiare questi atteggiamenti.
    Con questo non sto dicendo che Adilollo è un furbo, ho precisato che non conosco i motivi alla base della sua scelta. Sta di fatto, però, che a rimetterci, in buona fede, sono la parte acquirente e l'AI.

    Cosa ben diversa sarebbe se una delle due parti (o peggio l'AI) avesse ordito di proposito un contratto "capestro" o comunque viziato da diverse magagne nei confronti dell'altra parte.
     
    A pensoperme e Bagudi piace questo messaggio.
  19. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ad Adilollo si era già detto del pagamento delle provvigioni ed sulla somma versata dal proponente (post 9).
    Si è anche detto di andare a parlare alle parti interessate.
    Per dovere di informazione, saputo della proposta e del futuro preliminare, ci si è riservati, dopo la sua chiaccherata con le parti, di dargliene, eventualmente, di ulteriori.
    Da aggiungere che, come meglio specificato poi da Adilollo, la somma versata è un anticipo e non una caparra.
     
  20. adilollo

    adilollo Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Le considerazioni di gcaval sono corrette, ma in questo caso non c'è nessuna malafede da parte mia.

    Il motivo della richiesta di recesso da parte mia è dovuto a problemi personali.

    L'agente immobiliare e l'acquirente saranno risarciti da me se non riuscirò a risolvere il mio problema.

    In ogni caso non intraprenderò strade legali.

    Credo che si possa agire nella correttezza anche in caso di un ripensamento senza ledere i diritti di nessuno.
     
    A gcaval, pensoperme e Bagudi piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina