• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

clarm

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Salve sono nuova del forum, avrei un quesito da sottoporvi:
Mi ritrovo alle prese con un compromesso del 1995, con un prezzo vendita saldato del tutto, il possesso dell'immobile ceduto alla sottoscrizione dello stesso e un rogito mai effettuato anche se il compromesso riportava entro 1 anno come tempo di stipula. Nessuna delle parti ha mai reclamato per i tempi del rogito, i venditori hanno avuto quanto dovuto e gli acquirenti l'uso dell'immobile (diciamo che se la sono fatta andare bene così).
Successivamente il compromissario acquirente è deceduto... ora giunti nel 2016 la moglie e la figlia del compromissario acquirente avrebbero deciso di effettuare il rogito e casualmente avrebbe trovato anche un acquirente per l'immobile (diciamo che venderebbe il compromesso), sono stati rintracciati i vecchi venditori e messi al corrente della situazione. Chiedo a voi: se le parti (vecchi venditori e erede dell'acquirente) trovano un accordo, si può cedere il compromesso ed eventualmente rogitare direttamente con il nuovo acquirente?
Premetto che dei venditori originali che sono 4 diverse persone fisiche 3 non hanno obiettato nulla mentre uno ha insistito nel trovare diciamo un accordo economico lamentando il mancato saldo dell'immobile all'epoca e insiste nel voler rogitare con la moglie e la figlia del de cuius... so che alternativa potrebbe essere l'usucapione, ma si cercava dove possibile una soluzione bonaria, più veloce ed economica.
Quale strada seguire?
 

elisabettam

Membro Senior
Agente Immobiliare
Salve sono nuova del forum, avrei un quesito da sottoporvi:
Mi ritrovo alle prese con un compromesso del 1995, con un prezzo vendita saldato del tutto, il possesso dell'immobile ceduto alla sottoscrizione dello stesso e un rogito mai effettuato anche se il compromesso riportava entro 1 anno come tempo di stipula. Nessuna delle parti ha mai reclamato per i tempi del rogito, i venditori hanno avuto quanto dovuto e gli acquirenti l'uso dell'immobile (diciamo che se la sono fatta andare bene così).
Successivamente il compromissario acquirente è deceduto... ora giunti nel 2016 la moglie e la figlia del compromissario acquirente avrebbero deciso di effettuare il rogito e casualmente avrebbe trovato anche un acquirente per l'immobile (diciamo che venderebbe il compromesso), sono stati rintracciati i vecchi venditori e messi al corrente della situazione. Chiedo a voi: se le parti (vecchi venditori e erede dell'acquirente) trovano un accordo, si può cedere il compromesso ed eventualmente rogitare direttamente con il nuovo acquirente?
Premetto che dei venditori originali che sono 4 diverse persone fisiche 3 non hanno obiettato nulla mentre uno ha insistito nel trovare diciamo un accordo economico lamentando il mancato saldo dell'immobile all'epoca e insiste nel voler rogitare con la moglie e la figlia del de cuius... so che alternativa potrebbe essere l'usucapione, ma si cercava dove possibile una soluzione bonaria, più veloce ed economica.
Quale strada seguire?
il preliminare dura 3 anni
 

mmic

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Anche io conosco un caso analogo.
Cedere il preliminare non creeerebbe un sistema per un trasferimento in nero?
 

clarm

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Grazie per l'interessamento...... Tutte le tasse sono state pagate dagli acquirenti dal compromesso ad oggi , il compromesso non è mai stato trascritto (ripeto è del 1995)... riguardo al trasferimento del compromesso non credo che crei trasferimento in nero se viene riportati in atto i vari passaggi .... comunque l'attuale acquirente pagherà per l'immobile una cifra inferiore a quella del precedente compromesso. Dite che se si trova un accordo tra tutti si può fare? O dovrà rogitare esclusivamente il primo compromissario?
 

clarm

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
No non lo sto vendendo io.... io ho solamente aiutato l'acquirente che è un amica di famiglia a rintracciare i vecchi venditori e a fare il punto della situazione... l'aiuto finchè posso... se no passo la mano a qualche avvocato... non centro niente ne con il vecchio compromesso ne con quello che eventualmente farà (neanche è sicuro)...

Quindi nessuno che sa dirmi se è possibile trovando un accordo tra tutti andare avanti cedendo il compromesso... o se c'è obbligo da parte dell'erede del compromissario acquirente di intestare lei l'immobile... o se addirittura non convenga consigliare alla signora di recarsi da un legale e fare domanda per usucapione??? (anche se non credo che economicamente sia conveniente)...
Help !!!
 
Ultima modifica di un moderatore:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

manukka ha scritto sul profilo di John S..
john S. ho bisogno di parlarti sto in una situazione simile alla tua mio padre finge volere aiutare e vuole vendere casa . lui non si é mai interessato scrivimi su facebook ok? https://www.facebook.com/manuela.amari.92
StefyC88 ha scritto sul profilo di Fran77.
Certamente! Senza problemi mi puoi contattare in privato, non ti nego che conosco il Salento, anche perché sono Pugliese, più specificatamente di Foggia, ma vivo a Roma, quindi sarebbe magnifico se potessimo collaborare insieme. Aspetto tue notizie! A presto
Alto